Cardiomiopatia, cos'è, sintomi e trattamento negli adulti e nei bambini

La cardiomiopatia può essere:

  1. primario - quando la causa è sconosciuta o impossibile da influenzare (ad esempio, un difetto genetico);
  2. secondario quando la causa può essere trovata.

La cardiomiopatia primaria ha una sua classificazione, dove ogni sottospecie differisce per la sua ragione, i sintomi principali e gli approcci terapeutici. Quindi succede:

  • dilatativa;
  • ipertrofica;
  • restrittivo;
  • aritmogeno ventricolare destro.

La classificazione della patologia secondaria si basa sulla causa della malattia. Quindi, la cardiomiopatia accade:

  • disormonale (compresi tireotossici, diabetici e menopausali);
  • dismetabolica;
  • ischemico;
  • tossico (incluso alcool);
  • Takotsubo
  • alimentare.

Le cardiomiopatie sono un folto gruppo di malattie del miocardio, implicando tali cambiamenti nel muscolo cardiaco che portano inevitabilmente a:

  • ingrossamento del cuore
  • insufficienza cardiaca
  • distrofia miocardica.

Le cause di questa patologia sono moltissime, infatti, così come le forme di cardiomiopatie. Considera le principali opzioni e la classificazione delle cardiomiopatie, oltre a toccare le cause di questa o quella forma della malattia.

  1. Cardiomiopatia dilatativa. Questa è una malattia del miocardio in cui vi è espansione, distensione e un aumento delle dimensioni delle camere cardiache. La malattia si sviluppa a causa di disturbi genetici, attacchi di agenti virali, patologia immunitaria e la causa di molti casi della malattia rimane poco chiara.

La classificazione della malattia è molto impressionante ed estesa, ha già indicato le principali cause dello sviluppo della malattia, perché la malattia non si verifica da zero. È sempre preceduta da disturbi genetici e intracellulari. Ma anche nel nostro secolo di medicina moderna, i medici non sono sempre in grado di determinare con precisione la causa della cardiomiopatia. Nella classificazione per tali casi, viene fornita un'intestazione chiamata "cardiomiopatia non classificata".

Quali sono i principali sintomi della cardiomiopatia? Come puoi sospettare una malattia? Tutte le forme della malattia hanno sintomi simili, come:

  • heartache,
  • Disturbi del ritmo cardiaco
  • Gonfiore delle gambe
  • dispnea,
  • Debolezza, affaticamento.

Ogni forma di cardiomiopatia ha le sue caratteristiche peculiari.

Per capire l'essenza di questa malattia, dovresti iniziare analizzando il termine stesso:

  • "Cardio" (cardio) in greco significa cuore.
  • "Mio" è tutto ciò che è associato allo strato muscolare.
  • "Patia" (pathos) - sofferenza.

Pertanto, l'analisi del termine indicato praticamente non chiarisce il quadro generale. Qualsiasi malattia cardiaca provoca sensazioni dolorose nel paziente.

  1. Cardiomiopatia idiopatica o primaria. Ciò che causa esattamente la patologia cardiaca non è ancora noto in questo caso.
  2. Secondario. Le presunte cause dello sviluppo di questa cardiomiopatia sono:
    • Predisposizione ereditaria Una persona può ereditare un'anomalia genetica che causa errori nella struttura e nelle funzioni delle fibre muscolari. È impossibile prevedere l'esito della malattia con cardiomiopatia ereditaria.
    • I virus. Gli agenti patogeni dell'influenza, dell'herpes, ecc. Sono inclusi in questo gruppo.
    • La presenza di una storia di informazioni sulla miocardite precedente.
    • Fallimenti nel funzionamento del sistema endocrino. Ciò riguarda gli effetti dannosi delle catecolamine e dell'ormone somatropico sulle strutture anatomiche del muscolo cardiaco.
    • L'incapacità delle difese del corpo di svolgere pienamente il proprio lavoro.
    • Un effetto dannoso sul muscolo cardiaco di una varietà di tossine e allergeni. Gli irritanti possono includere metalli pesanti, alcune forniture mediche, alcool e droghe.

In casi estremamente rari, la malattia in questione viene diagnosticata negli ultimi mesi di gravidanza o nella prima metà del periodo postpartum.

Gli specialisti nel campo della medicina distinguono diversi tipi di cardiomiopatia:

  • ipertrofica;
  • dilatativa;
  • restrittivo;
  • aritmogena.

