Indicazioni sulla composizione di anaprilina per l'uso di dignità e controindicazioni

Il propranololo è un componente attivo di Anaprilin. Ci sono anche compresse con lo stesso nome, che sono necessarie per il trattamento di malattie del sistema cardiovascolare. Anaprilin contiene i seguenti elementi ausiliari che non soddisfano gli obiettivi terapeutici:

  • talco;
  • zucchero del latte;
  • fecola di patate;
  • stearato di calcio.

"Anaprilin" si riferisce a un gruppo di bloccanti del recettore adrenergico situati in diverse parti del corpo umano: vasi sanguigni, muscoli del cuore, bronchi, utero e ghiandola prostatica. L'interazione del farmaco con cellule sensibili impedisce l'effetto stimolante del sistema nervoso e delle ghiandole endocrine, il che spiega l'uso nel tremore idiopatico e nelle malattie endocrinologiche.

Nella pratica cardiologica, il farmaco è più spesso prescritto a pazienti con malattia coronarica. Il principio attivo aiuta a ridurre la domanda di ossigeno del miocardio e previene il rimodellamento (rimodellamento) del muscolo cardiaco. È stata dimostrata l'efficacia del farmaco nel ridurre la mortalità se consumato nelle prime ore dopo un infarto.

L'effetto multidirezionale del farmaco sulla struttura del corpo provoca un uso diffuso nella pratica medica. Le istruzioni per l'uso "Anaprilina" identificano le seguenti indicazioni per la nomina di un farmaco:

  • ipertensione arteriosa essenziale (primaria, idiopatica) - una malattia accompagnata da un persistente eccesso di indicatori normativi di pressione senza motivo apparente;
  • malattia coronarica (CHD) - una patologia che caratterizza una violazione dell'afflusso di sangue al miocardio con dolore tipico dietro lo sterno durante l'esercizio;
  • angina pectoris - una forma cronica di cardiopatia ischemica;
  • cardiomiopatia ipertrofica - una patologia caratterizzata dalla proliferazione delle fibre muscolari, che riduce il volume delle camere cardiache;
  • disturbi del ritmo: flutter o fibrillazione atriale (fibrillazione atriale), tachicardia sopraventricolare, extrasistoli;
  • feocromocitoma: un tumore del tessuto surrenale che sintetizza le catecolamine (adrenalina, noradrenalina);
  • tremore essenziale - "tremore" delle mani o di altre parti del corpo senza una ragione apparente, i casi familiari sono più spesso registrati;
  • astinenza dall'alcol - un complesso di disturbi causati dall'astinenza nelle persone con alcolismo;
  • emangiomi infantili - tumori benigni della parete vascolare (più comuni nei bambini);
  • gozzo tossico diffuso e tireotossicosi di un'altra eziologia (sullo sfondo della tiroidite) - malattia della tiroide, accompagnata da una maggiore sintesi di ormoni. Anaprilin è prescritto come farmaco di seconda linea.

Inoltre, lo strumento viene utilizzato per prevenire attacchi di emicrania, attacchi di panico e ansia profonda.

Il modello di applicazione di Anaprilin è determinato dall'età della persona, dalla malattia e dalla gravità della patologia. Le dosi terapeutiche medie e la frequenza di somministrazione del farmaco sono presentate nella tabella.

MalattiaModuloDose (in milligrammi)moltiplicità
Ipertensione arteriosaCompresse compresse402 volte al giorno (con inefficienza - aumentare a 4)
Angina pectoris, disturbi del ritmoCompresse compresse20 - 2 settimane, con conseguente aumento a 403 volte al giorno
Condizione post-infartoCompresse compresse80volte 3
Aritmie parossistiche, crisi tireotossicheSoluzione per amministrazione endovenosa1, dopo 2 minuti - di nuovoIn assenza di effetto - entra, fino a 10 volte sotto il controllo del ritmo e del livello di pressione
EmicraniaPillole403 volte al giorno

Nella pratica ostetrica, Anaprilin è usato per stimolare l'inizio del travaglio e la prevenzione del sanguinamento ipotonico nel periodo postnatale. La dose del farmaco è di 20 mg 3 volte al giorno per 3-5 giorni.

