Svolta COVID-19: un nuovo strumento identifica le persone a rischio

persone su una metropolitana trafficata, che indossano maschere

  • Secondo un nuovo studio, sebbene nel Regno Unito si siano verificati pochissimi decessi o ricoveri post-vaccinazione, diversi gruppi erano a rischio più elevato rispetto ad altri.
  • Un nuovo strumento identifica le persone a più alto rischio di esiti gravi da infezioni rivoluzionarie da SARS-CoV-2. SARS-CoV-2 è il coronavirus che causa il COVID-19.
  • La speranza è che queste informazioni consentano agli operatori sanitari e ai pazienti di prendere decisioni più informate sulle strategie per il COVID-19.

Prima della disponibilità dei vaccini, gli esperti nel Regno Unito hanno sviluppato lo strumento di valutazione del rischio QCOVID per identificare quelli con il più alto rischio di morire o di essere ricoverati in ospedale con COVID-19. Lo strumento ha portato all'aggiunta di 1.5 milioni di persone all'elenco nazionale dei pazienti protetti e ha aiutato le autorità a dare priorità alle vaccinazioni.

Rimane, tuttavia, un rischio residuo di infezioni rivoluzionarie per le persone che sono completamente o parzialmente vaccinate. Per identificare le persone più a rischio di infezioni rivoluzionarie, i ricercatori dell'Università di Oxford nel Regno Unito hanno pubblicato un documento che presenta uno strumento QCOVID aggiornato chiamato QCOVID3.

Il nuovo strumento QCOVID3 ha identificato diversi gruppi di persone vaccinate che sono particolarmente a rischio di morire o di essere ricoverate in ospedale a causa di un'infezione da SARS-CoV-2.

Tieniti informato con aggiornamenti in tempo reale sull'attuale epidemia di COVID-19 e visita il nostro hub di coronavirus per ulteriori consigli sulla prevenzione e il trattamento.

La coautrice dell'articolo, la dott.ssa Julia Hippisley-Cox, professoressa di epidemiologia clinica e medicina generale presso l'Università di Oxford, spiega:

“Il Regno Unito è stato il primo luogo a implementare un programma di vaccinazione e dispone di alcuni dei migliori dati di ricerca clinica al mondo. Abbiamo sviluppato questo nuovo strumento utilizzando il database QResearch per aiutare il [Servizio sanitario nazionale] a identificare quali pazienti sono a più alto rischio di esiti gravi nonostante la vaccinazione per un intervento mirato”.

Il Dr. Hippisley-Cox aggiunge: "Questo nuovo strumento può anche informare le discussioni tra medici e pazienti sul livello di rischio per aiutare il processo decisionale condiviso".

Gli autori del documento chiariscono che poche persone vaccinate sono morte o hanno richiesto il ricovero in ospedale 14 giorni o più dopo la vaccinazione. Questo è presumibilmente il tempo sufficiente per sviluppare l'immunità.

Il coautore dell'articolo, il dott. Aziz Sheikh, professore di ricerca e sviluppo nelle cure primarie e direttore dell'Istituto Usher dell'Università di Edimburgo nel Regno Unito, afferma:

“Questo enorme studio nazionale su oltre 5 milioni di persone vaccinate con [due] dosi in tutto il Regno Unito ha scoperto che una piccola minoranza di persone rimane a rischio di ricovero e morte per COVID-19. Il nostro calcolatore del rischio aiuta a identificare coloro che rimangono più a rischio dopo la vaccinazione”.

La carta ora appare nel BMJ.

I gruppi più a rischio

Il Dr. Sheikh afferma: "Il nostro nuovo strumento QCOVID, sviluppato con l'aiuto di esperti di tutto il Regno Unito, è stato progettato per identificare coloro ad alto rischio che possono beneficiare di interventi come dosi di richiamo del vaccino o nuovi trattamenti come gli anticorpi monoclonali, che può aiutare a ridurre il rischio di progressione dell'infezione da SARS-CoV-2 a esiti gravi di COVID-19”.

Sono stati studiati oltre 6 milioni di set di dati di adulti vaccinati utilizzando l'algoritmo QCOVID3. Di questi adulti, più di 5 milioni avevano ricevuto entrambe le dosi di vaccino.

I set di dati includevano 2,031 decessi correlati a COVID-19 e 1,929 ricoveri ospedalieri correlati a COVID-19, il 4% e il 3.7% dei quali, rispettivamente, si sono verificati 14 giorni dopo la seconda vaccinazione.

L'algoritmo QCOVID3 ha identificato i seguenti gruppi come quelli a più alto rischio, in ordine decrescente:

  1. persone con sindrome di Down
  2. persone che hanno avuto un trapianto di rene
  3. persone con anemia falciforme
  4. residenti delle case di cura
  5. persone che ricevono chemioterapia
  6. persone che hanno avuto un recente trapianto di midollo osseo o un trapianto di organi solidi
  7. persone con HIV o AIDS
  8. persone con demenza
  9. persone con malattia di Parkinson
  10. persone con diverse malattie neurologiche rare
  11. persone con cirrosi

Gli individui pakistani e indiani vaccinati avevano un rischio due volte maggiore rispetto agli individui bianchi.

Gli autori dell'articolo ipotizzano che questa scoperta possa riflettere altri fattori non fisiologici oltre lo scopo della ricerca.

Dicono: "Queste disparità etniche negli esiti di COVID-19 possono rappresentare un'esposizione differenziale residua (legata ad esempio al comportamento, allo stile di vita, alle dimensioni della famiglia e all'occupazione) più dei meccanismi di suscettibilità differenziale, sebbene riconosciamo anche che essere vaccinati può cambiare il comportamento (e esposizione) più in alcuni gruppi che in altri”.

Domande rimanenti

Ci sono stati così pochi decessi o ricoveri tra le persone che avevano ricevuto due dosi di vaccino nello studio che, scrivono gli autori, "la maggior parte delle informazioni sulle associazioni tra predittori e mortalità proviene da individui che hanno ricevuto solo una dose".

Ritengono che i numeri dopo la vaccinazione completa fossero troppo piccoli per trarre conclusioni sulla probabilità di contrarre un'infezione da rottura dopo la seconda dose rispetto alla prima.

I ricercatori inoltre non fanno alcuna distinzione tra i diversi vaccini somministrati alla coorte e non tracciano alcuna associazione tra loro e i risultati riportati.

Gli autori citano anche alcune altre limitazioni. Questi includono il breve tempo di follow-up dopo la vaccinazione - fino a 70 giorni - e l'inclusione di molti individui parzialmente vaccinati. Durante lo studio, inoltre, non hanno considerato i risultati associati a diverse varianti di SARS-CoV-2 a causa di dati insufficienti.

Per aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi riguardanti il ​​nuovo coronavirus e COVID-19, fare clic qui.