Ciascuna delle forme elencate è caratterizzata da un effetto caratteristico in relazione al cuore, ma lo schema del loro trattamento è lo stesso. L'obiettivo principale della terapia è quello di eliminare le cause che hanno causato la miocardiopatia e di far fronte all'insufficienza cardiaca.

La forma ipertrofica è caratterizzata da un ispessimento della parete del ventricolo destro o sinistro. La dilatazione è accompagnata da un aumento delle camere cardiache e disfunzione sistolica. In questo caso, lo spessore della parete rimane invariato.

Un tipo restrittivo di malattia viene diagnosticato raramente. In presenza di questa condizione, si nota una struttura rigida delle pareti del cuore. Inoltre, la sua capacità di raggiungere una fase di rilassamento è ridotta. Ciò comporta un deterioramento del flusso sanguigno, sullo sfondo del quale il ventricolo sinistro è privo di ossigeno. Il lavoro di tutto l'organismo ne soffre, poiché la circolazione sanguigna è disturbata.

2 sintomi della cardiomiopatia dilatativa

Va notato che i pazienti con questa diagnosi nel 90% dei casi sono uomini di età compresa tra 40 e 45 anni. L'inizio della malattia è sottile. I pazienti notano mancanza di respiro, ma lo attribuiscono a una maggiore attività fisica, una conseguenza del duro lavoro. Ma dopo diversi mesi / anni, la mancanza di respiro progredisce ed è già più preoccupata. All'esame medico, viene rilevata una radiografia dell'OGK, un aumento del cuore: cardiomegalia.

Cardiopatia del cuore: sintomi, diagnosi e trattamento

Poiché ogni tipo di malattia ha il suo meccanismo di sviluppo e progressione, i sintomi della cardiomiopatia differiranno.

Se una persona ha una forma ostruttiva di questa malattia (cioè, il diametro del foro da cui proviene l'aorta è ridotto), si sviluppano segni di insufficiente afflusso di sangue al cervello:

  • attacchi di vertigini;
  • svenimento;
  • mancanza di respiro
    fatica;
  • debolezza;
  • mal di cuore.

Se si verifica una forma ostruttiva, la cardiomiopatia può persistere asintomaticamente per lungo tempo. Quindi può svilupparsi e progredire abbastanza rapidamente:

  • mancanza di respiro, che inizialmente accompagna solo l'attività fisica, ma poi appare a riposo;
  • fatica;
  • edema: inizialmente solo sulle gambe, quindi più in alto;
  • pesantezza nell'ipocondrio destro;
  • palpitazioni.

La violazione del ritmo con questa patologia non è sempre percepita soggettivamente, ma sono pericolose. Tra gli atleti di sesso maschile, ci sono momenti in cui la fibrillazione si è sviluppata improvvisamente e ha causato la morte improvvisa.

La cardiopatia è un gruppo di malattie non infiammatorie del muscolo cardiaco causate dal metabolismo cellulare. Questa patologia del cuore si riscontra sia negli adulti che nei bambini.

Ciò è dovuto alla contrazione ritmica (che spinge il sangue nei vasi) dei cardiomiociti, le cellule del muscolo cardiaco responsabili dei processi metabolici. Il funzionamento alterato del muscolo cardiaco porta a una patologia chiamata cardiopatia, che porta a molte complicazioni e, nel caso di uno stadio avanzato, alla morte.

Poiché la cardiopatia è una designazione collettiva di lesioni miocardiche, ogni tipo di malattia ha le sue cause. Consideriamoli in modo più dettagliato.

La cardiopatia si sviluppa sotto l'influenza di fattori che causano disturbi metabolici nei cardiomiociti.

Le principali cause della malattia del muscolo cardiaco sono:

  1. Fattori ereditari. Le cellule muscolari cardiache sono costituite da proteine ​​attivamente coinvolte nella funzione miocardica. La patologia congenita di una proteina porta a disturbi nell'attività di tutto il muscolo cardiaco. La causa della violazione è difficile da identificare. La cardiopatia si sviluppa in modo indipendente, cioè è la lesione primaria.
  2. I virus. I virus presenti nel corpo interrompono l'attività della catena del DNA e causano lo sviluppo della patologia delle cellule muscolari del cuore.
  3. Anomalie autoimmuni. Vari processi patologici innescano meccanismi autoimmuni che sono difficili da fermare. La patologia si sta rapidamente sviluppando e sta seguendo un corso sfavorevole.
  4. Fibrosi primaria del cuore. La fibrosi (cardiosclerosi) è il processo di sostituzione del tessuto muscolare con tessuto connettivo. I cardiomiociti perdono elasticità e capacità di contrarsi.

