Clinica di ipertensione portale

Oltre al fatto che l'ipertensione portale ha un vasto complesso di sintomi, causato dall'aumento della pressione sanguigna del letto della vena porta (la grande vena attraverso la quale il sangue scorre dall'intestino al fegato) mentre il flusso venoso viene disturbato, caratterizzato da varie eziologie e concentrazioni, questa malattia può anche fungere da fattore che complica un altro tipo di malattia. In particolare, l'ipertensione portale può provocare le loro complicanze in ematologia, chirurgia vascolare, gastroenterologia e cardiologia.

Per quanto riguarda le cause che portano allo sviluppo della malattia in questione, sono estremamente diverse. Come causa principale, nel frattempo, viene identificata una lesione massiccia che colpisce il parenchima epatico a causa di un qualche tipo di malattia del fegato. Questi includono, in particolare, epatite (in forma acuta o cronica), tumori al fegato, cirrosi, infezioni parassitarie, ecc.

Lo sviluppo dell'ipertensione portale è anche possibile a causa di patologie causate da colestasi (forma extraepatica o intraepatica). Inoltre, lo sviluppo di questa malattia è promosso da cirrosi biliare primaria / secondaria del fegato, colelitiasi, tumore del dotto biliare, tumore del dotto biliare, tumore della testa del pancreas, legatura o danno intraoperatorio ai dotti biliari.

Nello sviluppo dell'ipertensione portale, si distinguono anche processi patologici nel corpo, come una forma congenita di atresia e trombosi, stenosi o compressione tumorale concentrata direttamente nell'area della vena portale, aumento della pressione del cuore destro (patologia effettiva con pericardite costrittiva e cardiomiopatia restrittiva).

Infezione e terapia di massa basate sull'assunzione di diuretici e tranquillanti, sanguinamento gastrointestinale, eccesso di proteine ​​di origine animale nella dieta e abuso di alcol sono spesso identificati come fattori decisivi sotto forma di una sorta di impulso nella formazione del quadro clinico del la malattia.

L'ipertensione portale (ipertensione portale) è una sindrome che si verifica nei bambini e negli adulti su uno sfondo di flusso sanguigno alterato nel sistema venoso portale. Quest'ultima è una grande nave che scorre nel fegato. Raccoglie sangue povero di ossigeno da molti organi addominali. Il diametro della vena porta raggiunge 1,5 cm. Ha diversi rami di grandi dimensioni.

La sindrome dell'ipertensione portale è pericolosa per le sue complicanze. Uno di questi è il sanguinamento interno.

L'ipertensione portale si verifica:

La base per tale classificazione è la localizzazione del sito in cui la circolazione sanguigna è compromessa. Ogni forma nasce per vari motivi.

Esistono 4 fasi di sviluppo dell'ipertensione portale:

  1. Lo stadio iniziale (preclinico) - si osservano disturbi funzionali.
  2. Moderato (compensato) - caratterizzato da un pronunciato aumento della milza. Le vene esofagee sono leggermente dilatate. Non si osserva accumulo di liquido nella cavità addominale. Durante questo periodo, sono inclusi meccanismi compensativi.
  3. Grave (scompensato) - caratterizzato da grave sindrome emorragica. Si osservano gonfiore e ascite.
  4. Complicato (il più pericoloso): può portare alla morte di una persona a causa dello sviluppo di insufficienza epatica acuta.

Le cause dell'ipertensione portale sono diverse. I seguenti fattori sono di grande importanza:

  • epatite acuta e cronica;
  • malattie parassitarie (schistosomiasi, alveococcosi, echinococcosi);
  • cirrosi epatica;
  • tumori benigni e maligni;
  • neoplasie del tratto biliare;
  • cancro al pancreas;
  • trombosi;
  • colelitiasi;
  • spremitura dei vasi sanguigni;
  • cardiomiopatia;
  • compressione del cuore su uno sfondo di ispessimento del pericardio;
  • avvelenamento con vari veleni;
  • Sindrome di Budd-Chiari;
  • malattie infettive;
  • sarcoidosi;
  • un'overdose di tranquillanti;
  • sanguinamento;
  • gravi ustioni;
  • lesioni.

La forma preepatica si sviluppa più spesso su uno sfondo di trombosi. L'intasamento del coagulo di sangue del portale e delle vene spleniche è pericoloso. Se un bambino è malato, la causa potrebbe risiedere nella patologia congenita. A volte viene rilevato un restringimento della nave. Questo provoca ipertensione. Spesso, i sintomi si verificano a causa della spremitura della nave.

Questo si osserva con tumori di grandi dimensioni. La forma preepatica viene diagnosticata raramente. Rappresenta fino al 4% di tutti i casi di questa patologia. L'ipertensione intraepatica più frequentemente rilevata. Le cause sono cirrosi biliare (proliferazione del tessuto connettivo), sarcoidosi, iperplasia, infezione da tubercolosi, malattie del sangue, policistico, epatite alcolica, fibrosi.

L'ipertensione postepatica è causata da altri fattori. Può essere una complicazione dell'insufficienza cardiaca del tipo ventricolare destro. Altre cause includono trombosi, aumento del flusso sanguigno nel sistema venoso portale e comunicazione del sangue arterioso con venoso. Spesso, l'avvelenamento con funghi, droghe, sostanze chimiche e vari composti tossici porta a questa patologia.

I fattori predisponenti per lo sviluppo dell'ipertensione portale sono:

  • il fumo;
  • alcolismo;
  • contatto con sostanze nocive;
  • vene varicose;
  • ipodynamia;
  • malattia del cuore;
  • infezioni virali;
  • somministrazione di droghe;
  • rapporti sessuali non protetti.

L'aumento della pressione è dovuto ad un aumento della resistenza vascolare, aumento del flusso sanguigno, ostruzione meccanica e presenza di collaterali.

I sintomi dell'ipertensione portale non sono specifici. È difficile stabilire una diagnosi accurata. I segni più comuni sono i seguenti:

  • un aumento delle dimensioni della milza;
  • espansione delle vene;
  • ascite;
  • dolore addominale;
  • gonfiore;
  • mancanza di appetito;
  • vomito;
  • nausea;
  • dolore nell'ipocondrio destro.

