Elenco di beta-bloccanti di farmaci per l'ipertensione

L'ipertensione arteriosa (AH, ipertensione) è una delle patologie più comuni del sistema cardiovascolare, caratterizzata da un aumento stabile della pressione arteriosa fino a 140/90 mm Hg o superiore. I principali sintomi della malattia sono:

  • Un mal di testa che non ha una chiara relazione con l'ora del giorno. I pazienti lo descrivono come una pesantezza nella parte occipitale, una sensazione di espansione del cranio.
  • Dolore cardiaco che si verifica ugualmente a riposo e sotto stress.
  • Compromissione della vista periferica. È caratterizzato dall'aspetto di un velo, opacizzazione oculare, "mosche" davanti agli occhi.
  • Tinnito, gonfiore delle palpebre o del viso sono ulteriori sintomi di ipertensione.
Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Le nostre iniziative

Un aumento della pressione sanguigna si sviluppa sotto l'influenza di fattori dell'ambiente esterno o interno che provocano un malfunzionamento del sistema vasomotorio, cardiovascolare e dei meccanismi ormonali responsabili del controllo della pressione sanguigna. I medici attribuiscono una predisposizione ereditaria ai fattori primari: se qualcuno in famiglia ha sofferto di ipertensione, il rischio del suo sviluppo nei parenti aumenta in modo significativo.

Un altro motivo per lo sviluppo della malattia è lo stress frequente, il lavoro nervoso, uno stile di vita sedentario. Tra i molti fattori provocatori, gli esperti dell'OMS hanno identificato quelli che spesso contribuiscono allo sviluppo dell'ipertensione:

  • disturbi metabolici nel corpo e, di conseguenza, la comparsa di eccesso di peso corporeo;
  • depressione prolungata, stress, tensione nervosa, tragedia;
  • lesioni cerebrali traumatiche - abrasioni, contusioni, incidenti, ipotermia;
  • malattie croniche nella fase acuta - aterosclerosi, diabete mellito, artrite reumatoide, gotta;
  • conseguenze di malattie virali e infettive - meningite, sinusite, faringite;
  • cambiamenti legati all'età nella struttura dei vasi sanguigni;
  • la formazione di placche di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni;
  • menopausa nelle donne dopo 40 anni;
  • cattive abitudini - fumo, bere alcolici, malnutrizione.

Trattamento

Per una terapia di successo, è importante diagnosticare la malattia in tempo e identificare la causa della sua insorgenza. Con un regime di trattamento adeguatamente organizzato, è possibile evitare complicazioni pericolose: trombosi, aneurisma, compromissione o perdita della vista, infarto del miocardio, ictus, sviluppo di insufficienza cardiaca o renale. Se viene rilevato un leggero aumento della pressione sanguigna, il medico ti consiglierà di stabilire una corretta alimentazione, esercitare di più e abbandonare le cattive abitudini. L'ipertensione arteriosa di secondo e terzo grado viene trattata con l'aggiunta della terapia farmacologica.

La scelta del farmaco viene effettuata in base all'anamnesi del paziente. Se ha un'infiammazione della ghiandola prostatica, sono preferiti gli alfa-bloccanti. Alle persone con insufficienza cardiaca o funzionalità ventricolare sinistra compromessa vengono spesso prescritti ACE-inibitori (inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina) e diuretici. In presenza di dolore nella regione del cuore, può essere prescritta la nitroglicerina o il papazolo. La scelta viene effettuata solo dal medico curante.

La partecipazione attiva del paziente al processo di trattamento aumenta significativamente le possibilità di recupero, soprattutto se la persona comprende: quali farmaci sono prescritti per lui, come funzionano, perché è necessario bere pillole. Il trattamento adeguato deve necessariamente aver luogo sotto la supervisione di un medico e deve anche occuparsi della selezione del miglior medicinale per la pressione di una nuova generazione.

