I decessi per overdose negli Stati Uniti hanno raggiunto il record di 93,000 a causa del coronavirus l'anno scorso

I decessi per overdose sono aumentati di circa il 29% in un anno caratterizzato da blocchi e isolamento legati al COVID-19

The Associated Press

  • Facebook
  • Twitter
  • Flipboard
  • Commenti
  • Stampa

close Aumento di overdose di droga fatali mentre il fentanil si riversa oltre il confine meridionale Video

Aumento di overdose di droga fatali mentre il fentanil si riversa oltre il confine meridionale

La Texas Border Patrol avverte che i cartelli stanno approfittando degli agenti occupati dall'ondata di migranti; riferisce il corrispondente Griff Jenkins.

I decessi per overdose sono saliti a un record di 93,000 l'anno scorso nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, ha riferito mercoledì il governo degli Stati Uniti.

Tale stima eclissa di gran lunga il massimo di circa 72,000 decessi per overdose raggiunto l'anno precedente e ammonta a un aumento del 29%.

"Questa è una perdita sbalorditiva di vite umane", ha detto Brandon Marshall, un ricercatore di salute pubblica della Brown University che tiene traccia delle tendenze del sovradosaggio.

La nazione stava già lottando con la sua peggiore epidemia di overdose, ma chiaramente "Il COVID ha notevolmente esacerbato la crisi", ha aggiunto.

I blocchi e altre restrizioni alla pandemia hanno isolato le persone con tossicodipendenza e hanno reso più difficile ottenere il trattamento, hanno affermato gli esperti.

Jordan McGlashen è morto per overdose nel suo appartamento di Ypsilanti, nel Michigan, l'anno scorso. È stato dichiarato morto il 6 maggio, il giorno prima del suo 39° compleanno.

La morte di Jordan McGlashen è stata attribuita all'eroina e al fentanil.

Mentre gli antidolorifici da prescrizione un tempo guidavano l'epidemia di overdose della nazione, negli ultimi anni sono stati soppiantati prima dall'eroina e poi dal fentanil, un oppioide pericolosamente potente. Il fentanyl è stato sviluppato per trattare il dolore intenso causato da disturbi come il cancro, ma è stato sempre più venduto illegalmente e mescolato con altri farmaci.

"Ciò che sta davvero guidando l'ondata di overdose è questa fornitura di droga sempre più avvelenata", ha detto Shannon Monnat, professore associato di sociologia alla Syracuse University che ricerca modelli geografici nelle overdose. “Quasi tutto questo aumento è in qualche modo contaminazione da fentanil. L'eroina è contaminata. La cocaina è contaminata. La metanfetamina è contaminata".

Non ci sono prove attuali che più americani abbiano iniziato a usare droghe l'anno scorso, ha detto Monnat. Piuttosto, le morti aumentate molto probabilmente erano persone che avevano già lottato con la dipendenza. Alcuni hanno detto al suo gruppo di ricerca che le sospensioni degli sfratti e l'estensione dei sussidi di disoccupazione li hanno lasciati con più soldi del solito. E hanno detto "quando ho soldi, faccio scorta della mia fornitura (di droga)", ha detto.

Le morti per overdose sono solo un aspetto di quello che è stato nel complesso l'anno più mortale nella storia degli Stati Uniti. Con circa 378,000 decessi attribuiti a COVID-19, la nazione ha visto più di 3.3 milioni di morti.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno esaminato i certificati di morte per elaborare una stima per i decessi per overdose del 2020. La stima di oltre 93,000 morti per overdose si traduce in una media di oltre 250 morti ogni giorno, o circa 11 ogni ora.

L'aumento di 21,000 è il più grande salto da un anno all'altro da quando il conteggio è aumentato di 11,000 nel 2016.

Contesto più storico: secondo il CDC, nel 7,200 sono stati segnalati meno di 1970 decessi per overdose negli Stati Uniti, quando nelle città degli Stati Uniti infuriava un'epidemia di eroina. Erano circa 9,000 nel 1988, all'incirca al culmine dell'epidemia di crack.

Il CDC ha riferito che nel 2020 le overdose di droga sono aumentate in tutti gli stati tranne due, New Hampshire e South Dakota.

Il numero di overdose del Kentucky è aumentato del 54% l'anno scorso a oltre 2,100, rispetto a meno di 1,400 dell'anno prima. Ci sono stati anche grandi aumenti in South Carolina, West Virginia e California. Il Vermont ha avuto il salto più grande, di circa il 58%, ma numeri più piccoli: da 118 a 186.

La proliferazione del fentanil è uno dei motivi per cui alcuni esperti non si aspettano un calo sostanziale dei decessi per overdose quest'anno. Sebbene i dati nazionali non siano ancora disponibili, ci sono dati che emergono da alcuni stati che sembrano supportare il loro pessimismo. Il Rhode Island, ad esempio, ha riportato 34 morti per overdose a gennaio e 37 a febbraio, il massimo per quei mesi in almeno cinque anni.

Per Collin McGlashen, l'anno scorso è stato “un periodo incredibilmente buio” iniziato a gennaio con la morte per cancro dell'amato patriarca della famiglia.

La morte del padre ha mandato in tilt il fratello musicista Jordan, ha detto McGlashen.

"Qualcuno può fare davvero bene per così tanto tempo e poi, in un lampo, peggiorare", ha detto.

Poi è arrivata la pandemia. Jordan ha perso il lavoro. "Era una specie di discesa finale."