Se la causa era il ristagno della bile sullo sfondo dei condotti di compressione, si osserva l'ittero. Il colore della pelle del paziente cambia. Nelle prime fasi della sindrome dell'ipertensione portale, i sintomi includono dispepsia, sensazione di pesantezza nell'ipocondrio a destra, flatulenza e malessere. Spesso c'è una violazione delle feci.

Molti sono preoccupati per il dolore addominale. Sullo sfondo di questa patologia, il peso corporeo diminuisce. Il motivo è la mancanza di appetito. Dopo aver mangiato, la sensazione di pienezza dello stomaco disturba. I primi sintomi dell'ipertensione portale includono splenomegalia. Con una diminuzione della pressione, le dimensioni della milza si normalizzano.

L'ipersplenismo si sviluppa spesso. Questa è una condizione in cui il numero di cellule del sangue è ridotto. Nella milza di una persona, si verifica la loro distruzione. Con l'aumentare della pressione, questo processo viene interrotto. Vengono rilevati anemia, trombocitopenia e leucopenia. I segni dell'ipertensione portale includono le vene varicose. I vasi nell'addome, nell'esofago, nello stomaco e nell'ano sono interessati.

Quando la regione ombelicale è coinvolta nel processo delle vene, viene rivelata la "testa di medusa". In tali pazienti, i vasi dilatati con nodi compaiono attraverso la parete addominale anteriore. Le vene varicose spesso causano sanguinamento. Questo porta all'anemia. Una manifestazione tardiva dell'ipertensione portale è l'ascite. Con esso, il volume dell'addome aumenta a causa dell'accumulo di liquido.

A volte l'ascite è combinata con l'idrotorace. Quando si esaminano i pazienti, viene rilevato l'edema. Molto spesso sono determinati nella zona della caviglia. Sullo sfondo di questa patologia, soffrono lo stomaco e l'intestino. Erosioni e ulcere si formano sulle loro mucose. Il fegato nella maggior parte dei casi non aumenta. Altri sintomi includono sangue nelle feci.

Le complicanze dell'ipertensione portale sono poche. La ragione principale del loro sviluppo è l'automedicazione. Con questa patologia vascolare, sono possibili le seguenti complicazioni:

  • sanguinamento;
  • all'encefalopatia;
  • polmonite da aspirazione;
  • anemia;
  • sepsi;
  • peritonite;
  • insufficienza renale;
  • insufficienza epatica.

In assenza di un trattamento adeguato, è possibile un esito fatale. La terribile conseguenza dell'ipertensione portale sta sanguinando dalle vene dell'esofago. Nel 60% dei casi è enorme. Il sanguinamento porta a un deterioramento delle condizioni generali di una persona. Ciò si manifesta con debolezza, pallore della pelle, aumento della frequenza cardiaca e perdita di coscienza.

Il sanguinamento può essere nascosto. In questo caso, il sangue non esce all'esterno, ma si riversa nel lume o nella cavità degli organi. La ragione del loro aspetto è il danno allo stomaco e all'intestino sullo sfondo dell'ipertensione portale. Ciò accade con danni alle ulcere e all'erosione. La violazione del fegato contribuisce all'intossicazione del corpo. Il contenuto di sangue dei composti azotati aumenta.

Ciò provoca lo sviluppo di encefalopatia epatica. Ci sono 4 fasi del suo sviluppo. Al 1 ° stadio, sono possibili sintomi come irritabilità, labilità dell'umore, disturbi del sonno, ridotta attenzione. La fase 2 è caratterizzata da sonnolenza diurna, disorientamento e un cambiamento nel comportamento del paziente. Nella fase successiva si sviluppa l'amnesia. La coscienza diventa confusa. Sorgono giudizi che non sono veri. Lo stadio 4 si manifesta in coma.

Sullo sfondo di una ridotta funzionalità dello stomaco e sanguinamento, può svilupparsi polmonite. Questo succede quando ingoia accidentalmente il vomito. Tale polmonite si chiama aspirazione. In alcuni pazienti con ipertensione portale, si formano ernie. Sono inguinali, femorali, ombelicali. Lo stato dei reni dipende dalla funzione del fegato. Con l'aumentare della pressione, spesso si sviluppa la sindrome epatorenale.

Anatomia della domanda

Chiave per comprendere il problema del portale
ipertensione sono:

conoscenza dell'anatomia del sistema venoso
umano, e soprattutto, il sistema
vena portale in cui entra
sangue venoso dalla milza, stomaco,
esofago cardiaco sottile
e intestino crasso.

la struttura delle pareti delle vene, questi organi,
adattato alla pressione venosa
in un sistema portale non superiore
140-160 mm. acqua, Art., il cui aumento
porta a vene varicose,
e soprattutto il terzo inferiore, il cardiaco
sezioni dell'esofago e dello stomaco.

Esposizione a fattori scatenanti
erosione, rottura varicosa
vene dilatate che portano a intensi
sanguinamento gastrointestinale,
il cui volume e intensità sono diritti
influenza proporzionalmente la progressione
insufficienza epatica (necrosi
epatociti), risultati del trattamento e
prospettive per la vita del paziente.

Il grado di compensazione epatica
Carenza di Child-Pugh prima
totale con cirrosi epatica, fondamentale
patogeno e prognostico
fattore nel trattamento di pazienti con portale
ipertensione.

Alto grado di meccanismi adattativi
organi e sistemi di una persona che soffre
ipertensione portale, con tempestivo
medico e chirurgico
correzione di eziologia e patogenetica
fattori.

Conoscenza
anastomosi che collegano la vena portale
e i suoi affluenti con sistema di vena cava, ha
grande importanza nella comprensione dei processi.
sviluppandosi durante la formazione del blocco
nel sistema del portale. Ce ne sono tre
principali gruppi di anastomosi portocavali
(Schema):

gastroesofageo,
collegando la vena portale con il superiore
vena cava attraverso la vena coronarica
vene gastriche, spaiate e semi-spaiate.

Anastomosi tra il plesso venoso
retto e vena cava inferiore attraverso
superiore (pool di vene portale) e
vene emorroidali inferiori (pool
vena cava inferiore).

