È più probabile che l'UE selezioni la vaccinazione Moderna COVID-19 per i giovani la settimana successiva


Se autorizzato, sarebbe sicuramente il primo tale permesso per l'uso della vaccinazione COVID-19 nei bambini di tutto il mondo.

The Associated Press

  • Facebook
  • Twitter
  • Flipboard
  • Commenti
  • Stampa

close Fox News Flash principali titoli per il 16 luglio Video

Fox News Flash in testa ai titoli per il 16 luglio

I titoli principali di Fox News Flash sono proprio qui. Scopri cosa sta facendo clic su.com.

Una delle principali autorità dell'Agenzia europea per i medicinali ha dichiarato che la scelta se consigliare o meno di accreditare la vaccinazione COVID-19 di Moderna per i bambini è prevista alla fine della settimana successiva. Se autorizzato, sarebbe sicuramente il primo tale permesso per l'uso del colpo nei bambini di tutto il mondo.

Giovedì, durante un'istruzione alla stampa, il dott. Marco Cavaleri, responsabile del metodo di iniezione dell'autorità di regolamentazione dei farmaci dell'UE, ha dichiarato che il suo consiglio di esperti sta attualmente esaminando la domanda di Moderna di espandere l'uso della sua vaccinazione contro il coronavirus per i bambini dai 12 ai 17 anni.

"Ci aspettiamo che il comitato raggiunga una conclusione entro la fine della prossima settimana", ha affermato.

La vaccinazione di Moderna è stata approvata per l'uso in chiunque 18 e anche in tutta l'Unione Europea di 27 nazioni a gennaio. È stata anche certificata in nazioni come Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti, ma finora il suo utilizzo non è stato incluso nei bambini. Ad oggi, la vaccinazione effettuata da Pfizer-BioNTech è l'unica autorizzata per i ragazzi sotto i 18 anni in Europa e anche in Nord America.

L'EMA ha dichiarato di recente che c'era un "possibile collegamento" tra le iniezioni fatte da Moderna e anche da Pfizer-BioNTech a situazioni davvero insolite della parte superiore del corpo e anche gonfiore del cuore, soprattutto nei maschi adulti più giovani. Hanno affermato che gli impatti erano principalmente di breve durata e i vantaggi dell'inoculazione superavano ancora di gran lunga le minacce di COVID-19.

La scorsa settimana, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato che l'UE ha attualmente fornito iniezioni sufficienti per inoculare il 70% della sua popolazione adulta e anche molte nazioni vogliono inoculare i bambini, indipendentemente dal rischio notevolmente ridotto che incontrano da COVID- 19.

Molte autorità sanitarie pubbliche affermano che molte nazioni dovrebbero contribuire con le loro iniezioni non appena le loro popolazioni adulte sono coperte, ricordando che molte persone nella creazione di nazioni ad alto rischio della malattia, tra cui i dipendenti della salute e anche gli anziani, devono ancora ottenere uno scatto solitario.

A giugno, il supervisore alle iniezioni dell'OMS, la dott.ssa Kate O'Brien, ha dichiarato che immunizzare i bambini contro il COVID-19 "non è una priorità elevata", offrendo prodotti vaccinali eccezionalmente minimi in tutto il mondo. Sebbene siano stati effettivamente effettuati più di 3 miliardi di dosaggi di iniezioni di COVID-19, meno del 2% è rimasto in realtà in nazioni inadeguate, dove la versione delta più facile da diffondere sta attualmente sostenendo aumenti eruttivi.