La FDA concede la completa autorizzazione alla terapia con cellule tumorali del linfoma negli animali domestici


Il linfoma deriva dallo sviluppo irregolare dei leucociti e il motivo negli animali domestici non è identificato, secondo la FDA

Kayla Rivas By Kayla Rivas |

  • Facebook
  • Twitter
  • Flipboard
  • Commenti
  • Stampa

close Fox News Flash principali titoli per il 16 luglio Video

Fox News Flash in testa ai titoli per il 16 luglio

Di seguito sono riportate le intestazioni principali di Fox News Flash. Scopri cosa sta facendo clic su.com.

La Food and Drug Administration (FDA) ha rilasciato giovedì l'autorizzazione completa per la terapia del linfoma negli animali domestici, con l'obiettivo di trarre vantaggio dallo stile di vita e di consentire agli animali e ai loro proprietari ancora più tempo insieme.

Lo scatto, chiamato Tanovea, ha rimosso le difficoltà di governo dopo aver inizialmente ottenuto l'autorizzazione condizionale nel 2016 tramite la FDA's Uso minore e specie minori (MUMS) programma, "progettato per aiutare le aziende farmaceutiche a superare gli ostacoli finanziari che devono affrontare nella fornitura di farmaci per animali a domanda limitata", secondo un lancio deciso. Ulteriori studi di ricerca, dato che l'autorizzazione condizionale ha soddisfatto la prova richiesta per l'autorizzazione completa, concessa a VetDC Inc.

Il linfoma deriva dallo sviluppo irregolare dei leucociti, che si dice colpisca qualsiasi tipo di organo del corpo, ma di solito inizia nei linfonodi, nella milza e nel midollo osseo. I segni della malattia negli animali domestici possono variare e la sua ragione negli animali domestici non è identificata, secondo la FDA.

Una ricerca su 158 animali "diagnosticati con linfoma multicentrico con almeno un linfonodo periferico ingrossato", composta da almeno 120 trattati con Tanovea, ha visto generalmente 61 giorni di sopravvivenza inclusi. Altri risultati hanno raccomandato che il farmaco fornisse 168 giorni in più per affrontare la malattia senza avanzare in misura.

I farmaci raccomandati funzionano eliminando le cellule tumorali in espansione con un componente energetico chiamato rabacfosadine. Viene fornito 5 volte, con ogni scatto distanziato di 3 settimane l'uno dall'altro. Gli impatti collaterali consistono in "diarrea, diminuzione dell'appetito, vomito, letargia, perdita di peso e neutropenia", mentre le occasioni principali possono consistere in "fibrosi polmonare e problemi della pelle, tra cui infezioni, ulcerazioni e desquamazione della pelle in alcuni casi".

"Per la prima volta, i proprietari di cani hanno la certezza di un trattamento che ha pienamente soddisfatto gli standard della FDA per l'efficacia nei cani", ha affermato Solomon.