Non esiste una cura per l'ipertensione di nuova generazione, per la quale l'elenco degli effetti collaterali è completamente assente nelle istruzioni per l'uso. Dovrebbe essere chiaro che non tutti i pazienti possono manifestare reazioni negative anche dopo aver assunto potenti farmaci. Se tuttavia hai deciso di proteggere il corpo il più possibile dalla comparsa di effetti collaterali, dovresti prestare attenzione alle medicine a base di erbe, ma non devi aspettarti risultati immediati da loro.

Nella pratica medica, i farmaci omeopatici sono prescritti solo con un trattamento complesso come integratori alimentari biologicamente attivi. Alcuni di essi, oltre alla capacità di abbassare la pressione sanguigna, hanno una serie di altre proprietà utili: stimolano il sistema immunitario, purificano il corpo da tossine e tossine e sono in grado di fluidificare i coaguli di sangue. I rimedi omeopatici popolari includono:

  • Hyperstable;
  • Hypertostop;
  • Golubitoks;
  • Cardimap;
  • Normolife (Normalife).

Con salti acuti, la pressione sanguigna aumenta più volte il carico sul cuore e sui vasi sanguigni, c'è un flusso insufficiente di ossigeno e sangue ai tessuti degli organi interni, che peggiora le condizioni del paziente. Le medicine semplici aiuteranno a calmare - la tintura di Valerian, Motherwort. Per normalizzare la pressione, vengono utilizzati i seguenti farmaci di nuova generazione ad azione rapida:

Pillole deboli

Questo gruppo di farmaci comprende farmaci che hanno la capacità di accumularsi gradualmente nel corpo e iniziano ad agire attivamente qualche tempo dopo l'inizio del trattamento. Veroshpiron è isolato da diuretici deboli. Aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, ma non rimuove il potassio dal corpo.

  • felodipina;
  • lacidipina;
  • lercanidipina;
  • Nimodipine

Pillole forti

Il farmaco più potente per l'ipertensione è la clonidina, ma viene rilasciato solo su prescrizione medica. I farmaci semplici ma efficaci non dovrebbero solo normalizzare la pressione sanguigna, ma anche prevenire la comparsa di nuovi picchi di pressione sanguigna e prevenire complicazioni. Ci sono molti di questi farmaci che hanno funzionato bene, secondo le recensioni dei pazienti:

Meccanismo d'azione beta-bloccante

Il meccanismo d'azione dei farmaci di questo gruppo è dovuto alla loro capacità di bloccare i recettori beta-adrenergici del muscolo cardiaco e di altri tessuti, causando una serie di effetti che sono componenti del meccanismo dell'effetto ipotensivo di questi farmaci.

  • Ridotta gittata cardiaca, frequenza cardiaca e frequenza cardiaca, con conseguente riduzione della domanda di ossigeno per il miocardio, aumento del numero di collaterali e ridistribuzione del flusso sanguigno del miocardio.
  • Riduzione della frequenza cardiaca A questo proposito, le diastole ottimizzano il flusso sanguigno coronarico totale e supportano il metabolismo del miocardio danneggiato. I beta-bloccanti, "proteggendo" il miocardio, sono in grado di ridurre l'area dell'infarto del miocardio e la frequenza delle complicanze dell'infarto del miocardio.
  • Diminuzione della resistenza periferica totale riducendo la produzione di renina da parte delle cellule dell'apparato juxtaglomerulare.
  • Diminuzione del rilascio di noradrenalina da fibre nervose simpatiche postgangliari.
  • Aumento della produzione di fattori vasodilatatori (prostaciclina, prostaglandina e2, ossido nitrico (II)).
  • Diminuzione dell'assorbimento inverso di ioni sodio nei reni e sensibilità dei barorecettori dell'arco aortico e del seno carotideo (carotideo).
  • Effetto stabilizzante della membrana - diminuzione della permeabilità delle membrane per ioni sodio e potassio.

Insieme ai beta-bloccanti antiipertensivi hanno le seguenti azioni.

