Perché si verifica la cardiomiopatia, cos'è e il suo trattamento

Cardiomiopatia è il nome collettivo di un gruppo di malattie del miocardio che violano le sue funzioni. In questo caso, qualsiasi disturbo, sia cardiaco che extracardiaco, può avere un effetto negativo sul muscolo cardiaco.

In teoria, la cardiomiopatia può essere definita qualsiasi malattia cardiovascolare. Tuttavia, la maggior parte degli specialisti tende ad attribuire alcuni disturbi cardiaci al gruppo di malattie indipendenti.

Dal 1995, l'OMS ha preso una decisione sulla base della quale il concetto di "cardiomiopatia" copre qualsiasi malattia in cui la funzione miocardica è compromessa. Questi includono le seguenti patologie comuni:

  • ipertensione cronica;
  • ischemia cardiaca;
  • difetti della valvola cardiaca e altri.

Tuttavia, la maggior parte degli specialisti non li classifica ancora come cardiomiopatie. Pertanto, finora nessuno può rispondere a quali malattie possono essere attribuite a questo gruppo. Le uniche patologie che non sono consuete da combinare sotto questi concetti sono la disfunzione miocardica causata da processi infiammatori e tumorali.

Cause di cardiomiopatia primaria

  • ILC dilatato.
  • CMP ipertrofica.
  • ILC restrittivo.
  • Tipi specifici di ILC.
  • Caridiomiopatia ventricolare destra aritmogena.
  • ILC non classificato.
Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Le nostre iniziative

  1. Determinazione ereditaria - nel 30% dei casi, si osservano forme familiari di ILC dilatato. Inoltre, si presume che le mutazioni spontanee di alcuni geni siano responsabili della normale struttura e funzionamento del miocardio.
  2. L'influenza di fattori esogeni - è implicito l'effetto di vari virus (epatite, enterovirus, citomegalovirus), tra cui intrauterino, l'influenza dell'alcol e la mancanza di alcuni micro e macro elementi (ad esempio selenio).
  3. Disturbi autoimmuni: un malfunzionamento del sistema immunitario di una persona può portare alla formazione di anticorpi diretti contro le proprie cellule, in un caso particolare, contro i cardiomiociti e le sue strutture cellulari.

Tale cardiomiopatia si distingue per l'espansione delle cavità del cuore, un aumento delle dimensioni del cuore e lo sviluppo di insufficienza cardiaca progressiva.

Sintomi

  1. Insufficienza cardiaca cronica da sinistra o contemporaneamente due ventricoli. In questo caso, si osservano fenomeni di ristagno in uno o due cerchi della circolazione sanguigna contemporaneamente. Clinicamente si manifesterà con tali segni:
  2. Dispnea che si verifica durante lo sforzo / a riposo;
  3. Fatica;
  4. Gonfiore delle gambe, principalmente di sera;
  5. Sbiancamento della pelle;
  6. Raffreddamento delle parti periferiche degli arti, loro cianosi.
  7. La presenza di vari tipi di disturbi del ritmo (fibrillazione atriale, blocco, aritmie ventricolari).
  8. Complicanze tromboemboliche: si osservano in circa il 20% dei casi e includono tromboembolia dei rami dell'arteria polmonare o blocco dei trombi delle arterie in un ampio cerchio della circolazione sanguigna con danni a vari organi.

Diagnostica Ultrasuoni

La base per la diagnosi di DCMP è un'ecografia del cuore. Ti consente di identificare tali cambiamenti:

  • Frazione di eiezione inferiore al 20-30%;
  • Espansione di tutte le cavità del cuore;
  • Diminuzione della forza di contrazione (ipocinesia) nel ventricolo sinistro;
  • La presenza di coaguli di sangue all'interno del cuore;
  • Segni di insufficienza della valvola (mitrale e tricuspide), che sono relativi (si sono verificati a causa dell'espansione delle cavità);
  • Diminuzione del flusso sanguigno nella sezione iniziale dell'aorta.

La radiografia consente di identificare segni come un aumento delle dimensioni del cuore, la sua forma sferica e un aumento dell'ombra dei vasi polmonari a causa dello sviluppo di ipertensione in essi.

Trattamento

Uno specialista in questo campo, un cardiologo, è coinvolto nel trattamento.

Per questo, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • ACE-inibitori;
  • Beta-bloccanti
  • diuretici;
  • nitrati;
  • Glicosidi cardiaci;
  • Agenti antipiastrinici.

Altre cause di morte nei pazienti con miocardiopatia comprendono complicanze tromboemboliche e aritmie.

È caratterizzato da ipertrofia (ispessimento) delle pareti del ventricolo sinistro. Allo stesso tempo, la cavità ventricolare diminuisce, le pareti diventano meno malleabili, il che porta a una diminuzione del loro riempimento di sangue. Il risultato è un volume ridotto di sangue che entra nel grande cerchio della circolazione sanguigna dal ventricolo sinistro.

Sintomi

  • Angina pectoris - caratterizzata da dolore al cuore. Si verifica a causa della compressione delle arterie coronarie con aumento della massa muscolare. L'assunzione di nitroglicerina non allevia il dolore, che è la differenza tra questa variante di cardiopatia e la vera angina.
  • Si sviluppa tachicardia ventricolare aritmica.
  • Syncopal - caratterizzato da una diminuzione del flusso sanguigno nelle arterie carotidi e svenimento.
  • Asintomatica.
  • Polisintomatico.

