Dopo lo stent cardiaco, quante persone vivono la disabilità danno riabilitazione

Lo stenting delle arterie coronarie viene eseguito in anestesia locale e con controllo radiografico obbligatorio. Per eseguire l'operazione, sono necessari un catetere a sfera del diametro richiesto e un telaio metallico (stent). Tale telaio può essere non rivestito o avere un polimero speciale sulla parte superiore. Gli stent con rivestimento polimerico costano molto di più, ma danno risultati migliori.

L'essenza dell'operazione è che un catetere viene inserito nell'arteria femorale umana, che è dotata all'estremità di una pallina con uno stent. Dopo che raggiunge l'area problematica nel sito di restringimento della nave, la palla inizia a gonfiarsi alla dimensione richiesta e preme i depositi aterosclerotici nelle pareti. Dopo aver sgonfiato la palla, al suo posto rimane un telaio di metallo espanso, che impedisce di restringere nuovamente la nave.

Nel tempo, lo stent coronarico delle navi del cuore dura circa 1-3 ore. Immediatamente prima dell'intervento, il paziente deve assumere fluidificanti del sangue per prevenire la trombosi.

La procedura di stent presenta vantaggi rispetto ad altre manipolazioni e procedure che dovrebbero essere considerate nella scelta di un metodo di trattamento:

  • bassa invasività;
  • mancanza di necessità di anestesia generale;
  • breve periodo di riabilitazione;
  • numero minimo di complicanze.

Il corpo si riprende abbastanza rapidamente dopo un tale intervento chirurgico e il paziente non ha bisogno di un ricovero prolungato. Rispetto ad altre operazioni, lo stenting delle navi del cuore è considerato meno costoso. Poiché non è necessario eseguire l'anestesia generale, questo tipo di trattamento può essere utilizzato anche per i pazienti con controindicazioni all'intervento chirurgico standard.

Lo stenting delle arterie coronarie può essere effettuato solo dopo una diagnosi completa, compresa l'angiografia: esame mediante radiografia e contrasto del sistema cardiovascolare. Questo aiuta a determinare la presenza di restringimenti nelle navi, la loro localizzazione, estensione e altre sfumature. Sulla base dei dati, il medico decide se lo stent è accettabile per il paziente e seleziona il tipo appropriato di provetta.

Anche l'intervento chirurgico è sotto il controllo della radiografia. A volte l'angiografia coronarica e la stenosi vengono eseguite lo stesso giorno. Tuttavia, la seconda operazione non è adatta a tutti, ma solo:

  • pazienti con ischemia che non sono aiutati da farmaci;
  • quei pazienti che, secondo i risultati dei test, sono stati autorizzati a installare uno stent nel cuore (se l'aterosclerosi d>

Non tutti i pazienti con ischemia cardiaca hanno stent.

Viene eseguito solo nei seguenti casi:

  • Condizione preinfarto con una minaccia di infarto miocardico acuto;
  • Angina pectoris instabile;
  • Progressione dell'angina pectoris con convulsioni gravi frequenti, non rimovibili con nitroglicerina;
  • Attacco cardiaco acuto;
  • Il verificarsi di attacchi di angina nelle prime 2 settimane dopo infarto acuto;
  • Classe funzionale angina pectoris 3 e 4 stabile;
  • Ripetuto restringimento dell'arteria dopo il posizionamento dello stent.

Questi includono pazienti:

  • Diabete mellito;
  • In emodialisi;
  • Con stenosi ripetuta dopo l'installazione di uno stent olometallico;
  • Con lo sviluppo della stenosi shunt dopo l'innesto di bypass dell'arteria coronaria.

controindicazioni

Esistono numerose controindicazioni per il posizionamento degli stent (anche in casi di emergenza):

  • Grave insufficienza respiratoria, epatica e renale;
  • Periodo di ictus acuto;
  • Attuali malattie infettive;
  • Sanguinamento interno;
  • Ridotta coagulazione del sangue con la minaccia di sanguinamento.

La procedura per l'installazione dello stent richiede la preparazione del paziente. In questa fase, viene eseguita l'angiografia coronarica per chiarire la localizzazione della nave intasata e per determinare il grado del suo danno. In caso di emergenza, vengono eseguiti anche esami del sangue ed ECG. Nel caso di un'operazione pianificata, viene eseguito un esame più approfondito del paziente.

  • Test di laboratorio su urine e sangue - generali e biochimici, determinazione della coagulazione del sangue, per epatite e HIV;
  • Studi cardiaci: ecocardiografia, monitoraggio giornaliero dell'ECG, ecografia dei vasi coronarici con scansione duplex e dopplerografia.

Come viene posizionato uno stent?

L'accesso alle arterie coronarie avviene attraverso l'arteria femorale o attraverso il braccio. Secondo modo
- introduzione di un introduttore con uno stent attraverso l'arteria radiale dell'avambraccio
- È usato più spesso a causa dell'accesso più facile alle navi coronarie.

  • Il sito di puntura viene anestetizzato e viene inserito un conduttore con un contenitore.
  • Con il flusso di sangue sotto il controllo dei raggi X, raggiunge il posto giusto nell'arteria;
  • Dopo che la lattina è stata fissata nel posto giusto, viene gonfiata con una siringa;
  • Sotto pressione, si verifica la distruzione della placca aterosclerotica;
  • Il conduttore con la palla viene rimosso e al suo posto viene installato uno stent con una palla all'interno;
  • Il catetere viene nuovamente inserito nel vaso interessato, la palla si espande sotto pressione e apre lo stent, fissandolo saldamente sulle pareti dell'arteria al posto della placca distrutta.

In base a uno stile di vita attivo sano, a tutte le raccomandazioni mediche e all'assenza di altre malattie gravi, l'aspettativa di vita dei pazienti con ischemia cardiaca aumenta in modo significativo. Ciò è dimostrato anche dalle recensioni dei pazienti.