  • Attività antiaritmica, dovuta alla loro inibizione dell'azione delle catecolamine, un rallentamento del ritmo sinusale e una diminuzione della velocità degli impulsi nel setto atrioventricolare.
  • Attività antianginale - il blocco competitivo dei recettori adrenergici beta-1 del miocardio e dei vasi sanguigni, che porta a una diminuzione della frequenza cardiaca, della contrattilità miocardica, della pressione sanguigna, nonché ad aumentare la durata della diastole, migliora il flusso sanguigno coronarico. In generale, per ridurre la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco, di conseguenza, aumenta la tolleranza all'attività fisica, i periodi di ischemia sono ridotti, la frequenza degli attacchi anginosi nei pazienti con angina da sforzo e angina post-infarto è ridotta.
  • Capacità antipiastrinica: rallenta l'aggregazione piastrinica e stimola la sintesi di prostaciclina nell'endotelio della parete vascolare, riduce la viscosità del sangue.
  • Antiox>

Effetti della stimolazione del beta-adrenorecettore

Dalla tabella diventa chiaro che i recettori adrenergici beta-1 si trovano principalmente nel cuore, nel fegato e nei muscoli scheletrici. Le catecolamine, che colpiscono i recettori adrenergici beta-1, hanno un effetto stimolante, con conseguente aumento della frequenza cardiaca e della forza.

A seconda dell'effetto predominante su beta-1 e beta-2, i recettori adrenergici sono suddivisi in:

  • cardioselettivo (Metaprolol, Atenolol, Betaxolol, Nebivolol);
  • cardioselettivo (Propranolol, Nadolol, Timolol, Metoprolol).

I beta-bloccanti sono suddivisi farmacocineticamente in tre gruppi, a seconda della loro capacità di dissolversi in lipidi o acqua.

  1. Beta-bloccanti lipofili (Oxprenolol, Propranolol, Alprenolol, Carvedilol, Metaprolol, Timolol). Se applicato per via orale, viene assorbito rapidamente e quasi completamente (70-90%) nello stomaco e nell'intestino. I preparati di questo gruppo penetrano bene nei vari tessuti e organi, oltre che attraverso la placenta e la barriera emato-encefalica. Di norma, i beta-bloccanti lipofili sono prescritti a basse dosi per grave insufficienza cardiaca epatica e congestizia.
  2. Beta-bloccanti idrofili (Atenololo, Nadololo, Talinololo, Sotalolo). A differenza dei beta-bloccanti lipofili, se usati internamente, vengono assorbiti solo dal 30-50%, vengono metabolizzati in misura minore nel fegato e hanno una lunga emivita. Sono escreti principalmente attraverso i reni e quindi i beta-bloccanti idrofili sono usati a basse dosi con insufficienza renale.
  3. I beta-bloccanti lipo- e idrofili o i bloccanti anfifilici (acebutololo, bisoprololo, betaxololo, pindololo, celiprololo) sono solubili nei lipidi e nell'acqua, dopo l'applicazione, il 40-60% del farmaco viene assorbito all'interno. Occupano una posizione intermedia tra i beta-bloccanti lipo- e idrofili e vengono escreti equamente dai reni e dal fegato. I farmaci sono prescritti per i pazienti con insufficienza renale ed epatica moderata.
  1. Cardiaco-selettivo (Propranolol, Nadolol, Timolol, Oxprenolol, Pindolol, Alprenolol, Penbutolol, Carteolol, Bopindolol).
  2. Cardioselettivo (Atenololo, Metoprololo, Bisoprololo, Betaxololo, Nebivololo, Bevantololo, Esmololo, Acebutololo, Talinolo).
  3. I beta-bloccanti con le proprietà dei bloccanti dei recettori alfa-adrenergici (Carvedilol, Labetalol, Celiprolol) sono farmaci che hanno meccanismi intrinseci dell'effetto ipotensivo di entrambi i gruppi di bloccanti.

I beta-bloccanti cardioselettivi e non cardioselettivi, a loro volta, sono suddivisi in farmaci con e senza attività simpaticomimetica interna.