Diagnostica Ultrasuoni

Radiografia: i cambiamenti sono visibili solo nelle fasi successive sotto forma di ipertensione polmonare (espansione delle radici dei vasi polmonari).

L'ecografia del cuore è lo standard "d'oro" per la rilevazione dell'HCMP. ECHO-KG consente a uno specialista di misurare lo spessore della parete BT, le dimensioni della sua cavità, nonché di visualizzare la conformità delle pareti durante la contrazione del cuore e durante il suo rilassamento.

Trattamento

Inoltre, la cardiomiopatia ipertrofica è curabile con un intervento chirurgico. Tali interventi chirurgici sono possibili:

  • Miectomia settale;
  • Ablazione transcatetere dell'alcool;
  • Installazione di uno stimolatore elettrico a due camere.

La prognosi è relativamente favorevole, perché un ventricolo ispessito può inibire lo sviluppo dell'insufficienza cardiaca per un lungo periodo di tempo. Nell'1–4% dei casi si sviluppa una morte cardiaca improvvisa, più spesso con angina pectoris o variante polisintomatica del decorso della patologia.

È caratterizzato dalla rigidità delle pareti del ventricolo, che non gli consente di riempirsi di sangue a volume sufficiente durante il periodo di rilassamento miocardico. Questo tipo di cardiopatia è accompagnato dal progressivo sviluppo dell'insufficienza cardiaca diastolica.

La cardiopatia restrittiva può essere una malattia indipendente o essere secondaria e insorgere sullo sfondo di tali patologie:

  • Malattia di Leffler;
  • sarcoidosi;
  • amiloidosi;
  • Sclerosi sistemica;
  • emocromatosi;
  • La malattia di Fabry.

Sintomi

Per molto tempo, la patologia procede senza manifestazioni visibili. I segni della malattia sono costituiti da sintomi della patologia di base, nonché dallo sviluppo di insufficienza cardiaca: respiro corto, affaticamento, gonfiore delle estremità, ecc.

Diagnostica Ultrasuoni

L'ECG non è un metodo di esame informativo in questo caso, perché non rivela segni specifici.

Su una radiografia, a volte è possibile visualizzare un cuore ridotto o segni di congestione nell'ICC (circolazione polmonare).

L'ecografia del cuore è il metodo principale che consente a uno specialista di diagnosticare una cardiopatia restrittiva. Si osservano i seguenti segni ecocardiografici:

  1. Ispessimento della parete interna del cuore;
  2. Ridurre le dimensioni delle cavità dei ventricoli;
  3. Il movimento paradossale del setto interventricolare;
  4. Prolasso delle cuspidi delle valvole mitrale e tricuspide e relativa insufficienza.
  5. Violazione dell'afflusso di sangue ai ventricoli nella diastole;
  6. La presenza di coaguli di sangue nella regione parietale del cuore.

Trattamento

Il trattamento della cardiomiopatia in questo caso è per uno specialista alcune difficoltà dovute alla diagnosi tardiva della patologia.

Inoltre, quando si sviluppa una cardiopatia restrittiva, il trattamento farmacologico non porta al risultato desiderato. È possibile prescrivere GCS, immunosoppressori, nonché diuretici, vasodilatatori e agenti antipiastrinici per ridurre i segni di insufficienza cardiaca.

La base del trattamento è un metodo chirurgico, che consiste nell'asportare un miocardio ispessito e nella normalizzazione della funzione diastolica di LV.

La prognosi è sfavorevole, poiché la sopravvivenza a cinque anni non supera il 30%.

La cardiomiopatia è un gruppo di patologie che sono accompagnate da malfunzionamenti nel funzionamento del muscolo cardiaco. Esistono diversi meccanismi di danno miocardico che combinano tali malattie.

Le ragioni per lo sviluppo della cardiomiopatia sono spesso poco chiare e la diagnosi richiede l'assenza di malformazioni congenite. Esistono vari tipi di tale patologia e la classificazione delle cardiomiopatie dipende dalle caratteristiche dei disturbi circolatori nel cuore.

La cardiomiopatia è una definizione collettiva per un gruppo di patologie miocardiche di origine sconosciuta. La base di tali malattie sono i processi distrofici e sclerotici nelle cellule cardiache - i cardiomiociti. Con una violazione come la cardiomiopatia, nella maggior parte dei casi, il lavoro dei ventricoli del cuore cambia.

Ad oggi, non è stato possibile stabilire le vere cause della cardiomiopatia. Gli esperti sostengono che tali patologie possono progredire a causa di cambiamenti mutazionali nei geni o come risultato dello sviluppo attivo di malattie esistenti nell'uomo.

Tali malattie possono essere diagnosticate in persone di qualsiasi età, ma nei bambini vengono rilevate molto meno spesso rispetto agli adulti.

Ciò è dovuto al fatto che un tale gruppo di malattie è ereditario e nei bambini piccoli possono già comparire problemi con il lavoro del cuore.

Cause e sintomi

Le cardiomiopatie comprendono qualsiasi patologia che è accompagnata da un danno al muscolo cardiaco. In effetti, ci sono molte ragioni che possono provocare lo sviluppo di un tale disturbo.