Dopo l'intervento, vengono prescritti farmaci che riducono il rischio di trombosi dello stent. Il farmaco più famoso in questo gruppo è Plavix. La durata del farmaco viene negoziata separatamente e dipende dallo stent installato:

  • Dopo aver sofferto di sindrome coronarica acuta per almeno 1 anno.
  • Quando si installa uno stent a rilascio di farmaco per almeno 1 anno.
  • Quando si installa uno stent senza rivestimento farmacologico per almeno 1 mese.

I principali errori ed errori relativi allo stenting delle navi del cuore:

    Dopo l'operazione, non è necessario bere medicine, perché esiste una cura.

Malinteso estremamente pericoloso. Dopo lo stent delle arterie coronarie, l'importanza della terapia farmacologica aumenta molte volte.

La cura non si verifica, la qualità della vita migliora in modo significativo, i rischi di catastrofi cardiovascolari e morte cardiovascolare possono essere ridotti se l'operazione viene eseguita secondo le indicazioni.

Dopo l'intervento chirurgico, il costo del trattamento farmacologico diminuirà.

Questo non è vero Lo stenting è un'indicazione per l'uso di Plavix, il costo di questo farmaco è abbastanza significativo oggi, quindi non ci sarà alcuna riduzione del costo del trattamento. Ma, naturalmente, la capacità del paziente di lavorare migliorerà.

Non ci saranno restrizioni dopo l'operazione.

Non è così, dovresti anche monitorare attentamente il livello di pressione sanguigna e trattare l'ipertensione arteriosa (se è stata precedentemente o prima apparsa), è altrettanto attentamente necessario monitorare il livello di zucchero ed emoglobina glicata nei pazienti con diabete, tu non riesco ancora a fumare e devi controllare il peso.

Plavix è molto costoso, può essere sostituito con uno zilt.

Formalmente, silyl è un generico di Plavix, ma dovresti essere consapevole che non ci sono studi che dimostrano la stessa efficacia di Plavix, quindi la sostituzione è possibile solo a tuo rischio e pericolo. Non possiamo dare una simile raccomandazione.

Tale metodo di terapia è caratterizzato da alcuni vantaggi che costringono gli specialisti a scegliere l'intervento chirurgico.

Questi benefici sono:

  • breve durata del periodo di controllo da parte degli specialisti in recupero;
  • non è necessario tagliare il seno;
  • breve periodo di riabilitazione;
  • prezzo relativamente economico.

Molti pazienti a cui è stata prescritta questa operazione sono interessati a quanto sia sicura e quante persone hanno avuto dopo l'operazione dal vivo.

Gli effetti avversi si verificano abbastanza raramente, in circa il 10% dei pazienti. Ma un tale rischio non dovrebbe essere completamente scartato.

Lo stent cardiaco è considerato la misura più sicura di terapia. Il paziente deve monitorare significativamente più da vicino la sua salute, aderire alle raccomandazioni di uno specialista, prendere i farmaci necessari e sottoporsi agli esami secondo il piano.

Succede che dopo l'intervento chirurgico, la probabilità di restringimento dell'arteria rimane, ma è piccola e gli scienziati continuano a fare ricerche in questo settore e il numero di miglioramenti sta aumentando.

Lo stent del cuore dopo un infarto può essere caratterizzato da pericolose complicazioni che si presentano durante la procedura chirurgica, dopo un breve periodo di tempo dopo di esso o dopo un lungo periodo.

Dopo l'operazione, è necessario aderire al riposo a letto per qualche tempo. Il medico controlla l'insorgenza di complicanze, raccomanda una dieta, l'uso di medicinali, restrizioni.

La vita dopo lo stent indica la conformità a determinati requisiti. Quando viene installato uno stent, si verifica la cardior riabilitazione del paziente.

I suoi requisiti principali sono dieta, esercizi di fisioterapia e umore positivo:

  • Per 1 settimana, il processo di riabilitazione è associato a limitazioni dell'attività fisica, i bagni sono vietati. 2 mesi, gli esperti non consigliano di guidare. Le seguenti raccomandazioni sono una dieta priva di colesterolo, attività fisica dosata, uso regolare di farmaci.
  • È necessario rimuovere i grassi di origine animale dalla dieta e limitare i carboidrati. Non dovresti assumere maiale grasso, manzo, agnello, burro, strutto, maionese e spezie piccanti, salsicce, formaggio, caviale, pasta di grano tenero, prodotti al cioccolato, dolci e farina, pane bianco, caffè, tè forte, bevande alcoliche, soda.
  • Nella dieta è obbligatorio includere nel menu macedonie di frutta e verdura o succhi di frutta freschi, pollame bollito, pesce, cereali, pasta, ricotta, latte acido, tè verde.
  • Devi mangiare un po '. ma spesso, 5-6 volte, osserva il peso. Se possibile, fai giorni di digiuno.
  • Ogni mattina, la ginnastica mattutina aiuta ad aumentare il metabolismo, in modo positivo. Non fare esercizi difficili all'istante. Si consiglia di camminare, inizialmente per una breve distanza, quindi - aumentando la distanza. Utile camminare senza fretta sulle scale,>

Lo stent sembra orribile a molti, anche se non lo è

La vita deve continuare indipendentemente dalle voci nella carta

  • documento di disabilità, programma di riabilitazione;
  • dichiarazione e rinvio

È possibile pilotare un aereo dopo lo stent

Se il paziente ha dolore nel sito della puntura dell'arteria o nella zona del torace, i soliti antidolorifici come il paracetamolo, l'ibuprofene o altri farmaci possono aiutare. Se lo stenting è stato eseguito secondo le indicazioni pianificate e non per il trattamento della sindrome coronarica acuta (infarto del miocardio, angina instabile), il paziente viene di solito dimesso a casa il secondo giorno, fornendo istruzioni dettagliate per un ulteriore recupero.