  1. I beta-bloccanti cardioselettivi senza attività simpaticomimetica interna (Atenololo, Metoprololo, Betaxololo, Bisoprololo, Nebivololo) insieme all'effetto antiipertensivo riducono la frequenza cardiaca, danno effetto antiaritmico, non causano broncospasmo.
  2. I beta-bloccanti cardioselettivi con attività simpaticomimetica interna (Acebutololo, Talinololo, Celiprololo) riducono la frequenza cardiaca in misura minore, inibiscono l'automatismo del nodo del seno e la conduzione atrioventricolare, danno un significativo effetto antianginoso e antiaritmico in caso di tachicardia sinusale, poco e sopraventricolare recettori -2 adrenergici sopraventricolari e sopraventricolari dei bronchi dei vasi polmonari.
  3. I beta-bloccanti non cardioselettivi senza attività simpaticomimetica interna (Propranololo, Nadololo, Timololo) hanno il maggiore effetto antianginoso, quindi sono spesso prescritti a pazienti con angina pectoris concomitante.
  4. I beta-bloccanti non cardioselettivi con attività simpaticomimetica interna (Oxprenolol, Trazicor, Pindolol, Wisken) non solo bloccano, ma stimolano anche parzialmente i recettori beta-adrenergici. I farmaci di questo gruppo riducono in misura minore la frequenza cardiaca, rallentano la conduzione atriale-ventricolare e riducono la contrattilità miocardica. Possono essere prescritti a pazienti con ipertensione arteriosa con un lieve grado di disturbo della conduzione, insufficienza cardiaca e polso più raro.

I beta-bloccanti cardioselettivi bloccano i recettori adrenergici beta-1 situati nelle cellule del muscolo cardiaco, dell'apparato juxtaglomerulare dei reni, del tessuto adiposo, del sistema di conduzione cardiaca e dell'intestino. Tuttavia, la selettività dei beta-bloccanti è dose-dipendente e scompare con grandi dosi di beta-bloccanti selettivi beta-1.

I beta-bloccanti non selettivi agiscono su entrambi i tipi di recettori, recettori adrenergici beta-1 e beta-2. I recettori adrenergici beta-2 si trovano sui muscoli lisci di vasi sanguigni, bronchi, utero, pancreas, fegato e tessuto adiposo. Questi farmaci aumentano l'attività contrattile dell'utero in gravidanza, che può portare a parto prematuro.

I beta-bloccanti cardioselettivi hanno un vantaggio rispetto alla non cardioselettiva nel trattamento di pazienti con ipertensione arteriosa, asma bronchiale e altre malattie del sistema broncopolmonare, accompagnati da broncospasmo, diabete mellito, claudicatio intermittente.

Parlando di beta-bloccanti come classe di farmaci antiipertensivi, significano farmaci con selettività beta-1 (hanno meno effetti collaterali), senza attività simpaticomimetica interna (più efficace) e proprietà vasodilatanti.

L'azione dei beta-bloccanti è di bloccare l'azione sul cuore dell'adrenalina e di altre catecolamine. Di conseguenza, diventa più facile per il cuore lavorare, le contrazioni muscolari si verificano meno frequentemente e meno intensamente, contribuendo a prevenire disturbi del ritmo cardiaco. Inoltre, i beta-bloccanti riducono la produzione e il rilascio di sostanze che aumentano la pressione sanguigna.

Il meccanismo d'azione dei beta-bloccanti è il seguente:

  • la noradrenalina viene rilasciata;
  • il numero diminuisce, l'intensità delle contrazioni del muscolo cardiaco;
  • diminuzione del tono vascolare;
  • il sistema nervoso centrale è inibito;
  • le influenze simpatiche sono ridotte.

A causa di tale esposizione ai principi attivi dei beta-bloccanti, c'è una diminuzione della pressione sanguigna e dell'aritmia cardiaca, che aiuta a ridurre la probabilità di sviluppare infarto del miocardio, ischemia. I beta-bloccanti aiutano a ridurre il rischio di morte per infarto o insufficienza cardiaca.

