Indicazioni di ablazione cardiaca per chirurgia, complicanze, riabilitazione

L'ablazione cardiaca è uno dei tipi di interventi chirurgici utilizzati nel trattamento delle aritmie. I disturbi del ritmo cardiaco raddoppiano il rischio di conseguenze fatali nei pazienti. Con l'aritmia, c'è una predisposizione alla formazione di coaguli di sangue, allo sviluppo di ictus, all'insufficienza cardiaca.

Indubbiamente, le aritmie dovrebbero essere trattate prontamente. L'uso dell'ablazione inizia negli anni '80 del XX secolo, quando fu creata una concentrazione controllata di necrosi sul miocardio usando vari fattori fisici. Viene creato il cosiddetto blocco AV artificiale.

Nella regione di cauterizzazione, l'impulso di eccitazione è bloccato. In questo caso, il lavoro del muscolo cardiaco attorno alla cicatrice formata non viene interrotto e viene ripristinato il ritmo del polso cardiaco. Questa operazione ad alta tecnologia minimamente invasiva consente di influenzare efficacemente il decorso dell'aritmia.

L'uso dell'ablazione cardiaca inizia dal secolo scorso - dagli anni '80. L'ablazione di quel tempo fu una tale operazione in cui fu creato artificialmente un focus sulla necrosi (un sito di tessuto miocardico morto). Ciò è diventato possibile grazie al fatto che sono stati utilizzati vari fattori fisici - sia l'energia laser che gli impulsi elettrici, ecc.

Di conseguenza, ciò impedisce il verificarsi di quegli impulsi che si verificano nella fase di rilassamento del cuore (diastole), che non interferisce con il normale funzionamento del cuore. Ulteriori ricerche nel campo dell'ablazione cardiaca si sono ridotte al fatto che era necessario inventare un tale metodo che abbia un effetto misurato sul tessuto miocardico e non influisca negativamente sulle strutture adiacenti.

Il vantaggio del metodo è che nell'area che si trova nelle vicinanze non si verificano cambiamenti patologici: la loro contrattilità e capacità di condurre un impulso nervoso non vengono violate. Pertanto, l'uso dell'ablazione a radiofrequenza del cuore si riferisce alle cure mediche ad alta tecnologia, che hanno un numero minimo di complicanze, combinato con un'alta efficienza.

Come qualsiasi operazione e intervento invasivo, l'ablazione cardiaca ha le sue controindicazioni. La conoscenza di queste controindicazioni riduce al minimo il numero di esiti avversi di questo intervento chirurgico. Possono essere determinati solo dopo un esame clinico, di laboratorio e strumentale dettagliato del paziente.

Le principali controindicazioni sono:

  • grave condizione del paziente, che è causata da vari processi patologici;
  • endocardite infettiva, cioè un processo infiammatorio che è caratterizzato da un danno all'endocardio (strato interno del cuore);
  • disturbi elettrolitici dell'acqua che possono portare ad aritmie (in questo caso, la correzione dei disturbi rivelati porta al ripristino del ritmo cardiaco, che impedirà un'operazione irragionevole);
  • grave insufficienza cardiaca (sub- e scompenso dell'insufficienza cardiaca);
  • insufficienza respiratoria acuta di varie origini;
  • temperatura elevata, che richiede un chiarimento della natura del suo aumento, nonché il successivo trattamento di questa condizione patologica (sullo sfondo della febbre, il rischio di fallimento aumenta più volte);
  • un significativo aumento costante della pressione sanguigna, che non è suscettibile di correzione medica;
  • la presenza di intolleranza allergica alla sostanza radiopaca, che viene utilizzata durante l'ablazione del cuore (questa è una controindicazione relativa, poiché esiste la possibilità di utilizzare un altro farmaco);
  • ipersensibilità individuale allo iodio, che fa parte di molte sostanze radiopaco;
  • grave insufficienza renale;
  • una significativa riduzione dell'emoglobina nel sangue, ecc.

Questo metodo non ha ancora ricevuto molto sviluppo nei paesi dello spazio post-sovietico, ma ci sono già centri medici che conducono tali operazioni. L'ablazione laser, come la radiofrequenza, è progettata per disattivare le aree aritmogene del cuore, mentre, a differenza dell'RFA, qui vengono utilizzate le radiazioni laser.

Ma, sfortunatamente, questa operazione costerà al paziente un ordine di grandezza più costoso. Per ulteriori informazioni, contattare il medico.

Vantaggi della tecnica

L'ablazione con radiofrequenza del cuore è un intervento che viene eseguito per eliminare l'aritmia. Per normalizzare il ritmo del cuore, la sua parte che provoca aritmia viene cauterizzata, creando un blocco AV. L'area del cuore su cui è stata eseguita la cauterizzazione blocca il passaggio del polso.

Questa è una procedura, la cui essenza è la registrazione dei potenziali biologici dalla superficie interna del cuore. Per la sua implementazione, vengono utilizzati elettrodi per catetere collegati al registratore. Inoltre, un test cardiaco prima dell'intervento include:

  • elettrocardiografia, compreso il monitoraggio giornaliero;
  • ecocardiografia;
  • esami del sangue di laboratorio;
  • imaging a risonanza magnetica del cuore.