Anestomosi formate dall'ombelico
vene.

Lo sviluppo dell'ipertensione portale
dipende dal grado di blocco del portale
sistemi e sviluppo portocaval
anastomosi.

trombosi varicosa; Le vene varicose dell'esofago
a causa di caratteristiche anatomiche
(tipo di struttura del tronco, friabilità
tessuto circostante) e deflusso retrogrado
sangue della loro sezione cardiaca dello stomaco,
a causa della maggiore pressione in
il sistema del portale è di solito
inerente al blocco intraepatico
(cirrosi), quindi il blocco subepatico
(anomalia della vena porta, trombosi portale
vene).

Con ipertensione portale segmentale
(trombosi venosa splenica) - a causa di
deflusso di alta pressione sanguigna
dalla milza attraverso le vene corte dello stomaco
(grande curvatura, fondo dello stomaco), varicosa
le vene del fondo sono ingrandite e
sezione cardiaca dello stomaco che è
importante criterio differenziale
ipertensione portale segmentale,
in combinazione con splenomegalia.

Ipertensione
vene portale accompagnate da un aumento
formazione di linfa e iperdinamica
ipertensione nei vasi linfatici,
questo a sua volta porta a diversi
disturbi strutturali e funzionali
organi addominali. abbreviazione
flusso sanguigno portale verso il fegato
accompagnato da un rallentamento in esso
processi metabolici dovuti a
diminuzione del flusso sanguigno e
corrispondente riduzione della quantità
epatociti.

Rallentare
processi metabolici nel fegato.
Cambiamenti simili si stanno verificando con
Cellule di Kupffer. Riducendoli
attività funzionale unita a
splenomegalia congestizia è accompagnata da
aumento dell'attività del reticoloendoteliale
sistema di milza, che ha il suo
la funzione specifica del "cimitero
elementi formati di sangue “, a causa di
che inizia il decadimento attivo di meno
elementi uniformi persistenti di sangue -
globuli bianchi e piastrine.

Fenomeni
ipersplenismo in una certa misura
compensato dall'iperfunzione del midollo osseo
cervello. Livello di pressione delle vene del portale
determinato da tre principali
fattori: le dimensioni del portale
flusso sanguigno, tono vascolare
diramazione di navi portali e
vascolare intraepatico comune
resistenza.

Ipertensione portale
con cirrosi epatica comporta
vasodilatazione della cavità addominale. esso
a sua volta porta ad un aumento
flusso sanguigno portale. Da quanto precede
ne segue la patogenesi del portale
l'ipertensione non può essere ridotta solo a
ostruzione venosa intraepatica
flusso sanguigno meccanico a
lui regolazione degli ostacoli
angioarchitettonica del fegato e altro
fattori locali.

E
deviazioni funzionali menzionate,
ciò che apre l'opportunità
effetti farmacologici su
loro. Aumentare la pressione del sistema
contribuiscono anche le vene del portale
anastomosi artero-venose tra
rami dell'arteria e del portale epatici
vene nei setti fibrosi (setti),
portando ad un ulteriore afflusso
sangue nel sistema portale.

non
in dubbio che organico
substrato portale di ipertensione e
linfoproduzione eccessiva dovuta a
difficoltà nel deflusso venoso da
fegato, occupano quasi centrale
posto nella genesi di uno dei principali
manifestazioni intraepatiche
blocco portale - ascite. non
meno, sarebbe un errore ridurre tutto
solo per quello.

Uno dei prerequisiti
per lo sviluppo dell'ascite sono i turni
nella renina-aldosterone-angiotensina
sistema. Tieni presente il ruolo dell'eccesso
attivazione della renina-angiotensina
meccanismo che porta all'ipersecrezione
aldosterone. Ciò è dovuto a una violazione.
perfusione renale intrinseca
cirrosi epatica comune emodinamica
turni.

Un altro fattore di sviluppo
l'ascite serve ipoalbuminemia con
un calo della pressione oncotica plasmatica
sangue, che è noto per contribuire
l'uscita dell'acqua intravascolare oltre
letto vascolare. Sviluppando a
Vasodilatazione CP di arteriole d'organo
la cavità addominale porta a coerenza
attivazione dell'impulso simpatico,
ciò che stimola il rilascio dei reni
secrezione renina e antidiuretica
ghiandola pituitaria ormonale.

Un'altra conseguenza
serve ipertonicità simpatica
perfusione renale compromessa, e in parte
casi - e un calo della loro produzione
prostaglandine. Implica
ridotta filtrazione glomerulare con
ritenzione di sodio e acqua, che nel suo
turn promuove l'educazione
ascite. Questo si traduce in deterioramento.
condizioni di circolazione sanguigna più bassa
vena cava e negli organi della cavità addominale.

Tuttavia, respiratorio
gite e difficili
attività cardiaca. emergenti
aumento della pressione addominale
promuove il gastroesofageo
reflusso, che a sua volta
può causare sanguinamento da
vene varicose dell'esofago.

Il valore più alto per la previsione
l'ipertensione portale ha una laurea
attività e progressione
processo cirrotico nel fegato,
che influisce sulla funzionalità
fegato (insufficienza epatica),
quale in relazione a pazienti con portale
l'ipertensione è classificata su una scala
Child-Pugh. Insieme ad aumentato
pressione intra-addominale (ascite, costipazione,
duro lavoro fisico) in aumento
probabilità di dilatazione varicosa
vene esofagee, fattori provocatori
gastrointestinale
sanguinamento sono

peptico
fattore - (esofagite da reflusso)

lesione della vena esofagea con cibo grosso (osso)

Violazioni
emostasi dovuta a epatica
insufficienza e fenomeni di ipersplenismo.

Pertanto, la sindrome del portale
ipertensione come complicazione di malattie
fegato e vasi sanguigni del sistema portale,
con la formazione di vene varicose
vene esofagee e minacce di morte
il sanguinamento diventa fondamentale
ruolo nella previsione della vita del paziente, e
mette al primo posto le misure terapeutiche,
mirato alla prevenzione e all'arresto
sanguinamento gastrointestinale.

