Il vaccino antinfluenzale potrebbe aiutare a scongiurare un grave COVID

Il vaccino antinfluenzale potrebbe aiutare a scongiurare un grave COVID

Un vaccino antinfluenzale potrebbe fornire una certa sicurezza contro i gravi impatti di COVID-19, raccomanda una nuova ricerca.

Se sei contaminato da COVID-19, avere avuto un vaccino antinfluenzale rende molto meno probabile che sperimenterai sicuramente una grave infezione in tutto il corpo, embolia, avere un ictus o essere trattato in un'unità di terapia intensiva, secondo la ricerca.

"Il nostro lavoro è importante", ha affermato il coautore della ricerca, il dott. Devinder Singh, tenendo presente che rimangono fonti minime in tutto il mondo per limitare l'accessibilità all'iniezione di COVID.

"La popolazione globale può trarre beneficio dalla vaccinazione antinfluenzale, poiché può agire doppiamente per prevenire un coronavirus e un "twindemic" influenzale, che potrebbe forse sconcertare le fonti sanitarie", ha affermato Singh, capo della chirurgia plastica presso l'Università di Miami Miller School of Medicine.

Il motivo per cui un vaccino antinfluenzale proteggerebbe da alcuni gravi effetti di COVID-19 non è chiaro, ma è possibile che induca il sistema immunitario a ridurre le probabilità di alcuni danni a livello di sistema osservati anche con l'influenza, affermano i ricercatori.

Avvertono, tuttavia, che il vaccino antinfluenzale non è un sostituto del vaccino COVID-19. Inoltre, lo studio non può dimostrare che un vaccino antinfluenzale sia protettivo quando si tratta di COVID-19, solo che potrebbe esserlo.

Il Dr. Eric Cioe-Pena è direttore della salute globale presso Northwell Health, New Hyde Park, NY, e non faceva parte dello studio. “Mentre la ricerca rivela una chiara organizzazione tra coloro che ottengono il vaccino antinfluenzale e una ridotta morbilità dell'infezione da COVID, dobbiamo essere chiari sul fatto che questa ricerca delude la causalità e non raccomanda anche un chiaro collegamento web causale solo su come l'inoculazione dell'influenza aiuterebbe sicuramente con COVID ", ha detto.

"Indipendentemente da ciò, sostengo completamente l'iniezione di influenza e l'iniezione di COVID come azioni sensate di salute pubblica e benessere, nonché se ciò si verifica come un secondo vantaggio, eccellente", ha affermato Cioe-Pena.

Per lo studio, Singh e i suoi colleghi hanno utilizzato il database di ricerca TriNetX per raccogliere dati su due gruppi, ciascuno con più di 37,000 pazienti.

Le persone del primo gruppo hanno ricevuto un vaccino antinfluenzale da due settimane a sei mesi prima di ricevere la diagnosi di COVID-19. Anche quelli del secondo gruppo avevano il COVID-19, ma non erano stati vaccinati contro l'influenza.

I ricercatori hanno confrontato l'incidenza di effetti gravi tra i due gruppi, esaminando sepsi, ictus, un coagulo noto come trombosi venosa profonda (TVP), embolia polmonare, insufficienza respiratoria, sindrome da distress respiratorio e dolore articolare. Hanno anche valutato i tassi di insufficienza renale, perdita di appetito, infarto, polmonite, visite al pronto soccorso, ricovero ospedaliero, ricovero in terapia intensiva e morte.

Hanno scoperto che le persone che non avevano avuto il vaccino antinfluenzale avevano fino al 20% in più di probabilità di essere ricoverate in terapia intensiva, fino al 58% in più di probabilità di visitare un pronto soccorso e fino al 45% in più di probabilità di sviluppare la sepsi. Avevano anche il 58% in più di probabilità di avere un ictus e fino al 53% in più di probabilità di avere una TVP. Non è stato osservato alcun effetto sul rischio di morte.

I risultati sono stati presentati domenica alla riunione annuale virtuale del Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive. La ricerca presentata alle riunioni mediche è generalmente considerata preliminare fino alla pubblicazione in una rivista peer-reviewed.

Il dottor Marc Siegel è professore di medicina presso il NYU Langone Medical Center di New York City e non ha preso parte allo studio. "È possibile che il vaccino antinfluenzale determini il sistema immunitario del corpo in modo tale da danneggiare l'inutile reazione infiammatoria del COVID che crea coaguli di sangue e vari altri gravi problemi", ha affermato.

Ma Siegel ha sottolineato che non puoi fare affidamento su un vaccino antinfluenzale per proteggerti dal COVID-19. Ha invitato tutti a ottenere il vaccino COVID-19. “È la migliore iniezione mai sviluppata prima. È eccezionale, eccezionale”, ha affermato.