I funzionari raccomandano l'uso di maschere a Las Vegas mentre i casi di COVID aumentano COVID

I funzionari consigliano di indossare maschere a Las Vegas con l'aumento dei casi di COVID

Le mascherine sono tornate a Las Vegas, dopo che le autorità locali per la salute e il benessere venerdì hanno menzionato una crescente varietà di casi di coronavirus e hanno anche raccomandato a tutti, immunizzati o meno, di utilizzare trattamenti per il viso nelle aree interne congestionate.

Il rinvio dal Distretto sanitario del Nevada meridionale non è una richiesta. Ma colpisce i casinò, gli spettacoli e i club in cui il servizio è stato ampliato perché sono state sollevate limitazioni e lo stato ha completamente restituito le procedure di controllo della pandemia alle regioni circa 7 settimane prima.

"Sia gli individui vaccinati che quelli non vaccinati dovrebbero indossare maschere quando si trovano in ambienti pubblici affollati ... come negozi di alimentari, centri commerciali, grandi eventi e casinò", ha informato i giornalisti il ​​dott. Fermin Leguen, il principale poliziotto della salute e del benessere della zona.

Ha affermato che l'area non ha l'autorità per rendere obbligatorie le maschere, lasciando l'inchiesta allo stato, all'area e anche alle città.

I centri di vaccinazione e anche lo screening stanno procedendo sui siti Web della zona, inclusa Leguen.

I prezzi delle vaccinazioni sono effettivamente ritardati nelle ultime settimane in Nevada, uno stato con tendenze liberali in cui le autorità sanitarie hanno riferito venerdì che il 55% dei proprietari di case dai 12 anni in su ha effettivamente ricevuto almeno una dose di iniezione di COVID-19. In tutto lo Stato, circa il 46.3% è completamente immunizzato.

A livello nazionale, il 68% degli adulti ha ricevuto almeno una dose di iniezione, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

Un'autorità con il sindacato che rappresenta 60,000 lavoratori delle imprese di gioco d'azzardo del Nevada ha rilasciato una dichiarazione tenendo presente le minacce poste ai dipendenti da individui non immunizzati.

Le autorità dell'Unione culinaria Geoconda Argüello-Kline hanno indicato le informazioni del CDC secondo cui oltre il 97% delle persone che sono state effettivamente ricoverate in ospedale con COVID-19 non hanno effettivamente ricevuto un'iniezione.

Il rinvio della maschera a Las Vegas ha seguito giovedì le autorità sanitarie e del benessere del Nevada che hanno riportato 938 nuovi casi di COVID-19 in tutto lo stato - la più grande immersione di un giorno di coronavirus da febbraio - e anche 15 nuovi decessi.

Allo stesso modo, ha aderito a una telefonata del preside della salute e del benessere pubblico di Los Angeles affinché i californiani rivalutassero le strategie per fare un viaggio in Nevada fino a quando i numeri delle istanze di COVID-19 nello stato di Silver diminuiranno.

I visitatori del weekend dal sud della California hanno negli ultimi mesi bloccato l'Interstate 15, il percorso principale per il viaggio di 270 miglia (435 chilometri) tra Los Angeles e Las Vegas.

I funzionari consigliano di indossare maschere a Las Vegas con l'aumento dei casi di COVID

"Voglio raccomandare, soprattutto se non sei vaccinato, di riconsiderare il viaggio in luoghi in cui i tassi di casi COVID-19 di sette giorni sono in aumento o alti come il Nevada, il nostro vicino", ha informato martedì il dott. Muntu Davis ai commissari della contea di Los Angeles. .

Anche Davis ha suggerito di utilizzare maschere nelle stanze interne, nonostante l'inoculazione in piedi.

Il capo del team del governatore del Nevada Steve Sisolak, Michelle White, ha reagito durante una teleconferenza video con i giornalisti della stampa giovedì con la raccomandazione che le persone si rechino in Nevada e si vaccinano.

“Ecco perché stiamo lavorando per assicurarci che ci siano luoghi di vaccinazione e test situati in luoghi come la Strip di Las Vegas. Questo è aperto a qualsiasi individuo, lavoratori … visitatori”, ha affermato White. “Abbiamo tutti e tre i vaccini offerti, incluso quello iniettabile. Se qualcuno viene da un altro stato, può essere più conveniente e sicuramente incoraggiamo tutti a farlo".

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha affermato che la positività all'esame, una penna cruciale della parte di persone che potrebbero essere contaminate tra quelle controllate per l'infezione, era triplicata dal 3.4% di 5 settimane fa al 10.9% di giovedì.

Il numero di positività riportato dal Dipartimento statale della salute e anche dei servizi umani è stato del 12.3% nella sede di Las Vegas.

Il numero di casi nuovi di zecca segnalati venerdì in Nevada è stato di 866 e anche di 6 nuovi decessi. Ciò ha dato 5,758 la varietà di vite perse nello stato a COVID-19 a partire da marzo 2020.

La maggior parte dei casi e dei decessi in Nevada durante la pandemia sono rimasti a Las Vegas, dove vivono 2.3 milioni di persone e ospitano anche decine di numerosi visitatori ogni anno.

Venerdì, le autorità sanitarie e sanitarie della contea di Washoe hanno affermato di non avere strategie per applicare le esigenze o i suggerimenti della maschera poiché l'infezione non è aumentata nella posizione di Reno-Sparks nella misura in cui ha a Las Vegas.

Altrove, le autorità di quartiere della contea di Lander e anche di Elko si sono recentemente concentrate sull'approvazione di risoluzioni preventive contro i biglietti di iniezione.