Individui neri e latini certi delle misure preventive di sicurezza COVID-19, tuttavia cinici riguardo alle iniezioni

vaccino

Secondo una ricerca di Rutgers, le persone nere e latine si sono molto informate sul COVID-19 e hanno anche partecipato ad azioni di salute pubblica come indossare la maschera e anche lo screening a causa delle esperienze negative durante la pandemia, ma sono ancora ciniche riguardo alle iniezioni.

Le ricerche per, che compaiono in JAMA Network Open, tratta la comprensione di ciò che incoraggia le persone nei quartieri neri e latini, che sono stati molto colpiti dalla pandemia, ad accogliere le misure preventive di sicurezza COVID-19, ma a pensarci due volte sulle iniezioni. Le ricerche potrebbero anche aiutare a creare messaggi e tecniche di salute pubblica adeguati.

I ricercatori hanno parlato con 111 individui neri e latini delle aree a basso reddito del New Jersey con alti tassi di infezioni da COVID-19 e anche decessi durante l'aumento preliminare nel 2020. Hanno anche parlato con gli operatori sanitari in questi quartieri per riconoscere i loro punti di vista.

"La paura, la malattia e la perdita vissute durante la pandemia li hanno motivati ​​a cercare intensamente informazioni e prendere precauzioni di sicurezza come indossare una maschera, il distanziamento sociale e lavarsi le mani per proteggere se stessi e i propri cari", ha affermato il co-autore Manuel Jimenez, un assistente insegnante di pediatria. farmaci, farmaci per la casa e anche area benessere presso la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School "Tuttavia, i partecipanti non si fidavano del processo di sviluppo del vaccino e volevano informazioni più chiare".

La ricerca ha scoperto che:

  • Gli individui Latinx, in particolare, hanno segnalato problemi nella ricerca di siti Web di screening, problemi di trasporto e anche ostacoli linguistici. Questo è stato molto più evidente per le persone prive di documenti che sono state informate di spendere per lo screening se sono squalificate per l'assicurazione contro la disoccupazione e anche per vari altri programmi di aiuto.
  • Alcune persone non si sentivano al sicuro dentro o fuori le loro case e spiegavano anche l'imprevedibilità riguardo al fatto che tra loro avessero l'infezione. Problemi di vita affollati hanno portato a chiamare i vicini della porta accanto e anche i coinquilini che avevano il COVID-19.
  • I partecipanti hanno dubitato di come un'iniezione per un'infezione nuova di zecca possa essere creata così rapidamente quando altre malattie sono in circolazione da anni senza iniezioni efficaci. Hanno anche condiviso i problemi che la procedura di crescita della vaccinazione, costituita da test scientifici, era stata effettivamente "affrancata" e anche preoccupata per gli effetti negativi di breve e lunga durata.
  • Hanno esaminato se le iniezioni avrebbero certamente antagonizzato le variazioni e hanno anche richiesto dettagli chiari e chiari sull'efficacia della vaccinazione.
  • Black desiderava vedere come gli altri avrebbero certamente reagito all'inoculazione.

"Dobbiamo ridurre le barriere logistiche e migliorare l'accesso ai test all'interno delle comunità svantaggiate, indipendentemente dallo stato della documentazione", hanno affermato le persone sospette dei sistemi sanitari e anche del governo federale, citando l'esperienza di fanatismo, trattamenti prevenuti e anche studi clinici ed errori. Shawna Hudson ha affermato che il co-principale dipartimento investigativo, insegnante e anche preside del dipartimento di studi di ricerca presso la Family Medicine of Community Health e anche la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School presso "Gli operatori sanitari dovrebbero offrire opzioni di test convenienti, siti accessibili a pochi passi, informazioni tradotte e trasparenza sui test gratuiti per affrontare queste barriere”.

logistico

"Le restanti incognite sui nuovi vaccini devono essere riconosciute e descritte affinché queste comunità possano prendere decisioni informate", devono essere affrontati gli ostacoli di Jimenez allo screening e anche l'incertezza sulla vaccinazione deve essere presa sul serio, hanno concluso gli scienziati. Scienziati e funzionari pubblici devono lavorare in collaborazione con leader di comunità fidati e professionisti della salute per fornire informazioni trasparenti, comprese le incognite rimanenti, in modo che queste comunità possano prendere decisioni informate piuttosto che concentrarsi su campagne di marketing per eliminare l'esitazione del vaccino». ha dichiarato. (*).