Diagnosi e trattamento dei sintomi di tachicardia e infarto

L'infarto del miocardio è al centro della necrosi ischemica del muscolo cardiaco, che si sviluppa a causa di disturbi acuti della circolazione coronarica. Si manifesta clinicamente bruciando, premendo o comprimendo i dolori dietro lo sterno, dando alla mano sinistra, clavicola, scapola, mascella, respiro corto, paura, sudore freddo. L'infarto miocardico sviluppato serve come indicazione per il ricovero in ospedale di emergenza in rianimazione cardiologica. La mancata fornitura di assistenza tempestiva può provocare la morte.

All'età di 40-60 anni, l'infarto del miocardio è 3-5 volte più spesso osservato negli uomini a causa dello sviluppo precedente (10 anni prima rispetto alle donne) dell'aterosclerosi. Dopo 55-60 anni, l'incidenza tra i due sessi è approssimativamente la stessa. Il tasso di mortalità per infarto del miocardio è del 30–35%. Statisticamente, il 15-20% delle morti improvvise sono dovute a infarto del miocardio.

La violazione dell'afflusso di sangue al miocardio per 15-20 minuti o più porta allo sviluppo di cambiamenti irreversibili nel muscolo cardiaco e disturbi cardiaci. L'ischemia acuta provoca la morte di parte delle cellule muscolari funzionali (necrosi) e la loro successiva sostituzione con fibre del tessuto connettivo, cioè la formazione di una cicatrice post-infarto.

Nel decorso clinico dell'infarto miocardico, si distinguono cinque periodi:

  • 1 periodo - preinfarto (prodromico): attacchi di angina aumentati e intensificati, possono durare diverse ore, giorni, settimane;
  • 2 periodo - il più acuto: dallo sviluppo dell'ischemia alla comparsa della necrosi miocardica, dura da 20 minuti a 2 ore;
  • 3 periodo - acuto: dalla formazione della necrosi alla miomalacia (fusione enzimatica del tessuto muscolare necrotico), durata da 2 a 14 giorni;
  • 4 periodo - subacuto: i processi iniziali di organizzazione della cicatrice, lo sviluppo del tessuto di granulazione al posto del tessuto necrotico, durata 4-8 settimane;
  • 5 periodo - post-infarto: maturazione della cicatrice, adattamento del miocardio a nuove condizioni di funzionamento.

Cos'è la tachicardia del cuore?

La tachicardia patologica del cuore si manifesta:

  • forte pulsazione dei vasi del collo;
  • palpitazioni;
  • svenimento
  • vertigini;
  • sentirsi ansioso.

Spiegando cos'è la tachicardia e perché è pericoloso, i cardiologi si concentrano sul fatto che la base della malattia è un aumento dell'automatismo delle contrazioni cardiache, che normalmente imposta il ritmo e il ritmo delle contrazioni cardiache. La patologia può portare ad arresto cardiaco, infarto del miocardio, malattia coronarica e sviluppo di insufficienza cardiaca acuta.

Con il nome dell'area del cuore in cui si verifica lo sviluppo dell'impulso che causa la tachicardia, si distinguono le seguenti forme di malattia:

  • Tachicardia sinusale. La fonte è nel nodo del seno.
  • Tachicardia sopraventricolare (è anche atriale). La fonte è negli atri.
  • Tachicardia ventricolare. La fonte è nei ventricoli.

Per criterio del tempo succede:

  • Tachicardia parossistica. Un attacco di battito cardiaco accelerato inizia improvvisamente e termina bruscamente (la frequenza cardiaca va da 120 a 250 battiti al minuto).
  • Tachicardia permanente (cronica).

La tachicardia cardiaca non è una malattia separata, ma un sintomo o una condizione in cui è possibile l'insorgere di ulteriori spiacevoli manifestazioni da parte del corpo, ad eccezione di un battito cardiaco accelerato. In alcuni casi, la tachicardia può anche verificarsi "in background", senza causare alcun disagio.

A seconda dei dettagli dello stato, il ritmo generale del cuore può essere "lacerato" e instabile, oppure può essere all'interno della gamma normale per questo motivo.

A livello fisiologico, con questa forma di aritmia, il cuore non ha il tempo di riempirsi completamente di sangue prima che si verifichi la contrazione muscolare.

La velocità del flusso sanguigno nel corpo aumenta, si verificano cadute di pressione, quindi c'è un carico significativo sull'intero sistema cardiovascolare.

In una situazione in cui la tachicardia diventa un compagno costante di una persona, aumenta il rischio di esaurimento rapido del cuore e lo sviluppo di insufficienza cardiaca.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Cos'è?

La tachicardia è un aumento della frequenza cardiaca (FC) da 90 battiti al minuto. È necessario distinguere la tachicardia come fenomeno patologico, ovvero un aumento della frequenza cardiaca a riposo e la tachicardia come un normale fenomeno fisiologico (aumento della frequenza cardiaca a causa di sforzo fisico, eccitazione o paura).

Dovrebbe essere chiaro che la tachicardia non è una malattia, ma un sintomo, poiché può manifestarsi come manifestazione di molte malattie. Le cause più comuni di tachicardia sono disturbi del sistema nervoso autonomo, disturbi del sistema endocrino, disturbi emodinamici e varie forme di aritmia.

Cause di tachicardia

Per capire cos'è la tachicardia, è importante considerare che la tachicardia cardiaca si manifesta a causa di molte e diverse ragioni. Quindi, una condizione simile può verificarsi come una reazione naturale del corpo umano allo stress emotivo e al troppo lavoro fisico.

Inoltre, la tachicardia può accompagnare la febbre, il fumo e l'uso di grandi dosi di bevande alcoliche.

Il battito cardiaco diventa più frequente in caso di una forte riduzione della pressione sanguigna, con anemia e, di conseguenza, una diminuzione del livello di emoglobina, a seguito dello sviluppo di tumori maligni, infezioni purulente e aumento della funzione tiroidea. Inoltre, la tachicardia può verificarsi a seguito del trattamento con determinati farmaci.

Ci sono anche tachicardia derivante dalla presenza di patologia del muscolo cardiaco o da disturbi nel processo di conduzione elettrica del cuore. La tachicardia cardiaca è il primo segno di scompenso cardiaco. Inoltre, questa condizione è una conseguenza di shock o collasso (può essere una condizione di svenimento, sanguinamento, ecc.), A seguito di un riflesso nell'abbassamento della pressione sanguigna.

La tendenza alla tachicardia è un sintomo caratteristico nelle persone con distonia vegetativa-vascolare. Di norma, in questo caso si tratta di pazienti giovani. Palpitazioni cardiache sono osservate anche in pazienti con nevrosi.

Sintomi di tachicardia

A seconda del tipo di tachicardia, i sintomi della malattia varieranno. Consideriamo più in dettaglio ogni modulo.

La tachicardia sinusale negli adulti può essere asintomatica o accompagnata da sintomi minori:

  • vertigini frequenti
  • sensazione di mancanza d'aria,
  • debolezza,
  • mancanza di respiro,
  • insonnia,
  • fatica
  • diminuzione dell'appetito
  • palpitazioni cardiache persistenti,
  • diminuzione delle prestazioni e diminuzione dell'umore.
  • la tachicardia sinusale è caratterizzata da un inizio e una fine graduali. Una diminuzione della gittata cardiaca è accompagnata da una violazione dell'afflusso di sangue ai tessuti e ai vari organi. Possono verificarsi vertigini, svenimenti, in caso di danni ai vasi cerebrali: convulsioni, disturbi neurologici focali.