Le cause della cardiopatia sono poco conosciute e hanno un'eziologia poco chiara, quindi, molto spesso la malattia viene diagnosticata da sintomi pronunciati, senza scoprire la vera causa della patologia. Ipertensione, ischemia, malattie endocrine, avvelenamento, malattie neuromuscolari possono provocare cardiomiopatia.

La cardiopatia, i cui sintomi sono lievi e non disturbano il paziente, possono verificarsi a qualsiasi età. La diagnosi di cardiopatia è complicata dal fatto che i sintomi che lo accompagnano sono comuni, possono essere facilmente confusi con altre malattie causate da insufficienza cardiaca e caratteristiche di altre cardiopatologie.

Nei pazienti con cardiopatia, i sintomi vengono diagnosticati allo stesso modo, includono:

  1. La mancanza di respiro è un'insufficienza respiratoria derivante dal ristagno di sangue. È accompagnato da attacchi di asma, manifestati sullo sfondo di situazioni stressanti, carico eccessivo.
  2. Tosse. Le ragioni sono le stesse della mancanza di respiro. Con una complicazione accompagnata da edema polmonare, compaiono respiro sibilante e espettorato, che indica un accumulo di liquido nei polmoni.
  3. Cardiopalmo Un aumento del volume del cuore porta a un disturbo del ritmo delle contrazioni cardiache, che aumentano la frequenza cardiaca.
  4. Pelle pallida e acrocinosi. La mancata ricezione di abbastanza sangue ai tessuti si manifesta con il pallore della pelle e l'azzurro delle punte delle dita e del naso.
  5. Gonfiore degli arti inferiori. Il sangue ristagna, la sua produzione provoca edema.
  6. Dolore sternale causato dall'ipossia del muscolo cardiaco.
  7. Fegato e milza ingranditi. L'accumulo di sangue nella vena porta porta ad un aumento degli organi.
  8. Vertigini e svenimenti derivano da una mancanza di ossigeno nei tessuti del cervello.
  9. L'eccessiva stanchezza è associata a insufficiente apporto di ossigeno ai muscoli.

Ulteriori studi strumentali aiuteranno a diagnosticare con precisione la malattia: elettrocardiografia (ECG), ecocardiografia (EchoCG), radiografia.

Secondo i risultati di una visita medica, un cardiologo determinerà il tipo di cardiomiopatia e prescriverà un trattamento.

Gli specialisti classificano le forme cardiomiopatiche in base alla gravità del loro quadro clinico. Esistono diversi tipi di cardiopatia.

Dyshormonal. Si manifesta a causa della mancanza di ormoni sessuali, ha un carattere non infiammatorio. Più probabilità di essere donne in menopausa.

Cardiopatia tossica infettiva (alcolica). Le tossine colpiscono il tessuto muscolare, di conseguenza, la patologia si sviluppa, distrugge e colpisce le cellule cardiache.

Cardiopatia dismetabolica. È causato da disturbi metabolici, spesso si sviluppa sullo sfondo del diabete mellito e della disfunzione tiroidea. Non associato a infiammazione

Displastica. Patologia intrauterina congenita. Come risultato dell'espansione patologica delle valvole cardiache, si sviluppano malformazioni, che causano coaguli di sangue. Può provocare morte improvvisa.

Funzionale. Dipende dall'attività funzionale del sistema autonomo che regola l'attività vitale di tutti i sistemi e gli organi di una persona. Appare più spesso durante la pubertà.

La cardiopatia postipossica o metabolica si verifica sullo sfondo dell'ischemia. La mancanza di ossigeno porta a cambiamenti irreversibili nel metabolismo.

L'ischemico è associato a postipossico, accompagnato da un restringimento del lume delle arterie coronarie.

Tonsillogenous è il risultato dell'infiammazione autoimmune. L'immunodeficienza turba il metabolismo.

Esiste anche una cardiopatia primaria e secondaria. La forma primaria è un disordine metabolico patologico congenito, diagnosticato nei neonati. La cardiopatia secondaria si sviluppa negli adulti a causa dell'eziologia.