Recupero dopo lo stent Il recupero dopo lo stent dei vasi del cuore dipende da molti fattori, tra cui la causa della malattia, la gravità delle condizioni del paziente, il grado di deterioramento della funzione cardiaca e il sito di accesso vascolare. Cura del sito di accesso vascolare Le procedure interventistiche vengono eseguite attraverso l'arteria femorale nell'inguine o nell'arteria radiale sull'avambraccio.

Le malattie che sono la base per prescrivere la disabilità a un paziente minore nel 2018 sono le seguenti:

  • ritardo mentale;
  • sviluppo mentale e fisico alterato;
  • disturbo mentale;
  • disfunzione d'organo:
    • l'udito;
    • visione;
    • endocrini;
  • deformità esterne che non sono suscettibili di correzione;
  • disfunzione metabolica;
  • reazione motoria alterata;
  • altrimenti.

Attenzione: un certificato illimitato può essere rilasciato a un paziente minore. In questo caso, non è richiesto un riesame regolare. L'elenco delle violazioni in cui è stabilito un gruppo per un bambino è piuttosto ampio. Include quasi tutti i disturbi del primo elenco. Più specificamente, il medico curante dovrebbe comprendere la situazione.

Molto spesso, l'aspetto della malattia contribuisce alla presenza di situazioni stressanti. Una piccola definizione In realtà, un attacco di cuore è una fase acuta della malattia ischemica, consiste nel fatto che il sangue cessa di fluire verso qualsiasi parte del cuore. Con la durata di questo fenomeno di circa 20 minuti, una parte del cuore è attenuata.

  • compromissione della funzionalità renale (sullo sfondo di un'allergia a mezzo di contrasto);
  • ostruzione arteriosa;
  • ematoma nell'area della puntura;
  • sanguinamento associato a danni alla parete dell'arteria.

A causa del flusso sanguigno continuo, le complicazioni di cui sopra possono apparire su altre arterie. Il gruppo a rischio comprende diabetici e persone che soffrono di gravi malattie renali e patologie della coagulazione. Questi pazienti richiedono un esame approfondito prima dell'intervento chirurgico. Quindi viene eseguita una preparazione speciale per lo stenting.

Quando il paziente viene dimesso a casa, una benda può rimanere nel posto appropriato. Raccomandazioni per la cura del sito di accesso vascolare:

  • Il giorno dopo la procedura, è possibile rimuovere la benda dal sito di puntura dell'arteria. È più facile farlo sotto la doccia, dove puoi bagnarlo se necessario.
  • Dopo aver rimosso la medicazione, applicare una piccola toppa su questa area.
    Entro pochi giorni, il sito del catetere può essere nero o blu, leggermente gonfio e leggermente doloroso.
  • Lavare il sito di inserimento del catetere almeno una volta al giorno con acqua e sapone. Per fare ciò, raccogli acqua saponata nel palmo della mano o inumidisci un panno e lava delicatamente l'area desiderata.

Questo aiuta a prevenire infarto miocardico, ictus, malattie renali e insufficienza cardiaca.

  • Controllo del colesterolo nel sangue.

Supporto psicologico Lo stenting posposto, così come la malattia che lo ha causato, espone il paziente allo stress. Nella vita di ogni giorno, ogni persona si trova costantemente di fronte a situazioni stressanti. Può essere aiutato da persone vicine - amici e parenti, che dovrebbero fornire supporto psicologico per far fronte a questi problemi.

Puoi rivolgerti a uno psicologo che può aiutare professionalmente una persona a far fronte agli eventi stressanti della vita. Terapia farmacologica dopo lo stent È necessario assumere farmaci dopo lo stent, indipendentemente dal motivo per cui è stato effettuato. Molte persone assumono farmaci che riducono il rischio di trombosi entro un anno dall'intervento.

Ma la diagnosi stessa non contribuisce alla determinazione della disabilità. Viene assegnato tenendo conto di indicatori quali la capacità del paziente di lavorare e la cura di sé. Quando si passa un esame medico e sociale, vengono utilizzati sistemi di indicatori speciali. Tale esame ha lo scopo di determinare il grado di perdita delle capacità fisiche.

Pertanto, la disabilità è data ai pazienti che, prima di un infarto, avevano una posizione difficile che richiedeva uno sforzo fisico significativo. Se le condizioni del paziente si sono stabilizzate dopo l'intervento chirurgico, allora può viaggiare. In questo caso, il paziente deve rispettare tutte le raccomandazioni del medico curante. Il riposo attivo è una rapida riabilitazione dopo lo stent. Alcuni pazienti possono usare saune e bagni. 5 Speranza di vita. Una diagnosi di malattia coronarica richiede una consultazione costante con un cardiologo.

In essi, a causa della malattia, la loro capacità lavorativa è significativamente ridotta. Il primo gruppo di disabilità è istituito per i pazienti che hanno perso la capacità di lavorare e hanno perso la capacità giuridica. Inoltre, ci sono casi di accertare la disabilità perpetua. Viene assegnato quando il trattamento utilizzato mostra un risultato negativo.

Tipi di lavoro scelti dopo un infarto Indipendentemente dal gruppo di disabilità, prognosi positiva o negativa, avendo avuto un infarto del miocardio, è controindicato lavorare nella specialità: - operatore di trasporto pubblico e di merci; - piloti di equipaggiamento per l'aviazione; - installatore elettrico; - dipendenti di società di sicurezza; - lavoratori in alta quota;

- dove sono presenti sostanze tossiche; - dove ci sono turni notturni; - postini; - lavoratori della ristorazione; - in un'area remota dove non vi sono insediamenti. In quali circostanze viene assegnato un gruppo figlio? Lo stato di salute dei minori è monitorato dal momento della nascita. Con alcuni disturbi, un bambino può essere riconosciuto come disabile. Questo succede se lo stato del suo corpo interferisce normalmente:

  • sviluppare;
  • per imparare;
  • interagire con l'ambiente e la società.

Le malattie sorgono per vari motivi. Ci sono congeniti (intrauterini) e acquisiti. Le cause delle disfunzioni non influiscono sulla decisione ITU. La commissione analizza lo stato di salute e la probabilità di una cura. Sulla base dei risultati, viene presa la decisione di fornire un certificato di disabilità. Dopo un infarto, a una persona è vietato lavorare:

  • pilota di volo, assistente di volo, operatore di gru;
  • elettricista, lavoratore in alta quota, guardia di sicurezza;
  • postino, corriere, spedizioniere di trasporto;
  • venditore, dipendente della ristorazione e altri servizi in cui l'attività psico-emotiva e fisica è aumentata;
  • presso aziende che producono o trasformano sostanze chimiche nocive e veleni;
  • presso le opere che forniscono turni notturni e l'esecuzione quotidiana delle opere;
  • in lavori pericolosi e in luoghi con un clima sfavorevole alla salute;
  • al lavoro ad alta velocità: macchine e trasportatore;
  • lontano dalle città e altri insediamenti, nel campo.

Un ritorno al lavoro precedente che è difficile per il corpo è inaccettabile. L'attacco cardiaco trasferito non esclude la ricorrenza di un attacco in una forma più grave.

A causa del flusso sanguigno continuo, le complicazioni di cui sopra possono apparire su altre arterie. Il gruppo a rischio comprende diabetici e persone che soffrono di gravi patologie renali e patologie della coagulazione del sangue. Questi pazienti richiedono un esame approfondito prima dell'intervento chirurgico. Quindi viene eseguita una preparazione speciale per lo stenting. Se necessario, al paziente vengono prescritti farmaci. Secondo i segni di una complicazione iniziale, gli esperti includono:

  • sanguinamento del sito di puntura;
  • cambiamento di temperatura e colore della pelle intorno al luogo in cui è stato installato lo stent;
  • dolore al petto

I sintomi sopra indicati indicano ristenosi. In questo caso, sono necessarie cure cardiologiche urgenti. Dopo l'intervento chirurgico, il paziente è in terapia intensiva sotto la costante supervisione di un medico. Quanti giorni dura il congedo per malattia dopo un infarto e uno stent dipende dalle condizioni generali del paziente, dal successo dell'intervento. In media - 2-3 mesi.

  • 1. Dalla dieta, è necessario escludere cibi dolci e amidacei. I cibi raffinati a base di carboidrati non devono essere consumati, poiché questi composti contribuiscono alla formazione di placche di colesterolo. Tali prodotti sono sostituiti da frutta secca. È possibile mangiare agrumi, te lo dirà il medico.
  • 2. Limitare il consumo di grassi animali (strutto, maiale). Per ripristinare rapidamente la salute del cuore, il consumo di burro, uova e latticini è limitato.
  • 3. Se hai problemi con il corpo principale, devi consumare più frutta e verdura fresca, oli vegetali.
  • 4. La composizione del pesce include acidi omega-polinsaturi che aumentano la concentrazione di HDL.
  • 5. Rifiuto di salato (per trattenere liquidi e aumentare la pressione sanguigna).
  • 6. Durante il periodo di riabilitazione dopo lo stent delle arterie coronarie, si raccomanda di rifiutare la caffeina. Altrimenti, si verifica un vasospasmo.

    Dopo l'intervento chirurgico al cuore, il paziente deve smettere di fumare.

    Si consiglia di smettere di fumare prima dell'intervento chirurgico. Gli scienziati hanno dimostrato che il fumo passivo e attivo influisce negativamente sulle prestazioni dell'organo principale e dei vasi sanguigni. Allo stesso tempo, l'aterosclerosi progredisce, aumenta il rischio di sviluppare un infarto e l'aritmia. È vietato bere alcolici dopo un infarto e uno stent. Una piccola quantità di vino rosso secco ha un effetto curativo sul cuore e sul decorso dell'aterosclerosi. Nel fare ciò, devono essere osservate le seguenti regole:

    • bere 1 bicchiere di vino al giorno;
    • consumare vino di alta qualità.

    Il movimento e la moderata attività fisica dopo lo stent dei vasi sanguigni del cuore sono la chiave per il successo del recupero del paziente. Con l'aiuto degli sport regolari, puoi prevenire lo sviluppo dell'aterosclerosi, rafforzare il sistema immunitario, allenare il muscolo cardiaco, stabilizzare la pressione sanguigna, perdere peso.

    Per i pazienti sottoposti a stent, non ci sono esercizi speciali. L'attività fisica sta prendendo in considerazione le condizioni generali del paziente, la sua età e la presenza di disturbi cronici. La riabilitazione dopo lo stent comporta l'esecuzione di esercizi fisici 4 volte a settimana. Si consiglia di andare a nuotare, andare in bicicletta, correre.

    Non puoi fare sollevamento pesi e boxe. La riabilitazione dopo infarto miocardico non prevede l'abbandono della normale vita sessuale. Dopo l'intervento chirurgico, la quantità di farmaci usati è ridotta. Il regime di trattamento durante il periodo di riabilitazione viene selezionato individualmente dal medico. Al paziente viene prescritto un agente emorragico (clopidogrel).