Esistono due tipi di tachicardia ventricolare, distinti dai loro sintomi:

  1. Emodinamicamente stabile - palpitazioni, pesantezza, compressione nel cuore, torace, vertigini;
  2. Emodinamicamente instabile: il paziente perde conoscenza pochi secondi dopo le prime manifestazioni di tachicardia ventricolare. Si verifica improvvisamente, nel secondo caso, la perdita di coscienza è l'unica manifestazione di un aumento della frequenza cardiaca.

La tachicardia atriale può essere asintomatica o i pazienti avvertono solo un forte battito cardiaco. In alcuni casi, si osservano vertigini, mancanza di respiro, dolore toracico. Le persone anziane potrebbero non prestare attenzione a un leggero aumento della frequenza cardiaca.

Tachicardia atrioventricolare. Raramente, gli attacchi rari sono molto significativi dal punto di vista clinico. Sono accompagnati da:

  • abbassando la pressione sanguigna
  • dolore religioso
  • soffocare
  • palpitante al collo,
  • coscienza alterata.

Inizia all'improvviso, la durata dell'attacco va da alcuni minuti a diversi giorni. È più comune nelle donne e di solito non è associato a malattie cardiache.

La principale minaccia per il benessere e la vita è rappresentata da disturbi cronici nel ritmo, nella frequenza cardiaca. Oltre alle varianti patologiche di tachicardia, che possono provocare un infarto e fibrillazione ventricolare, portando alla morte.

Oltre al rapido deterioramento del cuore, un rapido battito cardiaco che spesso si verifica porta all'ipossia, poiché il sangue che circola rapidamente attraverso il corpo non ha il tempo di essere saturo di ossigeno. In caso di attacchi gravi imprevisti, che causano vertigini e svenimenti, possono verificarsi lesioni in caso di caduta.

Le principali aree di trattamento per la tachicardia sono la prevenzione dei suoi attacchi in futuro, minimizzando le complicanze causate e riportando la frequenza cardiaca alla normalità.

Il trattamento della tachicardia può essere un farmaco, con la nomina di medicinali speciali, o può consistere nel cambiare lo stile di vita del paziente, evitando situazioni stressanti e un adeguato riposo.

Pertanto, il trattamento della tachicardia si basa sui cambiamenti dello stile di vita e sull'esclusione di fattori che innescano un aumento della frequenza cardiaca o influenzano la funzione cardiaca. Questi fattori includono:

  • Cibo piccante;
  • Stati di stress, emotivamente stressati;
  • Esercizio fisico
  • Bevande contenenti caffeina, altri stimolanti;
  • Bevande alcoliche;
  • Fumo.

Con i parossismi della tachicardia atriale, ricorrono all'uso delle cosiddette tecniche vagali, progettate per dare un tono aggiuntivo al nervo vago, che spegne l'eccitazione nel muscolo cardiaco:

  • Pressione sull'area situata ad angolo della mascella inferiore;
  • Indurre un riflesso del vomito;
  • Respiro profondo e tensione;
  • Espirazione intensiva con naso e bocca chiusi;
  • Pressione sull'angolo superiore interno del bulbo oculare;
  • Immersione del viso in acqua fredda (o strofinando il viso).

I ricevimenti vagali non devono essere eseguiti con ischemia cardiaca, arteriosclerosi coronarica. Nella maggior parte dei casi non letali, i farmaci sono la base per il trattamento della tachicardia.

Con la tachicardia patologica, vengono prescritti farmaci, ma il loro uso indipendente non è raccomandato, poiché colpiscono varie parti del corpo e solo il medico prescrive un farmaco adatto al paziente.

  • Concor, antennolol e aegiloc sono farmaci che riducono lo stress. Utilizzato per la manifestazione del seno di tachicardia.
  • Ritmo, allapinina - con tachicardia provocata da extrasistole.
  • Digossina - con tachicardia provocata da insufficienza cardiaca.
  • Cordaron, sotagexal - con parossismi di tachicardia.
  • Ai pazienti che soffrono di tachicardia a causa di un'eccessiva emotività vengono prescritti sedativi.

La tachicardia viene anche trattata con metodi di chirurgia mini-invasiva - senza cicatrici, in anestesia locale. Può trattarsi di ablazione con catetere a radiofrequenza, installazione di un pacemaker artificiale, ecc.

Rimedi popolari

Se i rimedi popolari possono in qualche modo far fronte alla tachicardia sinusale (e nemmeno a tutti!), Allora semplicemente non c'è dubbio sul trattamento della tachicardia ventricolare, che spesso richiede una rianimazione urgente, quindi il paziente dovrebbe sapere quale opzione ha ottenuto e cosa lo fa . Tuttavia, dovresti prima consultare il tuo medico. Cosa succede se il paziente non ha ancora una diagnosi accurata?

  1. Balsamo vitaminico. La prescrizione di un medicinale chiamato vitamina balsamo consiste in bacche di biancospino e viburno, prese in un barattolo da un litro, bacche di mirtillo rosso (sufficienti per mezzo litro) e cinorrodi anche mezzo litro. Tutto questo viene lentamente posato a strati in un barattolo con una capacità di 5 litri, versando ciascuno degli strati con un bicchiere di zucchero e preferibilmente versando la stessa quantità di miele. Un litro di vodka viene aggiunto alla medicina preparata in questo modo, che in tre settimane assorbirà tutte le proprietà curative degli ingredienti e diventerà un vero e proprio rimedio popolare per il trattamento della tachicardia. La miscela viene presa fino al termine (50 ml al mattino e alla sera). Se l'alcol è controindicato per qualcuno, l'infusione può essere preparata senza vodka. Le persone intelligenti non buttano via le bacche rimaste dall'infusione, ma le aggiungono al tè, a cui aggiungono sapore e aggiungono sostanze nutritive, poiché non le hanno perse durante l'infusione.
  2. Biancospino. Molte tinture di tachicardia includono biancospino, valeriana e motherwort. Differiscono solo nella tintura da aggiungere a loro. Alcuni aggiungono corvalolo, altri aggiungono peonia e alcuni addirittura acquistano una collezione pronta in farmacia, insistono essi stessi sulla vodka o sull'alcol e la prendono. Vorrei sottolineare che è improbabile che le infusioni di vodka possano essere assolutamente innocue con un uso prolungato, specialmente per i bambini. Tuttavia, non è per niente che le soluzioni alcoliche e la tintura di biancospino sono comunemente chiamate "cognac farmacia". Prendendo un cucchiaio tre volte al giorno, una persona è leggermente abituata alle droghe contenenti alcol e questo deve essere ricordato. Ciò è particolarmente vero per le persone con una storia di onere in questo senso. Inoltre, ci sono ricette che non richiedono l'aggiunta obbligatoria di liquidi contenenti alcol.
  3. Succhi di frutta e verdura. Dicono che i succhi di verdura sono molto utili, che se non curano la tachicardia, non porteranno danni. Ad esempio, il succo di barbabietole, carote e ravanelli (miscelati nelle stesse proporzioni) dovrebbe essere bevuto 3 volte al giorno, 100 ml per 3 mesi. O il succo di ravanello nero aromatizzato al miele (rapporto 1: 1) è necessario prendere un mese secondo l'Art. cucchiaio al mattino, a pranzo e alla sera. E puoi preparare la polpa dalla cipolla e dalla mela e mangiarla ogni giorno tra i pasti.

Tachicardia: sintomi e trattamento, cause, prevenzione

La tachicardia fisiologica accompagna stati emotivi violenti, corsa veloce, arrampicata in quota, ecc.