Farmaci a pressione di ultima generazione

Trattamento

Numerosi meccanismi sono responsabili dell'aumento della pressione sanguigna, quindi alcuni pazienti richiedono due o più farmaci contemporaneamente per ottenere un controllo stabile della pressione sanguigna. Per ridurre il numero di pillole assunte e ridurre il rischio di effetti collaterali, sono stati creati i farmaci per l'ultima generazione di ipertensione. Esistono solo cinque gruppi di farmaci antiipertensivi. La classificazione viene eseguita in base alla composizione e al principio di azione delle compresse sul corpo:

  • antagonisti del recettore dell'angiotensina 2;
  • farmaci diuretici (diuretici);
  • antagonisti del calcio;
  • beta-bloccanti;
  • inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina.

Beta-bloccanti

Questo è un gruppo popolare di farmaci per l'ipertensione di nuova generazione, che sono altamente efficaci e versatili. L'ipertensione può verificarsi a causa degli effetti delle catecolamine (noradrenalina e adrenalina) su recettori specifici situati nel cuore - recettori beta-adrenergici. Questo effetto fa contrarre il muscolo cardiaco più velocemente e il cuore batte più velocemente, aumentando la pressione sanguigna. I beta-bloccanti bloccano questo meccanismo, fornendo un effetto ipertensivo persistente.

Il primo beta-bloccante fu introdotto nel mondo nel 1964 e molti medici definirono lo sviluppo uno degli eventi più importanti in medicina. Nel corso del tempo, hanno iniziato a essere prodotti altri farmaci con un simile principio di azione. Alcuni di essi influenzano il funzionamento di tutti i tipi di recettori beta-adrenergici, mentre altri ne influenzano uno. A seconda di ciò, i beta-bloccanti sono generalmente divisi in tre gruppi:

  • Farmaci di prima generazione o non selettivi: blocco dei recettori beta-1 e beta-2. Questi includono: Propranolol, Sotalol, Timolol, Anaprilin.
  • Agenti di seconda generazione o selettivi - bloccano solo l'attività del recettore beta-1. Questo gruppo è rappresentato da: Oxprenolol, Metoprolol, Bisoprolol, Esmolol, Atenolol, Betaxolol, Doxazosin, Candesartan, Concor.
  • Farmaci di terza generazione con effetto neurogenico - influenzano la regolazione del tono vascolare. Questi includono: clonidina, carvedilolo, labetalolo, nebivololo,

diuretici

I farmaci diuretici sono uno dei gruppi più antichi di farmaci antiipertensivi. È stato usato per la prima volta nei primi anni '50 del secolo scorso, ma i diuretici non hanno perso popolarità ai nostri giorni. Oggi, i diuretici sono usati per abbassare la pressione sanguigna in combinazione con altri farmaci (ACE-inibitori o sartani).

I diuretici aiutano ad abbassare la pressione sanguigna aumentando l'escrezione renale di sale e liquidi. Un tale effetto sul corpo porta a una diminuzione del carico sulle navi, contribuisce al loro rilassamento. I diuretici moderni sono usati in dosi molto basse, che non causano un significativo effetto diuretico, lisciviazione di una grande quantità di nutrienti dal corpo. L'effetto antiipertensivo si verifica 4-6 settimane dopo l'inizio del trattamento.