La vena porta passa attraverso il fegato - un grande vaso attraverso il quale scorre sangue dalla milza, dallo stomaco, dall'intestino e dal pancreas. È una fusione di tre vene: mesenterica e splenica superiore e inferiore. La lunghezza di questo tronco venoso è di circa otto centimetri e il diametro è di circa un anno e mezzo.

Normalmente, la pressione sanguigna nella vena porta varia da 7 a 10 mm. Hg. Art. Tuttavia, per alcune malattie, sale a 12-20 millimetri: è così che si sviluppa l'ipertensione portale - una sindrome complessa costituita da diversi sintomi specifici.

Caratteristiche del corso di ipertensione portale

L'ipertensione portale nel suo corso può corrispondere allo stadio funzionale e allo stadio organico. Lo stadio funzionale è caratterizzato da un tono caratteristico dei vasi periferici, da caratteristiche regolatorie del flusso sanguigno del fegato e da vasi reologici del sistema portale. Per quanto riguarda lo stadio organico, è caratterizzato dalla compressione dei sinusoidi e dalla loro distruzione, dalla comparsa di vasi portoepatici e dalla proliferazione nelle zone lobare del centro connettivo del tessuto connettivo. Individuiamo i principali processi che caratterizzano l'intera patologia che ci interessa:

  • il verificarsi di un'ostruzione meccanica che interferisce con il deflusso del sangue;
  • un aumento del flusso sanguigno della vena porta;
  • maggiore resistenza dalle navi portali;
  • la formazione tra il flusso sanguigno sistemico e il canale della vena porta dei collaterali;
  • lo sviluppo dell'ascite, che agisce come uno dei sintomi più importanti della malattia;
  • splenomegalia (cioè ingrossamento della milza) derivante da ipertensione portale e caratterizzata da congestione in combinazione con iperplasia cellulare nel sistema reticolo-istiocitico e proliferazione del tessuto connettivo nella milza;
  • encefalopatia epatica - una condizione in cui l'ipertensione portale passa con lo sviluppo di anastomosi porto-cavali.

Sintomi e segni

La sindrome dell'ipertensione portale ha il seguente quadro sintomatico nella fase 1:

  • una sensazione di pesantezza nella parte destra;
  • flatulenza;
  • deterioramento delle condizioni generali.

Segni di ipertensione portale a 2 fasi di sviluppo:

  • aumento dell'intensità del dolore nella parte destra;
  • gonfiore;
  • segni di disturbi digestivi;
  • dolore epigastrico;
  • una sensazione di eccesso di cibo dopo aver mangiato una piccola quantità di cibo;
  • frequenti segni di nausea.

I sintomi dell'ipertensione portale allo stadio 3 sono accompagnati dallo sviluppo di ascite, una patologia in cui il liquido si accumula nella cavità addominale, ma senza sanguinamento.

Manifestazioni della malattia in 4 fasi:

  • ascite complesse che non possono essere trattate con farmaci;
  • sanguinamento degli organi interni;
  • segni di vene varicose nel sistema digestivo.

Nei pazienti con questa sindrome, altre malattie possono svilupparsi in parallelo, incluso quelle cardiovascolari, che portano ad un costante aumento della pressione sanguigna e allo sviluppo dell'ipertensione.

Le manifestazioni della sindrome sono diverse e dipendono dalla localizzazione della patologia e dallo stadio di sviluppo.

Lo stadio iniziale (compensato) dell'ipertensione portale potrebbe non manifestarsi affatto o avere la forma di disturbi digestivi. I pazienti lamentano:

  • Gonfiore e flatulenza;
  • Eruttazione e nausea;
  • Dolore nella regione epigastrica;
  • Violazioni delle feci (diarrea).

Nei test biochimici del fegato, non si osservano deviazioni, anche se l'ipertensione portale raggiunge numeri significativi.

Senza trattamento, la sindrome si manifesta con un aumento dei fenomeni dispeptici, mentre l'esame rivela vene varicose moderate nella parte inferiore dell'esofago e del cardias, nonché un leggero aumento della milza.

Questo è lo stadio finale in cui la sindrome si manifesta nelle condizioni più gravi:

  • Grave anemia;
  • Ascite (idropisia addominale);
  • Un forte aumento del fegato e della milza;
  • Sanguinamento dai vasi dello stomaco e dell'esofago;
  • I fenomeni di encefalopatia.

I primi sintomi dell'ipertensione portale sono dispeptici, che, di conseguenza, si manifestano in manifestazioni come flatulenza, nausea, instabilità delle feci (costipazione, diarrea), sensazione di pienezza dello stomaco, dolore nell'epigastrico, iliaco e ipocondrio destro. Si nota anche la perdita di appetito e la comparsa di debolezza, il paziente perde bruscamente peso e si stanca rapidamente, inoltre si sviluppa l'ittero.

In alcuni casi, la splenomegalia agisce come il sintomo principale che si manifesta tra i primi sintomi della malattia, mentre la sua gravità è determinata dalle caratteristiche del livello di ostruzione in combinazione con il valore di pressione che caratterizza il sistema portale. Dopo il completamento dell'emorragia nel tratto gastrointestinale, la milza diminuisce di dimensioni, il che contribuisce anche a una diminuzione della pressione, rilevante per il sistema portale nella generalità dei processi in esame.

È anche possibile una combinazione di splenomegalia e ipersplenismo, che è una sindrome le cui manifestazioni principali sono anemia, leucopenia e trombocitopenia. Lo sviluppo di questa sindrome è promosso da un aumento del livello di distruzione degli elementi formati nel sangue della milza durante la loro deposizione parziale (cioè la loro disconnessione temporanea dai processi di metabolismo e circolazione durante lo stoccaggio nel corpo per l'uso dopo alcuni tempo).

La differenza di ascite nel suo decorso con la malattia in questione è la persistenza delle manifestazioni in essa, così come la resistenza al trattamento ad essa applicato. Inoltre, si nota un sintomo in cui aumentano i volumi dell'addome, gonfiore delle caviglie. L'esame dell'addome rivela la presenza di una rete di vene dilatate concentrate nella parete addominale, mentre in apparenza questa manifestazione è simile alla "testa di medusa".