La tachicardia sinusale appare come una reazione a varie condizioni dolorose del corpo:

  • nevrosi e depressione;
  • avvelenamento;
  • tireotossicosi (il contenuto di ormoni tiroidei nel corpo aumenta in modo anomalo);
  • feocromocitoma (un tumore nella ghiandola surrenale);
  • carenza di ossigeno;
  • Malattie cardiache;
  • temperatura corporea elevata o ambiente;
  • perdita di sangue pericolosa.

La tachicardia parossistica appare quando il cuore e i vasi sanguigni sono disturbati:

  • distonia vascolare;
  • miocardite;
  • infarto miocardico;
  • ischemia;
  • ipertensione;
  • malattia del cuore;
  • disturbi nei rami simpatici del sistema nervoso.

La tachicardia richiede un trattamento se appare senza alcuna ragione ovvia: una persona si sente bene ed è in uno stato calmo o dorme.

Quali sintomi avvertono di pericolo?

  • Mancanza di respiro (difficile da inalare);
  • vertigini;
  • i rumori appaiono nella testa, nelle orecchie;
  • si scurisce negli occhi;
  • svenimento debolezza, perdita di coscienza;
  • mal di cuore.

Il paziente deve chiamare un'ambulanza e prima del suo arrivo dovrebbe:

  • liberare collo e petto;
  • aprire una finestra;
  • applicare freddo sulla fronte;
  • lavati con acqua ghiacciata.

La tachicardia è una rapida contrazione del muscolo cardiaco. Esistono diversi tipi di tachicardia, ogni tipo fornisce il proprio approccio alla terapia.

Considera i sintomi e il trattamento di ciascun tipo, nonché la prevenzione della tachicardia e il motivo per cui la malattia è pericolosa

Tutti hanno sperimentato una contrazione rapida del muscolo cardiaco almeno diverse volte nella loro vita, è tutt'altro che una patologia e certamente non può essere considerata una malattia indipendente.

Il battito cardiaco accelerato è un segno che può essere associato a un numero enorme di ragioni, che non sono sempre direttamente dipendenti dal sistema cardiovascolare. Ecco perché il trattamento della tachicardia comporta la determinazione della fonte del problema e la selezione di una tecnica specifica.

Il cuore non batte costantemente allo stesso ritmo. La frequenza delle contrazioni può variare più volte durante il giorno, varia in modo significativo a seconda dell'età, del sesso e di altri fattori. Nei neonati, la frequenza del polso è molto più elevata che negli adulti.

Tachicardia significa superare la frequenza delle contrazioni della soglia "critica" - 90 battiti al secondo. La base di questa condizione è un aumento dell'automatismo del nodo del seno, che normalizza il tasso di contrazione del muscolo cardiaco. La condizione non indica sempre la presenza di patologie nel corpo.

Esistono diversi motivi per cui una persona in buona salute può sviluppare un attacco di tachicardia:

  1. Attività fisica - in particolare il cosiddetto "cardio", il nome stesso ti consente di capire cosa si intende per coinvolgimento del muscolo cardiaco. Prima di tutto, è corsa, salto, stretching, squat - in una parola, qualsiasi complesso di esercizi di fitness. Durante l'esercizio fisico, la tachicardia diventa un normale meccanismo compensativo per fornire sangue ai muscoli.
  2. Eccitazione, ansia, stress. Il motivo è direttamente correlato al paragrafo precedente, ereditato da quei tempi in cui l'unico vero pericolo erano i predatori o altri nemici, che dovevano scappare o combattere con loro. Le attuali sollecitazioni non implicano battaglie con tigri o mammut, ma i meccanismi anatomici cambiano lentamente.
  3. Età fino a sette anni. La tachicardia nei bambini è una norma fisiologica associata a un metabolismo accelerato e all'uso costante degli ormoni della crescita.
  4. Adolescenza: molti adolescenti possono sviluppare tachicardia sullo sfondo di cambiamenti ormonali. Nelle ragazze, questo è il periodo del menarca - la prima mestruazione, nei ragazzi c'è la tachicardia notturna, direttamente associata all'eiaculazione involontaria.
  5. L'uso di caffeina, alcol, una grande quantità di glucosio provoca anche un aumento della frequenza cardiaca per un breve periodo.
  6. Cambiando la posizione del corpo da orizzontale a verticale, il cuore si contrae più velocemente. Una persona in buona salute non nota questi cambiamenti a breve termine, a meno che non misuri specificamente il polso in questo momento.

Tachicardia quando si sale alle montagne

Fisiologicamente, la tachicardia può verificarsi quando si va in montagna - ad alta quota, specialmente in condizioni di mancanza di ossigeno, quando il cuore deve pompare il sangue più velocemente per saturare i tessuti. La frequenza cardiaca rapida non è una malattia, la tachicardia situazionale non richiede alcun intervento, nonché associata all'infanzia e all'adolescenza e ad altri periodi normali di vita.

Tuttavia, se si verifica un aumento della frequenza delle contrazioni cardiache con ulteriori sintomi negativi o si notano episodi frequenti che non sono direttamente correlati alla norma, vale la pena prestare attenzione. La tachicardia patologica spesso causa gravi problemi al sistema cardiovascolare, fino a esiti fatali.

La tachicardia normale è anche chiamata fisiologica. Al contrario, esiste una forma patologica che può essere la prova di una malattia grave o di condizioni potenzialmente letali che non sono direttamente correlate al cuore.

Se una persona sana ha la tachicardia, mentre le condizioni e la salute peggiorano ovviamente, possiamo parlare di tali motivi:

  1. Disidratazione - sia sullo sfondo del surriscaldamento del corpo, sia semplicemente a causa della mancanza di liquidi. Va ricordato che il caffè e il tè forte non riempiono l'acqua nel corpo, al contrario, rimuovendolo ulteriormente. La tachicardia da disidratazione si trova spesso tra gli amanti del caffè forte, delle bevande energetiche e dell'alcool. Questa condizione non è normale, può portare a svenimenti e persino gravi complicazioni, fino all'arresto cardiaco.
  2. Il sole e il colpo di calore sono un motivo specifico. I bambini fanno parte di un gruppo a rischio speciale, poiché la loro perdita di liquidi è più rapida e la termoregolazione continua a non funzionare bene.
  3. Anemia, a causa della quale il numero di globuli rossi nel sangue diminuisce e quelli rimanenti devono fare un doppio lavoro e il cuore - il liquido della pompa più veloce.
  4. Tumori delle ghiandole surrenali, che provocano una produzione anormale di adrenalina. Questa condizione è esacerbata da ansia e nervosismo costanti.
  5. Ipertiroidismo: un eccesso di ormoni tiroidei rende il cuore più veloce.
  6. Neurosi e psicosi come stati mentali critici che hanno un impatto diretto sui somatici.
  7. Febbre di qualsiasi genesi: dalla banale ARVI alla tubercolosi e alle formazioni oncologiche che provocano un aumento della temperatura corporea.
  8. Il cuore è più spesso contratto se una persona avverte dolore o disagio, perché qualsiasi sindrome del dolore è stressante. Queste condizioni non sono direttamente correlate alle malattie cardiache; l'eliminazione della causa sottostante restituirà la normale frequenza cardiaca.

Esiste anche una tachicardia idiopatica - un aumento della frequenza cardiaca senza prerequisiti visibili o che non può essere rilevato. In tali casi, i medici raccomandano un esame completo per identificare focolai nascosti di infezione, neoplasie, patologie endocrine. Se non viene trovato nulla, si consiglia anche la psicoterapia.

Classificazione

Molte malattie del cuore e dei vasi sanguigni provocano il frequente lavoro di uno dei principali organi del corpo umano. Nello stato normale, il nodo del seno genera un'eccitazione che si diffonde al miocardio. Se si verificano cambiamenti patologici nel cuore, le cellule nervose che iniziano il battito cardiaco iniziano a rispondere in modo errato, causando una contrazione più rapida del muscolo.