In farmacologia, ci sono fino a quattro tipi di farmaci diuretici, ma solo tre di essi sono usati per trattare l'ipertensione:

  • Tiazidico e tiazidico - appartengono ai mezzi di azione prolungata. Hanno un effetto lieve, quasi nessuna controindicazione. L'aspetto negativo dei tiazidici è che possono ridurre il livello di potassio nel sangue, motivo per cui è necessario valutare le condizioni del paziente ogni mese dopo l'assunzione delle compresse. Diuretici tiazidici: ipotiazide, apo-idro, diclotiazide, arifon, indapamide,
  • Loopback: sono prescritti solo per la diagnosi di ipertensione ad alta resistenza. Abbassano rapidamente la pressione sanguigna, ma allo stesso tempo contribuiscono alla perdita di una quantità significativa di ioni magnesio e sodio, aumentano la concentrazione di acido urico nel sangue. Diuretici dell'ansa - Diuver, Torasemide, Furosemide.
  • Risparmio di potassio - sono usati molto raramente, perché aumentano il rischio di sviluppare iperkaliemia. Questi includono: Veroshpiron, Spironolactone, Aldactone.

sartani

I bloccanti del recettore dell'angiotensina 2 sono uno dei gruppi più recenti di farmaci antiipertensivi. Secondo il meccanismo d'azione, sono simili agli ACE-inibitori. I componenti attivi dei sartani bloccano l'ultimo livello del sistema renina-angiotensina, impedendo l'interazione dei suoi recettori con le cellule del corpo umano.

Tutti i sartani agiscono a lungo, l'effetto ipotensivo dura 24 ore. Con l'uso regolare dei bloccanti dell'angiotensina 2, la pressione sanguigna non scende al di sotto di valori accettabili. Vale la pena sapere che non si tratta di compresse per un'azione rapida ad alta pressione. Una riduzione costante della pressione arteriosa inizia ad apparire 2-4 settimane dopo l'inizio del trattamento e aumenta di 8 settimane di terapia. Elenco Sartans:

  • Losartan (dimeticone);
  • Olmesartan;
  • Questo film;
  • valsartan;
  • L'aldosterone;
  • Cardosale.

ACE Inibitori

Si tratta di farmaci che vengono prescritti per l'ipertensione in un contesto di insufficienza cardiaca, diabete mellito e malattie renali. Gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) modificano l'equilibrio dei componenti del sangue biologicamente attivi a favore dei vasodilatatori, a causa dei quali la pressione diminuisce.

L'effetto antiipertensivo degli ACE-inibitori può diminuire con l'uso simultaneo di farmaci antinfiammatori non steroidei. Secondo la struttura chimica, gli ACE-inibitori sono divisi in tre gruppi:

  • Solfidrile - un breve periodo di tempo. Questi sono ACE: Zofenopril, Captopril, Lotensin, Kapoten.
  • Carbossilico: differisce nella durata media dell'azione. Questo gruppo comprende: Lisinopril, Enalapril, Khortil, Quinapril, Perindopril.
  • Fosfinile: ha un effetto prolungato. Questo gruppo comprende: Fosinopril, Ramipril, Perindopril.

Inibitori del calcio

Un altro nome di questi farmaci è il calcio-antagonista. Questo gruppo è utilizzato principalmente nel trattamento complesso dell'ipertensione. Sono adatti a quei pazienti che hanno molte controindicazioni all'uso di altri farmaci per l'ipertensione di nuova generazione. Gli inibitori del calcio possono essere prescritti a donne in gravidanza, anziani, pazienti con insufficienza cardiaca.

Il principio di base dell'azione dei bloccanti dei canali del calcio è la vasodilatazione creando ostacoli alla penetrazione degli ioni calcio nelle cellule muscolari. Gli inibitori sono convenzionalmente divisi in tre gruppi: nifedipina (diidropiridine), diltiazem (benzotiazepine), verapamil (fenilalchilammine). Per ridurre la pressione sanguigna, viene spesso prescritto un gruppo di nifedipina. Le medicine incluse in esso sono divise in sottotipi:

  • La prima generazione: ritardo di Calcigard, ritardo di Cordaflex, Nifecard, Nifedipine.
  • Mezzi della seconda generazione - Felodipine, Nicardipine, Plendil.
  • Medicine di terza classe - Amlodipina, Amlovas, Kulchek, Norvask.
  • Quarta generazione - Cilnidipina, Duocard (molto raramente prescritto per l'ipertensione).

