La combinazione di 2 farmaci esistenti riduce l'apnea notturna di almeno il 30%

primo piano del palmo che tiene due pillole

  • L'apnea notturna include un'interruzione della respirazione duplicata e di breve durata che impedisce alle persone che ne soffrono di sperimentare il sonno correttivo.
  • Con un sonno non sufficientemente rilassante, l'apnea notturna può causare una serie di significativi problemi di salute e benessere.
  • Le terapie attuali, come l'uso di una maschera per dormire, non aiutano tutte le persone a causa del dolore.
  • Un nuovo studio di ricerca scopre che incorporando farmaci antidepressivi e antispastici, le persone possono ridurre l'apnea notturna di almeno il 30%.

Il sonno è una procedura correttiva vitale. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) afferma che una persona è maggiormente a rischio di diabete mellito di tipo 2, malattie cardiache, problemi di peso e depressione clinica senza un sonno adeguato.

Per le persone con apnea ostruttiva del sonno (OSA), ottenere un buon resto della serata può essere difficile: il problema fa sì che si agitino ripetutamente durante il sonno, lasciandoli non riposati quando si svegliano. Al momento non esiste alcun farmaco specifico per il trattamento dell'apnea notturna.

Ora, un nuovissimo studio di ricerca della Flinders University di Adelaide, nell'Australia meridionale, riporta che l'integrazione di 2 farmaci esistenti può ridurre l'OSA di almeno il 30%.

Lo scrittore anziano dello studio di ricerca, il professor Danny Eckert, afferma dello studio di ricerca:

"Siamo rimasti entusiasti perché le attuali opzioni di trattamento per le persone con apnea notturna sono limitate e possono essere un viaggio doloroso per molti".

Lo studio di ricerca si presenta in The Journal of Physiology.

Terapia esistente per l'apnea notturna

Fino ad oggi, le terapie per le apnee notturne costituivano uno dei numerosi trattamenti.

Alcune persone con il problema indossano una maschera mentre dormono.

La maschera sollecita il tratto respiratorio dell'utente per mantenerlo aperto. Questo metodo, chiamato trattamento dello stress del tratto respiratorio favorevole continuo, avvantaggia molte persone, anche se alcuni lo trovano scomodo e anche una barriera per andare a dormire.

Esiste anche un trattamento chirurgico per quelli con OSA in cui le cellule ostruiscono il tratto respiratorio: il trattamento mira a eliminare la barriera.

Un'altra opzione è uno strumento di riposizionamento mandibolare, un dispositivo dentale che i dentisti hanno personalizzato per soddisfare le persone con apnea notturna. Tuttavia, tali pezzi della bocca possono essere costosi, creare disagio alla mascella e anche ai denti e inoltre non aiutano tutti.

Combinazione di 2 farmaci esistenti

Lo studio ha scoperto che l'aggiunta di due corsi di droga offerti – reboxetina e butilbromuro – ha mantenuto i muscoli energici durante il sonno, favorendo la respirazione regolare e stabile.

I medici suggeriscono comunemente la reboxetina come antidepressivo, mentre il butilbromuro è un farmaco antispasmodico.

Gli scienziati hanno assunto 15 o altri volontari sani ed equilibrati con OSA per lo studio di ricerca, di cui 3 eliminati prima di terminare il test.

Il gruppo ha osservato queste persone mentre riposavano 2 sere. Per una sera, gli scienziati hanno somministrato a ogni persona i farmaci da esaminare, e anche l'altra sera, le persone hanno partecipato al team di pillole di zucchero dello studio di ricerca.

Una varietà di dispositivi ha controllato gli individui mentre riposavano. Gli scienziati hanno registrato l'EEG, l'elettrooculogramma e anche le informazioni sull'elettrocardiogramma mentre l'ossimetria del polso misurava la saturazione di ossigeno.

I partecipanti hanno anche indossato maschere nasali protette che hanno permesso ai ricercatori di determinare il flusso d'aria, e anche una telecamera elettronica a infrarossi e un'unità di rilevamento del posizionamento hanno registrato le impostazioni del loro corpo.

Gli scienziati hanno osservato il risultato che i farmaci misti trasportavano la respirazione delle persone.

Un prezioso riequilibrio del lavoro elettrico nei tessuti muscolari che circondano la gola ha impedito alle vie aeree di cadere durante il sonno.

Secondo il Prof Eckert, (*2 *)

Dove va lo studio di ricerca dal basso

Guardando avanti, il prof Eckert afferma:

“Successivamente, esamineremo gli effetti di questi e farmaci simili a lungo termine. Valuteremo se possiamo sfruttare i benefici di un farmaco senza bisogno di usarli entrambi. Allo stesso modo, testeremo se possiamo combinare questi trattamenti con altri farmaci esistenti per vedere se possiamo migliorare ulteriormente la loro efficacia".

.