Tra le malattie del sistema cardiovascolare che provocano la tachicardia sono:

  • difetti cardiaci congeniti nei bambini - pertanto, nonostante il fatto che la riduzione frequente nei bambini sia la norma, devono essere eseguiti esami cardiologici;
  • insufficienza cardiaca cronica;
  • ipertensione;
  • miocardite, endocardite e altra infiammazione del muscolo cardiaco;
  • infarto miocardico.

Per determinare cosa ha causato esattamente la tachicardia, il tipo di cambiamento nelle contrazioni del muscolo cardiaco aiuterà. Questo criterio è il principale per la diagnosi delle malattie, la separazione della norma dalla patologia e la ricerca delle cause della condizione.

Si distinguono i seguenti tipi:

  • tachicardia sinusale;
  • tachicardia ventricolare;
  • tachicardia atriale;
  • tachicardia atrioventricolare.

È abbastanza difficile stabilire un tipo specifico senza un cardiogramma, anche se ci sono peculiarità e sfumature del quadro clinico. Allo stesso tempo, il tipo di tachicardia è il principale criterio diagnostico che è estremamente importante per la diagnosi e la gravità delle condizioni del paziente. Ogni tipo fornisce il proprio approccio alla terapia.

Questo tipo di aritmia, ovvero una violazione del ritmo normale del cuore, è considerato uno dei più comuni. Il criterio diagnostico principale è di aumentare la frequenza dei colpi a 100 e oltre.

I sintomi sono anche caratteristici:

  1. Il battito cardiaco sembra potente e forte, una persona può "sentire" il suo polso.
  2. Mancanza di respiro, e si verifica anche in uno stato di riposo, senza sforzo fisico.
  3. Un uomo si stanca rapidamente.
  4. L'ischemia miocardica provoca un caratteristico dolore sordo dietro lo sterno.
  5. Capogiri, coscienza offuscata.
  6. Una persona diventa irritabile, dorme male, emotivamente instabile.

La tachicardia sinusale, di norma, indica lo sviluppo della malattia coronarica. Questa condizione può verificarsi in età adulta, spesso nei giovani. Le malattie concomitanti sono spesso obesità, ipertensione.

A questo proposito, il trattamento dell'aritmia sinusale prevede le seguenti misure:

  • perdita di peso ottimale;
  • esclusione dalla dieta di cibi grassi contenenti colesterolo nocivo, dolci, alcolici;
  • assunzione di farmaci beta-bloccanti - Anaprilin, Nebilet;
  • l'uso di diuretici per rimuovere il liquido in eccesso insieme ai preparati di potassio per rafforzare il muscolo cardiaco;
  • a volte si possono usare sedativi.

La tachicardia sinusale, di regola, si verifica nelle persone di età superiore ai quarant'anni, ma i medici affermano che la malattia "sta diventando più giovane". Tra i pazienti si incontrano persone che hanno appena trent'anni.

Questa sottospecie è anche chiamata parossistica, perché si pone bruscamente sullo sfondo del benessere precedente. Gli episodi ripetuti di "insufficienza" del ritmo cardiaco sono molto pericolosi, perché spesso portano a infarto del miocardio, essendo anche uno dei suoi sintomi.

  1. L'inizio tempestoso è un forte dolore, l'oscurità negli occhi.
  2. La frequenza cardiaca aumenta a 120 e oltre.
  3. Spesso - perdita di coscienza.
  4. Può verificarsi arresto cardiaco.

L'infarto miocardico è una forma acuta di IHD. Nel 97-98% dei casi, la base per lo sviluppo dell'infarto miocardico è la lesione aterosclerotica delle arterie coronarie, che provoca un restringimento del loro lume. Spesso l'aterosclerosi delle arterie si unisce alla trombosi acuta dell'area interessata della nave, causando una cessazione completa o parziale dell'afflusso di sangue alla corrispondente regione del muscolo cardiaco. L'aumentata viscosità del sangue osservata nei pazienti con malattia coronarica contribuisce alla trombosi. In alcuni casi, l'infarto del miocardio si verifica su uno sfondo di spasmo dei rami delle arterie coronarie.

Lo sviluppo dell'infarto del miocardio è promosso da diabete, ipertensione, obesità, stress mentale, dipendenza da alcol, fumo. Un forte stress fisico o emotivo sullo sfondo della malattia coronarica e dell'angina pectoris può innescare lo sviluppo di infarto del miocardio. Più spesso si sviluppa un infarto miocardico ventricolare sinistro.

Classificazione dell'infarto miocardico

In base alle dimensioni della lesione focale del muscolo cardiaco, si distingue l'infarto del miocardio:

Un piccolo infarto del miocardio focale rappresenta circa il 20% dei casi clinici, ma spesso piccoli focolai di necrosi nel muscolo cardiaco possono trasformarsi in un grande infarto del miocardio focale (nel 30% dei pazienti). A differenza della focale grande, con attacchi cardiaci a focale piccola, non si verificano aneurisma e rottura cardiaca, il decorso di quest'ultimo è meno spesso complicato da insufficienza cardiaca, fibrillazione ventricolare, tromboembolia.

A seconda della profondità del danno necrotico al muscolo cardiaco, si distingue l'infarto del miocardio:

  • transmurale - con necrosi dell'intero spessore della parete muscolare del cuore (solitamente a grande focale)
  • intramurale - con necrosi nello spessore del miocardio
  • subendocardico - con necrosi miocardica nell'area adiacente all'endocardio
  • sottoepicardico - con necrosi miocardica nell'area adiacente all'epicardio

In base alle modifiche registrate sull'ECG, distinguere:

  • "Q-infarto" - con la formazione di un'onda Q patologica, a volte il complesso ventricolare QS (di solito infarto miocardico transmurale a grande focale)
  • "Non un attacco cardiaco Q" - non è accompagnato dalla comparsa di un'onda Q, si manifesta con onde T negative (di solito un piccolo infarto miocardico focale)

Secondo la topografia e in base alla lesione di alcuni rami delle arterie coronarie, l'infarto del miocardio è diviso in:

  • ventricolare destro
  • ventricolare sinistro: pareti anteriori, laterali e posteriori, setto interventricolare

In base alla frequenza di insorgenza, si distingue l'infarto del miocardio:

  • primario
  • ricorrente (si sviluppa entro 8 settimane dal primario)
  • ripetuto (si sviluppa 8 settimane dopo il precedente)

Secondo lo sviluppo di complicanze, l'infarto del miocardio è diviso in:

Per la presenza e la localizzazione del dolore, si distinguono le forme di infarto del miocardio:

  1. tipico - con localizzazione del dolore dietro lo sterno o nella regione precardiale
  2. atipico - con manifestazioni di dolore atipico:
  • periferico: scapolare sinistro, mancino, laringeo-faringeo, mandibolare, vertebrale superiore, gastralgico (addominale)
  • indolore: collaptoide, asmatico, edematoso, aritmico, cerebrale
  • sintomo basso (cancellato)
  • combinato

In conformità con il periodo e la dinamica dello sviluppo dell'infarto del miocardio, ci sono:

  • stadio di ischemia (periodo acuto)
  • stadio di necrosi (periodo acuto)
  • fase di organizzazione (periodo subacuto)
  • fase cicatriziale (periodo post-infarto)

Un battito cardiaco rapido non indica sempre che ci sono problemi nel corpo ed è urgente correre dal medico. A volte è causato da motivi completamente naturali e innocui. A questo proposito, si distinguono i seguenti tipi di tachicardia:

  1. Fisiologico - si verifica nelle persone che non hanno problemi di salute, sotto l'influenza di alcuni fattori ambientali ed è una manifestazione delle forze compensative del corpo. Appare durante esercizi fisici attivi, disturbi emotivi, paura e passa rapidamente senza alcun trattamento, senza lasciare tracce.
  2. Patologico: si verifica sullo sfondo di varie malattie del cuore o di altri organi interni. Può essere pericoloso, perché quando il cuore batte più spesso del necessario, i ventricoli non hanno abbastanza tempo per riempirsi di sangue. Di conseguenza, la gittata cardiaca diminuisce, una piccola quantità di sangue entra nei vasi, entra negli organi e nei tessuti. Si sviluppa la loro carenza di ossigeno. La tachicardia a lungo termine è pericolosa per il cuore stesso: le sue prestazioni sono compromesse, il volume degli atri e dei ventricoli aumenta e può svilupparsi la cardiopatia.

A seconda di dove si forma esattamente l'impulso, la tachicardia è divisa in altri due tipi:

  • Seno - in questo caso, gli impulsi, come previsto, sorgono nel nodo del seno, il loro numero aumenta semplicemente. Di solito inizia gradualmente, si osserva un aumento della frequenza cardiaca fino a 120 battiti al minuto. In questo caso, passa la stessa quantità di tempo tra le contrazioni cardiache, cioè non c'è aritmia.
  • Ectopico (parossistico) - in questo caso, gli impulsi extra non sorgono nel nodo del seno, ma in un altro posto. Possono verificarsi negli atri (tachicardia sopraventricolare) o nei ventricoli (tachicardia ventricolare). Inizia bruscamente, con un improvviso aumento della frequenza cardiaca, e non passa per diversi minuti e talvolta per diversi giorni.

La tachicardia fisiologica non necessita di assistenza d'emergenza. Passa da solo dopo la scomparsa delle cause che lo hanno causato.

Se compaiono spesso segni di tachicardia e non è possibile scoprire la loro causa, dovresti assolutamente visitare un medico. Anche senza causare disagio fisico, può portare all'esaurimento del muscolo cardiaco e allo sviluppo di varie complicazioni.

Le nostre iniziative

Le cause della tachicardia sinusale possono essere suddivise in due grandi gruppi:

  1. Intracardiale: le cause dell'aumento della frequenza cardiaca si trovano nel cuore. Sono entrambi congeniti e sorgono a causa di varie malattie cardiache.
  2. Extracardiaco - la frequenza cardiaca aumenta a causa di vari fattori extracardiaci: malattie di altri organi e sistemi o sotto l'influenza di fattori esterni.

La frequenza cardiaca può aumentare con quasi tutte le malattie cardiovascolari, tra cui:

  • ischemia cardiaca;
  • ipertensione arteriosa;
  • infarto miocardico;
  • insufficienza cardiaca, sia acuta che cronica;
  • difetti cardiaci, sia congeniti che acquisiti;
  • cardiosclerosis;
  • cardiomiopatia: riducendo la contrattilità del cuore, che riduce la quantità di sangue che getta nei vasi in una riduzione; per compensare ciò, deve lavorare più velocemente;
    endocardite infettiva e altri.

Cause extracardiche di tachicardia:

  • ragioni fisiologiche - la frequenza cardiaca aumenta con il lavoro fisico attivo, a causa dell'eccitazione, forte sovraccarico emotivo;
  • neurogenici: si verificano quando il lavoro della corteccia cerebrale e dei nodi subcorticali viene interrotto e anche con varie disfunzioni del sistema nervoso autonomo: nevrosi, psicosi affettiva, distonia neurocircolatoria; molto spesso sono giovani con un sistema nervoso instabile;
  • malattie endocrine;
  • shock;
  • collasso;
  • perdita di sangue acuta;
  • attacco di dolore grave;
  • assumere farmaci che influenzano il funzionamento del nodo del seno (adrenalina, atropina, aminofillina e altri); la tachicardia, i motivi per cui risiede nell'assunzione di farmaci, è chiamata terapia;
  • non solo i farmaci possono aumentare il battito cardiaco, ma anche nicotina, alcool, caffè e bevande contenenti caffeina;
  • febbre in alcune malattie infettive (polmonite, tonsillite, tubercolosi, ecc.) - è stato riscontrato che un aumento della temperatura corporea di un grado aumenta la frequenza cardiaca di circa 8-9 battiti al minuto.

Inoltre, la tachicardia è adeguata e inadeguata. Quest'ultimo non scompare anche dopo che la persona ha eliminato qualsiasi stress, fisico o emotivo.

Anche trovare la causa della tachicardia a prima vista non è possibile. Sotto tutti gli aspetti, il cuore dovrebbe battere uniformemente e con calma, perché non ci sono fattori provocatori.

Il motivo per cui si verifica non è del tutto chiaro, tuttavia, si presume che sia associato a una lesione primaria del nodo del seno.

Determinare il tipo di tachicardia è importante per la nomina del giusto trattamento, poiché il più delle volte è necessario trattarlo, ma la patologia che lo ha causato. Se riduci semplicemente la frequenza cardiaca senza eliminare la causa, puoi attivare un calo della pressione sanguigna.

Sintomi

I sintomi della tachicardia dipendono da quanto fortemente è espresso, da quanto dura e anche da cosa l'ha causata. A volte una persona potrebbe non sentire nulla. Tra i più noti sono:

  • palpitazioni, a volte i pazienti notano colpi in forte aumento nel petto;
  • disagio nel cuore, a volte anche premendo il dolore;
  • vertigini;
  • stringere la mano.

La tachicardia sinusale è caratterizzata dal fatto che inizia gradualmente e termina senza intoppi. Se si osserva a lungo una tachicardia grave, cioè organi e tessuti, compreso il cervello, ricevono una cattiva alimentazione per lungo tempo, i segni della fame di ossigeno possono unirsi ai sintomi: la testa ha le vertigini, a volte il paziente può perdere conoscenza, focale possono verificarsi disturbi neurologici e possono ridurre drasticamente la pressione sanguigna, nonché una ridotta quantità di urina.

Con tachicardia inadeguata, la mancanza di respiro unisce questi sintomi, come se il paziente non avesse abbastanza aria. Il paziente si stanca rapidamente, nota una diminuzione della capacità lavorativa, è spesso di cattivo umore.

La presenza di altri sintomi di tachicardia dipenderà dalla malattia che l'ha causata.

Complicazioni

Senza un trattamento adeguato, la tachicardia patologica può portare allo sviluppo di varie complicanze che minacciano la salute e talvolta la vita del paziente. Può essere:

  • usura del muscolo cardiaco, perché deve lavorare costantemente con un carico maggiore;
  • carenza di ossigeno nel cervello, perché manca di sangue e sostanze nutritive;
  • edema polmonare;
  • arresto cardiaco improvviso;
  • fibrillazione ventricolare;
  • shock aritmico.

Diagnostica Ultrasuoni

Al fine di determinare le cause della tachicardia, oltre a prescrivere il trattamento corretto, è necessario condurre una diagnosi. Inizia raccogliendo una storia medica del paziente e dei suoi reclami. In questa fase, è importante scoprire come la tachicardia si manifesta in ciascun caso specifico, cosa la provoca e ciò che aiuta ad alleviare un attacco di battito cardiaco aumentato. A volte il paziente stesso suggerisce una possibile causa del suo aspetto.

Successivamente, viene eseguito un esame esterno del paziente, vengono calcolati il ​​colore della sua pelle (con carenza di ossigeno prolungata, la pelle appare pallida), vengono calcolati la frequenza cardiaca e la respirazione. In questa fase, si possono udire soffi cardiaci se una causa di tachicardia è una malattia cardiaca.

Dopo aver raccolto l'anamnesi e aver condotto un esame esterno, vengono collegati metodi di esame di laboratorio e strumentali.

Qui puoi vedere segni di anemia o un aumento della conta dei globuli bianchi, tipico del processo infiammatorio. Inoltre, il quadro generale dello stato del sangue è importante per l'ulteriore diagnosi e trattamento della tachicardia.

Analisi biochimiche del sangue

Diagnostica Ultrasuoni

I criteri diagnostici più importanti per l'infarto del miocardio sono l'anamnesi, i cambiamenti caratteristici dell'ECG e gli indicatori di attività dell'enzima sierico. I reclami di un paziente con infarto del miocardio dipendono dalla forma (tipica o atipica) della malattia e dall'entità del danno al muscolo cardiaco. L'infarto miocardico deve essere sospettato con un attacco grave e prolungato (più lungo di 30-60 minuti) di dolori al petto, ridotta conduzione e frequenza cardiaca, insufficienza cardiaca acuta.

I cambiamenti caratteristici dell'ECG includono la formazione di un'onda T negativa (per piccolo infarto miocardico subendocardico o intramurale focale), un complesso patologico di QRS o onda Q (per un grande infarto miocardico transmurale focale). L'ecocardiografia rivela una violazione del ventricolo contrattile locale, il diradamento della sua parete.

Nelle prime 4-6 ore dopo un attacco di dolore nel sangue, viene determinato un aumento della mioglobina, una proteina che trasporta l'ossigeno all'interno delle cellule. Un aumento dell'attività della creatina fosfochinasi (CPK) nel sangue di oltre il 50% si osserva dopo 8-10 ore dallo sviluppo dell'infarto del miocardio e diminuisce alla normalità in due giorni. La determinazione del livello di CPK viene eseguita ogni 6-8 ore. L'infarto del miocardio è escluso con tre risultati negativi.

Per diagnosticare un infarto del miocardio in un secondo momento, ricorrono alla determinazione dell'enzima lattato deidrogenasi (LDH), la cui attività aumenta dopo il CPK - 1-2 giorni dopo la formazione di necrosi e torna a valori normali dopo 7 -14 giorni. Altamente specifico per l'infarto miocardico è un aumento delle isoforme della proteina contrattile miocardica troponina - troponina-T e troponina-1, che aumentano anche con angina instabile. Nel sangue viene determinato un aumento di VES, leucociti, aspartato aminotransferasi (AsAt) e alanina aminotransferasi (AlAt).

L'angiografia coronarica (coronarografia) consente di stabilire l'occlusione trombotica dell'arteria coronaria e una diminuzione della contrattilità ventricolare, nonché di valutare le possibilità di innesto o angioplastica di bypass dell'arteria coronarica - operazioni che aiutano a ripristinare il flusso sanguigno nel cuore.

Solo un cardiologo può determinare come trattare la tachicardia cardiaca. È inutile trattare la tachicardia stessa: la causa dell'aumento del battito cardiaco dovrebbe essere eliminata.

Per diagnosticare la malattia di base, sono prescritti una serie di esami:

  • ECG (ogni giorno secondo Holter, monitoraggio di 2-3 giorni);
  • esami del sangue e delle urine;
  • analisi per rilevare la tiro>

Tutti questi tipi di diagnostica possono essere forniti in qualsiasi moderna clinica di cardiologia.

Tachicardia: sintomi e trattamento, cause, prevenzione

Periodo preinfarto (prodromico)

Circa il 43% dei pazienti riferisce un improvviso sviluppo di infarto del miocardio, mentre nella maggior parte dei pazienti si osserva un periodo di angina pectoris progressiva instabile di durata diversa.

Periodo acuto

I casi tipici di infarto del miocardio sono caratterizzati da una sindrome del dolore estremamente intensa con localizzazione del dolore al torace e irradiamento a spalla sinistra, collo, denti, orecchio, clavicola, mascella inferiore, regione interscapolare. La natura del dolore può essere compressiva, scoppiando, bruciando, premendo, acuta ("pugnale"). Maggiore è l'area del danno miocardico, maggiore è il dolore.

L'attacco di dolore procede a ondate (a volte si intensifica, quindi si indebolisce), dura da 30 minuti a diverse ore e talvolta anche giorni, non si ferma con la ripetuta somministrazione di nitroglicerina. Il dolore è associato a grave debolezza, agitazione, senso di paura, mancanza di respiro.

Forse un decorso atipico del periodo acuto di infarto del miocardio.

I pazienti hanno un pallore acuto della pelle, un sudore freddo appiccicoso, acrocianosi, ansia. La pressione sanguigna durante il periodo di attacco aumenta, quindi diminuisce moderatamente o bruscamente rispetto all'iniziale (sistolica lt; 80 rt Art., Impulso lt; 30 mmHg Art.), Tachicardia nota, aritmia.

Durante questo periodo, può svilupparsi un'insufficienza ventricolare sinistra acuta (asma cardiaco, edema polmonare).

Periodo acuto

Nel periodo acuto di infarto del miocardio, la sindrome del dolore di solito scompare. La conservazione del dolore è causata da un grado pronunciato di ischemia della zona di prossimo infarto o dall'attaccamento della pericardite.

Come risultato dei processi di necrosi, miomalacia e infiammazione perifocale, si sviluppa una febbre (da 3-5 a 10 o più giorni). La durata e l'altezza dell'innalzamento della temperatura durante la febbre dipendono dall'area della necrosi. Ipotensione arteriosa e segni di insufficienza cardiaca persistono e aumentano.

Periodo subacuto

Non c'è dolore, le condizioni del paziente migliorano e la temperatura corporea si normalizza. I sintomi di insufficienza cardiaca acuta diventano meno pronunciati. La tachicardia, il soffio sistolico scompare.

Periodo post-infarto

Nel periodo post-infarto, le manifestazioni cliniche sono assenti, i dati di laboratorio e fisici praticamente senza deviazioni.

Forme atipiche di infarto del miocardio

A volte c'è un decorso atipico di infarto del miocardio con localizzazione del dolore in luoghi atipici (nella gola, nelle dita della mano sinistra, nell'area della scapola sinistra o nella colonna cervico-toracica, nell'epigastrio, nella parte inferiore mascella) o forme indolore, i cui sintomi principali possono essere tosse e grave soffocamento, collasso, gonfiore, aritmie, vertigini e vertigini.

Le forme atipiche di infarto del miocardio sono più comuni nei pazienti anziani con gravi segni di cardiosclerosi, insufficienza circolatoria, sullo sfondo di ripetuti infarti del miocardio.

Tuttavia, di solito solo il periodo più acuto di solito si verifica atipicamente; l'ulteriore sviluppo dell'infarto del miocardio diventa tipico.

Il decorso dell'infarto del miocardio è indolore e viene rilevato accidentalmente su un elettrocardiogramma.

Con la tachicardia parossistica, le convulsioni sono generalmente pronunciate. Cominciano all'improvviso e anche all'improvviso passano. Il paziente avverte un battito cardiaco accelerato, vertigini, paura e talvolta si verificano svenimenti e persino collasso. A volte il paziente descrive la condizione con una frase: "cuore nei talloni" o "cuore nella gola".

Con un battito cardiaco frequente e costante, il paziente lamenta debolezza generale, vertigini, vertigini, mancanza di aria, affaticamento rapido e intolleranza allo sforzo fisico. Diagnosi di tachicardia

La diagnosi della stessa sindrome di tachicardia non è così complicata. Va notato immediatamente che con la tachicardia parossistica, l'aumento della frequenza cardiaca è quasi sempre molto forte da 250 e sopra la frequenza cardiaca al minuto. Nella tachicardia cronica, di solito varia da cento a centotrenta volte al minuto.