Una manifestazione sufficientemente pericolosa e caratteristica dell'ipertensione portale è il sanguinamento che si verifica nelle vene dello stomaco, dell'esofago e del retto, che sono sensibili ai cambiamenti sotto l'influenza delle vene varicose. Il sanguinamento nel tratto gastrointestinale ha una natura improvvisa di insorgenza, mentre la loro caratteristica distintiva è abbondante e soggetta a ricorrenza.

A causa di queste caratteristiche, si osserva rapidamente la comparsa di anemia postemorragica. In caso di sanguinamento dallo stomaco e dell'esofago durante la malattia in esame, appare melena (feci nere di consistenza simile al catrame con un odore fetido) e vomito sanguinante.

Il sanguinamento emorroidario è caratterizzato dalla comparsa di secrezione dal retto sotto forma di sangue rosso. Va notato che il sanguinamento che si verifica con l'ipertensione portale può essere innescato da vari tipi di lesioni della mucosa, riduzione della coagulazione del sangue, aumento della pressione intra-addominale e altri fattori.

Ipertensione portale: classificazione

La malattia è divisa in diversi tipi. La classificazione dell'ipertensione portale si basa sull'eziologia dello sviluppo della malattia:

  • Preepatico: il flusso sanguigno è disturbato nella vena fino a quando non entra nel fegato.
  • Intraepatico: si osserva un disturbo circolatorio in quella parte della vena che si trova all'interno dell'organo.

L'ipertensione intraepatica è divisa in sottospecie:

Altri tipi di malattia:

  • postepatico: la circolazione sanguigna è disturbata nelle vene che trasportano il sangue dalla vena cava inferiore;
  • misto: questo tipo di malattia combina diversi tipi separati di ipertensione.

Classificazione della malattia mentre si sviluppa:

  • Preclinico, primario.
  • Compensato, con un quadro sintomatico moderato.
  • Scompensato, con segni pronunciati.
  • Complicato, che porta allo sviluppo di molte complicazioni.

Ognuna delle fasi ha il suo quadro sintomatico e il grado di rischio di complicanze che si estendono al sistema digestivo.

In base al grado di prevalenza caratteristico della zona in cui vi è un aumento della pressione sanguigna, il portale può presentare ipertensione portale totale o ipertensione segmentale. Nel primo caso, la malattia copre completamente la vascolarizzazione, che appartiene completamente al sistema portale, nel secondo caso vi è una corrispondente limitazione del disturbo del flusso sanguigno lungo la vena splenica mantenendo la normale pressione e il flusso sanguigno nelle vene mesenteriche e portale in questo processo.

In base alle caratteristiche di localizzazione del blocco venoso, vengono determinati ipertensione portale preepatica e intraepatica, nonché ipertensione mista. La differenza nelle forme della malattia suggerisce la presenza delle proprie cause che contribuiscono alla loro insorgenza. Ad esempio, l'ipertensione portale preepatica, osservata in circa il 4% dei casi, si forma a causa di un flusso sanguigno alterato nelle vene splenica e portale, che è spiegato dalla loro compressione, trombosi, stenosi e altre manifestazioni patologiche, ecc.

La struttura della forma intraepatica della malattia può presentare blocchi presinusoidali, sinusoidali e postsinusoidali. Nella prima forma di realizzazione, il fattore inibitorio è di fronte ai sinusoidi (nel caso di trasformazioni policistiche, schistosomiasi, sarcoidosi, tumore e fegato nodulare), nel secondo - nei sinusoidi epatici (cirrosi, tumori, epatite), nel terzo - oltre i sinusoidi epatici (fibrosi, malattia alcolica, cirrosi epatica, malattia veno-occlusiva).

L'ipertensione portale subepatica, osservata in circa il 12% dei casi, è causata dalla rilevanza della sindrome di Badd-Chiari, dalla compressione o dalla trombosi della vena cava inferiore, dalla pericardite costrittiva o da altre cause.

Sulla base dei processi precedentemente elencati inerenti alla patologia e alle corrispondenti caratteristiche della sintomatologia, si distinguono le sue fasi:

  • stadio funzionale (iniziale);
  • stadio compensato (moderato) - la splenomegalia è caratterizzata da manifestazioni moderate, nessuna ascite, le vene esofagee sono soggette a leggera espansione;
  • stadio scompensato (grave) - splenomegalia, ascite edematosa e sindromi emorragiche hanno un carattere pronunciato di manifestazioni;
  • ipertensione portale con complicanze - in particolare, il sanguinamento derivante dalle vene varicose dello stomaco, dell'esofago e del retto, nonché le manifestazioni sotto forma di insufficienza epatica e peritonite spontanea, si distinguono come quest'ultimo.

1. operazioni
contribuendo allo scarico dell'ascite
fluidi - peritoneali-venosi
shunt (valvole di Levin, Denver),
anastomosi linfo-venosa (applicare).

2.
Operazioni di disaccoppiamento portoesofagee
connessioni vascolari (legatura delle vene dell'esofago,
resezione dell'esofago, legatura extraorganica
vene, operazioni sullo stomaco) - in
attualmente principalmente applicato
operazioni di emergenza MP Pazienti
- lampeggiamento delle vene sanguinanti dell'esofago
e la sezione cardiaca dello stomaco.

3. operazioni
limitazione del flusso sanguigno al portale
sistema (splenectomia - rigorosamente secondo
indicazioni, legatura delle arterie, resezione
coraggio: è passato alla storia).

4.
Operazioni che creano nuovo portocaval
anastomosi (anastomosi vascolari)
- emodinamico
correzione
con ipertensione portale.

5. Il radicale
operazioni (rimozione di tumori, cisti,
coaguli di sangue, ascessi di autopsia, estesi
resezione epatica con tumore,
estirpazione del fegato affetto da
trapianto sano).

b. operazioni
migliorare la rigenerazione del fegato
(resezione epatica, denervazione epatica
arterie, arterializzazione del fegato da parte di
anastomosi artero-venosa, medicazione
rami della vena portale, legatura
dotto biliare epatico - andato a
la storia).