Almeno 8 ore prima della RFA, il paziente non deve assumere cibo o medicine. L'ablazione con radiofrequenza viene eseguita con l'introduzione dell'anestesia combinata: in primo luogo, al paziente viene somministrato anestetico localmente, quindi per via endovenosa. Successivamente, iniziano a condurre RFA:

  1. Un catetere speciale viene passato attraverso la nave al cuore. Ti consente di rimuovere le informazioni necessarie sullo stato del cuore e fornire il monitoraggio della procedura.
  2. Le sonde per elettrodi sono installate per il paziente e forniscono stimolazione continua e stimolazione ventricolare sinistra. Nella regione anteroseptale dell'atrio destro, è installato un elettrodo di ablazione.
  3. In questa fase, l'RFA esamina il funzionamento del fascio di His: per questo, vengono eseguite la permutazione multipla degli elettrodi e un effetto ad alta frequenza sulla fonte di aritmia. L'esposizione viene effettuata ad una temperatura di circa 60 gradi.
  4. Dopo aver creato un blocco AV, è necessaria una stimolazione elettrica temporanea. Se il ritmo normale è stabile, l'ablazione cardiaca termina, tuttavia, se necessario, è possibile impiantare un pacemaker nel paziente.

La RFA con fibrillazione atriale dura fino a 6 ore. Oltre alla radiofrequenza, esistono altri tipi di ablazione:

Tuttavia, l'ablazione del cuore con la creazione del blocco AV, a giudicare dalle recensioni dei pazienti, è considerata il modo più sicuro per trattare la fibrillazione atriale.

L'ablazione cardiaca con fibrillazione atriale è un intervento chirurgico minimamente invasivo, con il quale è possibile rimuovere i fuochi che causano un malfunzionamento di questo organo. Nella lotta contro l'aritmia, questa tecnica è più efficace.

Nel corso di tale terapia, il medico cauterizza le aree interessate, che emettono impulsi non necessari. Grazie a ciò, il problema con il flutter atriale scompare completamente, viene ripristinata la funzione naturale dell'organo.

Tuttavia, permane il rischio di ri-sviluppare la malattia dopo l'ablazione. Di solito questo accade nelle persone che non seguono le raccomandazioni dei medici dopo l'intervento chirurgico.

Ablazione cardiaca - un intervento chirurgico volto ad eliminare i disturbi del ritmo

La maggior parte degli specialisti consiglia ai pazienti che soffrono di aritmie cardiache di eseguire questo tipo di intervento chirurgico, poiché presenta i seguenti vantaggi:

  • eseguito con anestesia minima;
  • non è necessario effettuare tagli;
  • non vi è alcun rischio di lesioni in aree sane del cuore;
  • durante la procedura, il miocardio non viene a contatto con l'ambiente, poiché l'operazione viene eseguita perforando i vasi;
  • la procedura viene eseguita utilizzando apparecchiature di alta qualità, che riducono al minimo il rischio di effetti collaterali e complicanze.

A seconda del problema che deve essere risolto, il costo della procedura varia da 30 a 000 rubli. Il tipo più costoso di intervento è con flutter atriale.

Vantaggi e svantaggi

L'ablazione con fibrillazione atriale ha i suoi lati positivi e negativi. I vantaggi della tecnica sono i seguenti:

  • Ripristino rapido rispetto al normale funzionamento.
  • Alta efficienza. È possibile ottenere l'eliminazione dell'aritmia nel 90% dei casi.
  • Procedura minimamente invasiva, a causa della quale, dopo l'intervento, una traccia quasi impercettibile.
  • Indolore quando si utilizza l'anestesia locale.
  • Buona tolleranza all'intervento chirurgico.

Tra le carenze, si può solo rilevare che una tale procedura non può ancora essere eseguita in piccoli insediamenti ed è tenuta a pagarla. Esiste anche il rischio di complicanze se non si seguono chiaramente tutte le raccomandazioni del medico.

Prepararsi alla procedura

Cardiolgli ogisti assicurano che il risultato finale dipende in gran parte dalla corretta esecuzione della preparazione. Il paziente dovrà non solo sottoporsi a un esame completo, ma anche seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico.

La diagnostica standard include i seguenti passaggi:

  1. Analisi generale di sangue e urina.
  2. Biochimica.
  3. Coagulogramma.
  4. Radiografia del torace.
  5. Risonanza magnetica del cuore.
  6. Test per HIV, sifilide ed epatite.
  7. Test di iperattività.
  8. Esame ecografico del muscolo cardiaco.
  9. Studio elettrofisiologico del miocardio.

In rari casi, al paziente viene anche prescritta una consultazione da un neurologo ed endocrinologo.

2 giorni prima dell'evento, il paziente viene ricoverato in una clinica. Questo è necessario per tutti gli esami necessari.

Deve ricordare le seguenti regole:

  • la preparazione comporta l'assenza di attività fisica, stress ed esperienze nervose, il paziente deve essere a riposo;
  • Sono necessari 2 giorni per interrompere l'assunzione di farmaci antiaritmici;
  • è necessario aderire alla corretta alimentazione, escludere cibi grassi e fritti dalla dieta;
  • l'ultimo pasto prima dell'intervento deve essere entro e non oltre le 12 ore;
  • il giorno della procedura, il paziente non deve bere e mangiare, è anche necessario radere i capelli all'inguine e sui fianchi.

