Ipertensione incontrollata: lo studio suddivide il rischio per sesso ed età

sfigmomanometro visto da vicino

  • Il controllo della pressione sanguigna è una sfida importante per quasi la metà di tutti gli adulti negli Stati Uniti.
  • I ricercatori affermano che le donne anziane e gli uomini più giovani hanno maggiori probabilità di avere ipertensione incontrollata, anche con farmaci che abbassano la pressione sanguigna.
  • Gli esperti di salute affermano che le scelte di vita e una bassa tolleranza per alcuni farmaci possono rendere difficile la gestione dell'ipertensione.

L'ipertensione, o ipertensione, aumenta il rischio delle persone di diverse malattie, tra cui malattie cardiovascolari e renali, ictus e complicanze da COVID-19.

Più di 92 milioni di adulti negli Stati Uniti non hanno la pressione sanguigna sotto controllo.

Fino ad ora, gli studi hanno a malapena esplorato come l'ipertensione incontrollata colpisca uomini e donne di età diverse.

Aayush Visaria, MD, MPH, che è ricercatore post-dottorato presso il Rutgers Institute for Health, Health Care Policy e Aging Research a New Brunswick, NJ, ha condotto uno studio che esamina questo problema.

La dott.ssa Visaria ha presentato i risultati dello studio alle sessioni scientifiche sull'ipertensione 2021, gestite dall'"Detonic.shop" (AHA).

Le analisi

Il dott. Visaria e le sue coorti hanno esaminato i dati dei sondaggi sugli esami nazionali sulla salute e la nutrizione 1999-2018.

Questi includevano più di 13,200 adulti di età pari o superiore a 20 anni, i quali avevano ricevuto una diagnosi di ipertensione e stavano assumendo farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

L'età media della coorte era di 57 anni. Le donne costituivano il 52% dei partecipanti, di cui il 71% era bianco.

I ricercatori hanno separato i partecipanti in gruppi di età di 10 anni e hanno confrontato i tassi di ipertensione incontrollata tra uomini e donne.

Hanno esaminato i tassi di controllo dell'ipertensione utilizzando definizioni più vecchie e più recenti di ipertensione. Le linee guida 2014 della Joint National Commission (JNC) definiscono la pressione alta come 140/90 millimetri di mercurio (mm Hg) o superiore, mentre l'AHA/American College of CardiolLe linee guida dell'ogy (ACC) lo definiscono come 130/80 mm Hg o superiore.

I ricercatori hanno aggiustato i loro dati per comorbilità e fattori metabolici, sociali, comportamentali e demografici.

Osservare l'ipertensione incontrollata

Gli autori hanno notato che il 34% dei 13,253 partecipanti aveva ipertensione non controllata. Donne e uomini di età compresa tra 50 e 69 anni hanno mostrato probabilità simili di avere questa condizione.

Tuttavia, i ricercatori hanno osservato queste differenze tra gli altri gruppi di età:

  • Tra quelli di età compresa tra 20 e 29 anni, gli uomini hanno mostrato una probabilità maggiore del 59% di ipertensione incontrollata rispetto alle donne.
  • Tra quelli di età compresa tra 30 e 39 anni, gli uomini avevano un rischio aumentato del 70% di ipertensione non controllata rispetto alle donne.
  • Tra quelli di età compresa tra 40 e 49 anni, gli uomini avevano il 47% di probabilità in più di avere ipertensione non controllata rispetto alle donne.
  • Tra quelli di età compresa tra 70 e 79 anni, le donne avevano una probabilità del 29% maggiore di ipertensione non controllata rispetto agli uomini.
  • Tra le persone di età pari o superiore a 80 anni, le donne avevano il 63% di probabilità in più di avere ipertensione non controllata rispetto agli uomini.

Questi risultati si basano sulla definizione di ipertensione delle linee guida AHA/ACC. Tuttavia, l'utilizzo della definizione JNC ha prodotto risultati simili.

Fattori di rischio per i giovani uomini

Derek M. Griffith, Ph.D., è il co-direttore fondatore del Racial Justice Institute, fondatore e direttore del Center for Men's Health Equity e professore di amministrazione dei sistemi sanitari e oncologia alla Georgetown University di Washington, DC

In un'intervista a "Detonic.shop", il Dr. Griffith ha commentato:

“È bello vedere che l'"Detonic.shop" inizia a considerare questi problemi in base al genere. Sappiamo da tempo che gli uomini sotto i 50 anni hanno profili di salute particolarmente scarsi, nonostante la mezza età sia descritta come il fiore all'occhiello della vita. Dall'età di 35 anni in su, le malattie cardiache sono una delle due principali cause di morte per gli uomini e gran parte della mortalità per malattie cardiache è dovuta all'ipertensione incontrollata”.