"Anaprilin" (il principio attivo è propranololo) è un farmaco che viene utilizzato per un uso a lungo termine e cure di emergenza, quindi è disponibile in varie forme per comodità.

Forma di emissioneDose di propranololo
Pillole10 e 40 mg
Soluzione allo 0,25% per somministrazione endovenosa di 1 mg2,5 mg in fiala
Soluzione all'1% - 5 ml5 mg in fiala
Deposito di capsule di azione (lunga) prolungata, che vengono utilizzate 1 volta al giorno80 mg

Il propranololo si riferisce ai beta-bloccanti non selettivi (nessun effetto selettivo sul sistema cardiovascolare) senza attività simpaticomimetica interna, che porta a una vasta gamma di effetti terapeutici:

  1. Diminuzione della frequenza cardiaca (a causa dell'effetto sui recettori nel miocardio).
  2. Ridurre la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco (è così che si realizza l'effetto antianginale del farmaco).
  3. Diminuzione della resistenza vascolare periferica totale (con uso prolungato). Nelle prime 2 settimane c'è un aumento del tono delle fibre muscolari lisce, rispettivamente - indicatori della pressione diastolica con conseguente stabilizzazione e diminuzione.
  4. Tono aumentato dei muscoli lisci dei bronchi (broncospasmo) e dell'utero (stimolazione del travaglio).
  5. Effetto depressivo (il farmaco attraversa la barriera emato-encefalica e ha un effetto diretto sui centri del cervello).
  6. Rallenta i processi del metabolismo dello iodio nel corpo (effetto inibitorio sulla ghiandola tiroidea).
  7. Effetto ipoglicemico: il blocco dei recettori riduce i contro-effetti dell'adrenalina e contribuisce a un calo della glicemia (una delle controindicazioni del farmaco è il diabete mellito).

"Anaprilin" si riferisce al gruppo di beta-bloccanti lipofili che sono rapidamente e ad alte concentrazioni assorbiti dal tratto gastrointestinale. Nel sangue si combinano con le proteine: il 95% del farmaco è legato. Il farmaco inizia ad agire dopo 1 ora (durante l'assunzione di compresse), raggiunge una concentrazione massima entro 2 ore.

La durata dell'effetto della compressa "Anaprilin" è di 4-6 ore, che determina la frequenza di somministrazione del farmaco.

I processi di metabolismo ed escrezione si verificano nel fegato, quindi, nei pazienti con funzionalità del sistema epatobiliare compromessa, si raccomandano dosi più basse del farmaco a causa del rischio di accumulo e sovradosaggio. Meno dell'1% del farmaco viene escreto nei reni.

Le conseguenze indesiderabili dell'uso di "Anaprilin" sono associate all'accumulo di prodotti metabolici attivi o alla somministrazione sullo sfondo di condizioni controindicate:

  • ipotensione ortostatica - un calo della pressione sanguigna quando si cambia posizione da orizzontale a verticale;
  • bradicardia (rallentamento dell'impulso): la frequenza raggiunge i 40-50 al minuto;
  • reazioni allergiche: eruzione cutanea pruriginosa, gonfiore;
  • compromissione della vista (a causa di una diminuzione della secrezione delle ghiandole lacrimali);
  • lingua secca, nausea, vomito, dolore nella parte superiore e gonfiore, diarrea;
  • arrossamento della pelle, perdita di capelli, comparsa di peeling simile alla psoriasi;
  • collasso - una diminuzione del tono vascolare nelle arterie del cervello con perdita di coscienza;
  • debolezza muscolare e intorpidimento degli arti;
  • congestione nasale, bronchi o laringospasmo;
  • ipoglicemia (nei pazienti con diabete, il propranololo prolunga e migliora l'azione dell'insulina);
  • mal di testa, debolezza, affaticamento;
  • disturbi del sonno (insonnia o sonnolenza diurna patologica);
  • disturbi della conduzione: blocco atrioventricolare.

I principali sintomi di avvelenamento:

  • vertigini;
  • grave bradicardia e calo della pressione sanguigna;
  • perdita di coscienza;
  • difficoltà respiratoria (espirazione rumorosa);
  • cianosi di dita delle mani e dei piedi (nei bambini - volti);
  • convulsioni;
  • sull'elettrocardiogramma: disturbo della conduzione nel nodo AV, frequenti extrasistoli ventricolari.