Nel caso in cui malfunzionamenti nel miocardio siano una conseguenza di altre malattie rilevate nell'uomo, allora parlano di cardiomiopatie secondarie o specifiche. Altrimenti, la causa principale dello sviluppo della cardiomiopatia non può essere identificata e i medici stanno parlando della forma primaria della malattia.

Le cause più comuni di cardiomiopatia sono:

  1. i disturbi congeniti spesso diventano una delle ragioni per lo sviluppo di cardiomiopatie, cioè nella fase di deposizione dei tessuti embrionali, si verificano vari fallimenti
  2. le cause acquisite sono una conseguenza della progressione nel corpo umano di vari virus, sostanze tossiche e problemi metabolici
  3. cause miste combinano diversi fattori che hanno causato lo sviluppo della cardiomiopatia

Spesso, la malattia viene rilevata nei bambini e può essere congenita o acquisita. La patologia secondaria si sviluppa a seguito dell'esposizione all'organo di fattori esterni e interni, nonché di un'altra malattia.

Le cause secondarie più comuni sono:

  • diete a lungo termine, con l'osservanza del quale il contenuto di nutrienti e vitamine nel corpo umano è ridotto
  • nutrizione impropria e irrazionale, sovrappeso e patologia del tratto gastrointestinale
  • interruzioni del metabolismo nel miocardio a causa di patologie del sistema endocrino
  • bere molto alcol
  • assunzione di farmaci e in particolare anti-tumore
  • accumulo in cellule di varie inclusioni patologiche

Negli ultimi anni, la mortalità dovuta a cardiomiopatia secondaria è stata un evento comune. Le ragioni per lo sviluppo di tale patologia sono diverse e in ogni singolo caso è richiesto un esame qualitativo e professionale.

I segni di cardiomiopatia hanno molto in comune con il quadro clinico dell'insufficienza cardiaca progressiva.

La pratica medica mostra che con un tale disturbo, i pazienti si lamentano più spesso di:

  • aumento della fatica corporea
  • gonfiore persistente delle estremità
  • dolore parossistico nel cuore
  • debolezza e vertigini
  • mancanza di respiro
  • disturbi del sonno

La comparsa di tali sintomi indica che una persona ha una contrazione cardiaca compromessa e problemi con l'afflusso di sangue. Se si verificano tali sintomi, è necessario consultare un medico il più presto possibile, il che consentirà di prendere misure tempestive.

Classificazione

  • predisposizione genetica;
  • infezione virale e batterica;
  • Malattie autoimmuni;
  • cardiosclerosi.
  • tossico (la cardiomiopatia tossica si sviluppa più spesso nelle persone con alcolismo);
  • ischemica.

La struttura e la funzione del cuore

La cardiomiopatia è un intero gruppo di malattie in cui vi è un cambiamento nella struttura e una funzione compromessa del muscolo cardiaco. Il cuore è di solito diviso in parti, tuttavia, tale separazione è condizionata.

Tutte le parti del cuore sono interconnesse tra loro, quindi la violazione delle funzioni di una delle parti influisce sul lavoro dell'organo nel suo insieme. Per comprendere le caratteristiche della cardiomiopatia, dovresti inizialmente capire come funziona il cuore e quali funzioni svolge ciascuna parte.

Il cuore è composto da quattro camere:

  • l'atrio destro, in cui il sangue venoso viene raccolto dalla circolazione polmonare;
  • il ventricolo destro, da cui il sangue entra nei polmoni per ossigenazione;
  • l'atrio sinistro, che riceve sangue arterioso dai polmoni dopo lo scambio di gas;
  • del ventricolo sinistro, da dove il sangue entra nell'aorta, e quindi, attraverso un ampio cerchio di circolazione sanguigna, eroga ossigeno a tutti gli organi e tessuti.

In modo che durante il lavoro del cuore il sangue arterioso e venoso non si mescolino tra loro, le camere sinistra e destra del cuore sono separate da partizioni. Il setto tra gli atri è chiamato atriale e tra i ventricoli - l'interventricolare.

Ogni camera del cuore ha una valvola che, una volta aperta, aiuta il sangue a passare da un reparto all'altro, così come ai polmoni e all'aorta. Una volta chiusa, la valvola impedisce il flusso inverso di sangue.

La parete del cuore è composta da tre strati, ognuno dei quali svolge anche una funzione specifica. Questi includono:

  • endocardio: lo strato interno costituito da cellule epiteliali, che consente di far circolare liberamente il sangue;
  • miocardio - lo strato muscolare medio, che, contraendosi, spinge il sangue dalle camere cardiache;
  • pericardio - lo strato esterno costituito da tessuto connettivo.