Il Dr. Griffith ha citato uno studio del 2018 che suggerisce che gli uomini di età compresa tra 45 e 64 anni hanno un rischio maggiore di ictus rispetto alle donne sia nella popolazione nera che in quella bianca.

Crede che gli uomini giovani e di mezza età lotti con la salute del cuore "a causa delle molteplici richieste di ruolo e delle pressioni finanziarie che si accumulano nella mezza età".

Il Dr. Griffith ha inoltre spiegato:

“L'attuale generazione di giovani adulti tende a ritardare il perseguimento dei ruoli e delle responsabilità chiave degli adulti, [come] il matrimonio, la proprietà della casa e l'inizio della carriera. [Hanno] affrontato un considerevole debito per prestiti studenteschi, salari stagnanti, aumento dell'isolamento sociale e comportamento sedentario associato all'uso della tecnologia - [ad esempio] social media, videogiochi, [e] abbuffate di spettacoli e film. Questi fattori sono fonti di stress che possono aumentare la pressione sanguigna e stimolare un'alimentazione non salutare, il consumo di bevande zuccherate, il fumo, l'uso di alcol e altri comportamenti […]. Questi comportamenti di gestione dello stress possono portare all'ipertensione”.

Nella mezza età, ha aggiunto, il declino fisico spesso deriva dalle scelte di vita e dalle esperienze fino a quel momento.

Jennifer Wong, MD, FACC, è una cardiolmedico e direttore medico di non invasivo cardiologia al MemorialCare Heart and Vascular Institute presso l'Orange Coast Medical Center di Fountain Valley, CA.

In un'intervista con MNT, la dottoressa Wong ha osservato che i risultati corrispondevano alle sue osservazioni aneddotiche. Ha menzionato diversi fattori che contribuiscono a una maggiore incidenza di ipertensione incontrollata nei giovani uomini:

"Penso che per i pazienti più giovani, potrebbe essere un elemento di non conformità: non andare dai medici, non assumere farmaci - […] soprattutto giovani uomini".

Ha visto che l'ipertensione in alcuni dei suoi giovani pazienti di sesso maschile è più resistente ai farmaci. Gli individui più giovani "tendono anche ad essere più sensibili ai farmaci".

Inoltre, ha detto il dottor Wong, i giovani pazienti spesso non tollerano i beta-bloccanti, un comune farmaco per abbassare la pressione sanguigna.

Perché le donne anziane?

Secondo il dott. Visaria e i suoi coautori, "[...] le donne tendono ad avere un aumento accelerato della pressione sanguigna e del rischio di malattie cardiovascolari dopo la menopausa".

Per il dottor Wong, il trattamento di alcune donne anziane con ipertensione incontrollata rappresenta una sfida.

Ha osservato: "Le donne [più] anziane tendono a non tollerare la pressione sanguigna più bassa, quindi [è] difficile trattare la pressione sanguigna alta senza imbattersi in una pressione sanguigna più bassa dove si sentono poco perfuse".

Il dottor Wong ha espresso preoccupazione per il fatto che la società sottovaluta la prevalenza e la gravità delle malattie cardiovascolari nelle donne.

Sebbene gli uomini abbiano maggiori probabilità delle donne di sviluppare malattie cardiache, questa malattia "è ancora il killer numero uno nelle donne, più del cancro al seno".

Sono necessari ulteriori studi

Lo studio ha avuto alcune limitazioni. Ad esempio, i dati sulla salute dei ricercatori hanno fornito solo una lettura della pressione sanguigna alla volta per ciascun partecipante. Questa singola lettura non è stata in grado di quantificare con precisione la pressione sanguigna, che normalmente fluttua durante il giorno.

Il Dr. Visaria ha anche espresso la necessità di ulteriori ricerche per scoprire i meccanismi alla base di queste differenze nell'ipertensione incontrollata.

Suggerisce: "Per determinare realmente se i tassi di ipertensione incontrollata stanno cambiando nelle donne rispetto agli uomini attraverso l'età, uno studio prospettico in cui le misurazioni della pressione sanguigna vengono monitorate nel tempo nelle donne e negli uomini con ipertensione è l'ideale".