Per una corretta ablazione con radiofrequenza del cuore prima della procedura, il paziente deve sottoporsi a una serie di studi diagnostici:

  • esami del sangue: clinici, biochimici, gruppo sanguigno e fattore Rh, test per epatite B e C, HIV, reazione di Wasserman;
  • ECG con 12 derivazioni;
  • ECG Holter giornaliero;
  • test di resistenza;
  • Eco-KG;
  • Risonanza magnetica del cuore.

Dopo aver stabilito il focus dello sviluppo dell'aritmia, è possibile assegnare una data per l'ablazione con radiofrequenza. Prima della procedura, il paziente riceve raccomandazioni dettagliate dal medico sulla corretta preparazione della procedura:

  • interrompere l'assunzione di determinati farmaci 2-3 giorni prima della procedura (farmaci antiaritmici, farmaci ipoglicemizzanti, ecc.);
  • l'ultimo pasto e il liquido prima della procedura dovrebbero aver luogo la sera prima (devono passare almeno 12 ore di fame prima della procedura);
  • prima dell'esame, rimuovere i peli dalla zona di accesso all'arteria (nell'inguine o sotto l'ascella);
  • condurre un clistere purificante prima dello studio.

Prima della procedura, i pazienti vengono sottoposti a una scansione duplex delle vene degli arti inferiori. Permette sulla base dell'analisi dello stato del sistema venoso e della pervietà dei suoi vasi per determinare le vene da trattare.

La preparazione all'ablazione con radiofrequenza comprende:

  • analisi del sangue generale;
  • test per epatite, HIV, sifilide;
  • coagulogramma;
  • esame da parte di un terapeuta ECG.

Prima dell'ablazione con radiofrequenza, non sono necessarie la premedicazione, la modifica del regime e della dieta e la rasatura dei capelli nell'area di intervento.

Per condurre l'ablazione in radiofrequenza mediante ultrasuoni, viene trovato il lume della vena da trattare. Un catetere (conduttore) viene inserito attraverso una puntura nella pelle. Gli anestetici vengono iniettati intorno alle vene.

Il generatore di radiofrequenze alimenta l'onda del catetere. Per uno di questi impulsi, puoi elaborare una sezione lunga 7 cm. Mentre il conduttore si muove, viene processata l'intera vena patologica.

Il processo di ablazione con radiofrequenza è automatizzato. Il dispositivo determina in modo indipendente il flusso di energia e la durata dell'esposizione, concentrandosi sulla temperatura all'interno della nave. Una vena lunga 45 cm si chiude in 5 minuti.

  1. La pelle è trattata con un disinfettante. Viene eseguita una puntura per accedere alla vena.
  2. Un conduttore di radiofrequenza viene introdotto nella nave interessata. L'ecografo consente di verificare la correttezza della sua posizione.
  3. L'anestetico introdotto crea un "cuscino d'acqua" che separa la vena dagli altri tessuti.
  4. Il conduttore per RFA si muove lentamente lungo il lume della vena.
  5. Il generatore eroga un'onda al catetere, ciò provoca il riscaldamento della parete del vaso patologico e la sua distruzione e adesione.
  6. La vena interessata si attacca insieme ed è esclusa dal flusso sanguigno. Le navi sane circostanti assumono il carico.
  7. Il catetere viene rimosso. Una patch viene applicata al sito di puntura.

Il giorno dopo RFA, puoi andare al lavoro e fare le solite cose.

La ricaduta è improbabile, molto spesso è dovuta alla struttura speciale dei vasi, alla ricanalizzazione delle vene, al verificarsi di reflusso inguinale.

In rari casi (1-2%), i pazienti possono manifestare complicanze (trombosi venosa profonda).

I vantaggi dell'ablazione con radiofrequenza sono:

  • minimo dolore;
  • mancanza di cicatrici e cicatrici;
  • velocità della procedura;
  • breve periodo di riabilitazione;
  • bassa probabilità di recidiva (10%).

Indicazioni per la conduzione

Le indicazioni per l'ablazione con radiofrequenza sono associate ad aritmie cardiache. Il motivo più fondamentale per eseguire un tale intervento è la presenza di fibrillazione atriale. Con questa malattia, il tessuto muscolare inizia a lavorare separatamente l'uno dall'altro, sebbene in uno stato normale debbano funzionare insieme. Pertanto, c'è un fallimento del ritmo cardiaco.

A poco a poco, il processo patologico influisce sul lavoro degli atri e dei ventricoli. Cominciano a contrarsi attivamente, a causa della quale il paziente avverte un deterioramento del benessere.

Fibrillazione atriale su un elettrocardiogramma

Oltre alla fibrillazione atriale, può essere necessaria l'ablazione per malattie come:

  • Tachicardia ventricolare. Con questa patologia si osserva una rapida contrazione dei ventricoli. Se non trattato, il paziente può sviluppare fibrillazione ventricolare e arresto cardiaco.
  • Sindrome del lupo-Parkinson-bianco. In questa malattia, il miocardio soffre di tachicardia parossistica.
  • Insufficienza cardiaca cronica. La malattia si sviluppa spesso proprio a causa di una violazione del ritmo cardiaco.

La fattibilità di eseguire questo o quel caso è determinata dallo specialista dopo l'esame del paziente.

Solo un medico può prescrivere l'ablazione cardiaca

L'ablazione con radiofrequenza inizia con l'introduzione dell'anestesia e dei sedativi. Nell'area anestetizzata, il medico esegue un'incisione, quindi introduce un conduttore nella vena della coscia o nell'arteria radiale. Attraverso di esso, il medico passa un catetere attraverso una vena direttamente nel muscolo cardiaco. Il catetere è un sottile tubo flessibile che è dotato di un sensore all'estremità.

Per determinare con precisione dove si trova il focus dell'impulso ectopico, uno specialista esegue uno studio elettrofisiologico. Quindi, una corrente elettrica viene fatta passare attraverso l'elettrodo sul catetere per stimolare il cuore. Le lesioni identificate sono cauterizzate. L'esposizione è prodotta dall'energia termica.

Dopo la procedura, il medico conduce di nuovo uno studio elettrofisiologico. Se non ci sono più focolai, il catetere viene rimosso, dopo di che viene applicata una benda e il paziente viene mandato nel reparto, dove dovrà mentire per circa altre 3 settimane.

Rischi associati alla procedura

L'ablazione cardiaca comporta diversi rischi, tra cui:

  • Sanguinamento nel sito in cui è inserito il catetere.
  • Danni ai vasi sanguigni durante l'avanzamento del catetere.
  • Danno accidentale al tessuto cardiaco durante l'ablazione.
  • Una violazione del sistema elettrico del cuore, che può peggiorare l'aritmia e richiedere l'installazione di un pacemaker.
  • La formazione di coaguli di sangue (coaguli di sangue) che possono diffondersi attraverso i vasi sanguigni, causando infarti o ictus.
  • Restringimento delle vene che trasportano il sangue tra i polmoni e il cuore (stenosi delle vene polmonari).
  • Danni ai reni a causa del colorante che viene iniettato durante la procedura.

Il rischio di complicanze aumenta se il paziente soffre di diabete mellito, disturbi emorragici o malattie renali. Il rischio di complicanze dell'ablazione cardiaca è considerato molto elevato nei pazienti di età superiore ai 75 anni.

Come viene eseguita la procedura

La procedura di ablazione con radiofrequenza del cuore viene eseguita dopo il ricovero in ospedale del paziente. In sale operatorie specializzate, per eseguire questa operazione mini-invasiva devono essere presenti le seguenti apparecchiature:

  • strumenti per cateterismo cardiaco;
  • elettrodi per catetere;
  • sistema per radiografia o fluoroscopia;
  • dispositivi per il monitoraggio delle funzioni vitali del corpo;
  • un dispositivo per la registrazione di elettrogrammi intracardiaci e di superficie;
  • attrezzatura per rianimazione.

Prima di iniziare la procedura, il paziente viene sedato e anestetizzato localmente nell'area della puntura. Quanto segue è l'ablazione diretta a radiofrequenza del cuore:

  1. Per l'accesso arterioso, è possibile selezionare l'arteria femorale destra o sinistra o le arterie radiali. L'area della puntura della nave viene sterilizzata con una soluzione antisettica e coperta con materiale sterile.
  2. Un ago speciale viene inserito nella nave con un conduttore della lunghezza richiesta. Quindi, il medico, sotto il controllo dei raggi X, introduce un elettrodo catetere nell'arteria attraverso la guaina emostatica, che viene erogata al cuore.
  3. Dopo aver posizionato gli elettrodi del catetere endocardico nelle camere del cuore, il medico li collega all'apparecchiatura che registra i segnali ECG, conduce un esame elettrocardiologico intracardiaco e stabilisce un focus aritmogeno della formazione di un impulso patologico che provoca aritmia. Se necessario, il paziente può essere testato per provocare aritmie.
  4. L'implementazione dell'ablazione può essere effettuata nel nodo AV, nella bocca delle vene polmonari o in un'altra sezione del sistema di conduzione. Dopo l'esposizione all'elettrodo ablativo, i tessuti del cuore vengono riscaldati a 40-60 gradi, su di essi si forma una microscar e viene creato un blocco AV artificiale.
  5. Durante il blocco AV artificiale, per mantenere la frequenza cardiaca vengono utilizzati elettrodi endocardici precedentemente introdotti.
  6. Per valutare l'efficacia dell'effetto dell'elettrodo di ablazione sul fuoco aritmogeno, viene eseguito uno studio elettrocardiologico ripetuto.

In assenza dell'effetto desiderato in questa fase dell'operazione, se necessario, l'ablazione con radiofrequenza può essere combinata con l'impianto di un pacemaker e, con un risultato soddisfacente, l'operazione viene completata e i cateteri e gli elettrodi vengono rimossi.

  • Dopo aver completato la procedura, il paziente deve osservare un rigoroso riposo a letto durante il giorno (non deve piegare le gambe quando viene perforata l'arteria femorale).
  • La durata dell'ablazione con radiofrequenza del cuore può variare da 1,5 a 6 ore (a seconda della profondità del fuoco aritmogeno nello spessore del miocardio e della sua posizione). Il paziente viene dimesso 2-5 giorni dopo la procedura.

    preliminari

    È necessario prepararsi all'ablazione del cuore. Le misure preparatorie sono divise in due gruppi. Il primo include la diagnosi obbligatoria del corpo del paziente prima dell'intervento chirurgico e il secondo comprende la preparazione da parte della persona stessa.

    Il paziente viene ricoverato in ospedale per eseguire un esame completo del corpo. L'elenco delle misure necessarie comprende quanto segue:

      Analisi del sangue. Aiuta il medico a valutare il funzionamento del sistema di coagulazione del sangue e dell'emostasi. Inoltre, secondo questo studio, puoi scoprire se ci sono infezioni o virus nel corpo del paziente. È particolarmente importante verificare l'assenza di HIV, epatite, sifilide.

    Un esame del sangue dettagliato determinerà la presenza di infezioni, perché il paziente potrebbe non esserne nemmeno a conoscenza

    L'angiografia cardiaca determinerà la posizione e le condizioni dei vasi

    Il paziente stesso deve anche prepararsi alla procedura di ablazione. Non assumere alcun farmaco il giorno prima dell'intervento. Non puoi mangiare nulla il giorno dell'intervento. Puoi cenare la sera prima, ma solo con qualcosa di leggero.

    Il giorno dell'intervento chirurgico non è necessario preoccuparsi, è importante sintonizzarsi su una terapia di successo.

    Reinserimento

    Dopo la RFA, il paziente dovrà essere in clinica per i prossimi 2-5 giorni, dopo di che si verifica di solito la dimissione. Le prime 24 ore dopo la procedura, è necessario aderire al riposo a letto.

    Ogni 6 ore, al paziente verrà somministrato un elettrocardiogramma per monitorare la condizione. A causa del fatto che durante l'operazione vengono praticate punture minime, la maggior parte dei pazienti non avverte dolore e si sente bene nel periodo postoperatorio.

    Il paziente può muoversi lentamente nella stanza, il carico dovrebbe aumentare gradualmente.

    Le prime settimane sono necessarie per aderire alla dieta ed eliminare il consumo di prodotti dannosi. Se il periodo di recupero va bene e la persona non ha alcuna complicazione, la dimissione avviene dopo 3-4 giorni. A seconda delle condizioni generali del corpo e del benessere del paziente, il medico può scrivere un congedo per malattia.

    Un periodo completo per la riabilitazione è di 3 mesi. Durante questo periodo, al paziente possono essere prescritti farmaci antiaritmici e anticoagulanti, ma molto spesso non è necessaria una terapia farmacologica.

    Per massimizzare la qualità della vita dopo la procedura e prevenire il ripetersi del disturbo, in futuro:

    1. È necessario attenersi rigorosamente alla dieta prescritta dai medici.
    2. È necessario abbandonare le cattive abitudini, compreso l'uso del caffè, deve essere escluso.
    3. È necessario evitare un maggiore sforzo fisico, nonché situazioni stressanti.

    Dopo l'ablazione, i pazienti devono seguire le raccomandazioni del proprio medico. Ciò risolverà il risultato della terapia e previene le conseguenze postoperatorie.

    Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, il paziente deve semplicemente sdraiarsi durante il giorno. Allora puoi alzarti. In condizioni stazionarie dovranno trascorrere circa 3 settimane. Trascorso questo tempo, dovrai essere regolarmente osservato da un cardiologo nel tuo luogo di residenza.

    Durante il periodo di riabilitazione, è necessario eseguire ogni giorno il bendaggio del sito di incisione. Prima di applicare un nuovo medico controlla se la ferita guarisce con successo, se è infetta.

    Per diversi mesi, il paziente deve ancora seguire una dieta. Implica una completa esclusione dal menu di cibi grassi, salati e fritti. Inoltre, non puoi bere caffè, energia, alcool. Interrompono il funzionamento del cuore, che è severamente vietato dopo l'intervento chirurgico.

    Se il medico curante prescrive farmaci dopo l'intervento chirurgico, è necessario prenderli rigorosamente secondo il regime stabilito dal medico.

    Quali sono i risultati dell'ablazione?

    L'ablazione cardiaca al 90% aiuta i pazienti a liberarsi delle spiacevoli manifestazioni della fibrillazione atriale. Il funzionamento dell'organo interessato è completamente ripristinato. Inoltre, un tale intervento può prevenire complicazioni della malattia.

    Tuttavia, nessuno è al sicuro dalla ricorrenza dell'aritmia dopo l'intervento chirurgico. Per prevenirlo, il paziente deve assumere farmaci a lungo, seguire le raccomandazioni del medico relative all'attività fisica, alla nutrizione, allo stile di vita.

    Per preservare il risultato, dopo l'ablazione del cuore, è necessaria una moderata attività fisica, uno stile di vita sano

    Tecnica di ablazione del catetere a radiofrequenza

    In precedenza, il paziente era ricoverato in ospedale. La procedura viene eseguita in una sala radiologica, in cui dovrebbero essere disponibili i seguenti dispositivi e strumenti:

    • elettrodi per catetere;
    • dispositivi e strumenti per il cateterismo cardiaco;
    • dispositivi per il monitoraggio delle funzioni dell'organismo;
    • sistemi per radiografia;
    • un dispositivo per la registrazione di elettrogrammi (superficiale, intracardiaco);
    • tutti gli strumenti e i preparativi necessari per la rianimazione.

    Tipicamente, l'intervento viene eseguito in anestesia locale con sedazione aggiuntiva (ad esempio, usando Relanium). Il trattamento dura 1-6 ore (di norma, non più di 4 ore), che dipenderà dal numero di focolai patologici e dalla loro posizione. La sequenza di azioni di un medico e di tre assistenti durante la RFA è la seguente:

    1. Il chirurgo seleziona per l'accesso a un'arteria sulla coscia (destra o sinistra) o una delle arterie radiali (meno comunemente, l'arteria succlavia).
    2. La pelle nella vena è trattata con un antisettico e un anestetico, coperto con uno speciale materiale sterile.
    3. L'arteria è forata - un ago speciale è inserito in esso con un conduttore della lunghezza desiderata.
    4. Usando la puntura ottenuta, un catetere per elettrodi viene introdotto nel vaso attraverso una guaina emostatica dell'introduttore.
    5. L'elettrodo viene introdotto nella cavità del cuore, eseguendo tutte le manipolazioni sotto controllo radiografico.
    6. Quando l'elettrodo è già nel cuore, viene eseguito un esame d'organo - EFI (cardiogramma intracardiaco) - per identificare le zone aritmogeniche. Per questo, il medico provoca tachicardia, perché solo in questo modo verrà trovato il sito patologico (di solito si trova nella bocca delle vene polmonari, nodo AV).
    7. Il fuoco dell'aritmia è influenzato da un elettrodo di ablazione, che riscalda i tessuti a 40-60 gradi e, quindi, creando un blocco atrioventricolare artificiale. Per mantenere il ritmo durante questo periodo, è necessario il lavoro degli elettrodi introdotti.
    8. Dopo 20 minuti, viene eseguito nuovamente un EFI per valutare l'efficacia della procedura. Se necessario, tutte le manipolazioni vengono ripetute di nuovo o, in assenza di un risultato positivo, viene impiantato un pacemaker artificiale.
    9. Cateteri, elettrodi vengono rimossi, una fasciatura di pressione viene applicata sulla zona di puntura.
    10. Dopo l'operazione, il paziente non deve piegare le gambe se il vaso femorale è stato perforato durante il giorno (a volte 12 ore) e non alzarsi dal letto (rigoroso riposo a letto) contemporaneamente.

    Possibili complicazioni

    Il rischio di complicanze dopo l'ablazione è piccolo, ma esiste ancora. La probabilità di conseguenze negative aumenta se una persona soffre di diabete mellito, scarsa coagulazione del sangue ed età avanzata.

    Possibili complicazioni dopo l'ablazione:

    • emorragia
    • Ripetuti disturbi del ritmo cardiaco.
    • Danni al tessuto vascolare a causa dell'inserimento del catetere.
    • La formazione di coaguli di sangue - coaguli di sangue.
    • Restringimento delle vene dei polmoni.
    • Insufficienza renale

    Se l'aritmia si ripresenta, dovrai ripetere l'intervento.

    L'ablazione con radiofrequenza appartiene alla categoria di procedure con un basso grado di rischio: la probabilità di conseguenze negative non supera l'1%. Le complicanze sono più spesso osservate nei pazienti che soffrono di disturbi della coagulazione, diabete mellito e superamento della soglia di età di 75 anni.

    Tra le possibili complicanze dell'ablazione con radiofrequenza, c'è il rischio di sviluppo:

    • sanguinamento nel sito della puntura dell'arteria;
    • violazione dell'integrità della parete vascolare durante l'avanzamento del conduttore o del catetere;
    • coaguli di sangue e loro trasferimento con flusso sanguigno;
    • violazione dell'integrità del tessuto miocardico durante l'ablazione;
    • stenosi delle vene polmonari;
    • fallimento nel sistema di conduzione del cuore, aggravando l'aritmia e richiedendo l'impianto di un pacemaker;
    • Sanguinamento da una nave perforata - si verifica più spesso nel primo periodo postoperatorio, non ci sono molte cause di sanguinamento:
      • disturbo emorragico,
      • medicazione post-operatoria applicata in modo improprio,
      • comportamento improprio del paziente dopo l'intervento chirurgico, è necessario aderire alle raccomandazioni del chirurgo.
    • Compromissione della funzionalità renale - poiché il contrasto viene eliminato con precisione attraverso i reni ed è abbastanza tossico, pertanto può verificarsi un'insufficienza renale acuta sullo sfondo della malattia renale iniziale;
    • Complicanze tromboemboliche - a causa della necessità di annullare i farmaci per la coagulazione del sangue (warfarin) prima dell'intervento chirurgico, possono svilupparsi coaguli di sangue nei vasi che possono staccarsi e causare varie complicanze tromboemboliche;
    • Disturbi del ritmo cardiaco - lo sviluppo di nuovi tipi di aritmie è possibile e ci sono un numero enorme di ragioni per questo;
    • Questo non è tutto, ma solo le principali possibili complicazioni della procedura, puoi scoprire in modo più dettagliato dal tuo chirurgo;
    • Con lo sviluppo di eventuali complicanze, il periodo di riabilitazione dopo rch si allunga.

    Come dimostra la pratica, nel 90% dei casi la procedura è tollerata molto bene, la maggior parte dei pazienti è completamente soddisfatta del risultato.

    Il rischio di complicanze sorge solo se la tecnica è stata eseguita in violazione della tecnica o se il paziente ha ignorato le raccomandazioni mediche durante il periodo di recupero.

    Gli effetti collaterali più comuni sono:

    • un leggero aumento della temperatura dopo l'intervento chirurgico;
    • aggravamento dell'aritmia;
    • coaguli di sangue;
    • riduzione del lume delle vene;
    • insufficienza renale

    La RFA è uno dei metodi più sicuri ed efficaci per il trattamento di varie patologie accompagnate da disturbi del ritmo.