Cause e fattori di rischio per cardiomiopatia

  • processi autoimmuni che portano all'autodistruzione del corpo. Le cellule in relazione l'una con l'altra fungono da assassini. Questo meccanismo è innescato da entrambi i virus e da alcuni fenomeni patologici che progrediscono;
  • genetica. A livello di sviluppo dell'embrione, si verifica una violazione della posa del tessuto miocardico, causata da nervosismo, dieta o fumo impropri o alcolismo della madre. La malattia si sviluppa senza sintomi di altre malattie dovute a cardiomiociti che agiscono sulle strutture proteiche coinvolte nella contrazione del muscolo cardiaco;
  • la presenza nel corpo di una grande quantità di tossine (tra cui nicotina e alcool) e allergeni;
  • scarsa funzionalità del sistema endocrino;
  • eventuali infezioni virali;
  • cardiosclerosis. Le fibre connettive sostituiscono gradualmente le cellule del muscolo cardiaco, privando le pareti di elasticità;
  • microcardite precedentemente trasferita;
  • malattia del tessuto connettivo generale (malattie che si sviluppano con un'immunità debole, causando processi infiammatori con comparsa di cicatrici negli organi).
  • cumulativo, che è caratterizzato dalla formazione di inclusioni patologiche nelle cellule o tra loro;
  • tossico, derivante dall'interazione del muscolo cardiaco con farmaci antitumorali e ricevendo lesioni; bere frequentemente per molto tempo. Entrambi i casi possono causare grave insufficienza cardiaca e morte;
  • endocrino, che appare nel processo di disturbi metabolici nel muscolo cardiaco, perdendo proprietà contrattili, si verifica la degenerazione della parete. Si verifica durante la menopausa, le malattie del tratto gastrointestinale, il diabete;
  • Alimentari, derivanti dalla malnutrizione con diete, fame e menu vegetariano.

I sintomi dipendono dal tipo di malattia stesso. Con lo sviluppo della CMP dilatata, c'è un aumento in tutte e quattro le cavità del cuore, l'espansione dei ventricoli e gli atri. Da questo, il muscolo cardiaco non può far fronte ai carichi.

Segni di DCMP.
Anche con uno sforzo fisico minimo, si verifica mancanza di respiro; le gambe si gonfiano, appare una sensazione di affaticamento; l'area intorno alla bocca, ali del naso, lobi delle orecchie, dita, caviglie e piedi diventano cianotici.

Con la CMP ipertrofica, c'è un ispessimento delle pareti del cuore, che comporta una diminuzione delle dimensioni delle cavità cardiache stesse. Ciò influisce sull'espulsione del sangue ad ogni contrazione. La sua quantità è molto inferiore al necessario per la normale circolazione del corpo.

Segni di cardiomiopatia ipertrofica
.
C'è tachicardia, dolore al cuore, carnagione pallida, svenimenti costanti, debolezza e mancanza di respiro.

Con lo sviluppo della CMP restrittiva, si verificano cicatrici del muscolo cardiaco. Il cuore non può mai rilassarsi, il suo lavoro è disturbato.

Segni di cardiomiopatia restrittiva.
La pelle acquisisce un colore bluastro, gli attacchi di respiro corto diventano più frequenti, il gonfiore si verifica non solo negli arti, ma anche nello stomaco, il fegato subisce un aumento delle dimensioni. Questo tipo di cardiomiopatia è considerato il più grave e raro.

Qualsiasi diagnosi è una procedura difficile e importante. La diagnosi di malattie cardiache non fa eccezione. Vari metodi diagnostici sono usati in combinazione, poiché spesso nella fase iniziale non è possibile determinare immediatamente il tipo di malattia.

Le patologie cardiovascolari occupano una posizione di leader tra le malattie che ogni anno prendono milioni di vite umane. Tali statistiche cupe sono spiegate dal fatto che le cause dello sviluppo della maggior parte delle malattie cardiache rimangono poco chiare.

La cardiomiopatia del cuore è una delle malattie più misteriose, che sebbene non possa essere completamente curata, ma con un'adeguata terapia consente a una persona di vivere una vita piena.

La cardiomiopatia non può essere curata, tuttavia, avendo preso la malattia in una fase precoce, puoi controllarne completamente il decorso, non permettendoti di ottenere il sopravvento. Comprendere quando è necessario consultare un medico aiuterà a conoscere come funziona il cuore, quali fattori contribuiscono allo sviluppo di questa patologia e quali sintomi indicano una violazione della funzione del muscolo cardiaco.

Si ritiene che vari virus e batteri contribuiscano alla rottura del miocardio, che tende a penetrare nelle cellule del muscolo cardiaco e a modificare la struttura del DNA dei cardiomiociti.

Negli ultimi anni sono nati sempre più bambini con malattie autoimmuni. Queste patologie sono caratterizzate dal fatto che le cellule del sistema immunitario, invece di proteggere, iniziano a distruggere le stesse cellule del corpo. Se attaccano le cellule del muscolo cardiaco, la malattia non può più essere curata.

La diagnosi della malattia presenta alcune difficoltà, poiché i medici non sono sempre in grado di determinare non solo il tipo di cardiomiopatia, ma anche di distinguere la forma primaria della malattia da quella secondaria. Pertanto, a ciascun paziente viene assegnato un numero di misure diagnostiche.

  • esame generale da un cardiologo;
  • Esame a raggi X del cuore.

Il regime di trattamento per questa malattia viene redatto dopo averne determinato la forma. La forma secondaria è più facile da trattare rispetto alla primaria, poiché le manifestazioni della cardiomiopatia vengono eliminate dopo il trattamento della malattia di base, che ha causato cambiamenti strutturali nel miocardio.

In generale, con qualsiasi forma di cardiomiopatia, ai pazienti vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci;

Per evitare conseguenze pericolose, le persone che soffrono di cardiomiopatia devono cambiare stile di vita e dieta. Per fare ciò, si consiglia di rispettare le seguenti regole:

  • aumentare l'attività motoria, che migliora la circolazione sanguigna, ma evitare un intenso sforzo fisico, che aumenta la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco;
  • seguire una dieta che preveda un uso limitato di proteine ​​animali, sale e alcool;
  • smettere di fumare, che aumenta il rischio di sviluppare aterosclerosi;
  • periodicamente esaminato da un cardiologo al fine di identificare tempestivamente eventuali cambiamenti nel miocardio.

Le cardiomiopatie sono un gruppo di disturbi che sono uniti dal fatto che durante la loro progressione si osservano cambiamenti patologici nella struttura del miocardio. Di conseguenza, questo muscolo cardiaco smette di funzionare completamente. Di solito, lo sviluppo della patologia è osservato su uno sfondo di vari disturbi extracardici e cardiaci.

La prevalenza di questa patologia nel mondo è piuttosto elevata. Viene diagnosticato in media in tre persone su 1000. Più spesso, i sintomi della malattia compaiono negli adulti, ma la cardiomiopatia nei bambini non è esclusa.

Di tutte le forme specifiche, la cardiomiopatia ischemica è forse l'unica che è associata a insufficiente afflusso di sangue del miocardio. Inoltre, la malattia si manifesta periodicamente, a cui molti pazienti semplicemente non prestano attenzione. Ma se non consulti un medico in modo tempestivo, allora può rivelarsi difficile.

La cardiomiopatia alcolica è la più comune. La malattia non proviene da nessuna parte, ma ha una chiara relazione causale. L'eccessiva assunzione di alcol porta alla disfunzione delle cavità cardiache. All'inizio, una leggera ipertrofia miocardica irregolare cambia e poi continua a progredire sotto l'influenza di un veleno come l'etanolo.

Come uno dei tipi di cardiomiopatia tossica, la forma alcolica può essere aggravata da altre impurità nocive nei prodotti contenenti alcol. E questo vale per gli amanti della birra. Dopotutto, i produttori aggiungono del cobalto per aumentare la schiuma, il che porta ad un avvelenamento molto più grave dell'alcool.

Per iniziare il trattamento delle malattie cardiache, è necessario limitare o eliminare l'uso di alcol, nonché ripristinare i processi metabolici (metabolici) che, di norma, sono violati negli alcolisti. Altrimenti, il processo in corso acquisirà forme irreversibili.

Devo dire che la cardiomiopatia metabolica, che a prima vista non è molto diversa dall'alcol, poiché porta a disturbi metabolici, ha un'origine diversa. Cioè, la distrofia miocardica è causata da altri fattori di origine non infiammatoria. Può trattarsi di carenza vitaminica, compromissione della funzionalità di un particolare organo (rene, fegato), attività fisica eccessiva.

Il termine cardiomiopatia dismetabolica è anche correlato alla tensione eccessiva del cuore, ma sullo sfondo dell'insufficienza ormonale. Ciò accade spesso in giovane età nelle persone che si dedicano professionalmente allo sport. Un'eccessiva attività fisica sullo sfondo di una mancanza di vitamine e oligoelementi porta a una violazione dell'attività del cuore. Le cause della cardiomiopatia metabolica e dismetabolica possono avere cause e sintomi simili, ma l'approccio al trattamento è completamente diverso.

La cardiomiopatia disormonale ha anche una natura ormonale, solo tra la popolazione femminile durante la menopausa, quando il paziente lamenta malessere generale, dolore al cuore e palpitazioni cardiache. Come per la forma dismetabolica, questi sintomi non hanno bisogno di cure cardiache. È necessario ridurre l'attività fisica, utilizzare regolarmente vitamine.

I farmaci si riducono a lievi sedativi come la valeriana. Piuttosto, la psicoterapia gioca un ruolo nel trattamento e nella calma spiegazione del medico sulla sicurezza dei sintomi superati nella menopausa, perché i sintomi sono causati dall'insufficienza degli ormoni sessuali. A volte questo accade durante la prima pubertà, ma i sintomi sono lievi e non richiedono un trattamento. Tuttavia, è necessario consultare uno specialista per escludere altre lesioni più gravi del muscolo cardiaco.

  • dilatativa;
  • ipertrofica;
  • restrittiva.
  • esame generale da un cardiologo;
  • ECG;
  • Eco-KG;
  • Esame a raggi X del cuore.
  • Inibitori AMF;
  • B-bloccanti;
  • bloccanti dei canali del calcio.

Cause e fattori di rischio per cardiomiopatia

La determinazione della genesi della cardiomiopatia è complicata dal fatto che sotto questo concetto, molte malattie cardiache possono essere combinate. A questo proposito, questa patologia è stata divisa in due gruppi:

  • primario, se non fosse possibile stabilire la causa della cardiomiopatia;
  • secondario o specifico, se la causa del suo sviluppo era qualsiasi altra malattia.
  • Genetica: si stima che circa il 20-30% dei casi di cardiomiopatia dilatativa si verifichi nelle famiglie. I geni esatti coinvolti sono sconosciuti;
  • Infezione virale del muscolo cardiaco (miocardite) causata dal virus Coxsackie, ecc .;
  • Alcol e altre tossine, compresa la doxorubicina chemioterapica;
  • Gravidanza;
  • Altre malattie: emocromatosi, sarcoidosi, lupus eritematoso sistemico (LES), sclerosi sistemica e distrofia muscolare: tutte queste malattie sono associate a cardiomiopatia dilatativa.