La cardiopatia funzionale nei bambini è una piccola anomalia nello sviluppo del cuore. Le fonti della maggior parte dei disturbi psicologici e fisiologici sono nascoste nella prima infanzia. Accumulando ricordi felici di questo periodo, le persone acquisiscono contemporaneamente varie patologie.

Spesso si presentano sotto l'influenza di determinati fattori in giovane età e nell'adolescenza sotto la pressione della disarmonia del background ormonale. La malattia può essere congenita o acquisita.

Entrambe le varietà influenzano ugualmente negativamente lo sviluppo del muscolo cardiaco, portando ai seguenti disturbi:

  • struttura sproporzionata del ventricolo;
  • la formazione di accordi aggiuntivi;
  • sviluppo di difetti valvolari, incluso prolasso della valvola mitrale;
  • ispessimento del setto interventricolare, ecc.

Esistono 3 gruppi di fonti di cardiopatia nei bambini e negli adolescenti:

  • disturbi miocardici che si sono verificati durante il periodo nell'utero;
  • conseguenze di altre patologie;
  • disturbi funzionali dello sviluppo miocardico.
  • Una forma congenita di patologia può manifestarsi dai primi giorni di vita, ma molto spesso questi segni si verificano durante il periodo dell'età della scuola primaria.
  • Per questo motivo, la cardiopatia è difficile da diagnosticare nei bambini che non possono spiegare chiaramente i loro sentimenti.
  • Durante questo periodo, è difficile sentire i tipici soffi cardiaci, e quindi il compito dei genitori è di monitorare il bambino durante i giochi fisicamente attivi al fine di identificare tempestivamente i sintomi della malattia.
  • Nell'adolescenza, la cardiopatia si manifesta in sintomi di maggiore affaticamento, sotto forma di aumento della frequenza cardiaca e insorgenza di straordinarie contrazioni del miocardio (extrasistoli).
  • Se un bambino rileva disturbi del miocardio, il compito dello specialista è di spiegare ai genitori il quadro completo della malattia.
  • In questo caso, il bambino ha una piccola anomalia nello sviluppo del cuore, che, se i carichi fisici non sono distribuiti correttamente, può portare a un malfunzionamento del ritmo cardiaco.
  • Ignorare questo fatto e incoraggiare ulteriormente i genitori a fare danza, ginnastica o frequentare lezioni di educazione fisica influisce negativamente sul lavoro dell'organo ferito del bambino.
  • Un allenamento eccessivo può scatenare sintomi di insufficienza cardiaca.
  • La cardiopatia funzionale nei bambini si manifesta più spesso negli scolari e negli adolescenti elementari ed è espressa dai seguenti segni caratteristici della disfunzione autonomica:
  • pallore della pelle;
  • disturbi del ritmo cardiaco;
  • mancanza di respiro;
  • aumento della sudorazione;
  • in alcuni casi, svenimento.

La cardiopatia del cuore deve essere rilevata in tempo per iniziare un trattamento tempestivo. Per raccogliere dati preliminari sulle condizioni del paziente, il medico esamina e parla con il paziente.

I seguenti studi contribuiscono ad ottenere informazioni approfondite sulla cardiopatia e sui metodi del suo trattamento:

  • ECG, in base al quale è possibile monitorare i cambiamenti nei ventricoli, i disturbi del ritmo cardiaco.
  • Una radiografia dei polmoni che rivela un fluido in un organo o un cambiamento nelle sue dimensioni. Questi, così come altri disturbi simili, possono indicare fonti tossiche infettive della malattia.
  • La ventricolografia è una tecnica invasiva per esaminare le condizioni di un paziente.
  • RM - uno studio sullo stato del miocardio mediante onde radio.
  • MSCT - un esame a strati del tessuto cardiaco, uno studio di laboratorio del suo tegumento.

Il medico può alleviare le condizioni del paziente con compresse di valeriana, prescrivere l'uso di beta-bloccanti in un dosaggio rigorosamente specificato e sottoporsi a una procedura di terapia di interferenza per i bambini di età superiore ai 10 anni.

La terapia della cardiopatia nei pazienti adulti include il loro uso di un complesso di farmaci che influenzano le fonti di patologia: diabete mellito, menopausa, infezione, avvelenamento. Allo stesso tempo, il medico prescrive al paziente l'uso di farmaci che fermano le manifestazioni della malattia.

Tali preparazioni sono:

  • ACE-inibitori;
  • beta-bloccanti;
  • sostanze che impediscono al calcio di entrare nel sangue;
  • rimedi omeopatici;
  • vitamine.

