Vivere con un COVID lungo, 1 anno dopo

La mia esperienza con COVID-19 è iniziata il 9 marzo 2020. Di solito mi sentivo davvero poco sano, eppure avevo un'occasione di lavoro da visitare. Così, quella mattina presto, mi alzai, mi vestii e uscii dalla porta.

(* 1 *)illustrazione della donna che indossa la maschera

Ho catturato l'autobus direttamente nella struttura della comunità. Da ogni parte, ero circondato da persone che utilizzavano i loro telefoni, chattavano e prestavano attenzione alle canzoni tramite gli auricolari. Nessuno stava indossando una maschera, così come nessuno si stava letteralmente allontanando.

Il blocco iniziale non era ancora avvenuto, così come l'unica guida che le persone avevano effettivamente ottenuto per evitare la diffusione del nuovissimo coronavirus era lavarsi le mani per 20 secondi ogni volta. Altrimenti, la vita procedeva regolarmente.

Al momento, sentendomi stanco, ho lasciato l'autobus e mi sono diretto verso un frenetico centro commerciale, dove mi sono riunito con i miei colleghi. Abbiamo parlato poco. Qualcuno ha chiesto esattamente come stavo, e quando ho affermato che non mi sentivo davvero bene, hanno affermato: "È meglio che non sia il coronavirus!" Ridacchiammo tutti.

Il compito iniziale della giornata era un'area di fuga. Nel luogo della funzione, il mio gruppo ha blaterato intorno a me riguardo al giorno in anticipo. Ho cercato di concentrarmi, ma la mia testa sembrava davvero instabile. Tengo a mente di chiedermi se l'area fosse così calda o se fossi semplicemente preoccupato.

Quando un dipendente ha chiarito esattamente come funzionava l'area di fuga, ho sentito davvero un'ondata di calore, nausea e stordimento mi ha colpito. Prima di rendermi conto di quello che stavo facendo, mi sono alzato e ho affermato che dovevo andare. Davvero non sapevo se ero più probabile che impallidissi o rigurgitassi, eppure mi rendevo conto che dovevo andarmene da lì.

Dico addio e me ne vado. Fuori, l'aria era fresca, il che era un sollievo. Ma a prescindere dal fatto di restare lì fuori e di aspettare un taxi senza vestiti, non mi sono davvero rinfrescato.

A casa, sono caduto a letto e ho visto un film per distrarmi. Ho iniziato a sentirmi un po' molto meglio, e ho pensato che forse avrei semplicemente avuto "cinque minuti divertenti". Ma dopo, alcuni giorni dopo, ero ancora stanco, mi sentivo ancora molto male, oltre a soffrire ancora di emicranie, attacchi febbrili e un'indigestione. Non era passato molto tempo prima che il mio compagno ottenesse lo stesso identico disturbo.

I primi standard in realtà non suggerivano un esame

Ho esaminato i miei segni rispetto all'elenco dei segni COVID-19 del Servizio Sanitario Nazionale (NHS), che, all'epoca, erano tosse, mancanza di respiro e una temperatura elevata continua, e mi sono sentito davvero sollevato dal fatto che davvero non ne aveva nessuno.

Dopo di che, gli standard dovevano essere valutati solo se avevi questi segni. Quindi, ho pensato che dovevo avere un'altra cosa.

Tuttavia, questa infezione non era stata come nessuna delle persone aveva effettivamente sperimentato in precedenza. I segni si sono ripetuti a ondate, aumentando e poi ritornando ancora una volta. Non assomigliava assolutamente a un raffreddore, così come la sua incongruenza non assomigliava assolutamente alla mia precedente esperienza di influenza.

Dopo una settimana, sia il mio compagno che io iniziammo a sentirci davvero molto meglio. Ma dopo, molto rapidamente, i miei segni hanno cominciato a ritrovare ancora una volta.

L'esaurimento più devastante che abbia mai avuto prima d'ora

In primo luogo, ho iniziato a sentirmi davvero debole. Poi, ho avuto stordimento e fastidio all'orecchio periodico. Ho pensato che dovevo avere un'infezione all'orecchio che aderisce a un'infezione stagionale, così come il mio medico si sentiva esattamente allo stesso modo. Mi ha consigliato di aspettare.

