COVID-19 ha visto milioni di persone perdere le vaccinazioni per l'infanzia, avverte l'OMS


Milioni di persone hanno perso i primissimi dosaggi di morbillo, difterite, tetano e pertosse

By Alessandria Hein |

  • Facebook
  • Twitter
  • Flipboard
  • Commenti
  • Stampa

closeDr. Siegel: I vaccini per debellare il vaiolo erano "molto più pericolosi" del vaccino COVID Video

Dr Siegel: i vaccini per distruggere il vaiolo erano "molto più pericolosi" dell'iniezione di COVID

Fattore Fox NewsIl dottor Marc Siegel parla delle vaccinazioni e dei requisiti per la maschera su "The Faulkner Focus"

Ben 23 milioni di bambini in tutto il mondo hanno perso le vaccinazioni regolari nel 2015 a causa delle interruzioni dell'assistenza sanitaria legate al COVID-19, ha consigliato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) giovedì Il numero rileva un aumento di 3.7 milioni rispetto al 2019, nonché come un massimo non visto considerando quel 2009. 

"Per quanto riguarda, la maggior parte di questi - fino a 17 milioni di bambini - probabilmente non ha ricevuto un singolo vaccino durante l'anno, ampliando le già immense disuguaglianze nell'accesso ai vaccini", ha consigliato l'OMS. “La maggior parte di questi bambini vive in comunità colpite da conflitti, in luoghi remoti poco serviti o in contesti informali o di baraccopoli dove affrontano molteplici privazioni, incluso l'accesso limitato alla salute di base e ai servizi sociali chiave”. 

La società ha dichiarato che le interruzioni durante gli anni dell'infanzia sono state maggiori nelle aree del sud-est asiatico e del Mediterraneo orientale. L'India ha visto il calo più netto delle vaccinazioni di richiamo, seguito da Pakistan, Indonesia, Filippine e Messico. Milioni di persone hanno perso le prime dosi di morbillo, difterite, tetano e pertosse. 

Mentre le interruzioni dell'assistenza sanitaria legate al COVID-19 si sono aggiunte alle diminuzioni, le autorità hanno tenuto presente che i modelli nell'inoculazione degli anni dell'infanzia erano preoccupanti prima della pandemia. Mentre l'OMS suggerisce un prezzo di inoculazione del 95% per evitare una rinascita del morbillo, lo standard fluttuava intorno all'86% da diversi anni. 

"Anche se i paesi chiedono a gran voce di mettere le mani sui vaccini COVID-19, abbiamo fatto marcia indietro su altre vaccinazioni, lasciando i bambini a rischio di malattie devastanti ma prevenibili come il morbillo, la polio o la meningite", ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. . "Più focolai di malattie sarebbero catastrofici per le comunità e i sistemi sanitari che stanno già combattendo contro il COVID-19, rendendo più urgente che mai investire nella vaccinazione infantile e garantire che ogni bambino venga raggiunto". 

La società ha dichiarato che mentre c'è stata una diminuzione significativa tra marzo e maggio 2020, c'è stato un aumento durante i mesi da giugno a settembre, ma "non sufficiente per raggiungere una copertura di recupero". 

"Questo ritardo nella vaccinazione di recupero potrebbe rappresentare una seria minaccia per la salute pubblica che comporterebbe focolai di malattie prevenibili con il vaccino, specialmente nelle scuole che hanno riaperto per l'apprendimento di persona", ha affermato il CDC. "Negli ultimi decenni, gli Stati Uniti hanno ottenuto una sostanziale riduzione della prevalenza di malattie prevenibili con il vaccino, guidata in gran parte dalla somministrazione continua di vaccini pediatrici raccomandati di routine".