    Con l'aiuto dello stent, è impossibile liberarsi completamente dell'ischemia. Nella vita successiva, le ricadute non sono escluse, quindi i pazienti sottoposti a tale operazione sono sotto la supervisione di un medico. Ciò contribuisce al rilevamento tempestivo della formazione di AB nelle arterie o alla comparsa di coaguli di sangue. La riabilitazione dopo lo stent ha lo scopo di riportare il paziente a una vita precedente.

    Non ci sono termini esatti per il ripristino della disabilità. Dipende dalla gravità dell'ischemia, dalla professione del paziente. Se il paziente è specializzato nel lavoro intellettuale, puoi lavorare immediatamente dopo l'intervento chirurgico. Se la professione del paziente è associata all'attività fisica, procedere successivamente al lavoro.

    1. intasamento dell'arteria operata,
    2. danno alla parete vascolare,
    3. la comparsa di sanguinamento o la formazione di un ematoma nel sito di puntura,
    4. allergie al mezzo di contrasto di diversa gravità, inclusa disfunzione renale.
    • Tenendo conto del fatto che la circolazione sanguigna si verifica nel corpo umano, in alcuni casi durante lo stent le conseguenze si verificano anche in altre arterie che non sono interessate durante l'intervento chirurgico.
    • Un aumento del rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico nelle persone che soffrono di grave k>

      Dentro o nella spazzatura

      Sì, la maggior parte dei farmaci che i pazienti hanno assunto prima dell'intervento rimangono anche con loro dopo di essa, per alcuni di questi importi aumentano, quindi quali gruppi di farmaci devono ancora essere assunti.

      A volte uno specialista prescrive farmaci in dosi contrarie alle istruzioni, in questo caso, dovresti fidarti del tuo medico.

      1. Farmaci antipiastrinici. Assegnare immediatamente dopo angioplastica e stent, per ridurre il rischio di trombosi sia nell'area dello stent installato che oltre.
      2. Statine I farmaci ipolipemizzanti sono prescritti per abbassare il colesterolo nel sangue, sotto la supervisione di un'analisi biochimica. In genere, i pazienti assumono farmaci ipolipemizzanti molto prima dell'inizio dell'intervento di angioplastica. Dopo l'operazione, è possibile prescrivere un farmaco aggiuntivo dello stesso gruppo.
      3. Beta-bloccanti. Assegnare ai pazienti non solo dopo l'angioplastica, ma anche come trattamento medico per la malattia coronarica.
      4. Calcio antagonisti. Così come altri farmaci possono essere utilizzati come terapia farmacologica nel periodo preoperatorio. Il medico fornisce quindi la prevenzione di attacchi ripetuti di angina pectoris.

      Quanti vivono dopo un intervento chirurgico di stenting cardiaco, danno disabilità

      La più grande nave del corpo umano è l'aorta, che fornisce ossigeno a tutti gli organi e tessuti. All'inizio di un restringimento di un vaso sanguigno, di solito non ci sono segni di mancanza di ossigeno. Con la progressione del restringimento aortico (coartazione), i pazienti hanno la pressione alta e possono verificarsi altri problemi.

      Lo stenting dei vasi del cuore è un'operazione chirurgica durante la quale il lume dell'arteria interessata viene riportato a un diametro normale. All'interno della nave è installato uno stent speciale, grazie al quale il flusso sanguigno viene normalizzato. La chirurgia moderna previene la morte dei tessuti e lo sviluppo dell'infarto del miocardio.

      Come viene posizionato uno stent?

      • la terapia farmacologica non elimina efficacemente i sintomi della malattia coronarica;
      • con l'aiuto della coronarografia, è stata confermata la possibilità di installare uno stent e l'efficacia della manipolazione (il restringimento è limitato nell'area, il tronco dell'arteria coronaria sinistra non è interessato, l'arteria distale, che è la più sottile, non è interessata) ;
      • un paziente con angina pectoris è tenuto a mantenere l'attività fisica;
      • con diagnosi di grave angina pectoris, accompagnata da forte dolore dietro lo sterno, le condizioni del paziente sono considerate pre-infarto;
      • primo periodo di infarto del miocardio (prima è, meglio è), se l'ospedale ha le attrezzature per l'intervento;
      • il periodo di riabilitazione dopo infarto del miocardio, indipendentemente dallo stadio della riabilitazione (prima il paziente avrà installato uno stent che ripristina l'accesso dell'ossigeno al miocardio, meglio è);
      • restenosi sullo sfondo di un'angioplastica già eseguita dei vasi cardiaci.
      • sanguinamento;
      • reazioni allergiche;
      • tromboembolia.

      In effetti, tali complicazioni sorgono estremamente raramente, tuttavia, non possono essere completamente escluse, anche se tali casi sono estremamente rari. Il fatto che lo stent sia un intervento percutaneo minimamente invasivo che rimane ancora un trattamento ideale per l'angina pectoris non può essere escluso.

      La malattia coronarica a volte va troppo lontano, motivo per cui la disabilità dopo lo stent delle navi del cuore è un evento comune nel nostro paese.

      Prodotti - istruzioni con effetti collaterali non inclusi

      L'aterosclerosi è considerata la malattia cronica più comune che colpisce le arterie. Nel tempo, le placche aterosclerotiche che crescono all'interno della membrana della parete del vaso, singole o multiple, sono considerate depositi di colesterolo.

      In caso di crescita del tessuto connettivo nell'arteria e calcificazione delle pareti vascolari che portano a una deformazione progressivamente in via di sviluppo, il lume a volte si restringe fino a quando l'arteria è completamente cancellata, il che comporterà una costante, crescente mancanza di circolazione sanguigna dell'organo che si nutre attraverso l'arteria danneggiata.