Con lo sviluppo di forme dismetaboliche di cardiopatia, al paziente viene prescritta una terapia con farmaci che normalizzano i processi metabolici nel miocardio. L'osservazione di una forma dilatativa della malattia in un paziente comporta l'uso di antiossidanti, antiossidanti e vitamine.

Dolore nella regione del cuore

3 Sintomi della forma ipertrofica

Un capogiro può verificarsi sia sporadicamente, senza causare particolari disagi, o per lungo tempo, espresso, fino a diversi giorni. Lo svenimento può essere complicato dalla sindrome convulsiva. Il dolore al cuore non ha una clinica specifica speciale, sono simili all'angina pectoris, ma possono anche corrispondere alla cardialgia (hanno una natura lancinante, a breve termine, senza riguardo all'attività fisica). È stato dimostrato che con questa diagnosi il dolore è più caratteristico delle donne. Un sintomo frequente è un battito cardiaco, un ritmo irregolare del battito cardiaco.

I pericoli della cardiomiopatia

Come vediamo, tutti i tipi di questa patologia portano allo sviluppo di insufficienza cardiaca. Molto spesso, ha una natura stagnante cronica, associata a una diminuzione del volume di sangue rilasciato nei vasi, nonché alla carenza di ossigeno degli organi interni.

In alcuni casi, può svilupparsi insufficienza cardiaca acuta:

  1. sistolica - quando il cuore non può contrarsi normalmente ed espellere abbastanza sangue. Questo è caratteristico della forma dilatata di patologia;
  2. diastolico: il ventricolo non è pieno di sangue a sufficienza. Questo è caratteristico del tipo restrittivo di cardiomiopatia.
Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Infarto miocardico

Questo è il nome della condizione quando una porzione più grande o più piccola del miocardio muore a causa di insufficiente afflusso di sangue.

Questa complicazione "pura" è caratteristica della cardiomiopatia ipertrofica, poiché un miocardio così ispessito è difficile da fornire ossigeno sufficiente. Ma una patologia simile può svilupparsi con qualsiasi altra forma della malattia, se combinata con la struttura anormale delle arterie coronarie che alimentano il cuore, la loro aterosclerosi o lo sviluppo dell'ipertensione.

Un infarto dovrebbe essere sospettato se:

  • c'era un dolore acuto e severo dietro lo sterno;
  • dà alla mano sinistra (il mignolo di questa mano), la spalla sinistra, la scapola o la metà sinistra della mascella;
  • il dolore non risponde alla nitroglicerina;
  • potrebbe esserci un singolo vomito che non allevia la condizione;
  • la persona diventa pallida;
  • coperto di sudore freddo;
  • la respirazione accelera.

In questo caso, devi dare 1-2 compresse da masticare di "Aspekarda" ("Aspirina", "Cardio-Magnolia"), adagiarlo, aprire la finestra e chiamare "Ambulanza".

tromboembolia

La stasi del sangue, caratteristica di un cuore con un miocardio interessato, provoca l'attivazione del sistema di coagulazione del sangue. Quindi compaiono coaguli di sangue. Le aritmie, cioè le contrazioni muscolari irregolari, a loro volta, aumentano la probabilità di un "viaggio" di un tale coagulo di sangue dalla cavità del cuore (in questo caso, un coagulo di sangue viene chiamato tromboembolia) con la loro successiva fissazione in un vaso "adatto" di diametro. L'organo o parte di esso, alimentato da questa nave, muore.

Il tromboembolia più pericoloso è:

  • ictus ischemico - a causa di un blocco da un trombo di una delle arterie del cervello;
  • tromboembolia di uno o più rami dell'arteria polmonare, con conseguente deterioramento dell'apporto di sangue a varie parti del polmone;
  • trombosi mesenterica - quando un tromboembolo ostruisce un ramo arterioso più o meno grande che nutre l'intestino, che porta alla morte delle sue varie aree;
  • trombosi delle arterie degli arti, con conseguente cancrena.

Aritmie

La violazione della normale contrazione sequenziale delle cellule del miocardio porta alla carenza di ossigeno nei tessuti. Se la "dispersione" delle cellule del ventricolo inizia a contrarsi e questa condizione non può essere corretta urgentemente, una persona può morire.

