L'autismo può essere riscontrato durante l'infanzia facendo uso di una rapida serie di domande

autismo

Un nuovo studio condotto dall'Università di Cambridge raccomanda che l'autismo può essere trovato a 18-30 mesi utilizzando la lista di controllo quantitativa per l'autismo nei bambini (Q-CHAT), ma non è possibile determinare ogni bambino in giovane età che sicuramente in seguito essere rilevato come autistico. I risultati sono rilasciati oggi in La BMJPediatria Aperta

Il gruppo dell'Autism Research Center di Cambridge ha eseguito una potenziale ricerca di screening sulla popolazione di quasi 4,000 bambini utilizzando uno strumento di segnalazione dei genitori da loro creato, chiamato Quantitative Checklist for Autism in Toddlers (Q-CHAT). I bambini sono stati valutati a 18 mesi e aderiti fino a 4 anni.

La Q-CHAT è una modifica della CHAT iniziale rilasciata per la prima volta dagli stessi autori negli anni '1990. Mantiene le cose cruciali ma include cose aggiuntive che controllano la crescita del linguaggio, le abitudini ricorrenti e sensoriali, insieme a vari altri elementi delle azioni di interazione sociale. Ognuna delle 25 cose include una varietà di scelte di reazione, consentendo la raccomandazione di un prezzo ridotto di abitudini cruciali. Di conseguenza, questo "dimensionalizza" ogni cosa (usando un intervallo di regolarità a cinque punti), consentendo irregolarità nelle reazioni e una comprensione molto migliore delle circolazioni attraverso le caratteristiche particolari. L'alterazione è stata incoraggiata dal tentativo di migliorare la precisione della valutazione dei bambini per l'autismo.

Nel nuovissimo studio, nella prima fase, sono stati accolti 13,070 custodi per completare la Q-CHAT relativa al loro bambino a 18-30 mesi. 3,770 custodi hanno restituito il Q-CHAT, di cui 121 sono stati accolti per una valutazione di analisi dell'autismo.

Nella fase 2, l'esempio è stato seguito fino a quando i bambini avevano 4 anni, utilizzando il Childhood Autism Screening Test (CAST), nonché un elenco che chiedeva se qualcuno dei bambini fosse stato effettivamente riferito o rilevato con qualsiasi tipo di problemi di sviluppo, consistenti nell'autismo. Le analisi dell'autismo sono state utilizzate come approcci identificati in tutto il mondo.

Il livello di sensibilità (la percentuale di bambini autistici opportunamente determinata dal Q-CHAT come autistici) del Q-CHAT nella previsione dell'autismo allo stadio 2 è del 44%, così come l'unicità (la percentuale di bambini che non sono autistici oltre a quelli opportunamente determinati dalla Q-CHAT come non autistici) è del 98%. I risultati hanno inoltre rivelato che il "valore anticipato favorevole" (la percentuale valutata positivamente sulla Q-CHAT che si trovava come autistica) è del 28%.

Questa ricerca mostra che la scoperta molto precoce e la diagnosi medica dell'autismo è fattibile facendo uso della Q-CHAT, perché tutti gli 11 bambini che sono stati identificati come autistici hanno raggiunto o superato il cut-point di 39. La Q-CHAT lo ha fatto non determinare tutti i bambini durante l'infanzia che sono stati successivamente scoperti con l'autismo all'età di 4 anni. Questo probabilmente rispecchia il fatto che alcuni bambini autistici deludono segni e sintomi di abbastanza gravità fino a tardi nella giovinezza.

In vari altri studi di ricerca il gruppo ha effettivamente riscontrato che alcuni individui autistici non ottengono una diagnosi medica fino all'adolescenza o forse all'età adulta, probabilmente poiché l'assistenza dei membri della famiglia copre la richiesta di una diagnosi medica fino a quando i bisogni sociali non aumentano, ad esempio al cambiamento al liceo o passare agli anni dell'età adulta.

La dottoressa Carrie Allison, direttrice della strategia di ricerca presso il Centro di ricerca sull'autismo, nonché che ha guidato la ricerca, afferma che "questo studio ci dice che l'autismo può essere rilevato durante gli anni della prima infanzia e che altri bambini possono essere identificati come autistici solo in seguito. . Lo screening e la sorveglianza ripetuti in tutto lo sviluppo possono essere un approccio migliore piuttosto che fare affidamento su un singolo punto temporale".

Il professor Tony Charman, professore di psicologia clinica infantile al Kings College di Londra, nonché partecipante del gruppo, ha affermato che "lo screening per l'autismo nell'infanzia significa che i bambini possono essere indirizzati rapidamente all'intervento precoce, che sappiamo può portare a una migliore risultati per molti bambini. Questo è un progresso entusiasmante perché la maggior parte delle altre misure di screening dell'autismo nei bambini piccoli non sono state oggetto di rigorosi studi sulla popolazione di questo tipo".

Il professor Sir Simon Baron-Cohen, direttore del Centro di ricerca sull'autismo nonché partecipante del gruppo, ha dichiarato che "25 anni fa il nostro team è stato il primo a dimostrare che l'autismo poteva essere sottoposto a screening e diagnosticato a partire dai 18 mesi di età. Questo nuovo studio mostra come il nostro strumento di screening originale—il CHAT—è stato rivisto in uno strumento migliore—il Q-CHAT, che può raccogliere i bambini che hanno bisogno di una diagnosi di autismo. La diagnosi precoce significa bambini e famiglie più felici, più sani perché possono essere presi di mira con il supporto.”.