    Nonostante il fatto che la procedura sia sicura, dovrebbe essere eseguita solo da un medico altamente qualificato con una vasta esperienza. Solo in questo caso possiamo contare sul successo dell'operazione e sull'assenza di ulteriori complicazioni.

    Vantaggi operativi

    Questo moderno metodo di trattamento delle aritmie presenta molti vantaggi rispetto agli interventi aperti sul cuore:

    • Bassa invasività: durante l'ablazione a radiofrequenza, non vengono utilizzate ampie sezioni della cavità e accessi. L'introduzione di attrezzature speciali viene effettuata utilizzando un catetere sottile attraverso una puntura nella coscia.
    • Tolleranza molto più semplice della procedura da parte del paziente - se durante l'intervento chirurgico aperto l'integrità del corpo è significativamente violata, il sistema circolatorio e il paziente trascorrono diverse settimane in ospedale, quindi con l'ablazione a radiofrequenza il paziente è in ospedale solo per pochi giorni
    • Effetto cosmetico: durante la chirurgia addominale, la laparotomia mediana viene utilizzata come accesso al cuore, in cui viene praticata l'incisione al centro della superficie anteriore del torace.

    Naturalmente, dopo l'operazione rimane una grande cicatrice, ma durante l'ablazione, l'incisione non viene eseguita. Dopo alcuni millimetri di puntura nell'area della coscia dopo alcune settimane non rimane più traccia.

    Mancanza di dolore - senza dubbio, durante un'operazione traumatica a cielo aperto, il paziente nel periodo postoperatorio avverte un forte dolore, che richiede l'uso di forti antidolorifici.

    Con l'ablazione a radiofrequenza, il paziente può avvertire solo una leggera sensazione di pressione al petto, che scompare dopo poche ore. Gli antidolorifici non sono prescritti.

    L'ablazione con radiofrequenza del cuore è un modo moderno e radicale di trattare le aritmie.

    Dove viene eseguita l'operazione e quanto costa?

    L'ablazione cardiaca viene eseguita in molte cliniche, ma finora solo nelle grandi città, perché richiede la presenza di alcune attrezzature costose. Il costo della procedura parte da 30 mila rubli e può raggiungere 100 mila rubli.

    Pertanto, l'ablazione cardiaca è un metodo efficace per combattere i disturbi del ritmo cardiaco. L'operazione aiuta a ripristinare l'organo, alleviare i sintomi spiacevoli e riportare il paziente alla vita normale.

    Periodo di riabilitazione

    Le complicazioni dopo RFR del cuore sono estremamente rare: la probabilità di conseguenze negative dell'ablazione non supera l'1%. Perché RFA è classificato come un'operazione a basso rischio. Tuttavia, per la prevenzione delle complicanze, ci sono una serie di misure speciali adottate in ogni fase del rilevamento e del trattamento della tachicardia.

    Tra i rischi associati all'RFA vi sono le seguenti probabili complicanze:

    • Sanguinamento nell'area di inserimento del catetere.
    • Violazione dell'integrità dei vasi sanguigni durante l'avanzamento del catetere.
    • Violazione accidentale dell'integrità dei tessuti del muscolo cardiaco al momento dell'ablazione.
    • Malfunzionamenti nel sistema elettrico del cuore, esacerbando i disturbi del ritmo cardiaco e richiedendo l'impianto di un pacemaker.
    • La formazione di coaguli di sangue e la loro diffusione attraverso i vasi sanguigni, minacciando la morte.
    • Stenosi delle vene polmonari, cioè restringimento del loro lume.
    • Danno renale con colorante utilizzato in RFA.

    Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, la persona operata può provare qualche disagio associato a una sensazione di pressione nel sito dell'incisione chirurgica. Tuttavia, questa condizione raramente dura più di 25-30 minuti. Se questa sensazione persiste o peggiora, il paziente deve informare il medico su questo.

    Il riposo a letto con controllo del ritmo cardiaco e della pressione sanguigna viene mostrato al paziente solo nei primissimi giorni dopo l'operazione, durante il quale si verifica un rapido recupero e stabilizzazione della normale salute generale del paziente. La necessità di ripetere la RFA, come dimostra la pratica, è estremamente rara nei pazienti operati, specialmente se il paziente riconsidera il suo stile di vita abituale:

    1. Limitare il consumo di bevande con alcol e caffeina;
    2. Ridurre la quantità di sale nella dieta;
    3. Aderirà a una dieta appropriata;
    4. Scegli la modalità ottimale di attività fisica;
    5. Smetti di fumare e rinuncia ad altre cattive abitudini.

    Pertanto, possiamo tranquillamente parlare dei seguenti indubbi vantaggi dell'ablazione a radiofrequenza del cuore rispetto alle tradizionali operazioni cardiache invasive:

    • Bassa invasività, eliminando la necessità di incisioni significative.
    • La facile tolleranza dell'operazione da parte del paziente, l'integrità del corpo e il lavoro del sistema circolatorio non sono significativamente violate.
    • Riduzione del periodo di riabilitazione postoperatoria - fino a 2-7 giorni.
    • L'effetto cosmetico è l'assenza di cicatrici significative dopo la puntura della pelle per l'introduzione di cateteri.
    • Recupero indolore nel periodo postoperatorio, che elimina la necessità di antidolorifici.