      Con insufficiente circolazione sanguigna nel muscolo del cuore, una persona avverte la comparsa di tali sintomi:

      1. dolore al petto, che è accompagnato da una paura della morte;
      2. nausea;
      3. dispnea;
      4. cardiopalmus;
      5. sudorazione eccessiva.
      • Un cardiochirurgo seleziona i pazienti con ischemia per un intervento chirurgico. Il paziente deve sottoporsi all'esame necessario, che include tutti gli esami del sangue e delle urine necessari per determinare il lavoro degli organi interni, del lipogramma, della coagulazione del sangue.
      • Un elettrocardiogramma fornirà l'opportunità di chiarire la posizione del danno al muscolo cardiaco dopo un infarto, la distribuzione e la concentrazione del processo. L'ecografia del cuore dimostrerà il lavoro di ciascun reparto degli atri e dei ventricoli.
      • Un'angiografia dovrebbe essere eseguita. Questo processo consiste nell'introdurre un mezzo di contrasto e diverse fotografie a raggi X nei vasi, che vengono eseguite durante il riempimento del flusso sanguigno. Vengono rilevati i rami più danneggiati, la loro concentrazione e grado di restringimento.
      • L'ecografia intravascolare aiuta a valutare le capacità della parete arteriosa all'interno.

      Indicazioni per la chirurgia:

      • difficili attacchi di angina regolari, che il cardiologo definisce come un pre-infarto;
      • supporto dell'innesto di bypass dell'arteria coronaria, che tende a restringersi per 10 anni;
      • segni vitali durante un grave infarto transmurale.
      • Danni comuni a tutte le arterie coronarie, a causa delle quali non ci saranno luoghi per lo stent.
      • Il diametro dell'arteria ristretta è inferiore a 3 mm.
      • Diminuzione della coagulazione del sangue.
      • Disfunzione dei reni, fegato, insufficienza respiratoria.
      • Allergia del paziente ai farmaci contenenti iodio.

      Non dimenticare. che con una tecnica di chirurgia cardiaca ideale, la necessità di prendersi cura della propria salute non viene annullata.

      Dopo lo stent, segue un periodo postoperatorio piuttosto breve, che dura fino a 1-2 settimane, associato alla procedura stessa.

      L'ulteriore recupero e riabilitazione dipendono dalla malattia per la quale è stato eseguito lo stenting, nonché dal grado di danno al muscolo cardiaco e dalla presenza di patologia concomitante. La previsione, la necessità di assegnare un gruppo di disabilità, la disponibilità di disabilità, dipendono da questo. Vedi le seguenti sezioni dell'articolo per maggiori dettagli.

      La sonda viene inserita nel vaso e sotto il controllo di una tomografia computerizzata o di una sonda ad ultrasuoni si sposta nella direzione di intasamento. C'è l'installazione e l'inflazione del pallone. La palla gonfiata apre lo stent, installandolo in tal modo all'interno della nave.

      Questa tecnologia di installazione può ridurre significativamente la morbilità durante l'intervento chirurgico, poiché l'incisione deve essere eseguita non nel sito di installazione, ma a una certa distanza. Va anche notato che lo stenting è ampiamente usato nei casi di formazione di placche in luoghi difficili da raggiungere.

      Le indicazioni per l'uso dello stent sono condizioni patologiche che possono provocare disturbi discircolatori. L'installazione viene eseguita con la minaccia di malattia coronarica (CHD) o aterosclerosi.

      In caso di aumento del rischio di infarto miocardico, è possibile utilizzare anche questa procedura. L'endarterectomia può anche essere usata per trattare l'aterosclerosi, consentendo la rimozione diretta della placca. Tuttavia, è molto più facile installare uno stent sui vasi coronarici e il recupero dopo tale operazione è molto più facile che dopo aver rimosso la placca stessa dal lume.

      Va notato che, nonostante la sua sicurezza e un rapido periodo di remissione, tale operazione presenta alcune controindicazioni:

      • riduzione del diametro dell'arteria a 3 mm;
      • riduzione della coagulazione del sangue ed emofilia;
      • insufficienza respiratoria o renale cronica nella fase acuta;
      • stenosi diffusa - danno a un'area troppo grande;
      • allergia allo iodio: è un componente di un mezzo di contrasto in radiografia.

      Il compito principale svolto dallo stent è quello di mantenere il diametro del lume vascolare. Ciò implica un grande carico sul telaio e quindi viene prodotto utilizzando tecnologie avanzate e materiali di alta qualità.

      Molto spesso, viene utilizzata una lega inerte di diversi metalli per crearla. Sono stati sviluppati più di 100 diversi tipi di stent, che differiscono per composizione della lega, design, tipo di cellule, rivestimento e metodo di consegna nel sito di restringimento.

      Più comunemente usati sono gli stent metallici convenzionali che supportano semplicemente il diametro del vaso richiesto. Ci sono anche stent che sono rivestiti con un polimero speciale - rilascia una sostanza farmaceutica dosata.

      L'uso di questa tecnologia può ridurre significativamente il rischio di ristenosi e il loro costo è significativamente più alto del solito. Inoltre, con l'introduzione di tale stent per un massimo di 12 mesi, è necessario assumere farmaci antipiastrinici per prevenire l'insorgenza di trombosi. Si raccomanda che tali stent siano installati in piccoli vasi in cui la probabilità di intasamento è significativamente aumentata.

      Come qualsiasi altra operazione, lo stenting comporta la conduzione di studi preliminari e una formazione speciale. Ciò consente di aumentare le possibilità di un risultato favorevole, ridurre la probabilità di complicanze, ridurre la durata del periodo di recupero.

      Innanzitutto, viene eseguito un esame. È composto da più parti:

      • L'ecografia Doppler aiuta a tenere traccia del flusso sanguigno nei vasi.
      • Gli esami del sangue biochimici e generali determinano i disturbi della coagulazione, il livello di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) nel sangue.
      • Un coagulogramma aiuta a determinare il livello di coagulazione del sangue.
      • Uno studio coronarografico determina le condizioni delle arterie, il grado di danno.

      L'ecografia con dopplerografia non richiede una preparazione speciale, viene eseguita esattamente come qualsiasi altro esame ecografico.

      Viene eseguito un esame del sangue dopo aver prelevato il campione del test nella piega della vena ulnare. Il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto al mattino: ciò consente di ottenere risultati di ricerca più obiettivi. La coronarografia richiede, in primo luogo, un coagulogramma, un'analisi delle urine generale e un controllo della presenza del virus dell'HIV e dell'epatite nel sangue.

      Quindi, l'angiografia coronarica viene eseguita direttamente: mostra il grado di restringimento della nave, la dimensione della placca e le condizioni della nave nella sua posizione.

      L'operazione stessa viene eseguita in più fasi:

      1. Mantenimento di un fluidificante del sangue. È necessario prevenire la formazione di coaguli di sangue durante l'operazione.
      2. L'anestesia locale viene eseguita nel sito del catetere.
      3. Puntura di un'arteria per installare un tubo speciale - introduttore. Molto spesso, è installato nella regione inguinale, perché attraverso questa arteria è più facile raggiungere la coronaria.
      4. Inserimento di un catetere nell'arteria interessata attraverso la guaina dell'introduttore.
      5. Inserimento di uno stent con una palla attraverso un catetere in una nave danneggiata.
      6. Sotto il controllo degli ultrasuoni o della TC, la palla viene portata sul sito del restringimento.
      7. Gonfiaggio del palloncino realizzato con un mezzo di contrasto. In questo caso, lo stent si apre e viene premuto nella parete del vaso. Il palloncino viene gonfiato più volte per fissare lo stent.

      Come viene eseguito lo stenting?

      • ischemia cardiaca;
      • aterosclerosi degli arti inferiori.

      La medicina moderna (l'industria è la chirurgia endovascolare) ha diversi metodi comuni per ripristinare la pervietà arteriosa:

      • terapia farmacologica conservativa;
      • stenosi dei vasi cardiaci;
      • innesto di bypass dell'arteria coronaria;
      • angioplastica (apertura con un catetere dell'arteria interessata).

      La procedura di stent può essere eseguita in caso di emergenza (in presenza di angina instabile o infarto del miocardio). In altri casi, l'operazione viene eseguita come previsto. Secondo i risultati degli esami di laboratorio, durante i quali viene determinato lo stato dei vasi sanguigni e del cuore del paziente, il medico approva o proibisce lo stenting vascolare. Prima di installare lo stent:

      • il paziente prende un'analisi generale di sangue, urina;
      • fare un elettrocardiogramma, un coagulogramma;
      • eseguire ultrasuoni.

      Lo stenting avviene in condizioni sterili in sala operatoria utilizzando un anestetico locale. L'installazione di stent viene eseguita sotto il controllo della fluoroscopia. Per ottenere l'accesso alle navi danneggiate, il medico perfora una grande arteria. Un piccolo tubo (introduttore) viene inserito attraverso il foro. È necessario introdurre altri strumenti nell'arteria. Un catetere flessibile viene introdotto attraverso l'introduttore alla bocca dell'arteria interessata. Attraverso di esso, uno stent viene consegnato direttamente al sito di restringimento della nave.

      Lo specialista posiziona il tubo in modo che dopo l'apertura sia posizionato nel miglior modo possibile. Successivamente, la palla dello stent è piena di contrasto, che porta al suo gonfiamento. Sotto pressione, il tubo si raddrizza. Se lo stent è posizionato correttamente, il medico estrae gli strumenti e fascia il sito di puntura. Lo stent in media richiede da 30 a 60 minuti, ma viene esteso se sono necessarie più provette contemporaneamente.

      Primo periodo postoperatorio

      Immediatamente dopo la fine della procedura, il paziente viene portato in un reparto postoperatorio, dove il personale medico controlla attentamente le sue condizioni. Se l'accesso vascolare avveniva attraverso l'arteria femorale, dopo l'intervento chirurgico, il paziente deve giacere in posizione orizzontale sulla schiena con le gambe dritte per 6-8 ore e talvolta più a lungo. Ciò è associato al rischio di sviluppare sanguinamenti pericolosi dal sito della puntura dell'arteria femorale.

      Esistono dispositivi medici speciali per ridurre la durata della permanenza orizzontale richiesta nel letto. Riempiono un buco nella nave e riducono la possibilità di sanguinamento. Quando li usi, ci vogliono 2-3 ore. Per rimuovere il mezzo di contrasto introdotto nel corpo durante lo stent, si raccomanda al paziente di bere quanta più acqua possibile (fino a 10 bicchieri al giorno), se non ha controindicazioni (come grave insufficienza cardiaca).

      Se lo stenting è stato eseguito secondo le indicazioni pianificate e non per il trattamento della sindrome coronarica acuta (infarto del miocardio, angina instabile), il paziente viene di solito dimesso a casa il secondo giorno, fornendo istruzioni dettagliate per un ulteriore recupero.

      La riabilitazione dopo lo stent comprende una serie di misure che aiuteranno una persona a riprendersi più velocemente e ridurre il rischio di recidiva. Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, il paziente deve osservare un rigoroso riposo a letto in ospedale (1-2 giorni). Il medico curante in questo momento controlla costantemente le condizioni della persona.

      La riabilitazione dopo lo stent comporta l'assunzione di farmaci prescritti da un medico. Con l'aiuto dei farmaci, il rischio di sviluppare un infarto del miocardio è significativamente ridotto e aumentano gli indicatori come la durata e la qualità della vita con malattia coronarica. La durata del corso è in media fino a sei mesi. L'elenco dei farmaci prescritti dopo lo stenting vascolare include:

      • abbassando la quantità di colesterolo nel sangue;
      • anti-argeganti;
      • anticoagulanti.

      Durante il periodo di riabilitazione, è importante seguire una dieta. Gli alimenti grassi dovrebbero essere limitati nella dieta umana. Con l'ipertensione, vale la pena rinunciare al sale. Se il paziente soffre di diabete, la sua dieta dovrebbe contenere esclusivamente prodotti della nona tabella secondo Pevzner. Le persone obese dovrebbero ridurre al minimo l'apporto calorico del cibo.

      Una persona che ha subito uno stent dei vasi cardiaci dovrebbe eseguire una terapia fisica regolare (esercizi di fisioterapia) 1-2 settimane dopo l'intervento chirurgico. regole:

      1. L'escursionismo è l'ideale. Compiti leggeri mostrati.
      2. La durata del carico deve essere limitata a 30-40 minuti e deve essere eseguita quotidianamente.
      3. Terrenkur è considerato un eccellente strumento di riabilitazione - limitato nel tempo, nell'angolo di inclinazione e nella distanza di risalita lungo percorsi appositamente organizzati.
      4. Le lezioni contribuiscono al morbido allenamento del cuore e ne ripristinano gradualmente la funzione.

      Cardiolgli ogisti corrono il rischio di perdere il lavoro: ora l'ipertensione è curabile!

      • Terapia farmacologica.
      • Dieta alimentare.
      • Classi di terapia fisica.
      • Esami regolari (interrogatorio, esame, ECG, test di laboratorio e altri studi strumentali). Un intervento chirurgico di stenting di successo non significa che si possa dimenticare di visitare un cardiologo, soprattutto se la riabilitazione non viene eseguita in un sanatorio.
      • Lavoro educativo.

      Dopo l'operazione, ai pazienti vengono prescritti farmaci che impediscono l'ostruzione dei vasi coronarici, statine per normalizzare il metabolismo lipidico e speciali farmaci cardiologici per proteggere il cuore dal sovraccarico. Inoltre, stanno sviluppando una serie di esercizi per esercizi di fisioterapia progettati per allenare il cuore e normalizzare il peso corporeo. Sia la terapia farmacologica che la terapia fisica sono selezionate individualmente per ciascun paziente.

      Non meno importante dei farmaci e della terapia fisica, ha una dieta. Per i pazienti che sono stati sottoposti a stent, è necessaria un'alimentazione arricchita con vitamine, acidi grassi utili e fibre. Ma l'uso di grassi nocivi, carboidrati "leggeri", caffeina e sale dovrebbe essere rigorosamente dosato, poiché sono queste sostanze che influenzano negativamente le condizioni dei vasi coronarici e la pressione sanguigna.

      Dopo lo stent, verdure, frutta, cereali, pesce di mare, carne magra e oli vegetali devono essere presenti nella dieta dei pazienti dopo lo stent. Puoi bere caffè, ma non forte, in piccole quantità e solo naturale. Si consiglia di ridurre la quantità di sale utilizzata a 3 g al giorno e anche il sale contenuto nei prodotti pronti (ad esempio pane, formaggio a pasta dura, ecc.). Un altro collegamento importante nella riabilitazione cardiaca è il rifiuto assoluto delle cattive abitudini.

      Esistono dispositivi medici speciali per ridurre la durata della permanenza orizzontale richiesta nel letto. Riempiono un buco nella nave e riducono la possibilità di sanguinamento. Quando li usi, devi mentire 2-3 ore.

      Per rimuovere il mezzo di contrasto introdotto nel corpo durante lo stent, si raccomanda al paziente di bere quanta più acqua possibile (fino a 10 bicchieri al giorno) se non ha controindicazioni per questo (come grave insufficienza cardiaca).

      Se il paziente ha dolore nel sito della puntura dell'arteria o nella zona del torace, i soliti antidolorifici come il paracetamolo, l'ibuprofene o altri farmaci possono aiutare.

      Procedura di riesame

      Il 1 ° gruppo di disabilità è dato per 2 anni. Le viene prescritto quando il paziente è incapace di lavorare e incapace di prendersi cura di sé. In casi particolarmente gravi, può essere assegnata una disabilità permanente. Il gruppo 2 è assegnato per un periodo di 1 anno. Il 2 ° gruppo di disabilità è assegnato in casi di limitata capacità lavorativa, quando lo svolgimento di mansioni lavorative non è associato all'attività fisica.

      Una commissione speciale deve decidere in merito alla nomina di uno specifico gruppo di disabilità. Dopo un anno, il paziente viene nuovamente sottoposto a una visita medica, che dovrebbe determinare il grado di disabilità. Se i risultati dell'esame sono negativi, in presenza di recidive della malattia, viene nuovamente prescritta la disabilità dopo un infarto e viene stabilito il gruppo corrispondente.

      Una persona disabile che ha ricevuto lo status di persona disabile deve sottoporsi annualmente a una commissione medica, che deciderà in merito all'estensione o alla cessazione della disabilità. Durante un esame secondario, deve fornire lo stesso pacchetto di documenti del primo passaggio della commissione. Ma, oltre al pacchetto principale, deve avere una carta di riabilitazione e un certificato di disabilità ottenuto in precedenza.

      La scheda di riabilitazione deve avere segni che confermano che il paziente è in cerca di cure, ha superato le misure di recupero prescritte e le procedure terapeutiche. I documenti dovrebbero inoltre contenere documenti del datore di lavoro, a conferma della sua disponibilità a fornire le modalità di lavoro stabilite, al fine di creare determinate condizioni per l'adempimento delle funzioni di produzione.

  • Svetlana Borszavich

    Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
    Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
    Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
    L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

    Detonic