La maggior parte dei rappresentanti dell'elenco sopra è disponibile in compresse per uso orale. L'eccezione è solo un beta-bloccante: Labetalol, che entra negli scaffali sotto forma di polvere o soluzione per somministrazione endovenosa. Esistono altri medicinali prodotti sotto forma di iniezioni (ad esempio nitroprussiato di sodio, nitrati), ma non appartengono alla categoria dei farmaci moderni e vengono utilizzati esclusivamente per eliminare la crisi ipertensiva.

I moderni farmaci della pressione nelle compresse aiuteranno a sbarazzarsi non solo di cali della pressione sanguigna, ma anche di migliorare il funzionamento del sistema cardiovascolare, del sistema nervoso centrale e dei reni. Altri benefici che i nuovi medicinali hanno:

  • A differenza dei farmaci sistemici, le moderne pillole per l'ipertensione possono ridurre l'ipertrofia ventricolare sinistra.
  • Hanno un effetto selettivo sul corpo, grazie al quale sono ben tollerati dagli anziani.
  • Non ridurre le prestazioni e l'attività sessuale dei pazienti.
  • Delicato al sistema nervoso. Molti farmaci contengono benzodiazepina, che aiuta a combattere la depressione, lo stress e i disturbi nervosi.

Ritardo del calcolo: un nuovo farmaco per l'ipertensione con un rilascio lento del principio attivo. Il farmaco ha un'elevata lipofilia, quindi ha un effetto duraturo. Il componente attivo delle compresse è la nifedipina. Componenti ausiliari: amido, magnesio stearato, sodio laurilsolfato, polietilenglicole, acido stearico.

Il ritardo del calcigardo agisce in modo molto delicato, grazie al quale può essere utilizzato per il trattamento permanente dell'ipertensione, con angina pectoris stabile, malattia di Raynaud. Le proprietà farmacologiche delle compresse sono la vasodilatazione lenta, a causa della quale Calcigard ha meno effetti collaterali della nifedipina pura. Tra le reazioni negative, la comparsa di:

  • tachicardia;
  • edema periferico;
  • mal di testa;
  • vertigini;
  • sonnolenza;
  • nausea;
  • stipsi;
  • una reazione allergica;
  • mialgia;
  • iperglicemia.

Il ritardo di calcigard viene assunto per via orale durante o dopo un pasto, la dose media è di 1 compressa 2 volte al giorno. Con cautela, questo medicinale è prescritto durante la gravidanza. È severamente vietato trattare le compresse con:

  • ipersensibilità alla nifedipina;
  • ipotensione;
  • collasso;
  • angina instabile;
  • grave insufficienza cardiaca;
  • stadio acuto di infarto del miocardio;
  • grave stenosi aortica.

Un rappresentante sorprendente di questo gruppo è la droga Diroton. Il farmaco di ipertensione di nuova generazione è adatto anche per il trattamento di pazienti in cui la pressione alta è combinata con malattie del fegato, il farmaco ha un minimo di controindicazioni ed effetti collaterali. Il principio attivo di Diroton è il lisinopril. I componenti ausiliari sono magnesio stearato, talco, amido di mais, calcio idrogeno fosfato diidrato, mannitolo.

Lo strumento ha un effetto prolungato, quindi è necessario prenderlo una volta al giorno al mattino prima o dopo un pasto. Le principali indicazioni per l'uso sono:

  • ipertensione arteriosa (per monoterapia o terapia di associazione);
  • insufficienza cardiaca cronica;
  • infarto miocardico acuto;
  • nefropatia contro il diabete.

Con cautela, Diroton è combinato con diuretici e sostituti del sale contenenti potassio. Controindicazioni categoriche: storia di angioedema, età fino a 18 anni, ipersensibilità ai componenti delle compresse, edema ereditario di Quincke. Gli effetti collaterali possono includere:

  • vertigini;
  • mal di testa;
  • debolezza;
  • diarrea;
  • nausea con vomito;
  • ipotensione;
  • dolore al petto;
  • eruzione cutanea.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic