Due importanti sistemi di benessere non eseguiranno il discutibile nuovissimo farmaco per l'Alzheimer

Due importanti sistemi sanitari non somministreranno il controverso nuovo farmaco per l'Alzheimer

(HealthDay)-Due importanti sistemi sanitari statunitensi affermano che non eseguiranno il discutibile nuovissimo farmaco per l'Alzheimer Aduhelm

Le scelte della Cleveland Clinic e del Mount Sinai's Health System a New York City sono i risultati attuali dell'autorizzazione del farmaco Biogen da parte della US Food and Drug Administration il 7 giugno. Il New York Times segnalati.

Molti professionisti affermano che non ci sono prove evidenti che i farmaci aiutino a rallentare il declino psicologico nei malati di Alzheimer, così come l'autorizzazione ha effettivamente innescato esami legislativi.

Dopo una testimonianza di un gruppo di specialisti su "tutte le prove scientifiche disponibili su questo farmaco", la Cleveland Clinic ha effettivamente deciso di non portare il farmaco in questo momento, ha affermato il centro in una dichiarazione, il Volte segnalati.

I singoli professionisti del settore medico possono consigliare Aduhelm, ma quegli individui avrebbero sicuramente bisogno di andare da qualche altra parte per ottenere il farmaco che viene fornito come una miscela endovenosa di mese in mese, incluso il centro.

La scelta del Monte Sinai di non svolgere Aduhelm è stata influenzata dalla richiesta di un esame governativo sulla scelta della FDA e dalla partnership dell'azienda con Biogen, il dott. Sam Gandy, supervisore del Mount Sinai Center for Cognitive Health di New York City, ha informato il Times.

Molti professionisti dell'Alzheimer hanno effettivamente affermato che non è certo che il farmaco riduca effettivamente il calo cognitivo, mentre ci sono anche prove che Aduhelm potrebbe causare gonfiore o emorragia alla mente, il Volte segnalato. Il farmaco è inoltre costoso, con un prezzo fissato a $ 56,000 all'anno.

In uno studio attuale su quasi 200 specialisti e professionisti del settore medico, la maggior parte ha dichiarato di non essere d'accordo con la decisione della FDA e non ha intenzione di raccomandare il farmaco ai propri pazienti, il Volte segnalati.

La scorsa settimana, in azione per espandere l'obiezione, il commissario ad interim della FDA, la dottoressa Janet Woodcock, ha richiesto un esame del governo indipendente direttamente nella procedura di autorizzazione della società.

"Nella misura in cui queste preoccupazioni potrebbero minare la fiducia del pubblico nella decisione della FDA, credo sia fondamentale che gli eventi in questione siano esaminati da un organismo indipendente", ha dichiarato all'epoca.