Come e perché questo accade ai bambini

La cirrosi è una grave patologia epatica che si sviluppa per molte ragioni: negli adulti, il ruolo principale è svolto dall'alcol e dall'abuso di droghe. Inoltre, la cirrosi epatica inizia a seguito dell'uso prolungato di un numero di farmaci o di una lesione infettiva con epatite di varie origini.

La sindrome da ipertensione portale è una delle complicazioni più formidabili della cirrosi, quando, con gravi violazioni della struttura del fegato, compaiono ostacoli nella sua circolazione. Questi ostacoli, combinati con un aumento del flusso sanguigno nell'arteria epatica, portano ad un aumento della pressione della vena porta a 20-30 mm. Hg. Art.

Il corpo, cercando di prevenire la rottura della nave, lancia un sistema di circolazione del sangue "rotonda" attraverso anastomosi - il portale portale con la vena cava inferiore.

Sotto la pressione sanguigna, le pareti dei vasi dell'esofago, del cardias e di altre sezioni del tratto gastrointestinale si indeboliscono e si formano nodi varicosi nei loro punti più vulnerabili. La rottura dei nodi è irta di sanguinamenti gravi, che spesso causano la morte dei pazienti.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Fasi e manifestazioni

Lo stadio iniziale della sindrome con cirrosi è caratterizzato da disturbi dispeptici, dolore nell'ipocondria a destra e a sinistra, disagio nella regione epigastrica e sensazione di pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato. Feci eruttanti, instabili, nausea sono anche tra i primi sintomi della malattia.

I pazienti lamentano mancanza di appetito, affaticamento, sonnolenza e apatia.

Poiché questo insieme di sensazioni è abbastanza tipico per altre malattie del tratto gastrointestinale, intossicazione alimentare, i pazienti non si affrettano a vedere un medico e si rivolgono agli specialisti già con altre lamentele:

  • Sgabelli offensivi di colore nero
  • Vomito di sangue scarlatto o gesso (sangue coagulato)
  • Esacerbazione o prime manifestazioni di emorroidi

L'ascite (edema addominale) si unisce alle fasi successive della manifestazione della malattia, ma per qualche tempo è di natura transitoria, poiché è facilmente interrotta da un'adeguata terapia farmacologica. In futuro, l'idropisia addominale richiede la rimozione chirurgica del liquido dall'addome, che spesso porta allo sviluppo di peritonite e alla morte dei pazienti.

Spesso, già nella fase iniziale dell'ipertensione portale, i pazienti sviluppano ipersplenismo - una sindrome speciale caratterizzata da una significativa riduzione del numero di alcuni elementi del sangue formati - piastrine e leucociti. L'ipersplenismo è una conseguenza diretta di una milza ingrossata, splenomegalia, che accompagna sempre l'ipertensione portale.

L'ipertensione portale, accompagnata da sanguinamento dai nodi varicosi nell'esofago, nello stomaco e nell'intestino, porta all'assorbimento di una grande quantità di tossine dall'intestino. Causano intossicazione cerebrale, con conseguente stadio scompensato, comparsa di sintomi di encefalopatia.

Di solito sono classificati come segue:

  • Grado - i pazienti notano debolezza, affaticamento, sonnolenza, tremore delle dita e delle mani;
  • II grado - perdita della capacità di orientarsi sul posto e nel tempo, mentre rimane il contatto verbale con il paziente;
  • III grado - la mancanza di contatto con la parola si aggiunge all'incapacità di navigare nello spazio e nel tempo, ma la reazione al dolore persiste;
  • IV grado - si verificano convulsioni in risposta all'irritazione del dolore.

L'ipertensione portale è una diagnosi molto "adulta", ma viene anche somministrata ai bambini, sebbene la malattia sia estremamente rara in essi.

Il motivo principale per lo sviluppo di una patologia vascolare così grave nei bambini è un'anomalia congenita della vena porta. Recentemente, gli esperti hanno parlato dell'effetto della sepsi ombelicale, trasferita nel periodo neonatale. Tra le possibili cause dell'ipertensione portale nei bambini, viene anche chiamata onfalite - infiammazione infettiva del fondo della ferita ombelicale, che si sviluppa nelle prime due settimane di vita di un bambino a causa del mancato rispetto delle regole e della frequenza del trattamento dell'ombelico.

Clinica e sintomi

La malattia si manifesta in diversi modi: molto dipende dalla gravità dei cambiamenti patologici nella vena porta.

Il decorso lieve dell'ipertensione portale nei bambini è osservato con un'anomalia venosa leggermente pronunciata ed è caratterizzato da lievi sintomi rilevati per caso durante l'esame a causa di una milza ingrossata o cambiamenti nell'analisi del sangue (leucopenia).

L'ipertensione portale moderata viene diagnosticata nella prima infanzia e si manifesta con un forte aumento delle dimensioni della milza. Anche il sanguinamento dallo stomaco e dall'esofago può aprirsi.

Una forma grave di ipertensione portale si trova anche nel periodo neonatale, quando il bambino ha:

  • Scarico sieroso o uterino dalla ferita ombelicale a causa di onfalite;
  • Allargamento addominale;
  • Violazioni delle feci, feci mescolate con verdure;
  • Diminuzione dell'appetito

Tali bambini sviluppano sanguinamento gastrico precoce e sanguinamento dall'esofago. Ci sono ascite e splenomegalia. Una caratteristica dell'idropisia addominale nei bambini piccoli può essere considerata che non viene somministrata a cure mediche.

Nei bambini con ipertensione portale, persiste un appetito ridotto. L'addome e la milza rimangono notevolmente ingranditi, tuttavia, i problemi più gravi sono il sanguinamento esofageo-gastrico.

Durante il sanguinamento iniziale, i bambini lamentano debolezza, vertigini, nausea. Se la perdita di sangue è significativa, possono verificarsi svenimenti a breve termine. Altri sintomi includono tachicardia, vomito con sangue.

Trattamento

Il trattamento dell'ipertensione portale nell'infanzia viene effettuato con metodi conservativi e chirurgici.

Viene prescritto un trattamento conservativo per ridurre la pressione nella vena porta e per fermare l'emorragia interna, che è stata e rimane la manifestazione principale e più pericolosa della malattia. La terapia farmacologica viene eseguita nel solito intervento chirurgico o in un ospedale specializzato.

Le operazioni sono indicate nei casi in cui l'emorragia non può essere fermata utilizzando metodi conservativi, nonché quando riprende qualche tempo dopo l'interruzione. Il trattamento chirurgico viene effettuato per i bambini dai tre ai sette anni, a volte vengono operati anche pazienti di un anno.

I pazienti sottoposti a chirurgia di bypass portocavale di emergenza. Questa forma di chirurgia presenta diversi vantaggi rispetto a tutti i metodi per fermare l'emorragia improvvisa che sono stati utilizzati in precedenza: consente di evitare il digiuno prolungato, lo sviluppo di anemia, una diminuzione del volume del sangue circolante (ipovolemia) e molte altre gravi conseguenze .

Esistono anche metodi chirurgici per il trattamento dell'ipertensione portale nei bambini, il cui uso consente ai pazienti di essere curati prima del primo sanguinamento dall'esofago e dallo stomaco, che riduce significativamente il rischio di morte dei bambini o della loro ulteriore disabilità.

Una malattia simile è l'ipertensione essenziale.

Diagnostica Ultrasuoni

Il metodo esofagogastroscopico è il modo più semplice e conveniente per rilevare la patologia vascolare nello stomaco e nell'esofago. Durante la procedura, lo specialista identifica le vene dilatate in queste sezioni del tratto gastrointestinale, che diventa il criterio assoluto per diagnosticare la sindrome dell'ipertensione portale.

Al primo grado di espansione, le vene hanno un diametro fino a 3 mm, il secondo grado viene determinato aumentando il diametro dei vasi a 5 mm. Parlano del terzo grado quando il lume nelle vene dello stomaco e dell'esofago supera i 5 mm.

L'esame endoscopico consente di determinare con precisione non solo il grado di espansione dei vasi sanguigni, ma anche di prevedere la probabilità di sanguinamento da essi.

I presagi dell'emorragia sono:

  • Un aumento del diametro dei vasi dello stomaco e dell'esofago oltre 5 mm;
  • Tensione di nodi varicosi;
  • Trame di vasculopatia sulla mucosa;
  • Dilatazione (espansione) dell'esofago.

Nonostante l'evidente evidenza della sindrome dell'ipertensione portale e le elevate capacità diagnostiche delle moderne apparecchiature mediche, gli specialisti a volte incontrano difficoltà nell'identificare questa patologia vascolare.

Un tale problema sorge nei casi in cui l'ascite persistente rimane il sintomo dominante con cui il paziente entra in ospedale.

Qual è la differenza tra la sindrome dell'ipertensione portale? Di solito, i pazienti richiedono ulteriori consultazioni di specialisti ristretti per escludere malattie simili nell'insieme dei sintomi della malattia:

  • Pericardite da compressione;
  • Sindrome ascitica con tubercolosi;
  • Cisti ovariche invase nelle donne, spesso imitando l'ascite;

Una milza ingrossata, sempre presente nella sindrome dell'ipertensione portale, può essere un segno di condizioni completamente diverse - malattie del sangue, ma la nomina dell'endoscopia delle pareti dello stomaco e dell'esofago mette tutto al suo posto: la diagnosi dell'ipertensione portale è completamente rimossa se lo studio non rivela cambiamenti nelle navi.

Per fare una diagnosi accurata, è necessario un esame completo del paziente, incluso uno studio di laboratorio e metodi strumentali:

  • Esame fisiologico del paziente, analisi dei principali disturbi e anamnesi per determinare le cause della malattia.
  • Esecuzione di un esame del sangue generale. L'indicatore principale è il livello di piastrine che sono responsabili del processo di coagulazione del sangue.
  • Coagulogramma: questa analisi consente di tracciare la formazione ritardata di coaguli di sangue nei vasi sanguigni riducendo il contenuto quantitativo degli enzimi epatici.
  • Esame del sangue biochimico: consente di identificare la malattia, la causa principale dell'ipertensione.
  • Lo studio degli enzimi epatici viene condotto per analizzare lo stato e il funzionamento dell'organo.
  • Esame generale delle urine: valuta le condizioni e il funzionamento del sistema urinario.
  • Ultrasuoni: stima le dimensioni e il diametro della milza e del fegato. L'esame mostra la presenza di liquido nel tratto digestivo, consente di determinare il diametro e la pervietà delle vene che alimentano gli organi.
  • CT - tomografia computerizzata del tipo a spirale - esame strumentale, durante il quale il medico riceve le immagini più accurate degli organi interni, consentendo di considerare la presenza di processi patologici in essi.
  • Risonanza magnetica - una tecnica per l'esame degli organi interni con una risoluzione massima dell'immagine degli organi interni.
  • Radiografia del sistema circolatorio con l'uso di un mezzo di contrasto - determina il restringimento delle vene che impediscono la normale circolazione sanguigna e causano un aumento della pressione sanguigna.

Se tutti i suddetti metodi di esame di laboratorio e strumentale non forniscono un quadro completo dello stato del fegato e del sistema circolatorio di un organo, devi ricorrere alla laparoscopia - una tecnica per esaminare lo spazio intraperitoneale utilizzando un dispositivo ottico.

Con l'ipertensione portale, il trattamento inizia dopo un esame completo. condotto:

  • raccolta di anamnesi e anamnesi;
  • esame fisico (percussioni, palpazione, auscultazione);
  • misurazione di pressione, frequenza respiratoria e frequenza cardiaca;
  • ricerca di laboratorio e strumentale.

Il medico dovrebbe scoprire dalla persona per quanto tempo ha avuto lamentele. Assicurati di identificare i fattori di rischio per lo sviluppo dell'ipertensione portale. Gli studi strumentali più informativi. Questi includono:

  • Ultrasonografia dell'addome;
  • esame endoscopico (FEGDS);
  • dopplerografia;
  • tomografia computerizzata a spirale;
  • Risonanza magnetica;
  • splenomanometria;
  • ecocardiografia;
  • elettroencefalografia;
  • studio dello stato del tessuto epatico (elastografia);
  • scintigrafia;
  • laparoscopia;
  • radiografia.

