Nuovo test del glaucoma 15 volte più probabilità di rilevare pazienti ad alto rischio

occhio cervello

Le ultime indagini su un nuovo promettente test genetico per il glaucoma, la principale causa di cecità in tutto il mondo, hanno scoperto che ha la capacità di identificare 15 volte più persone ad alto rischio di glaucoma rispetto a un test genetico esistente.

Lo studio, appena pubblicato su JAMA Oftalmologia, si basa su una collaborazione internazionale di lunga data tra la Flinders University e il QIMR Berghofer Medical Research Institute e altri partner di ricerca in tutto il mondo per identificare i fattori di rischio genetici per il glaucoma. "La diagnosi precoce del glaucoma può portare a trattamenti salva-vista e le informazioni genetiche possono potenzialmente darci un vantaggio nel fare diagnosi precoci e migliori decisioni terapeutiche", afferma il ricercatore capo Professore Associato Owen Siggs, della Flinders University in South Australia e nel Garvan Istituto di ricerca medica a Sydney, NSW.

L'autore senior, il professor Jamie Craig della Flinders University, afferma che l'ultima ricerca evidenzia il potenziale del test nello screening e nella gestione del glaucoma.

“I test genetici non sono attualmente una parte di routine della diagnosi e della cura del glaucoma, ma questo test ha il potenziale per cambiarlo. Ora siamo in una posizione forte per iniziare a testarlo negli studi clinici", afferma il professor Craig, un oculista consulente che gestisce anche un programma di ricerca sul glaucoma leader a livello mondiale presso la Flinders University, finanziato dal NHMRC australiano.

Gli ultimi risultati hanno valutato le prestazioni dei test genetici su 2507 individui australiani con glaucoma e 411,337 individui con o senza glaucoma nel Regno Unito.

Un australiano su 30 alla fine svilupperà il glaucoma, molti dei quali vengono diagnosticati tardivamente a causa della mancanza di sintomi.

Una volta diagnosticata, diverse opzioni di trattamento possono rallentare o arrestare la progressione della perdita della vista del glaucoma.

Il nuovo test, eseguito su un campione di sangue o saliva, ha il potenziale per identificare individui ad alto rischio prima che si verifichi una perdita irreversibile della vista.

I membri del team di ricerca stanno anche lanciando una società spin-out per sviluppare un test accreditato da utilizzare negli studi clinici, con reclutamento che dovrebbe iniziare nel 2022.