La dieta potrebbe aiutare ad alleviare alcuni segni di disturbo affettivo bipolare

salmone su un tagliere

  • Più di 80 persone con disturbo affettivo bipolare hanno aderito a uno studio di ricerca in cui il cinquanta per cento di loro ha ricevuto una terapia dietetica e ha anche consumato cibi particolari per 12 settimane.
  • Gli scienziati hanno ridotto l'uso di grassi omega-6 da parte del team speculativo limitando la carne rossa, le uova e anche oli particolari e hanno anche migliorato il loro consumo di grassi omega-3 includendo semi di lino e pesce grasso.
  • Gli individui hanno terminato due volte gli studi quotidiani sul loro stato d'animo, disagio e anche altri segni sui dispositivi intelligenti.
  • Coloro che hanno rispettato la dieta speculativa hanno mostrato una maggiore irregolarità dello stato d'animo.

Uno studio di ricerca sulla rivista Bipolar Disorders raccomanda che le persone con disturbo affettivo bipolare che riadattano il loro consumo di grassi particolari potrebbero sperimentare molte meno irregolarità nel loro stato d'animo.

Quasi il 3% delle persone negli Stati Uniti ha una diagnosi medica di disturbo affettivo bipolare, secondo la National Alliance onMental Illness. Le persone con questo problema potrebbero sperimentare cambiamenti significativi nel loro stato d'animo, gradi di potere e anche modelli di riposo. Questi cambiamenti nello stato d'animo possono consistere in episodi maniacali o ipomaniacali, durante i quali l'individuo sente davvero una forte euforia o irritazione. Durante gli episodi di ansia bipolare, potrebbero provare sensazioni di disperazione e anche sconforto.

Diverse ricerche hanno effettivamente suggerito che potrebbe esserci una relazione tra l'uso di pesce e crostacei ricchi di grassi omega-3 e anche una ridotta incidenza di malattie bipolari. Tuttavia, le ricerche che esaminano i risultati degli integratori di olio di pesce sul problema non hanno effettivamente scoperto alcun collegamento web del genere.

La dott.ssa Erika Saunders, scrittrice dello studio di ricerca e anche insegnante e anche presidente del Dipartimento di Psichiatria e anche Salute comportamentale presso il Penn State Health Milton S. Hershey Medical Center, ha discusso il layout dello studio di ricerca a "Detonic.shop" Ha affermato che il gli scienziati intendevano vedere se effettuare un aggiustamento nutrizionale "per una ragione biologica molto specifica potrebbe alterare la stabilità dell'umore o migliorare la variabilità dell'umore" negli individui con disturbo affettivo bipolare.

Usare la dieta per aumentare lo stato d'animo

La ricerca ha effettivamente rivelato che i farmaci che i medici utilizzano generalmente per trattare il disturbo affettivo bipolare possono alterare il modo in cui il corpo scompone i grassi.

Gli scienziati del Penn State College of Medicine presumevano che trasformando il tipo e la varietà di grassi nella dieta, il corpo avrebbe prodotto metaboliti con funzioni specifiche, come ridurre il gonfiore o il disagio.

In particolare, intendevano valutare se ridurre il consumo di una persona di acido linoleico, un grasso omega-6, mentre aumenta il consumo di grassi nutrizionali omega-3 acido eicosapentaenoico (EPA) e anche acido docosaesaenoico (DHA) può essere un strategia terapeutica affidabile per il disturbo affettivo bipolare.

"Quindi, i farmaci cambiano gli acidi grassi in un modo particolare", ha informato il dottor Saunders a MNT. "Abbiamo detto: 'Ottimo, possiamo aggiungere qualcosa cambiando la dieta allo stesso modo, dal punto di vista biochimico, e vediamo se questo aiuta.'"

Gli scienziati hanno designato 82 individui con disturbo affettivo bipolare a entrambe le squadre: controllo o speculativo.

Quelli del team speculativo hanno ridotto il loro consumo di acido linoleico limitando la carne rossa, le uova e anche gli oli particolari. Hanno anche migliorato il loro consumo di grassi omega-3 includendo semi di lino e pesce grasso, come il tonno e il salmone, nella loro dieta. Gli scienziati hanno anche definito la dieta per il gruppo di controllo per assicurarsi che le persone non sapessero a quale gruppo appartenevano.

Tutti gli individui hanno ricevuto cibo, dettagli sulle strategie dei piatti e anche istruzioni sul lavoro di preparazione per 12 settimane. Il gruppo ha consigliato loro di attenersi alla dieta mentre procedevano con il loro trattamento regolare, consistente nell'assunzione di qualsiasi tipo di farmaco stabilizzatore dell'umore suggerito.

Gli scienziati hanno fornito ai singoli dispositivi intelligenti e hanno anche chiesto di utilizzare i dispositivi per completare due volte gli studi quotidiani sul loro stato d'animo, disagio e anche altri segni. Inoltre, i tecnici dell'assistenza hanno costantemente preso campioni di sangue per misurare i livelli di grasso delle persone e garantire anche che si fossero effettivamente attenuto alla dieta sufficiente per modificare i loro livelli biochimici.

Alla fine, gli scienziati hanno scoperto che la dieta speculativa aumentava l'irregolarità dello stato d'animo nelle persone con disturbo bipolare.

Riflettere i dati demografici del disturbo affettivo bipolare

Gli autori dello studio di ricerca tengono presente che la maggior parte degli individui erano donne. "Sappiamo che le donne sono più inclini a partecipare alla ricerca rispetto agli uomini", ha informato il dottor Saunders a MNT.

La dottoressa Gabrielle Marzani, psicoanalista e anche insegnante associata presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Neurocomportamentali dell'Università della Virginia a Charlottesville, ha anche tenuto presente che la maggior parte delle persone nello studio di ricerca erano bianche. "Questo gruppo tendeva ad essere un gruppo abbastanza omogeneo di donne che non riflette necessariamente i dati demografici di tutti gli individui con disturbo bipolare", ha informato MNT.

La dott.ssa Marzani non era associata allo studio di ricerca, tuttavia considerava lo studio "intrigante".

Inoltre, il dott. Marzani ha affermato che gli individui nello studio di ricerca potrebbero non aver tutti effettivamente sperimentato la stessa intensità dei segni del disturbo affettivo bipolare. Per le circostanze, tra gli individui nel gruppo di trattamento dello studio di ricerca, la varietà media di episodi depressivi nel corso della vita era 30. Nel gruppo di controllo, il numero medio era 11.

Allo stesso modo, mentre la varietà media di episodi maniacali era 5 tra gli individui nel gruppo di trattamento dello studio di ricerca, nel gruppo di controllo, era doppio. "Non erano mele e mele", ha informato Marzani MNT.

Serve più lavoro

Nel documento, gli scienziati tengono presente che desiderano vedere il test riprodotto su una gamma più ampia. Il dottor Saunders ha inoltre informato MNT che un'opportunità per uno studio futuro potrebbe comportare la considerazione di mezzi per rendere meno complicato seguire questa dieta.

"Anche se non tutti coloro che soffrono di disturbo bipolare vorranno cambiare la loro dieta o essere in grado di cambiare la loro dieta", ha affermato il dott. Saunders, "penso che sia davvero importante avere le conoscenze scientifiche su ciò che sarebbe utile per coloro che vogliono cambiare la loro dieta e chi può.”

.