Circa il 50% dei casi è familiare (cioè ereditario). Il tipo di eredità si chiama autosomica dominante, il che significa che per far sì che il bambino ottenga il disturbo, il gene anormale deve essere trasmesso solo da uno dei genitori.

I geni coinvolti che provocano la malattia sono associati al meccanismo contrattile del cuore, quindi, quando deviati dalla norma, i muscoli diventano spessi e iperattivi. L'HCMP può anche essere causato da altre malattie, come l'atassia di Friedrich e la sindrome di Noonan.

  • Amiloidosi (e altre malattie infiltrative): questa è la forma più comune di cardiomiopatia restrittiva, quando si accumulano proteine ​​anomale nel muscolo cardiaco;
  • Sarcoidosi: questa è una malattia sistemica di una causa sconosciuta che provoca la formazione di granulomi in vari tessuti, incluso il muscolo cardiaco;
  • Fibrosi da radiazioni;
  • Fibrosi endomiocardica (una malattia che si riscontra principalmente in Africa e nelle regioni tropicali);
  • Endocardite di Loffler (una malattia che causa fibrosi e ispessimento del muscolo cardiaco).

Complicanze delle cardiomiopatie

Ancora una volta: la cardiomiopatia di qualsiasi tipo è una condizione pericolosa per la vita che può portare a una serie di gravi complicazioni, tra cui:

  • Insufficienza cardiaca
  • Disfunzione valvolare
  • Edema
  • Disturbi del ritmo cardiaco (aritmie)
  • Embolia, ictus, infarto
  • Arresto cardiaco improvviso

Ricorda: tutte queste complicanze possono essere evitate se la cardiomiopatia viene diagnosticata in tempo e viene somministrato un trattamento efficace.

Esistono sei complicanze potenzialmente letali che la cardiomiopatia può comportare.

  • Insufficienza cardiaca Può essere sistolica e diastolica. Nel primo caso, stiamo parlando dell'impossibilità del cuore di contrarsi normalmente, e nel secondo ventricolo, riceve meno sangue arricchito con ossigeno.
  • Infarto miocardico Questa condizione si verifica sullo sfondo della morte di una parte del miocardio, provocata da insufficiente afflusso di sangue.
  • Tromboembolia. I coaguli di sangue compaiono a causa del ristagno di sangue causato da danno miocardico.
  • Aritmie. Quando la sequenza della contrazione del miocardio viene interrotta, i tessuti soffrono di carenza di ossigeno. L'aritmia si verifica a causa di un malfunzionamento del sistema conduttivo, che provoca il battito cardiaco irregolare, lento o irregolare.
  • Edema polmonare Se la parte sinistra del cuore soffre di congestione, nei vasi sanguigni rimane un eccesso di sangue che porta ai polmoni. A poco a poco, i vasi sanguigni si allargano e il plasma sanguigno penetra nel tessuto polmonare.
  • Morte cardiaca istantanea.

Caratteristiche della forma ipertrofica della cardiomiopatia

La cardiomiopatia dilatativa è una condizione in cui vi è un assottigliamento delle pareti del cuore e l'espansione delle sue camere. Quando i volumi della camera aumentano, più sangue entra nei ventricoli. Ma poiché le raffinate pareti del cuore non sono in grado di contrarsi completamente, ci sono violazioni nel suo lavoro. Succede quanto segue:

  • cercando di spingere il sangue, il miocardio ha bisogno di più ossigeno e, a causa della sua mancanza, si sviluppa l'ischemia del muscolo cardiaco;
  • per aumentare l'apporto di ossigeno, il cuore inizia a contrarsi più spesso del solito;
  • il sangue che rimane nel cuore estende ancora di più le sue pareti;
  • l'espansione e l'assottigliamento delle pareti delle camere influiscono negativamente sullo stato delle valvole, che non possono più chiudersi completamente, e quindi ci sono segni di insufficienza cardiaca.

Questo tipo di cardiomiopatia si sviluppa nei seguenti casi:

  • se durante lo sviluppo fetale del feto si verifica una formazione difettosa di geni responsabili della creazione di cellule del miocardio;
  • infezioni virali, inclusa l'epatite C;
  • borreliosi precedente;
  • processi autoimmuni;
  • malattie endocrine;
  • esposizione al corpo di tossine, incluso l'alcol.

Lo sviluppo di questa forma della malattia è accompagnato dalle seguenti manifestazioni:

  • stanchezza senza causa;
  • alta pressione sanguigna nei vasi;
  • pallore della pelle;
  • gonfiore degli arti inferiori;
  • cianosi della punta delle dita sulle mani;
  • mancanza di respiro derivante dalla minima attività fisica.

Un segno di cardiomiopatia è mancanza di respiro.

Questi sintomi indicano la progressione dell'insufficienza cardiaca.

Questa forma della malattia è caratterizzata da un ispessimento del miocardio nel ventricolo sinistro, in cui vi è una diminuzione del volume della camera. Poiché il volume del sangue che scorre dall'atrio sinistro al ventricolo sinistro non può adattarsi nello spazio ridotto, rimane nella camera superiore. Di conseguenza, si verifica uno stiramento e un assottigliamento delle pareti dell'atrio sinistro e si verifica un ristagno di sangue nella circolazione polmonare.

