Dolore al cuore dopo infarto del miocardio

Con infarto del miocardio, la pressione sanguigna aumenta, a seguito della quale il cuore ha bisogno di più ossigeno. La pressione arteriosa instabile contribuisce alla comparsa di aterosclerosi, che alla fine blocca il flusso di sangue, a causa del quale si formano coaguli di sangue e si verifica un infarto del miocardio. Questo fenomeno finisce spesso con la morte.

Questa condizione è caratterizzata da una violazione dell'afflusso di sangue al cuore, a seguito del quale i vasi sono intasati. Inoltre, può verificarsi un arresto cardiaco. Pertanto, il paziente ha bisogno di aiuto tempestivo.

Spesso, una tale malattia si sviluppa negli uomini dopo 40 anni. Tuttavia, oggi la malattia può comparire nei giovani a causa di uno spasmo prolungato dei vasi coronarici.

Tuttavia, il rischio di infarto del miocardio aumenta nelle donne dopo 50 anni. Inoltre, soffrono di questa condizione molto più difficile degli uomini.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

sintomatologia

Se si verificano fastidi al petto durante la deambulazione veloce o qualsiasi altra attività fisica, questo sintomo non deve essere ignorato. Dopo il riposo, la condizione torna spesso alla normalità. Tuttavia, a volte le sensazioni spiacevoli sono localizzate non solo nel torace, ma anche in altre parti del corpo:

Pochi associano tali sintomi a malfunzionamenti del cuore, quindi il trattamento tempestivo non viene eseguito. Quindi, se si verificano sintomi spiacevoli durante l'attività fisica, è necessario contattare un cardiologo, perché dopo l'angina pectoris appare quasi sempre un infarto del miocardio.

Se il disagio al petto è molto forte, allora devi chiamare un'ambulanza, prendere la nitroglicerina e provare a rilassarti. In assenza di miglioramento, puoi bere un'altra pillola del medicinale. Ma in questo caso, categoricamente è impossibile abbassare la pressione da soli.

Il principale segno di infarto del miocardio è il dolore intenso nel cuore. Sembra in qualche modo simile all'angina pectoris, ma in questo caso il disagio è più lungo e l'uso di nitroglicerina non ha un effetto terapeutico.

Quindi, i seguenti sintomi accompagnano il blocco dell'afflusso di sangue al cuore:

  • il verificarsi di angina pectoris prolungata;
  • sbiancamento della pelle;
  • dispnea;
  • premendo e comprimendo il dolore che spesso si irradia nell'area della scapola, del collo, della spalla e del braccio.

La durata degli attacchi può essere diversa - fino a un giorno. Inoltre, sono singoli o multipli, cioè sorgono uno dopo l'altro.

Per diagnosticare la malattia, sono necessari ulteriori test e studi. Inoltre, con la necrosi miocardica ischemica, può verificarsi aritmia, che è anche una complicazione di questa malattia.

Con una tale malattia, i sintomi possono essere tipici e atipici. Le manifestazioni tipiche includono:

  1. polso rapido o debole;
  2. attacchi di dolore;
  3. aritmia.

In questo caso, la pressione sanguigna spesso diminuisce, il che indica una normale contrazione del muscolo cardiaco. Ma più bassa è la pressione sanguigna, più ampia è l'area del danno miocardico.

In questo caso, il paziente sperimenta la paura della morte, ha attacchi di debolezza e panico. Anche i sintomi tipici sono: perdita di coscienza, tremore nei muscoli, respirazione frequente e sudorazione profusa.

I segni atipici, di regola, sono singoli, quindi la diagnosi della malattia è difficile. Queste manifestazioni sono:

  • singhiozzo;
  • nausea;
  • dolore nella parte superiore dell'addome;
  • vomito.

È interessante notare che se il dolore è un fattore significativo nella diagnosi di infarto del muscolo cardiaco, nei diabetici la sua insorgenza non è accompagnata da sintomi caratteristici.

Dopo la morte delle cellule delle aree del miocardio, la pressione diminuisce quasi sempre. In particolare, questa condizione è nota se sono stati eseguiti interventi nel cuore.

Le ragioni della bassa pressione sanguigna risiedono nella violazione della circolazione sanguigna, che è associata al restringimento del lume dei vasi coronarici e alla perdita della loro elasticità. Questo fenomeno si chiama ipertensione "decapitata".

Vale la pena notare che se la pressione viene costantemente abbassata, quindi complicazioni come:

  1. insufficienza renale;
  2. ingrossamento del cuore;
  3. gonfiore delle gambe;
  4. disturbi aritmici.

Le condizioni del paziente dopo un infarto variano notevolmente. Pertanto, anche il trattamento fisioterapico e farmacologico non può riprendere il suo precedente stato di salute. Uno degli effetti collaterali di questa malattia è la bassa pressione sanguigna.

Inoltre, le mani e i piedi del paziente si congelano costantemente, si verificano malessere, vertigini, debolezza, sbadigli e il battito cardiaco rallenta o accelera. I sintomi che si verificano dopo la necrosi ischemica del muscolo cardiaco possono portare a ripetuti attacchi di cuore. Pertanto, la pressione costantemente abbassata deve essere costantemente monitorata e, se necessario, assumere i farmaci prescritti da un medico.

Nella fase iniziale dello sviluppo della malattia, il livello della pressione sanguigna aumenta gradualmente e dopo che i sintomi dell'ipertensione si sovrappongono alle manifestazioni di ipotensione, mentre il suo numero diminuisce. Spesso la pressione scende bruscamente il 2 ° - 3 ° giorno della malattia, quindi aumenta di nuovo, ma non raggiunge il segno normale (120/80 mm Hg). Di conseguenza, la maggior parte degli attacchi di cuore ha una bassa pressione sanguigna stabile.

Se la forma dell'attacco cardiaco è a focale larga, la pressione diminuisce a causa di deviazioni cardiodinamiche e resistenza ridotta nei vasi.

Dopo la morte delle cellule del miocardio nei pazienti ipertesi, i numeri della pressione sanguigna spesso diminuiscono. Ciò è dovuto a un disturbo della funzione contrattile del muscolo cardiaco riducendo la gittata cardiaca.

Di conseguenza, l'elevata resistenza che si verifica nei vasi periferici, che è caratteristica delle fasi avanzate dell'ipertensione, durante e dopo un infarto contribuisce alla comparsa di ipertensione "decapitata". I sintomi caratteristici di tale malattia sono un aumento della pressione diastolica e bassa sistolica.

I principali sintomi caratteristici della bassa pressione sanguigna includono:

  • malessere e affaticamento rapido, quindi, la capacità lavorativa è significativamente ridotta alla fine della giornata lavorativa;
  • maggiore sensibilità di braccia e gambe al calore o al freddo;
  • a causa del basso tono vascolare nel cuore e dietro lo sterno, si verifica disagio;
  • lo sviluppo della dipendenza meteorologica, a causa del quale le condizioni del paziente peggiorano a causa di cambiamenti meteorologici, tempeste magnetiche o solari;
  • sbadiglio e mancanza di ossigeno;
  • intorpidimento e raffreddamento degli arti.

Inoltre, con una bassa pressione nel collo e nelle tempie, può verificarsi dolore pulsante. E nella parte frontale si avverte una pesantezza dolorosa, mentre le sensazioni a volte sono localizzate solo su un lato della testa e sembrano sintomi di emicrania.

Di norma, il dolore è sordo, può essere accompagnato da vomito, nausea e stato di sonno.

Tuttavia, quando la pressione sanguigna si abbassa, dopo un brusco aumento dal letto, si scurisce negli occhi e si verificano vertigini. A volte appare uno stato di svenimento, che porta alla perdita di coscienza, ogni ipertonico dovrebbe saperlo.

Esistono molti metodi che possono aiutare a migliorare le condizioni di una persona sopravvissuta a un infarto del muscolo cardiaco. Prima di tutto, non è necessario sovraccaricare il corpo fisicamente e psicologicamente.

L'inizio dei sintomi che accompagnano la bassa pressione sanguigna spesso indica la non conformità con le prescrizioni mediche. Nel periodo di forte calo della pressione, devi bere caffè o tè forti e sdraiarti.

Puoi anche aumentare la pressione sanguigna se prendi l'estratto di ginseng. Ma se queste misure non hanno prodotto risultati, allora dovresti chiamare un'ambulanza, poiché una pressione costantemente bassa è spesso un presagio, che indica la comparsa di un secondo attacco.

Oggi, i principali metodi di trattamento post-infarto comprendono la visita in una camera a pressione e l'ozonizzazione del sangue. Queste procedure saturano il sangue con l'ossigeno, a seguito del quale la pressione si normalizza e le difese del corpo aumentano.

Il video in questo articolo ti dirà quale sia la ragione dell'aumento della pressione e quale sia l'infarto.

Cosa fare se si verificano questi sintomi?

Prima di tutto, devi chiamare un'ambulanza e chiedere che arrivi un team cardiologico speciale. Mentre è in viaggio, puoi prendere una compressa di nitroglicerina.

Questo è un rimedio universale per il dolore cardiaco, che, a proposito, aiuta a distinguere l'imminente infarto del miocardio da un attacco di angina pectoris. In quest'ultimo caso, il dolore dopo l'assunzione di nitroglicerina passa abbastanza rapidamente, con un infarto - non viene eliminato. Non è possibile assumere più di una compressa: la nitroglicerina può abbassare la pressione sanguigna e questo può peggiorare le condizioni del paziente.

Inoltre, se non ci sono controindicazioni, prendere l'aspirina in un dosaggio fino a 500 mg, quindi sdraiarsi. Le restanti misure non devono essere prese dal paziente, ma dal medico.

Diagnosi e pronto soccorso al paziente con infarto miocardico

È possibile diagnosticare un attacco di cuore utilizzando tre criteri:

  • Il paziente lamenta dolore acuto al torace, specialmente a sinistra. La nitroglicerina può alleviare la gravità solo per un po ', quindi i sintomi si ripresentano. Il paziente non ha abbastanza ossigeno, il sudore freddo agisce, la pressione aumenta bruscamente. In una situazione del genere, un urgente bisogno di chiamare un'ambulanza e sottolineare i sintomi.
  • L'ECG mostra cambiamenti nelle letture.
  • Quando si esegue un esame del sangue, il medico può rilevare la presenza di marcatori cardiospecifici.

Se sospetti un attacco di cuore, devi fare l'azione giusta.

Quindi, puoi salvare la vita di una persona:

  • Il paziente mette la testa sul cuscino (la testa deve essere gettata all'indietro.
  • Somministrare nitroglicerina o aspirina.
  • Metti un cuscinetto riscaldante sul petto.
  • Chiama un'ambulanza.

Ogni paziente con un infarto ha la possibilità di sopravvivere. L'importante è fornire assistenza nei primi minuti. Oltre alla testa posteriore gettata, è necessario assicurarsi che tutti gli oggetti estranei vengano rimossi dalla bocca (dentiere e altro). Dovresti assolutamente controllare il tuo respiro. Se ne manca uno, devi farlo in modo artificiale. Per l'igiene, puoi usare una garza o un fazzoletto pulito.

In assenza di pulsazioni dell'arteria carotide, è necessario condurre un massaggio cardiaco indiretto, combinandolo con la respirazione artificiale. Durante tutte le manipolazioni, è necessario il controllo della loro efficacia. La pelle del paziente diventa rosa e le pupille rispondono alla luce. Se si verifica un effetto, è necessario continuare le azioni fino all'arrivo di un'ambulanza.

Come viene effettuato il trattamento?

In precedenza, è iniziato dopo che il paziente è stato portato in ospedale. Ora i medici si stanno sforzando di iniziare il trattamento nella fase preospedaliera. Più veloce è il percorso per il sangue, più piccolo sarà il danno al cuore, il che significa che più facile sarà il recupero in futuro. L'arsenale di una squadra di ambulanze specializzata contiene farmaci che possono dissolvere i coaguli di sangue.

In un ospedale specializzato in cardiologia, il paziente viene infine ripristinato all'afflusso di sangue al cuore, viene valutato lo stato dei vasi e, se necessario, inviato per interventi di stenting o bypass - interventi che possono eliminare il danno vascolare, che è la causa principale dell'attacco di cuore.

Per molti anni si credeva che la cosa principale fosse aiutare una persona in un ospedale, quindi fu dimesso e in realtà fu lasciato solo con la malattia. Ora è chiaro che il paziente deve essere riabilitato sia fisicamente che psicologicamente. Per questo, ci sono centri di riabilitazione e sanatori in cui una persona che ha avuto un infarto viene trattata secondo programmi speciali.

Dopo la riabilitazione, è necessaria anche l'osservazione, quindi il paziente dovrebbe venire regolarmente in clinica. E, naturalmente, dovrebbe cambiare il suo stile di vita: smettere di fumare, ridurre l'assunzione di grassi, muoversi il più possibile.

Continua: Pronto soccorso per infarto →

Leggi sui social network!

Cosa include la terapia postinfartuale?

Come risultato della formazione di cicatrici, il miocardio perde la sua capacità di contrarsi con l'intensità precedente, quindi, uno dei compiti chiave dei medici è migliorare l'efficienza delle aree sane, oltre a prevenire attacchi ripetuti.

A tal fine, vengono prescritti farmaci speciali (trombolitici, anticoagulanti e beta-bloccanti) e se il paziente lamenta dolore, anche gli analgesici sono inclusi nel corso del trattamento.

Anche le terapie chirurgiche sono diventate molto diffuse, ad esempio un intervento chirurgico di bypass cardiaco dopo infarto e stent, che prevede l'installazione di un dispositivo ausiliario per ripristinare il vaso e ripristinare il normale afflusso di sangue in una particolare area.

La decisione sull'opzione di trattamento più adatta si basa sui risultati dell'esame e sulla valutazione di tutti i pro e contro di ciascuno di essi.

Riabilitazione dopo infarto del miocardio a casa: educazione fisica, dieta, farmaci

La riabilitazione dopo un infarto comprende una serie di misure, il cui compito è prevenire attacchi ripetuti, eliminare le complicanze e riportare il paziente alla vita normale.

Le principali aree del processo di recupero sono:

  • normalizzazione dell'attività fisica;
  • terapia farmacologica;
  • dieta;
  • aiuto psicologico.

La scelta delle tattiche di riabilitazione si basa sulle condizioni individuali del paziente, nonché sulla sua età e sui motivi che hanno portato allo sviluppo di un infarto.

Nelle gravi condizioni del paziente, quando ha rivelato complicanze come l'aritmia o l'insufficienza cardiaca, la prima riabilitazione dovrebbe essere eseguita in un istituto medico specializzato, con ulteriore trasferimento al recupero domiciliare del corpo e il rispetto del processo sorella nel caso in cui di infarto miocardico.

Primi consigli

Gli esercizi di fisioterapia sono il passo più importante per ripristinare l'attività fisica di una persona che ha avuto un infarto. L'inizio della terapia fisica è prescritto dal medico in base al grado di danno miocardico e alle condizioni del paziente.

Con una patologia moderata, la ginnastica viene iniziata già per 2-3 giorni, con una patologia grave di solito ci vuole aspettare una settimana. I principi di base per ripristinare l'attività fisica del paziente sono ridotti ai seguenti passaggi:

  • i primi giorni richiedono un rigoroso riposo a letto;
  • per 4-5 giorni al paziente è consentito assumere una posizione seduta con le gambe pendenti dal letto;
  • il 7 ° giorno, in una situazione favorevole, il paziente può iniziare ad avvicinarsi al letto;
  • tra 2 settimane sarà possibile fare brevi passeggiate nel reparto;
  • da 3 settimane dopo l'attacco di solito è consentito uscire nel corridoio, nonché scendere le scale sotto la supervisione di un istruttore.

Dopo aver aumentato il carico, il medico deve misurare la pressione e il polso del paziente. Se gli indicatori differiscono dalla norma, il carico dovrà essere ridotto. Se il recupero è favorevole, il paziente può essere inviato a un centro di riabilitazione cardiologica (sanatorio), dove continuerà il suo recupero sotto la supervisione di professionisti.

Condizioni di fornitura

Nel processo di riabilitazione, viene data grande importanza alla corretta alimentazione del paziente. Le diete possono essere diverse, ma hanno tutti principi comuni:

  • riduzione delle calorie alimentari;
  • restrizione di cibi grassi, farinosi e dolci;
  • rifiuto di piatti piccanti e speziati;
  • assunzione minima di sale - non più di 5 g al giorno;
  • la quantità di liquido consumato dovrebbe essere di circa 1,5 litri al giorno;
  • il cibo dovrebbe essere frequente, ma in piccole porzioni.

Quale dovrebbe essere la nutrizione dopo un infarto? Nella dieta, è necessario includere alimenti contenenti fibre, vitamine C e P, acidi grassi polinsaturi, potassio. Sono ammessi i seguenti alimenti:

  • carne povera di grassi;
  • frutta e verdura, esclusi spinaci, funghi, legumi, acetosa, ravanello;
  • oli vegetali;
  • zuppe di verdure;
  • frutta e succhi in umido senza zucchero, tè leggermente preparato;
  • crusca e pane di segale, cereali;
  • pesce magro;
  • latticini senza grassi;
  • frittata.

Sarà necessario rifiutare:

  • carne grassa;
  • caffè naturale;
  • pane fresco, qualsiasi muffin;
  • uova fritte o sode;
  • marinate, sottaceti, conserve;
  • torte, cioccolato, pasticcini e altri dolci.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic