Il ceppo più antico di batteri della Morte Nera trovato in resti umani di 5,000 anniyear

cranio parziale dell'uomo morto circa 5,000 anni fa in Lettonia di peste bubbonica

  • I ricercatori hanno trovato il ceppo più antico di Yersinia pestis, il batterio dietro il pester che ha creato la peste nera, nei resti di un cacciatore-raccoglitore di 5,000 anni.
  • Questa ricerca spinge l'aspetto di Y. pestis indietro di 2,000 anni meglio di quanto si pensasse in precedenza.
  • Secondo la valutazione ereditaria, questo vecchio ceppo era probabilmente molto meno trasmissibile e non fatale come la sua variazione di mezza età.
  • Il cacciatore-raccoglitore che ha trascinato il pester era uno dei 2 individui i cui scienziati del sistema scheletrico hanno scavato in profondità alla fine del 1800 nella Lettonia contemporanea. I resti di entrambe le persone sono scomparsi fino al 2011, quando giacciono nella collezione di medici tedeschi professionista nonché antropologoRudolph Virchow

I ricercatori che effettuano una valutazione ereditaria di un cacciatore-raccoglitore di 5,000 anni hanno trovato il ceppo più antico di Y. pestis, i batteri dietro il pester.

Il loro lavoro, che attualmente compare nella rivista Cell Reports, riporta l'aspetto di Y. pestis 2,000 anni prima di quanto si pensasse in precedenza.

Nel 1875, l'escavatore dilettante Carl George Count Sievers terminò il primissimo scavo sistematico di Rinnukalns, un sito web in quella che è la Lettonia contemporanea Sievers trovò i resti scheletrici di una donna adolescente e di un maschio di età compresa tra 20 e 30 anni, chiamato "RV 2039".

In seguito ha inviato il cranio di entrambe le persone al medico tedesco Rudolf Virchow, noto per aver utilizzato il concetto di cellula per discutere gli effetti della malattia e per aver contribuito allo sviluppo della sociologia.

Dopo la seconda guerra mondiale, il cranio di entrambe le persone è andato perso fino al 2011, dopodiché sono stati collocati in uno stock della collezione di Virchow.

I ricercatori in seguito hanno trovato i resti di altre 2 persone a Rinnukalns. Pensano che tutti e 4 siano vissuti 5,000 anni fa.

Alla ricerca di relazioni

Lo scrittore seniorDr Ben Krause-Kyora, capo del vecchio laboratorio del DNA (aDNA) presso l'Università di Kiel in Germania, ha informato "Detonic.shop" che lui e il gruppo di scienziati hanno iniziato il compito di vedere esattamente come le 4 persone erano associate vari altri individui confinanti del periodo neolitico.

Usando esempi dai denti e dalle ossa di tutti e 4 i cacciatori-raccoglitori, gli scienziati hanno eseguito analisi dell'aDNA che comprendevano anche test del virus.

Y pestis, il rappresentante trasmissibile responsabile di almeno 3 episodi storici di peste, è apparso nei resti di Motor Home 2039.

"Siamo stati davvero fortunati e sorpresi di trovarlo", ha dichiarato il dott. Krause-Kyora

Gli scienziati hanno stabilito che Motor Home 2039 trasportava il più antico ceppo di Y. pestis mai trovato. Gli scienziati pensano che molto probabilmente fosse un componente di un albero genealogico sorto circa 7,000 anni fa, solo un paio di secoli dopo la separazione di Y. pestis dal suo precursore, Yersinia pseudotuberculosis.

Una zoonosi?

I cacciatori-raccoglitori eliminavano regolarmente i topi per il cibo e per il design. Gli scienziati pensano che Motor Home 2039 potrebbe aver acquisito Y. pestis o Y. pseudotuberculosis da uno.

"In teoria, potrebbe essere possibile [che] un animale abbia morso la persona", ha informato il dottor Krause-Kyora a MNT.

Il castoro era una delle varietà più regolarmente trovate sul sito web di Rinnukalns. Attualmente, secondo il dottor Krause-Kyora, gli scienziati stanno controllando i resti di castori per vedere se hanno trascinato Y. pseudotuberculosis o Y. pestis.

Meno fatale e molto meno trasmissibile

Dalla valutazione, gli scienziati riconoscono che questo vecchio ceppo di Y. pestis non aveva la genetica che inizialmente consentiva alle pulci di funzionare come vettori e di diffondere il pester. Molto probabilmente, secondo gli scienziati, ci vorrebbero sicuramente più di 1,000 anni prima che Y. pestis ottenga le anomalie richieste per la trasmissione basata sulle pulci.

La verità che Motor Home 2039 era completamente nascosta e che i corpi vicino al suo non avevano Y. pestis ha portato gli scienziati a ipotizzare che è molto meno probabile che sia morto a causa di una variazione respiratoria molto trasmissibile del pester.

"Quindi la nostra ipotesi è più che [questi] batteri manchino di un paio di geni e forse anche di sette mutazioni, il che li rende davvero in grado di essere trasmessi abbastanza rapidamente e velocemente nelle popolazioni", ha informato il dottor Krause-Kyora a MNT.

“Quindi forse questi sono focolai più sporadici con un paio di morti alla fine. Ma il batterio è corso verso un vicolo cieco più o meno ed è svanito dopo».

Secondo il dott. Krause-Kyora, comprendere lo sfondo di Y. pestis potrebbe essere vantaggioso per i ricercatori che esaminano le infezioni odierne e le condizioni.

"Possiamo imparare qualcosa su queste malattie zoonotiche [che] stanno comparendo, e [il nuovo coronavirus] è uno", ha affermato. "Possiamo davvero imparare come questo agente patogeno si è più o meno adattato [a] nuovi sistemi ospiti".

.