Lo strato ispessito di massa muscolare richiede più ossigeno, che non penetra nel cuore a causa di un processo stagnante. L'ipossia provoca lo sviluppo di ischemia. Inoltre, l'ispessimento del miocardio riduce la sua suscettibilità agli impulsi nervosi, a seguito della quale la contrattilità del cuore è compromessa.

Quando si verifica la cardiomiopatia ipertrofica, i sintomi rimangono sostanzialmente gli stessi. Ma i segni vengono aggiunti a loro, indicando una violazione del ritmo cardiaco. Tra le caratteristiche principali, si può notare quanto segue:

  • tachicardia;
  • aritmia;
  • stanchezza senza causa;
  • mancanza di respiro anche a riposo;
  • sbiancamento della pelle;
  • dolore al petto;
  • vari disturbi della percezione.

Il principale pericolo con questa forma di malattia è una violazione della frequenza cardiaca, poiché questa patologia può portare a morte improvvisa.

In questo caso, i cardiomiociti vengono sostituiti dal tessuto connettivo. Questa funzione non influisce sullo spessore dello strato muscolare e non influisce sulle dimensioni delle camere. Tuttavia, il tessuto connettivo è anelastico e quindi non può allungarsi. Di conseguenza, le camere cardiache non sono in grado di accogliere il volume del sangue proveniente dai circoli grandi e piccoli della circolazione sanguigna, che porta alla sua stagnazione.

Quando viene diagnosticata la cardiomiopatia, questo modulo aiuta a identificare un piccolo numero di manifestazioni. Questi includono:

  • grave mancanza di respiro, che indica una mancanza di ossigeno;
  • edema derivante da processi stagnanti in entrambi i circoli della circolazione sanguigna.

Con questa lesione del muscolo cardiaco, c'è un'espansione della camera del ventricolo del cuore principalmente sinistro (meno spesso entrambi) senza ispessimento delle pareti del cuore. A causa della dilatazione (allungamento) di tutte e quattro le camere, il cuore aumenta di volume, si formano trombi parietali. Questi cambiamenti comportano una diminuzione della capacità dei ventricoli di contrarsi e ridurre il rilascio di sangue nell'aorta (disfunzione sistolica).

Una diminuzione della funzione contrattile si verifica a causa dell'ispessimento delle pareti delle camere a causa della diffusione del tessuto cicatriziale, che non ha la funzionalità delle cellule del muscolo cardiaco. Come risultato di una diminuzione del rilascio di sangue nei ventricoli, i suoi resti si accumulano. Si verifica un ristagno, che porta a insufficienza cardiaca. A causa della stagnazione, DCMP ha un altro nome: cardiomiopatia congestizia.

Si ritiene che fino al 30% dei casi di malattie siano causati da fattori genetici nello sviluppo della cardiomiopatia dilatativa. La natura virale è registrata dalle statistiche nel 15% dei casi.

La situazione con ispessimento irregolare delle pareti delle cavità del cuore ha il suo nome: cardiomegalia. Altrimenti, questa patologia è chiamata "cuore enorme". Come variante di questa forma di patologia, viene diagnosticata la cardiomiopatia ischemica. È caratteristico che con questa diagnosi ci siano più lesioni aterosclerotiche dei vasi e possibilmente hanno avuto attacchi di cuore (dopo tutto, il tessuto cicatriziale nel muscolo cardiaco proveniva da qualche parte).

La cardiomiopatia ischemica non è simile alla cardiopatia ischemica con i suoi dolori al petto, ma si basa sull'espansione delle pareti e sull'insufficienza cardiaca precoce. Il colpo principale (nove su dieci!) Cade su uomini di età inferiore ai 50 anni circa.

Inoltre, va notato che l'insufficienza cardiaca causata da ristagno di sangue (cioè cardiomiopatia congestizia) è spesso la causa della morte improvvisa.

Secondo le statistiche, per genere, DCMP ha il 60% in più di probabilità di colpire gli uomini rispetto alle donne. Ciò è particolarmente vero per le fasce di età dai 25 ai 50 anni.

Nel caso generale, la causa della malattia può essere:

  • eventuali effetti tossici - alcool, veleni, droghe, farmaci antitumorali;
  • infezione virale - influenza comune, herpes, virus Coxsackie, ecc .;
  • squilibrio ormonale - carenza di proteine, vitamina, ecc .;
  • malattie del miocardite autoimmune - lupus eritematoso o artrite.
  • eredità (predisposizione familiare) - fino al 30%.

Lo strato ispessito di massa muscolare richiede più ossigeno, che non penetra nel cuore a causa di un processo stagnante. provoca lo sviluppo di ischemia. Inoltre, l'ispessimento del miocardio riduce la sua suscettibilità agli impulsi nervosi, a seguito della quale la contrattilità del cuore è compromessa.

Quando si verifica, i sintomi rimangono sostanzialmente gli stessi. Ma i segni vengono aggiunti a loro, indicando una violazione del ritmo cardiaco. Tra le caratteristiche principali, si può notare quanto segue:

  • stanchezza senza causa;
  • mancanza di respiro anche a riposo;
  • sbiancamento della pelle;
  • dolore al petto;
  • vari disturbi della percezione.

