Le cellule germinali umane e di topo sembrano reimpostare la loro età biologica

cellule

Un gruppo di scienziati del Brigham and Women's Hospital e della Harvard Medical School ha effettivamente individuato la prova che le cellule germinali umane e di topo hanno ripristinato la loro età biologica nel loro articolo pubblicato sulla rivista Anticipi Scienza, il team spiega la loro ricerca sulla procedura di invecchiamento nelle cellule della linea germinale e su cosa hanno localizzato così facendo.

Quando gli animali invecchiano, tutte le cellule del loro corpo si riproducono ripetutamente. Man mano che la procedura procede, errori nella duplicazione e vari altri elementi esterni (come l'esposizione diretta alle tossine) portano a una degenerazione costante della qualità delle cellule, che è parte integrante del processo di invecchiamento naturale. In questa nuovissima iniziativa, gli scienziati hanno effettivamente trovato prove che rivelano che le cellule della linea germinale hanno un dispositivo per ripristinare questa procedura, consentendo alle uova di ripristinare i loro orologi di invecchiamento.

Le cellule germinali trasmettono il prodotto ereditario da mamme e papà per deporre le uova durante la procedura riproduttiva. Per anni, i ricercatori hanno effettivamente messo in dubbio il motivo per cui queste cellule non acquisiscono l'età delle loro mamme e papà. E per anni, hanno creduto che le cellule fossero eterne, ma il lavoro attuale ha effettivamente rivelato che in realtà invecchiano, quindi questo ha aumentato la preoccupazione su come le uova possano iniziare la loro vita con cellule nuove.

Per imparare, gli scienziati hanno utilizzato orologi molecolari per monitorare la procedura di invecchiamento degli embrioni di topo. Questi orologi sono stati effettivamente creati per esaminare le modifiche epigenetiche nelle cellule. Gli scienziati li hanno utilizzati per confrontare costantemente l'età biologica degli embrioni (quanto anni sembrano essere basati sulle risposte agli adattamenti epigenetici) con il loro sequenziamento Hanno scoperto che l'età degli embrioni di topo ha continuato ad essere coerente con la divisione cellulare preliminare dopo che un uovo è stato nutrito. Ma dopo, circa una settimana dopo, dopo che l'embrione si era effettivamente connesso all'utero, l'età biologica degli embrioni è scesa. Questa ricerca suggeriva che alcuni dispositivi avessero reimpostato l'età biologica dell'embrione al n.

Il gruppo in seguito ha trasformato il proprio interesse in embrioni umani. Non sono stati in grado di monitorare l'invecchiamento negli embrioni resettati a causa dei (*) principi dei regolamenti che limitavano tale studio di ricerca, tuttavia hanno scoperto la prova che raccomandava (*) gli embrioni (*) orologi. (*) strategia (*) procedere alla ricerca del dispositivo dietro la (*) procedura.