Nel frattempo, il Regno Unito è caduto nel caos. Panico: acquisti, restrizioni di viaggio e blocco iniziale in tutto il paese. Ho iniziato un lavoro nuovo di zecca da casa, allestendo con una sensazione malsana nella speranza che alla fine scomparisse.

Ma in realtà non è andata così, è peggiorata. Nei 3 mesi successivi, ho creato disagio alla gola e alle ghiandole, emicrania simile a un'emicrania che mi emetteva lungo il lato del viso, nausea e problemi gastrointestinali, piccoli punti rossi sulle braccia, grave esaurimento, nonché una totale mancanza di capacità di allenamento.

Anche tentare di fare brevi passeggiate nei giorni in cui mi sentivo davvero bene mi avrebbe sicuramente riportato a letto, facendo male dappertutto, per un certo numero di giorni.

A giugno 2020, ho trascorso una settimana completamente costretta a letto dalla stanchezza più devastante che abbia mai avuto prima. Era stancante semplicemente pulire i miei denti. Avevo bisogno di sedermi per fare la doccia, così come mentre stavo alzato, il mio battito cardiaco avrebbe sicuramente raggiunto i 100 battiti al minuto. Sembrava che fossi sotto una copertura pesante e pesante, così come la facilità del mio seno mi faceva male.

Ora, riconosco che gli individui con COVID lungo possono stabilire la miocardite, che può essere stata la ragione. Al momento, tuttavia, tutto quello che ho riconosciuto è che ero spaventato.

Le persone potrebbero rivedere questo e chiedersi esattamente come ho fatto funzionare. Ma non riconosco cosa avrei sicuramente fatto di me stesso se non avessi potuto. Non ho davvero sperimentato la lunga "nebbia del cervello" COVID senza tempo, quindi posso ancora presumere abbastanza chiaramente. Il lavoro forniva un tipo di disturbo da ciò che stava avvenendo. Era qualcosa che potevo fare, anche se non potevo fare altro.

Alla fine, ho iniziato a pensare che non avevo semplicemente avuto un'infezione stagionale nel marzo 2020.

Ho scoperto un sistema di supporto online per il lungo COVID e ho scoperto molte altre persone con storie come la mia. Alla fine ho avuto una risposta, insieme alla speranza. C'erano persone intorno che stavano facendo guarigioni complete da questo disturbo.

Tuttavia, non avevo altro modo per confermare a un medico che non avrei mai avuto il COVID-19. Gli esami anticorpali non sono costantemente attendibili. Tutto quello che avevo, così come tutto quello che ho ancora, è una lista di segni. Quindi, a parte alcuni regolari esami del sangue, non ho ottenuto alcuna assistenza clinica.

Progressi e fattori di cui essere fiduciosi

Siccome i costi della maggior parte del 2020 hanno inglobato la mia casa, impossibilitata ad uscire a causa dei 6 viaggi di scale che mi separavano eccetera dal globo, ho fatto un grande sviluppo.

Ad esempio, ho scoperto che seguire una dieta a ridotto contenuto di istamina riduce notevolmente i miei sintomi, in particolare l'emicrania e i problemi gastrointestinali.

Dopo essere rimasto fedele a questo per un certo numero di mesi, ho anche iniziato a vedere miglioramenti costanti nella mia stanchezza. Non so se la dieta è responsabile o se ho semplicemente richiesto tempo. In entrambi i casi, sono felice.

Non molto tempo prima, avevo bisogno di allocare il potere che utilizzavo in un determinato giorno – per preparare, riordinare, fare la doccia – per evitare una regressione. Ora, ho il lusso di non doverlo considerare.

Ed è assolutamente un lusso. Le persone che non hanno avuto un esaurimento persistente non riconoscono la grande libertà di avere la capacità di svolgere i normali lavori quotidiani senza stressarsi per essere penalizzati in seguito, di avere la capacità di fare i punti da soli piuttosto che riposarsi qualcun altro.

Potrei non essere "tornato alla normalità", ma sono sicuro che mi avvicinerò abbastanza. Con lo studio extra e l'assistenza, spero davvero che con molto tempo possa arrivare anche il COVID.

Per aggiornamenti in tempo reale sulle crescite più recenti relative al coronavirus unico e al COVID-19, vai qui.