Una caratteristica della cardiomiopatia dilatativa è una violazione della contrattilità del muscolo cardiaco con l'espansione delle camere cardiache. La maggior parte degli scienziati è fiduciosa che la malattia sia trasmessa a livello genetico, poiché si trova la natura familiare della patologia.

Sintomi di cardiomiopatia dilatativa:

  • fatica;
  • con cardiomiopatia dilatativa, il paziente ha spesso un aumento della pressione sanguigna a numeri elevati;
  • pallore della pelle;
  • l'edema appare sulle gambe;
  • le dita acquisiscono una tonalità cianotica;
  • mancanza di respiro con cardiomiopatia dilatativa si manifesta anche con un piccolo fisico. caricare.

Questi sintomi sono dovuti all'aumento. La prognosi per la cardiomiopatia dilatativa è piuttosto grave. Nei primi 5 anni dopo la diagnosi di patologia, fino al 70% dei pazienti muore. Ma se in tempo per iniziare a condurre un trattamento adeguato, la durata della vita del paziente può essere estesa. Le donne con diagnosi di cardiomiopatia dilatativa devono evitare la gravidanza, poiché il rischio di morte durante il parto è molto elevato.

Trattamento

Il trattamento di questa forma di patologia è principalmente finalizzato alla lotta contro l'insufficienza cardiaca progressiva. I medici includono tali farmaci nel piano di trattamento:

  • ACE-inibitori;
  • beta-bloccanti;
  • beta-bloccanti;
  • prodotti farmaceutici diuretici.

Vale anche la pena notare, in considerazione del fatto che la prognosi della malattia è sfavorevole, l'unico metodo che può prolungare la vita del paziente è il trapianto di cuore.

La cardiomiopatia ipertrofica è una patologia, la cui manifestazione principale è un ispessimento della parete del ventricolo sinistro. In questo caso, la cavità ventricolare non aumenta di dimensioni. Gli esperti ritengono che il motivo principale della progressione della cardiomiopatia ipertrofica siano i disturbi genetici.

Sintomi di cardiomiopatia ipertrofica:

  • dispnea;
  • debolezza generale;
  • pallore della pelle;
  • coscienza alterata;
  • dolore al petto;

Vale la pena notare che con la cardiomiopatia ipertrofica si verificano spesso vari disturbi del ritmo cardiaco. A volte fanno morire improvvisamente il paziente. Nelle persone con questa diagnosi, l'insufficienza cardiaca progredisce gradualmente.

La prognosi della malattia è relativamente favorevole rispetto ad altre forme della malattia. I pazienti con cardiomiopatia ipertrofica rimangono di buon corpo per molto tempo, ma dovrebbero scegliere professioni che non richiedono attività fisica eccessiva. Con questa diagnosi, è possibile pianificare la gravidanza e il parto.

Trattamento

L'obiettivo principale della terapia è migliorare la contrattilità del ventricolo ipertrofico. Il piano di trattamento comprende:

  • verapamil;
  • diltiazem;
  • beta-bloccanti;
  • applicazione di un pacemaker per la stimolazione elettrica.

Nel caso della progressione della forma restrittiva, l'elasticità delle pareti del cuore diminuisce. Una causa comune dello sviluppo di questa condizione è la fibrosi miocardica massiccia o la sua infiltrazione con varie sostanze.

Come risultato della progressione della forma restrittiva, si manifestano tali violazioni nel lavoro dell'organo:

  • gli atri si espandono, perché aumentano la pressione;
  • il tessuto miocardico si ispessisce;
  • il volume ventricolare diastolico diminuisce.

Trattamento

Il trattamento della forma restrittiva è un compito piuttosto difficile, poiché i pazienti di solito cercano un aiuto medico in una fase avanzata della progressione della patologia. Anche la diagnosi è difficile. Il trapianto di cuore è inefficace, poiché questo processo patologico può ricominciare a progredire in un cuore trapiantato.

Se è stato stabilito con precisione che la forma restrittiva della malattia è secondaria, il piano di trattamento è integrato con salasso e corticosteroidi. La previsione è sfavorevole. Alta probabilità di morte.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Tatyana Jakowenko

Redattore capo del Detonic rivista online, cardiologo Yakovenko-Plahotnaya Tatyana. Autore di oltre 950 articoli scientifici, anche su riviste mediche straniere. Lavora come cardiologo in un ospedale clinico da oltre 12 anni. Possiede moderni metodi di diagnosi e cura delle malattie cardiovascolari e li implementa nelle sue attività professionali. Ad esempio, utilizza metodi di rianimazione del cuore, decodifica dell'ECG, test funzionali, ergometria ciclica e conosce molto bene l'ecocardiografia.

Per 10 anni ha partecipato attivamente a numerosi simposi e seminari medici per medici - famiglie, terapisti e cardiologi. Ha molte pubblicazioni su uno stile di vita sano, diagnosi e cura delle malattie cardiache e vascolari.

Monitora regolarmente nuove pubblicazioni di riviste di cardiologia europee e americane, scrive articoli scientifici, prepara relazioni in conferenze scientifiche e partecipa a congressi europei di cardiologia.

Detonic