Nuove varianti di coronavirus viste come troppo contagiose per le quarantene in hotel


L'Australia e la Cina stanno preparando strutture di quarantena appositamente realizzate

By Mike Cherney |Il Wall Street Journal

  • Facebook
  • Twitter
  • Flipboard
  • Commenti
  • Stampa

close Hice afferma che gli stati dovrebbero tenere a bada le restrizioni COVID in mezzo alla diffusione del Delta: "La libertà deve essere sostenuta" Video

Gli stati di Hice devono mantenere i vincoli COVID lontano nel mezzo della diffusione della varietà Delta: "La libertà deve essere promossa"

Anche il rappresentante della Georgia Jody Hice ha battuto i democratici per il trasferimento della MLB all'All-Star Game da Atlanta, proteggendo il problema chiave dal segretario di Stato Brad Raffensperger

All'inizio di maggio, due persone in quarantena nei vicini hotel nella città australiana di Adelaide hanno aperto le loro porte a pochi secondi l'una dall'altra per raccogliere piatti. Le autorità sanitarie ritengono che possa essere bastato affinché l'infezione si diffondesse da un uomo negli ambienti dell'hotel a un altro negli altri attraverso la trasmissione per via aerea.

Il ragazzo che si pensava fosse contaminato in hotel dopo che si è recato a Melbourne, causando un'evasione e il blocco della seconda città più grande d'Australia, affermano le autorità sanitarie.

Casi come questi e la diffusione di nuove pressioni del coronavirus molto trasmissibili stanno motivando le autorità di alcune nazioni a rivalutare se i resort sono il luogo migliore per mettere in quarantena i vacanzieri di ritorno, anche mentre gli Stati Uniti e l'Europa considerano di alleviare i vincoli di viaggio man mano che i gradi di vaccinazione aumentano .

L'Australia e la Cina stanno preparando nuove strutture di quarantena appositamente realizzate che secondo i professionisti della sanità pubblica saranno sicuramente più affidabili nel fermare l'infezione dal gocciolamento. Altri, come la Nuova Zelanda, stanno pensando ad azioni comparabili.

Tutte e tre le nazioni hanno effettivamente utilizzato le quarantene degli hotel, per citare alcune precauzioni contro la pandemia, per mantenere i numeri della situazione molto meno di quelli altrove. Ma le nuove varianti sono così trasmissibili che i professionisti della salute e del benessere sono attualmente stressati dal fatto che l'infezione può fuoriuscire molto più facilmente e richiedere blocchi più severi da regolamentare, specialmente in posizioni come l'Australia e la Nuova Zelanda dove il lancio della vaccinazione è stato effettivamente abbastanza pigro. L'Australia ha effettivamente immunizzato completamente il 3% della sua popolazione e la Nuova Zelanda circa il 9%, secondo Our World in Data, che rivela anche che il 10% della popolazione cinese era completamente immunizzato entro il 16 giugno, anche se la National Health Commission cinese riporta il la nazione ha effettivamente fornito mezzo miliardo di dosaggi da allora.

Fare clic per controllare il post completo su WSJ.com.