Utilizzando fibroesofagogastroduodenoscopia, è possibile valutare le condizioni delle mucose dell'esofago, dello stomaco e dell'ulcera duodenale 12. Non meno importanti sono l'ispezione e l'esame fisico. Le modifiche più comunemente identificate sono:

  • un aumento dell'addome;
  • tono della pelle itterico;
  • sp>

Le capacità funzionali degli organi sono valutate con metodi di laboratorio. Sono richiesti i seguenti studi:

  • esami del sangue generali e biochimici;
  • analisi delle urine;
  • coagulogramma;
  • esame parassitologico;
  • rilevazione di anticorpi contro il virus dell'epatite;
  • esame istologico di un frammento di tessuto epatico.

Secondo le indicazioni, viene eseguito un test di tubercolosi. Assicurati di esaminare il livello di immunoglobuline nel sangue. Durante l'esame, è necessario stabilire il motivo principale dello sviluppo dell'ipertensione portale. Il trattamento di una persona dipende da questo.

Diagnosi di ipertensione portale

I metodi per diagnosticare la malattia in esame includono quanto segue:

  • esame del sangue generale (determina i segni corrispondenti all'ipersplenismo: anemia, leucopenia, trombocitopenia);
  • studio biochimico della composizione del sangue (condotto per segni di danno epatico);
  • sigmoidoscopia (determina l'apparente presenza di vene varicose nel sigmoide e nel retto sotto la mucosa);
  • esofagoscopia (consente di identificare le vene dello stomaco e dell'esofago che hanno subito un'espansione varicosa);
  • Ultrasuoni della milza, del fegato (determina la possibilità di valutare il diametro delle vene spleniche e portale e consente anche di rilevare la presenza di collaterali e diagnosticare la trombosi della vena porta);
  • tomografia computerizzata e risonanza magnetica (fornisce la capacità di visualizzare i vasi sanguigni del fegato);
  • dopplerografia (determina la velocità inerente al flusso sanguigno portale);
  • angiografia (indica la presenza di formazioni volumetriche nel fegato);
  • epatomanometria, splenomanometria (determinare la pressione intraepatica, nonché il grado inerente al corso di ipertensione portale).

Conseguenze e prognosi

Dal momento del primo sanguinamento, la mortalità è circa il 40-70% dei casi, mentre i pazienti sopravvissuti (il restante 30%) successivamente muoiono a causa di una ricaduta del sanguinamento, che di solito si verifica da pochi giorni a sei mesi dal momento del suo primo episodio.

Con sintomi che indicano la possibilità di una malattia come l'ipertensione portale, il trattamento è necessario con urgenza. Per questo motivo, si consiglia vivamente di visitare un gastroenterologo e un chirurgo.

La prognosi del decorso e dell'esito della sindrome dell'ipertensione portale dipende dalla malattia di base: ad esempio, se la cirrosi diventa la causa di una maggiore pressione nella vena porta, l'ulteriore sviluppo degli eventi è determinato dalla gravità del grado di insufficienza epatica.

Gli episodi di sanguinamento vengono fermati usando una sonda speciale, pizzicando un vaso sanguinante. Viene anche utilizzata la scleroterapia: l'introduzione con una frequenza di 2-4 giorni di una composizione speciale che sclerosizza le vene dell'esofago. L'efficacia di questo metodo è di circa l'80 percento.

In assenza dell'effetto del trattamento conservativo, vengono eseguiti interventi chirurgici, il cui scopo è:

  • Creazione di nuovi modi per il deflusso del sangue;
  • Diminuzione del flusso sanguigno nel sistema portale;
  • Liquido di prelievo dalla cavità addominale con ascite;
  • Blocco della connessione tra le vene dell'esofago e dello stomaco;
  • Accelerazione dei processi rigenerativi nei tessuti del fegato e miglioramento del flusso sanguigno in essi.

Le operazioni non vengono eseguite per pazienti anziani, donne in gravidanza e in presenza di gravi malattie concomitanti.

Con un trattamento tempestivo della malattia nelle prime fasi, la prognosi è favorevole. Se la sindrome è stata iniziata, possono svilupparsi le seguenti complicanze: anemia, sanguinamento interno, encefalopatia epatica, anastomosi.

Con lo sviluppo di complicanze sullo sfondo dell'ipertensione portale, la prognosi è meno favorevole; nella maggior parte dei casi è necessario un intervento chirurgico con un lungo periodo di riabilitazione e alti rischi di recidiva.

L'ipertensione lanciata nell'ultima fase senza terapia di mantenimento può portare a un'interruzione totale del funzionamento del fegato e della milza, che porta a una disfunzione dell'intero sistema digestivo. La morte non è esclusa.

Cause di

L'ipertensione di tipo portale è un processo patologico in cui le pareti dei vasi sanguigni si indeboliscono, il volume del sangue aumenta in essi e, di conseguenza, si verifica un aumento della pressione, che è stabile, permanente.

Una forma portale di ipertensione si verifica principalmente con la cirrosi, quando si formano cicatrici sui tessuti molli che impediscono il pieno flusso di sangue. La vena porta è un grande vaso sanguigno attraverso il quale il sangue scorre dallo stomaco, dalla milza, dall'esofago, dall'intestino (eccetto il retto) al fegato.

Le cause dell'ipertensione portale possono essere le seguenti:

  • vene varicose nell'esofago;
  • sovrapposizione della vena che nutre la milza con un coagulo di sangue;
  • atresia (assenza parziale o completa) o stenosi (restringimento) delle pareti della vena porta, che è di natura congenita;
  • schistosomatosi - infezione del corpo con parassiti;
  • cirrosi di tipo biliare nella fase iniziale di sviluppo;
  • policistico;
  • la presenza di metastasi tumorali che colpiscono il fegato o la milza;
  • cirrosi;
  • epatite alcolica acuta;
  • trombosi venosa del fegato;
  • sviluppo di insufficienza cardiaca del ventricolo destro;
  • epatite cronica;
  • un aumento del volume del sangue nella milza.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic