Lesioni da arma autoprodotte 3 volte in più rispetto ai giovani di campagna

gioventù rurale

Una ricerca nazionale pubblicata nel Journal of Pediatrics ha scoperto che le ricerche del Dipartimento di Emergenza (ED) da parte dei giovani per autolesionismo erano quasi il 40 percento maggiori nei boschi in contrasto con le configurazioni della città. Sorprendentemente, le ricerche di ED da parte dei giovani per lesioni da arma autoinflitte erano 3 volte più comuni nei boschi. I giovani provenienti dai boschi che forniscono all'ED per ideazione autodistruttiva o autolesionismo inoltre era più probabile che avessero bisogno di essere trasferiti in un'altra struttura medica per il trattamento, il che sottolinea le fonti di benessere psicologico insufficienti nelle strutture mediche del paese.

"Il nostro studio ha utilizzato dati pre-pandemia e sappiamo che una maggiore attenzione alla salute mentale dei giovani è ancora più urgente ora ovunque, ma soprattutto negli ambienti rurali per prevenire l'autolesionismo nei giovani", ha affermato la scrittrice Jennifer Hoffmann, MD, emergenza pediatrica medico medico presso l'Ann & Robert H. Lurie Children's Hospital di Chicago e anche professore assistente di pediatria presso la Northwestern University Feinberg School ofMedicine “Abbiamo bisogno di uno screening universale per l'ideazione suicidaria per tutti i bambini e gli adolescenti dai 10 anni in su che si presentano al pronto soccorso per identificare giovani a rischio e intervenire prima che accada la tragedia”.

La ricerca ha utilizzato informazioni a livello nazionale sull'ideazione autodistruttiva o sull'autolesionismo nei giovani (età 5-19 anni) da un esempio di ED in tutta la nazione, comprendente le strutture mediche nel loro insieme e anche le strutture mediche dei giovani. Dr Hoffmann e anche i colleghi hanno teorizzato i risultati per arrivare a quotazioni di prezzo a livello nazionale.

Il dott. Hoffmann sostiene che una varietà di elementi aumenta i prezzi dell'autodistruzione e anche l'autolesionismo nei giovani di campagna. L'accesso alle cure mediche psicologiche è un ostacolo significativo, afferma. La carenza di specialisti del benessere psicologico pediatrico nei boschi svolge una funzione considerevole, richiedendo ai clienti di fare un viaggio attraverso i paesi per chiedere aiuto, il che è un ostacolo per molti. Inoltre, la riduzione delle entrate familiari e anche l'aumento dei tassi di disoccupazione nei boschi possono portare a una cattiva protezione assicurativa, in particolare per la salute mentale. Nei villaggi, ci sono anche preoccupazioni per la privacy, che potrebbero creare ritardi nella ricerca di cure fino a quando una situazione non porta il bambino al pronto soccorso. I membri della famiglia rurale hanno anche maggiori probabilità di avere armi, quindi una maggiore accessibilità alle armi potrebbe compensare l'alto livello di differenza nelle lesioni da arma autoinflitte.

"Dobbiamo migliorare la formazione sulla salute mentale per i fornitori di pronto soccorso, allocare più risorse e attuare politiche negli ospedali rurali sulla gestione dei giovani pazienti che presentano ideazione suicidaria o autolesionismo", ha affermato il dott. Hoffmann. “Un uso più diffuso della telepsichiatria potrebbe anche aiutare a prevenire trasferimenti non necessari ad altri ospedali. Ma, cosa ancora più importante, dobbiamo formare i fornitori di cure primarie per aiutare a diagnosticare e trattare i problemi di salute mentale in anticipo, in modo da poter prevenire lesioni autoinflitte e morte.”.