Dose tossica - individuo per ogni persona, a seconda dello stato del sistema enzimatico epatico e della presenza di malattie concomitanti. Nella maggior parte dei casi, i sintomi di avvelenamento si sviluppano con l'uso simultaneo di più di 1 grammo di farmaco.

Secondo le istruzioni per l'uso del farmaco, l'alcool non è raccomandato durante l'assunzione di Anaprilin. Gli effetti tossici sono dovuti a:

  • danno ai sistemi enzimatici del fegato da prodotti del metabolismo dell'etanolo, processi metabolici ed escrezione del farmaco
  • ulteriore effetto inibitorio sul sistema nervoso centrale;
  • l'alcol provoca tachicardia, un aumento della pressione sanguigna, che neutralizza l'effetto di "Anaprilin";
  • aumento degli effetti collaterali del farmaco (mal di testa, debolezza, nausea).

La compatibilità del farmaco con altre sostanze che colpiscono il sistema nervoso è un aumento dell'effetto depressivo.

La forma di dosaggio per il rilascio di Anaprilin è compresse. Il principio attivo è propranololo, in 1 compressa il suo contenuto raggiunge 10 o 40 mg. Componenti ausiliari: zucchero del latte, fecola di patate, stearato di calcio, talco.

La composizione del farmaco include il principio attivo propranololo, nonché sostanze aggiuntive: amido, zucchero del latte, stearato di calcio, talco.

Interazioni con altri farmaci

Il propranololo componente attivo inibisce i recettori adrenergici β-1 e β-2 e quindi ha un effetto ipotensivo, antiaritmico e antianginale. Riduce anche la frequenza e la forza delle contrazioni cardiache, della gittata cardiaca e riduce la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco.

Inoltre, il propranololo aumenta la resistenza vascolare periferica e abbassa la pressione sanguigna. Con l'aiuto del blocco dei recettori β-2, aumenta il tono dei bronchi, aumenta la contrazione dell'utero, che ha un effetto benefico sul sanguinamento postpartum o postoperatorio e migliora le funzioni motorie e secretorie del sistema digestivo.

Questo farmaco entra rapidamente nel flusso sanguigno. L'emivita del propranololo è di 3-5 ore e con un uso prolungato può raggiungere le 12 ore. I reni sono l'autorità responsabile per il rilascio di propranololo. La sostanza viene escreta sotto forma di metaboliti (circa il 90%) e circa l'1% rimane nella sua forma originale.

L'anaprilina è ben tollerata. Tuttavia, possono verificarsi effetti collaterali, tra cui:

  1. agranulocitosi, leucopenia e trombocitopenia dal sistema ematopoietico;
  2. malessere, vertigini e mal di testa, depressione, problemi di sonno, disturbi mentali, diminuzione della velocità delle reazioni motorie e psicomotorie dal sistema nervoso;
  3. deterioramento della circolazione sanguigna e sviluppo di insufficienza cardiaca, evidente ipotensione arteriosa e bradicardia sinusale;
  4. diminuzione della libido e riduzione della potenza;
  5. eruzione cutanea, alopecia, prurito e aumento della psoriasi;
  6. tosse, faringite, respiro corto, laringospasmo e broncospasmo;
  7. dolore e secchezza degli occhi, riduzione della vista, cheratocongiuntivite;
  8. sintomi dispeptici (vomito, nausea e diarrea), dolore nella parte epigastrica.

Se compaiono questi e altri sintomi indesiderati, è necessario interrompere immediatamente l'assunzione del farmaco e consultare un medico.

Quando si assume Anaprilin, è necessario tenere conto delle peculiarità della sua interazione con altri farmaci.