Quasi sempre, la tachicardia viene determinata utilizzando un ECG o l'esercizio ECG. Con una forma parossistica, viene prescritto il monitoraggio Holter (monitoraggio ECG giornaliero).

La solita auscultazione del cuore consente anche nella maggior parte dei casi di determinare la tachicardia. Inoltre, se si sente il ritmo del galoppo, ciò indica nella maggior parte dei casi che la causa della tachicardia è l'insufficienza cardiaca e se la dispnea è ancora presente nei sintomi, allora questa è quasi il 100% di conferma dell'insufficienza cardiaca.

Ulteriori studi sono anche prescritti a seconda della malattia che ha causato la comparsa di tachicardia.

Il trattamento principale per la tachicardia è l'eliminazione della causa principale, ovvero la malattia che ha portato allo sviluppo di palpitazioni cardiache. Se la tachicardia è neurogena, al momento dell'attacco viene prescritto un leggero sedativo, ad esempio corvalolo o valocordin 40-60 gocce alla volta.

Con qualsiasi forma di tachicardia, vengono prescritti esercizi di fisioterapia (LFK), una dieta equilibrata (dieta) e uno stile di vita necessariamente sano e il rifiuto delle cattive abitudini.

Inoltre, vengono prescritti farmaci che riducono la frequenza cardiaca, come isoptina, anaprilina, isotrapina, ecc. In ogni caso, il trattamento della tachicardia deve essere prescritto solo da un medico dopo un esame approfondito e l'identificazione della causa principale.

Tachicardia sinusale, che cos'è e come trattare la malattia?

In alcuni casi, il nodo del seno inizia a fallire, facendo battere il cuore più velocemente del necessario. Il battito cardiaco accelera a 140-180 battiti al minuto.

Questa non è una malattia, ma un certo stato del corpo che si normalizza se le condizioni di vita dannose vengono eliminate, il sonno e la nutrizione vengono stabiliti e le cattive abitudini vengono abbandonate.

C'è tachicardia sinusale in varie situazioni:

  • con una mancanza di potassio o magnesio nel corpo;
  • con superlavoro e insonnia cronica;
  • con esposizione prolungata allo stress;
  • in condizioni dolorose acute del corpo (avvelenamento, malattia infettiva, con pericolosa perdita di sangue, ecc.).

Il trattamento della tachicardia sinusale consiste nel prendere sedativi e preparati a base di erbe e stabilire una dieta risparmiante e riposo.

Nei casi in cui i battiti del cuore del paziente causano vertigini, vengono prescritti farmaci antiaritmici.

I principi fondamentali per il trattamento della tachicardia includono:

  • Trattamento di una malattia che ha provocato patologia cardiaca (battito cardiaco accelerato).
  • Correzione / eliminazione delle condizioni che causano la malattia.
  • Normalizzazione del lavoro e del riposo.
  • Rifiuto dall'alcool, fumo, bere grandi quantità di caffè e tè forte.
  • L'uso della terapia sedativa mirava a migliorare lo stato emotivo.
  • Prescrizione di preparati di magnesio e potassio che normalizzano il lavoro del cuore.
  • L'uso della terapia antiaritmica - compresse di tachicardia che influenzano la frequenza cardiaca e il ritmo.

Molto spesso, nel trattamento della tachicardia, viene utilizzata una terapia complessa, che prevede la sintesi di farmaci antiaritmici e misure volte ad eliminare la malattia di base, eliminando i fattori causali. La lidocaina (1 mg per 1 kg di peso corporeo) viene iniettata per via endovenosa nei pazienti. La procedura richiede alcuni minuti. Se l'effetto atteso non si verifica, la somministrazione di lidocaina viene ripetuta dopo 15 minuti.

Con tachicardia ricorrente, viene eseguita una flebo endovenosa del farmaco ad una velocità da 1 a 2 mg al minuto. La durata della sessione di trattamento è da 1 a 2 giorni. I farmaci usati per trattare la tachicardia cardiaca, come Aimalin, Novocainamine e b-blockers, sono usati dai medici quando la lidocaina non blocca le palpitazioni cardiache.

Se la tachicardia è accompagnata da una forte diminuzione della pressione sanguigna, quest'ultima viene aumentata con l'aiuto della noradrenalina o di altre ammine pressore, a causa delle quali il ritmo sinusale si normalizza. In assenza di effetto, viene eseguita anche la terapia elettropulse.

Se il battito cardiaco accelerato è dovuto all'intossicazione da glicosidi cardiaci, questi vengono annullati e viene prescritta una flebo endovenosa di lidocaina e cloruro di sodio o una somministrazione a getto lento di Obzidan.

Chirurgia mini-invasiva per il trattamento della tachicardia

Nel trattamento delle palpitazioni cardiache, può essere utilizzata la chirurgia mini-invasiva. I metodi comunemente usati includono:

  • Installazione di un pacemaker. L'operazione viene eseguita in anestesia locale. Parallelamente alla clavicola, viene eseguita un'incisione cutanea. Foratura della vena succlavia, viene inserito un elettrodo pacemaker. Per controllarne il movimento usando il metodo radiografico. Non appena gli elettrodi sono collegati al muscolo cardiaco, i loro frammenti liberi sono collegati a un pacemaker. Quindi, in una cavità appositamente formata (eseguita nella proiezione del muscolo principale pettorale), viene installata l'attrezzatura.
  • Ablazione con catetere a radiofrequenza. Per determinare il focus dell'aritmia, gli elettrodi del catetere vengono inseriti attraverso grandi vene. Prima di ciò, gli introduttori emostatici (sotto forma di tubi) sono installati in vasi di grandi dimensioni. Gli elettrodi vengono erogati direttamente al cuore sotto il controllo della fluoroscopia. Quindi, usando l'elettrodo di "ablazione", "bruciano" i fuochi della tachicardia. In media, l'operazione richiede 45 minuti - il tempo dipende dalla profondità e dalle dimensioni della lesione. Già il secondo giorno il paziente viene dimesso.

Molti moderni centri di chirurgia medica eseguono con successo tali operazioni.

La tachicardia sinusale durante la gravidanza è una variante della norma, se non influisce negativamente sulle condizioni della donna. Le manifestazioni della malattia sono spiegate dall'aumento del carico sul cuore durante la gestazione, dall'aumento di peso, dalla necessità di mantenere un flusso costante di sangue verso l'utero.

Migliorare le condizioni di una donna incinta con una forma del seno di tachicardia aiuta:

  • dieta alimentare;
  • buon riposo;
  • bere almeno 2 litri di liquidi al giorno;
  • assunzione di vitamine e complessi minerali.

Se la tachicardia è grave e la frequenza cardiaca sale a più di 90-100 battiti al minuto, è necessaria la consultazione di un cardiologo. Nel trattamento di una malattia in donne in gravidanza, l'uso di:

  • beta-bloccanti (consentono di controllare l'effetto dell'adrenalina sul nodo del seno);
  • farmaci antiaritmici e calcio-antagonisti (responsabili della regolazione della generazione di impulsi elettrici da parte del nodo del seno).

L'auto-selezione di farmaci per una donna incinta senza consiglio medico è inaccettabile, poiché molti farmaci antiaritmici possono causare gravi violazioni nello sviluppo del feto.

Sintomi di tachicardia

Complicanze dell'infarto del miocardio

Le complicazioni spesso sorgono già nelle prime ore e giorni di infarto del miocardio, rendendolo più difficile. Nella maggior parte dei pazienti, nei primi tre giorni, si osservano vari tipi di aritmie: extrasistole, tachicardia sinusale o parossistica, fibrillazione atriale, blocco intraventricolare completo. La più pericolosa è la fibrillazione ventricolare, che può andare in fibrillazione e portare alla morte del paziente.

L'insufficienza cardiaca ventricolare sinistra è caratterizzata da rantoli congestivi, asma cardiaco, edema polmonare e spesso si sviluppa nella fase acuta dell'infarto miocardico. Un grado estremamente grave di insufficienza ventricolare sinistra è lo shock cardiogeno, che si sviluppa con un esteso attacco cardiaco e di solito porta alla morte. I segni di shock cardiogeno sono una caduta della pressione arteriosa sistolica inferiore a 80 mm Hg. Art., Coscienza alterata, tachicardia, cianosi, riduzione della diuresi.

Una rottura delle fibre muscolari nell'area della necrosi può causare tamponamento cardiaco - emorragia nella cavità pericardica. Nel 2-3% dei pazienti, l'infarto del miocardio è complicato da tromboembolia del sistema arterioso polmonare (può causare infarto polmonare o morte improvvisa) o da un ampio circolo di circolazione sanguigna.

I pazienti con un esteso infarto miocardico transmurale nei primi 10 giorni possono morire a causa della rottura del ventricolo a causa della cessazione acuta della circolazione sanguigna. Con un esteso infarto miocardico, può verificarsi insufficienza del tessuto cicatriziale, il suo gonfiore con lo sviluppo di aneurisma cardiaco acuto. L'aneurisma acuto può trasformarsi in cronico, portando a insufficienza cardiaca.

La deposizione di fibrina sulle pareti dell'endocardio porta allo sviluppo di tromboendocardite parietale, che è pericolosa a causa della possibilità di embolia dei vasi polmonari, cerebrali e renali da masse trombotiche distaccate. In un periodo successivo, può svilupparsi una sindrome post-infarto, manifestata da pericardite, pleurite, artralgia, eosinofilia.

Dieta per tachicardia

Con la tachicardia, si consiglia di abbandonare:

  • bevande e alimenti contenenti caffeina;
  • alcol;
  • piatti piccanti, salati, affumicati e grassi;
  • salse;
  • panna e panna acida;
  • prodotti che includono soda;
  • uova sode e fritte.

Il menu giornaliero dovrebbe includere:

  • succhi naturali;
  • verdure;
  • frutta;
  • latte;
  • latticini;
  • carne dietetica.

I pasti dovrebbero essere regolari, in piccole porzioni. Dovresti rifiutare un pasto prima di andare a letto. Limite di dolci. Dai la preferenza a cibi ipocalorici ricchi di potassio e magnesio. Una volta alla settimana, è consigliabile trascorrere giorni di digiuno (l'opzione migliore è la verdura).

Trattamento

Con infarto del miocardio, è indicato il ricovero di emergenza in rianimazione cardiologica. Nel periodo acuto, al paziente vengono prescritti riposo a letto e riposo mentale, frazionario, limitato in volume e nutrizione calorica. Nel periodo subacuto, il paziente viene trasferito dalla rianimazione al reparto di cardiologia, dove continua il trattamento dell'infarto del miocardio e il regime si sta gradualmente espandendo.

Il sollievo dal dolore viene effettuato da una combinazione di analgesici narcotici (fentanil) con antipsicotici (droperidolo), somministrazione endovenosa di nitroglicerina.

La terapia per l'infarto del miocardio ha lo scopo di prevenire ed eliminare aritmie, insufficienza cardiaca, shock cardiogeno. Prescrivere farmaci antiaritmici (lidocaina), ß-bloccanti (atenololo), trombolitici (eparina, acido acetilsalicilico), antagonisti di Ca (verapamil), magnesia, nitrati, antispasmodici, ecc.

Nelle prime 24 ore dopo lo sviluppo dell'infarto miocardico, la perfusione può essere ripristinata mediante trombolisi o angioplastica coronarica di emergenza.

Per eliminare la tachicardia, viene trattata una malattia che provoca un aumento della frequenza cardiaca.

Si consiglia di stabilire una modalità delicata:

  1. Una notte di sonno completo per almeno 8 ore.
  2. Rifiuto di ogni cattiva abitudine, compreso l'uso di tè o caffè forti.
  3. È meglio mangiare 5 volte al giorno, un po '. La preferenza è data a cibi e verdure semplici a basso contenuto di grassi.
  4. Dovrebbero essere evitati il ​​sovraccarico nervoso e i disordini.
  5. Puoi prendere decotti di erbe con un effetto calmante: valeriana, erba madre, menta piperita, biancospino.

Durante un attacco di tachicardia, che è accompagnato da sintomi dolorosi, vengono assunti farmaci antiaritmici: Etatsizin, Finoptin (Verapamil, Isoptin), Ritmilen (Ritmodan), Reserpine (Rausedil, Raupasil), Raunatin (Rauvazan).

In caso di tachicardia, è necessario sottoporsi a una visita medica per escludere l'insorgenza di una malattia grave.

Prognosi per infarto del miocardio

L'infarto del miocardio è grave, associato a pericolose complicazioni della malattia. La maggior parte dei decessi si sviluppa il primo giorno dopo l'infarto del miocardio. La capacità di pompaggio del cuore è associata alla localizzazione e al volume della zona dell'infarto. Se più del 50% del miocardio è danneggiato, di norma, il cuore non può funzionare, causando shock cardiogeno e morte del paziente. Anche con danni meno estesi, il cuore non sempre affronta gli stress, a seguito dei quali si sviluppa l'insufficienza cardiaca.

Dopo un periodo acuto, la prognosi per il recupero è buona. Prospettive avverse in pazienti con infarto miocardico complicato.

Tachicardia: sintomi e trattamento, cause, prevenzione

Per non affrontare la domanda su come trattare la tachicardia in futuro, i medici raccomandano:

  • smettere di fumare e bere alcolici;
  • controllare la pressione sanguigna;
  • includere più frutta e verdura nella dieta e limitare il consumo di grassi animali;
  • controllare il colesterolo nel sangue;
  • essere esaminato annualmente da un cardiologo.

Questo articolo è pubblicato solo a scopo didattico e non è materiale scientifico o consulenza medica professionale.

Le condizioni necessarie per la prevenzione dell'infarto miocardico sono il mantenimento di uno stile di vita sano e attivo, l'abbandono dell'alcol e del fumo, un'alimentazione equilibrata, l'eliminazione dello stress fisico e nervoso, il monitoraggio della pressione arteriosa e dei livelli di colesterolo nel sangue.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Tatyana Jakowenko

Redattore capo del Detonic rivista online, cardiologo Yakovenko-Plahotnaya Tatyana. Autore di oltre 950 articoli scientifici, anche su riviste mediche straniere. Lavora come cardiologo in un ospedale clinico da oltre 12 anni. Possiede moderni metodi di diagnosi e cura delle malattie cardiovascolari e li implementa nelle sue attività professionali. Ad esempio, utilizza metodi di rianimazione del cuore, decodifica dell'ECG, test funzionali, ergometria ciclica e conosce molto bene l'ecocardiografia.

Per 10 anni ha partecipato attivamente a numerosi simposi e seminari medici per medici - famiglie, terapisti e cardiologi. Ha molte pubblicazioni su uno stile di vita sano, diagnosi e cura delle malattie cardiache e vascolari.

Monitora regolarmente nuove pubblicazioni di riviste di cardiologia europee e americane, scrive articoli scientifici, prepara relazioni in conferenze scientifiche e partecipa a congressi europei di cardiologia.

Detonic