    Se dopo RFA segui tutte le regole e le raccomandazioni necessarie di un medico, il ripristino del cuore e dell'intero corpo avverrà il prima possibile. Per prevenire il sanguinamento dal sito di puntura tra le conseguenze dell'intervento, non si deve alzarsi dal letto nel primo periodo postoperatorio con nessun pretesto.

    Una persona viene prescritta, di regola, 2-5 giorni dopo l'ablazione con radiofrequenza e per tutto questo tempo è sotto controllo medico vigile. Mentre in ospedale, viene eseguito un monitoraggio regolare del battito cardiaco, per il quale viene eseguito un ECG ogni 6 ore il primo giorno, vengono misurati la pressione, la temperatura corporea, la produzione di urina, l'ecografia del cuore viene eseguita 1-2 volte.

    La riabilitazione dopo RFA dura 2-3 mesi. In questo momento, il paziente avrà bisogno di farmaci antiaritmici, nonché anticoagulanti indiretti e altri farmaci come indicato. Durante la riabilitazione, è anche possibile condurre una terapia per malattie concomitanti e patologie somatiche.

    Ci sono suggerimenti, la cui implementazione consentirà al paziente di ripristinare rapidamente la sua salute:

    • escludi l'alcol, il fumo dalla tua vita;
    • rifiutare di consumare grandi quantità di sale;
    • cercare di ridurre il peso normalizzando la dieta, riducendo i cibi grassi e animali nella dieta;
    • Non bere caffè e tè forte;
    • ridurre l'attività fisica, ma è obbligatoria una speciale terapia fisica.

    Se il trattamento è stato eseguito da un medico qualificato e sono state seguite tutte le raccomandazioni postoperatorie, la probabilità di complicanze e ricadute della patologia è piuttosto bassa.

    Immediatamente il campo di azione, il paziente indossa calze a compressione. Per prevenire la trombosi, è necessario camminare per circa 40 minuti. In futuro, è necessario fare passeggiate della durata di almeno un'ora ogni giorno. La maglieria a compressione viene indossata per le prime 1-2 settimane.

    Pochi giorni dopo la procedura, è necessaria l'angioscanning ad ultrasuoni per confermare il successo della procedura.

    Nel periodo di riabilitazione è vietato:

    • carichi di potenza;
    • aerobica, ginnastica;
    • ciclismo, cyclette;
    • lunghi carichi statici;
    • procedure termiche (sauna, bagno).

    Dopo l'ablazione con radiofrequenza, si consigliano passeggiate giornaliere di almeno un'ora. Assicurati di indossare calze a compressione (non rimuovere i primi 2 giorni anche di notte). Si consiglia di evitare carichi statici sulle gambe.

    Nel periodo di recupero dopo RFA, il paziente può essere disturbato da arrossamento, ispessimento, desquamazione della pelle. Sono possibili gonfiori e piccoli ematomi nell'area dell'intervento. Entro 14 giorni, può verificarsi tirando dolore lungo la vena. Con uno sforzo fisico attivo, a volte appare un dolore lancinante. Questi sintomi scompaiono entro 2 settimane.

    L'ablazione a radiofrequenza delle vene degli arti inferiori di qualsiasi complessità utilizzando il catetere NUS ClosureFAST ™ può essere eseguita presso il Center for Innovative Phlebology.

    Ulteriori informazioni sui servizi medici:

    • Iscriviti per l'ablazione a radiofrequenza delle vene
    • Fai microscleroterapia presso il Center for Innovative Phlebology
    • Iscriviti per il trattamento delle vene varicose

    Stile di vita e prognosi dopo l'intervento chirurgico

    Lo stile di vita dopo l'intervento chirurgico deve rispettare i seguenti principi:

    A causa del fatto che la principale causa di aritmie cardiache è la malattia coronarica, si dovrebbe cercare misure preventive che riducano il livello di colesterolo dannoso nel plasma sanguigno e ne impediscano la deposizione sulle pareti dei vasi sanguigni che alimentano il muscolo cardiaco.

    Il più importante di questi eventi è ridurre il consumo di grassi animali, prodotti fast food, cibi fritti e salati. L'uso di cereali, legumi, oli vegetali, varietà a basso contenuto di grassi di carne e pollame, prodotti lattiero-caseari è il benvenuto.

  • Attività fisica adeguata. Esercitarsi in ginnastica leggera, camminare e fare jogging fa bene al cuore e alla salute vascolare, ma dovrebbe essere iniziato poche settimane dopo l'intervento e solo con il permesso del medico curante.
  • Rifiuto di cattive abitudini.

    Gli scienziati hanno da tempo dimostrato che il fumo e l'alcool non solo danneggiano le pareti dei vasi sanguigni e il cuore dall'interno, ma possono anche avere un effetto aritmogeno diretto, cioè provocare tachiaritmie parossistiche.

    Pertanto, la cessazione del fumo e il rifiuto dell'alcool forte in grandi quantità è la prevenzione dei disturbi del ritmo.

    In conclusione, va notato che nonostante il fatto che la RFA sia un intervento chirurgico nel corpo, il rischio di complicanze è relativamente piccolo, ma i benefici dell'operazione sono innegabili: la maggior parte dei pazienti, a giudicare dalle recensioni, smette di sperimentare spiacevoli sintomi e sono meno a rischio di incidenti vascolari associati a parossismi di tachiaritmie.

    Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

    Detonic per la normalizzazione della pressione

    Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

    Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

    Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

    Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore
  • Svetlana Borszavich

    Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
    Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
    Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
    L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

    Detonic