  • Quindi, l'effetto di Anaprilin è aumentato quando viene assunto con reserpina, diuretici, etanolo antiipertensivo, nifedipina, idralazina e altri antiipertensivi.
  • L'anaprilina aumenta l'effetto dei farmaci uterotonizzanti e tireostatici e riduce anche l'effetto degli antistaminici.
  • Quando si assumono Anaprilin insieme a inibitori delle monoamino ossidasi, può verificarsi un aumento dell'effetto ipotensivo, a seguito del quale il loro uso parallelo è controindicato. Il periodo tra la ricezione di questi fondi dovrebbe essere di almeno 2 settimane.
  • L'anaprilina influenza l'efficacia dell'insulina e dei farmaci ipoglicemizzanti orali, nasconde i segni del possibile sviluppo di ipoglicemia (aumento della pressione sanguigna e tachicardia)
  • Quando si assumono gli alcaloidi di ergot e anaprilin, aumenta la probabilità di malfunzionamenti nella circolazione periferica.
  • L'assunzione del farmaco contemporaneamente a rizatriptan aumenta la sua concentrazione nel sangue, quindi è necessaria una riduzione del dosaggio.
  • L'anaprilina aumenta la concentrazione di antipsicotici della fenotiazina nel plasma sanguigno e nella lidocaina e riduce la clearance della teofillina.
  • Se combinato con diltiazem, verapamil e amiodarone, aumenta l'effetto di effetti estranei, crono e dromotropici negativi.
  • Farmaci antipsicotici (antipsicotici), antidepressivi tri- e tetraciclici, ipnotici e sedativi ed etanolo aumentano l'effetto inibitorio dell'Anaprilin sul sistema nervoso centrale.
  • L'effetto antiipertensivo del farmaco indebolisce l'effetto dei glucocorticoidi, dei farmaci antinfiammatori non steroidei (riduzione della sintesi delle prostaglandine nei reni e della ritenzione di sodio), degli estrogeni (ritenzione di sodio);
  • Con la somministrazione endovenosa di farmaci radiopachi contenenti iodio, aumenta la possibilità di sviluppare reazioni anafilattiche.
  • Il rafforzamento o lo sviluppo di bradicardia, insufficienza cardiaca, arresto cardiaco e blocco atrioventricolare sono possibili con metildopa, guanfacina e reserpina insieme ad Anaprilin.
  • I mezzi per l'anestesia per inalazione (derivati ​​degli idrocarburi) e la fenitoina quando somministrati per via endovenosa insieme all'anaprilina aumentano la gravità dell'effetto cardiodepressivo e la probabilità di abbassare la pressione sanguigna.
  • La sulfasalazina e la cimetidina aumentano la biodisponibilità di Anaprilin.
  • L'anaprilina prolunga l'effetto dell'effetto anticoagulante di cumarinici e miorilassanti non depolarizzanti.
  • La possibilità di comparsa di reazioni sistemiche così gravi come l'anafilassi può aumentare con l'uso combinato di anaprilina e l'introduzione di allergeni, che vengono utilizzati per test cutanei o immunoterapia.

Le istruzioni per l'uso di anaprilin si riferiscono a beta-bloccanti non selettivi. Ha effetti antiipertensivi, antianginosi e antiaritmici. A causa del blocco dei recettori beta-adrenergici, diminuisce la produzione di cAMP stimolata dalla catecolamina dall'ATP, a seguito della quale riduce gli ioni di calcio intracellulari, ha un effetto negativo crono, dromo, batmo e inotropico (riduce la frequenza cardiaca , inibisce la conduzione e l'eccitabilità, riduce la contrattilità miocardica).

All'inizio dell'uso dei beta-bloccanti, le OPSS aumentano nelle prime 24 ore (a seguito di un reciproco aumento dell'attività dei recettori alfa-adrenergici e dell'eliminazione della stimolazione dei recettori beta-adrenergici nei vasi dei muscoli scheletrici ), ma dopo 2-1 giorni ritorna al suo stato originale e diminuisce con l'uso prolungato.

L'effetto ipotensivo è associato a una diminuzione del volume ematico minuto, alla stimolazione simpatica dei vasi periferici, a una diminuzione dell'attività del sistema renina-angiotensina (importante nei pazienti con secrezione iniziale di renina), alla sensibilità dei barorecettori dell'arco aortico ( non vi è alcun aumento della loro attività in risposta a una diminuzione della pressione sanguigna) e degli effetti sul sistema nervoso centrale

L'effetto antiipertensivo si stabilizza entro la fine della 2a settimana dell'appuntamento del corso. L'effetto antianginale è dovuto a una diminuzione della domanda di ossigeno miocardica (dovuta all'effetto cronotropico e inotropico negativo). Una diminuzione della frequenza cardiaca porta ad un aumento della diastole e ad un miglioramento della perfusione miocardica.

Aumentando la pressione diastolica finale nel ventricolo sinistro e aumentando l'allungamento delle fibre muscolari dei ventricoli, può aumentare la necessità di ossigeno, specialmente nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica.

L'effetto antiaritmico è dovuto all'eliminazione dei fattori aritmogeni (tachicardia, aumento dell'attività del sistema nervoso simpatico, aumento del contenuto di cAMP, ipertensione arteriosa), una diminuzione del tasso di eccitazione spontanea di sinusite e pacemaker ectopico e un rallentamento della AV conduzione.

L'inibizione della conduzione degli impulsi si nota principalmente nell'anticipazione e, in misura minore, nelle direzioni retrograda attraverso il nodo AV e lungo percorsi aggiuntivi. Appartiene alla seconda classe di farmaci antiaritmici. Riduzione della gravità dell'ischemia miocardica - a causa di una diminuzione della domanda di ossigeno miocardica, la mortalità post-infarto può anche essere ridotta a causa dell'azione antiaritmica.

La capacità di prevenire lo sviluppo del mal di testa della genesi vascolare è dovuta a una diminuzione della gravità dell'espansione dell'arteria cerebrale dovuta al beta-adrenoblocco dei recettori vascolari, all'inibizione dell'aggregazione piastrinica e alla lipolisi causata dalle catecolamine, alla diminuzione dell'adesione piastrinica, alla prevenzione del sangue fattori di coagulazione durante il rilascio di adrenalina ossigeno e stimolazione della renina tissutale.

La riduzione del tremore con l'uso del propranololo (il principio attivo del farmaco Anaprilin) ​​è principalmente dovuta al blocco dei recettori beta2-adrenergici periferici.

Aumenta le proprietà aterogeniche del sangue. Migliora le contrazioni uterine (spontanee e causate da stimolanti del miometrio). Aumenta il tono dei bronchi. Ad alte dosi, provoca un effetto sedativo.

  • aritmie;
  • artralgia;
  • ansia;
  • ansia;
  • dolore al petto;
  • mal di schiena;
  • broncospasmo;
  • allucinazioni;
  • mal di testa;
  • vertigini;
  • depressione;
  • disagio epigastrico;
  • congestione nasale;
  • costipazione o diarrea;
  • prurito;
  • variazione della concentrazione di glucosio nel sangue (ipo o iperglicemia);
  • alterazioni del gusto;
  • eruzione cutanea;
  • orticaria;
  • nervosismo;
  • esacerbazione dei sintomi della psoriasi;
  • ipotensione ortostatica;
  • fatica;
  • la manifestazione di angiospasmo (aumento della compromissione della circolazione periferica, raffreddamento degli arti inferiori, sindrome di Raynaud);
  • reazioni cutanee simili alla psoriasi;
  • sviluppo (aggravamento) dell'insufficienza cardiaca cronica;
  • sindrome da astinenza (aumento degli attacchi di angina, infarto del miocardio, aumento della pressione sanguigna);
  • bradicardia sinusale, blocco AV (fino allo sviluppo di un blocco trasversale completo e arresto cardiaco);
  • debolezza;
  • una diminuzione della pressione sanguigna;
  • potenza ridotta;
  • sonnolenza o insonnia;
  • confusione;
  • nausea;
  • tremori;
  • trombocitopenia (sanguinamento insolito ed emorragia), leucopenia;
  • diminuzione della secrezione di liquido lacrimale (secchezza e indolenzimento degli occhi);
  • aumento della sudorazione.

A causa della possibile forte riduzione della pressione sanguigna, non è consigliabile assumere agenti contenenti etanolo durante il trattamento. Anaprilin non deve essere assunto insieme a tranquillanti e antipsicotici (farmaci antipsicotici).

L'effetto antiipertensivo del farmaco aumenta durante l'assunzione di reserpina, idroclorotiazide, idralazina e altri farmaci antiipertensivi, si indebolisce durante l'assunzione di estrogeni, farmaci antinfiammatori non steroidei, inibitori MAO (l'intervallo tra l'assunzione di propranololo e inibitori della monoamino ossidasi non deve essere meno di 14 giorni).

Gruppo farmacologico: beta-bloccanti. Ha effetti ipotensivi, antiaritmici e antianginosi.

Bradicardia, blocco atrioventricolare, spasmo di bronchio, sviluppo della sindrome di Raynaud, insufficienza cardiaca, vomito, debolezza muscolare, dolore epigastrico, vomito, diarrea, prurito, depressione, ipoglicemia in pazienti con insulino-dipendente e aumento della glicemia nei pazienti con diabete mellito sono noti. diabete indipendente dal tipo di insulina, visione alterata, ridotta potenza.

L'anaprilina aumenta reciprocamente l'effetto negativo di diltiazem e verpamil sul miocardio, inibisce l'escrezione di lidocaina e prolunga la durata d'azione dei miorilassanti non polarizzanti. L'effetto antiipertensivo si indebolisce durante l'assunzione con glucocorticosteroidi, estrogeni, FANS. L'effetto antiipertensivo è potenziato dall'uso di nitrati.

Farmacodinamica e farmacocinetica

Il principale principio attivo è il propranololo. L'anaprilina è un bloccante adrenergico non selettivo, riduce l'effetto simpatico sui recettori beta-adrenergici del cuore, riduce la frequenza e la forza delle contrazioni cardiache, riduce la funzione contrattile del miocardio, regola la gittata cardiaca, riduce la gittata cardiaca effetto inotropico e cronotropico delle catecolamine, riduce la richiesta di ossigeno nel cuore, riduce la pressione arteriosa.

Se assunto per via orale, il farmaco viene rapidamente assorbito ed escreto dal corpo. Il massimo contenuto di picco del principio attivo nel plasma sanguigno viene registrato dopo 1 -1.5 ore. Il farmaco attraversa la barriera fetoplacentare.

Istruzioni per l'uso

Le indicazioni per l'uso di Anaprilin sono: ipertensione arteriosa, tachicardia sinusale, angina pectoris, tachicardia sopraventricolare, angina pectoris instabile, fibrillazione atriale (forma tachisistolica), prevenzione degli attacchi di emicrania, crisi simpaticadrenali, NDC. Con l'ipertensione arteriosa, il farmaco è efficace nelle fasi iniziali della malattia e quindi viene utilizzato più spesso nei giovani (fino a 40 anni).

Una diminuzione della pressione sistolica è accompagnata da una diminuzione della frequenza cardiaca, una diminuzione del volume della gittata cardiaca e del volume dell'ictus del cuore. Con la malattia coronarica, l'assunzione del farmaco riduce il numero di attacchi di angina, aumenta la resistenza all'attività fisica. È particolarmente efficace per ipertensione arteriosa concomitante, aritmie.

L'anaprilina non è prescritta per ipotensione arteriosa, intolleranza ai componenti, insufficienza cardiaca, blocco atrioventricolare, bradicardia sinusale, blocco seno-atriale, diabete mellito, infarto miocardico acuto, asma bronchiale, obliterazione di malattie vascolari, acidosi metabolica, tendenza al broncospasmo, rinite, alimentazione vasomica.

Il dosaggio iniziale per l'ipertensione arteriosa è di 40 mg, due volte al giorno. Un giorno non più di 320 mg.

In caso di aritmie cardiache, angina pectoris: 20 mg tre volte al giorno con un aumento graduale della dose a 120 mg per 2-3 dosi.

Come prendere per la prevenzione dell'emicrania e con tremore essenziale? In primo luogo, vengono prescritti 20 mg del farmaco 2-3 volte al giorno, quindi la dose può essere regolata a 160 mg.

Secondo le istruzioni per l'uso di Anaprilin nella patologia del sistema renale, non è necessario un aggiustamento del dosaggio.

Con un sovradosaggio del farmaco, sono possibili le seguenti manifestazioni: convulsioni, aritmia, vertigini, bradicardia, broncospasmo, insufficienza cardiaca, acrocianosi, respiro corto. Sono richiesti lavanda gastrica e l'uso di sostanze assorbenti.

Un sovradosaggio del farmaco insieme all'uso di alcol può provocare la morte.

L'anaprilina viene assunta 10-30 minuti prima di un pasto, lavata con una quantità sufficiente di liquido. Le dosi e la frequenza di somministrazione sono stabilite in base alle malattie sottostanti e concomitanti, all'età del paziente. La durata del corso del trattamento è anche determinata dal medico. In media, la durata del trattamento delle patologie cardiovascolari è di 3-4 settimane.

Secondo le indicazioni, il corso può essere ripetuto. L'intervallo tra i cicli terapeutici dovrebbe essere di 1-2 mesi. Di seguito sono riportati i dosaggi medi raccomandati di Anaprilin per gli adulti secondo le istruzioni per l'uso del farmaco.

Con le aritmie, vengono prescritti 10-30 mg 3-4 volte al giorno.

Con l'ipertensione arteriosa, la dose iniziale del farmaco è di 160 mg (80 mg due volte al giorno). Se necessario, la dose può essere gradualmente aumentata a 320 mg al giorno.

Con l'emicrania, il dosaggio giornaliero di Anaprilin è compreso tra 80 mg e 160 mg.

Con l'angina pectoris, i primi tre giorni, il farmaco viene assunto a 20 mg quattro volte al giorno, nei tre giorni successivi la dose viene aumentata a 40 mg tre volte al giorno e 20 mg nella quarta dose. Dal settimo giorno, il farmaco viene assunto a 40 mg quattro volte al giorno. Se necessario, aumentare la dose a 200 - 240 mg al giorno (40 mg 5-6 volte al giorno).

Dopo infarto del miocardio, Anaprilin viene assunto a 160 mg al giorno (40 mg 4 volte al giorno).

  • insufficienza cardiaca acuta;
  • periodo di lattazione;
  • Blocco AV 2 e 3 gradi;
  • shock cardiogeno;
  • ipersensibilità al propranololo e altri componenti del farmaco Anaprilin, da cui le compresse possono causare effetti collaterali;
  • stadio 2B-3 di insufficienza cardiaca cronica;
  • blocco senoatriale;
  • ipotensione arteriosa (pressione arteriosa sistolica inferiore a 90 mm Hg, in particolare con infarto del miocardio);
  • sindrome del seno malato;
  • età fino a 18 anni (la sicurezza e l'efficacia del farmaco per questa fascia di età non sono state stabilite);
  • bradicardia (frequenza cardiaca inferiore a 55 battiti / min).

Cosa aiuta Anaprilin? L'accettazione di questo farmaco è necessaria per le seguenti malattie e condizioni:

  • ipertensione;
  • feocromocitoma (usato insieme a α-bloccanti);
  • violazione del ritmo cardiaco dovuta a cardiopatia reumatica (tachiaritmia, tachicardia parossistica e sinusale, aritmia);
  • tireotossicosi (per terapia aggiuntiva);
  • ischemia cardiaca;
  • avvelenamento da glicoside cardiaco, compresi i preparati di digitale;
  • angina pectoris.

L'anaprilina è prescritta per la prevenzione dell'emicrania e con un trattamento profilattico prolungato dopo infarto del miocardio.

L'anaprilina deve essere assunta 10-30 minuti prima di un pasto, bevendo molti liquidi. Il dosaggio del farmaco e la durata della somministrazione dipendono dalla malattia e dall'età del paziente. Tipicamente, la terapia delle patologie cardiovascolari viene eseguita in 3-4 settimane.

Di seguito sono riportati i dosaggi medi del farmaco in base alle istruzioni di Anaprilin per un paziente adulto:

  1. con emicrania - 80-160 mg al giorno.
  2. con aritmia - 10-30 mg 3-4 volte al giorno.
  3. con angina pectoris nei primi 3 giorni - 20 mg 4 volte al giorno. Nei prossimi 3 giorni, il dosaggio può essere aumentato a 40 mg 3 volte al giorno e la quarta dose può essere di 20 mg. A partire dal settimo giorno, il farmaco deve essere assunto a 40 mg 4 volte al giorno. Se è necessario, la dose giornaliera può essere aumentata a 200–240 mg (40 mg 5–6 volte al giorno). Dopo infarto del miocardio, Anaprilin viene assunto a 160 g al giorno, alla dose di 40 mg 4 volte.
  4. con ipertensione arteriosa - 160 mg al giorno (80 mg 2 volte al giorno). Il dosaggio può essere gradualmente aumentato a 320 mg al giorno.

Il farmaco è prescritto per i bambini di età superiore ai 3 anni con una dose di 0,25-0,5 mg per 1 kg di peso secondo le chiare istruzioni del medico. Devi prendere il farmaco 3-4 volte al giorno.

Anaprilin è controindicato nei seguenti casi:

  • shock cardiogeno;
  • alterazione della circolazione periferica;
  • intolleranza ai componenti del farmaco;
  • tendenza al broncospasmo e alla malattia asmatica;
  • febbre da fieno;
  • blocco atrioventricolare completo o incompleto;
  • bradicardia sinusale;
  • infarto miocardico acuto;
  • insufficienza cardiaca incontrollata;
  • acidosi, compresa la chetoacidosi da zucchero;
  • colite spastica;
  • malattia epatica cronica.

Ricevimento durante la gravidanza e l'allattamento

Il farmaco è controindicato in gravidanza e allattamento.

Il farmaco è prescritto solo se il beneficio previsto per la donna supera il potenziale rischio per il feto. Durante l'uso di Anaprilin, è necessario un rigoroso monitoraggio del feto. 3 giorni prima della nascita, il farmaco deve essere annullato.

Possibili effetti negativi sul feto: bradicardia, ipoglicemia, ritardo della crescita intrauterina. Inoltre, il farmaco può causare morte fetale o parto prematuro.

Il principio attivo viene assorbito nel latte materno, pertanto le donne che allattano durante il trattamento devono annullare l'allattamento.

  • L'anaprilina è prescritta per le donne in gravidanza se il beneficio per la donna è superiore al possibile rischio per il feto.
  • Quando si assume il farmaco, è necessario monitorare costantemente le condizioni del bambino.
  • 3 giorni prima della nascita, i fondi dovrebbero essere fermati.
  • Sullo sfondo dell'assunzione del farmaco da parte della madre, il bambino può manifestare ipoglicemia, ritardo della crescita intrauterina e bradicardia. Inoltre, esiste il rischio di parto prematuro o addirittura di morte fetale.

Il componente attivo del farmaco entra nel corpo del bambino durante l'allattamento. Le donne non devono assumere Anaprilin durante l'allattamento.

Costo e condizioni di congedo dalle farmacie

In un luogo buio e asciutto inaccessibile ai bambini.

Il prezzo di 50 compresse di Anaprilin 10 mg ciascuno - da 17 rubli.

Non è necessaria una prescrizione per l'acquisto di questo farmaco.

Ci sono controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista

Il prezzo medio di Anaprilin (compresse da 40 mg n. 50) a Mosca è di 22 rubli. A Kiev, puoi comprare medicine per 38 grivna, in Kazakistan - per 110 anni. A Minsk, le farmacie offrono medicine per 0,5 bel. rubli. Disponibile dalle farmacie con prescrizione medica.

analoghi

In base all'azione del componente attivo, si possono distinguere i seguenti analoghi di Anaprilin

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore
Tatyana Jakowenko

Redattore capo del Detonic rivista online, cardiologo Yakovenko-Plahotnaya Tatyana. Autore di oltre 950 articoli scientifici, anche su riviste mediche straniere. Lavora come cardiologo in un ospedale clinico da oltre 12 anni. Possiede moderni metodi di diagnosi e cura delle malattie cardiovascolari e li implementa nelle sue attività professionali. Ad esempio, utilizza metodi di rianimazione del cuore, decodifica dell'ECG, test funzionali, ergometria ciclica e conosce molto bene l'ecocardiografia.

Per 10 anni ha partecipato attivamente a numerosi simposi e seminari medici per medici - famiglie, terapisti e cardiologi. Ha molte pubblicazioni su uno stile di vita sano, diagnosi e cura delle malattie cardiache e vascolari.

Monitora regolarmente nuove pubblicazioni di riviste di cardiologia europee e americane, scrive articoli scientifici, prepara relazioni in conferenze scientifiche e partecipa a congressi europei di cardiologia.

Detonic