Edema polmonare

Quando si sviluppa la congestione nella metà sinistra del cuore, nei vasi che vanno ai polmoni rimane un volume eccessivo di sangue. Nel tempo, questi vasi si espandono e iniziano a passare la parte liquida del sangue attraverso la sua parete - nel tessuto polmonare.

La condizione richiede cure mediche di emergenza ed è manifestata da mancanza di respiro, schiuma rosa dalla bocca, labbra e punte delle dita blu, una sensazione di mancanza d'aria e panico.

4 sintomi di cardiomiopatia restrittiva

Se le sezioni del cuore sinistro sono più colpite, prevalgono i seguenti sintomi: mancanza di respiro, tosse secca, ossessiva, soffio al cuore, possibile separazione delle tosse con striature di sangue con espettorato, le condizioni del paziente migliorano quando è seduto. Non è raro che i pazienti con scompenso della patologia escano nell'edema polmonare, una complicanza mortale dell'insufficienza ventricolare sinistra.

Diagnostica Ultrasuoni

Per tutti i tipi di cardiomiopatia, la diagnosi è un processo piuttosto complicato e può richiedere molto tempo a causa del fatto che il quadro clinico di diverse patologie ha segni simili. Può essere difficile stabilire i cambiamenti patologici primari o secondari nel miocardio. A questo proposito, quando si verifica la diagnosi, il medico tiene conto della totalità dei dati ottenuti a seguito di un esame completo del paziente. Questo è l'unico modo per determinare il tipo di malattia e prescrivere il trattamento appropriato. Che tipo di esame è questo?

  1. I metodi fisici sono le prime cose che iniziano con la diagnosi delle malattie cardiache. Ciò include un esame esterno del paziente, misurazione del polso e della pressione sanguigna su braccia e gambe, palpazione (palpazione (rilevamento di edema e altri cambiamenti nel corpo), percussione (toccando i bordi del cuore, fegato), auscultazione (ascolto respiro sibilante nei polmoni, toni del cuore e rumori)
  2. Elettrocardiografia (ECG): registrazione e valutazione dell'attività elettrica di diverse parti del miocardio. Per tutti i tipi di malattia, si osservano cambiamenti nel ritmo delle contrazioni cardiache di diversa natura, molto spesso si tratta di forme ventricolari di tachicardia e fibrillazione atriale. I segni dell'ipertrofia ventricolare sinistra sono di valore diagnostico e il cuore destro ha meno probabilità di allargarsi.
  3. Monitoraggio giornaliero dell'ECG (esame Holter): consente di chiarire il tipo e il grado di disturbi del ritmo, di rilevare attacchi di aritmia, presenza di segni di ischemia e altri problemi.
  4. L'ecocardiografia (ecografia del cuore) con dopplerografia è il metodo più informativo per la diagnosi di cardiomiopatia, che consente di valutare visivamente le condizioni di tutte le parti del cuore, il volume delle camere, lo spessore delle pareti e delle pareti, il flusso sanguigno , funzione della valvola e coaguli di sangue. Il valore della frazione di eiezione ha un valore diagnostico nell'insufficienza cardiaca; nei pazienti con cardiomiopatia dilatativa, diminuisce al 30-35% (con una norma del 50-55%).
  5. Radiografia: viene utilizzata come ulteriore modo per valutare rapidamente l'anatomia del cuore e dei polmoni. Il metodo consente di determinare le dimensioni, la forma e la posizione del cuore, il grado del suo spostamento nel torace. Inoltre, viene valutato lo stato del tessuto polmonare e il modello vascolare (aumenta in caso di ristagno).

Su base individuale, ai pazienti con sospetta cardiomiopatia possono essere prescritte ulteriori misure diagnostiche, ad esempio test genetici, esami del sangue per biochimica, elettroliti, ormoni, risonanza magnetica o tomografia computerizzata, coronarografia, prelievo di materiale per una biopsia da miocardio ed endocardio.

Il metodo di screening diagnostico più importante è l'ecocardiografia. Il criterio principale per fare una diagnosi è la disfunzione miocardica sistolica, diastolica o mista.

Durante un esame fisico annotato:

  • espansione a percussione dei bordi del cuore in entrambe le direzioni;
  • soffio sistolico all'apice e sotto il processo xifoideo;
  • tachicardia, fibrillazione atriale, extrasistole, ritmo al galoppo;
  • segni di insufficienza ventricolare sinistra - edema periferico, ascite, gonfiore delle vene giugulari, ingrossamento del fegato;
  • segni di ipertensione polmonare - un accento di II tono sopra l'arteria polmonare, rantoli umidi e gorgoglianti nella parte inferiore dei polmoni;

Sull'ecocardiografia, a seconda del tipo di malattia, rilevano:

  • DKMP - dilatazione delle cavità cardiache, diminuzione della contrattilità, ipocinesia della parete posteriore del ventricolo sinistro, diminuzione del PV, MK sotto forma di faringe di pesce.
  • GKMP - ipertrofia LV asimmetrica (spessore 15 mm. E altro), movimento pre-sistolico di MK, gradiente di pressione dinamica nel tratto esterno.
  • RKMP - ispessimento della parete basale posteriore del ventricolo sinistro, limitazione della mobilità della cuspide posteriore dell'MK, ispessimento dell'endocardio, trombosi nella cavità ventricolare.

Per chiarire la diagnosi e la differenziazione con altre malattie effettuare:

  • ECG, monitoraggio ECG XNUMX ore su XNUMX: presenza di disturbi della conduzione, aritmie, extrasistoli;
  • Modello di diffrazione dei raggi X di OGK;
  • Suono della cavità cardiaca, ventricolografia;
  • Biopsia miocardica;
  • Cardioprobe funzionale
  • Esami di laboratorio - analisi clinica di sangue, urina, determinazione di ALT, AST, creatinina, urea, coagulogramma, elettroliti.

La cardiomiopatia, che si manifesta anche senza sintomi pronunciati, può essere sospettata da:

  • Radiografia, che mostrerà un aumento del volume del cuore;
  • i dati dell'esame, durante i quali il cardiologo che ha ascoltato i reclami determina i confini del cuore, ascolta l'aritmia, la smorzamento o la sordità dei suoi toni, alcuni soffi al cuore;
  • un elettrocardiogramma, che rivela segni di aumento di alcune parti del cuore, consente chiaramente di stabilire il tipo di aritmia.

La diagnosi di cardiomiopatia viene effettuata sulla base dei dati di quegli studi strumentali che consentono di visualizzare il cuore. In modo ottimale, questo è "capace" dalla risonanza magnetica, mostrando ogni parte del cuore a strati. Ma questo metodo non è così efficace nel misurare il grado di contrazione di ciascuna camera del cuore e il volume del sangue espulso, come l'ecografia del cuore (Eco-ecocardioscopia).

Diagnosi di laboratorio: la presenza di anticorpi contro i virus, un aumento del livello degli enzimi cardiaci, che indicano un danno alla struttura delle cellule cardiache, aiuta a determinare la causa della malattia.

  1. La diagnosi di cardiomiopatia dilatativa viene fatta quando la cavità del ventricolo sinistro nella diastole si espande a 6 o più centimetri di diametro. Il miocardio è ampiamente interessato, non c'è ipertrofia, le valvole cardiache non sono danneggiate. In questo caso, la frazione di eiezione (sulla conclusione dell'ecografia è scritta “PV”) è ridotta al 45% o meno.
    Sull'ECG: extrasistole, vari tipi di blocchi, tachicardia parossistica, fibrillazione atriale.
    Misurazione della pressione sanguigna: una tendenza a diminuirla.
    Sulla radiografia del torace - l'espansione dei bordi del cuore.
  1. La cardiomiopatia ipertrofica è quando
    EchoCS nota un aumento dello spessore delle pareti del cuore a 1,5 cm o più, mentre il volume della camera è normale o inferiore. La forma ostruttiva implica un aumento dello spessore del setto interventricolare fino a 2,5-4 cm, un deterioramento della sua mobilità, prolasso della cuspide della valvola mitrale nella sistole.
    Sull'ECG compaiono i segni di un allargamento del ventricolo sinistro.
    Una radiografia potrebbe non mostrare nulla per molto tempo, poiché il cuore si espande verso il "fuori" e lo spessore della sua parete cresce.
  1. Cardiomiopatia retreativa.
    Sull'ecocardiografia: una diminuzione della cavità del ventricolo (principalmente a sinistra), un volume ridotto di riempimento della cavità cardiaca con sangue, una diminuzione della frazione di eiezione, insufficienza delle valvole mitrale o tricuspide.
    L'ECG mostra aritmie ventricolari, fibrillazione atriale, possono esserci segni di ischemia.
    I raggi X mostrano segni di ristagno nei polmoni, mentre il cuore può essere normale o ingrossato.
  1. Cardiomiopatia ventricolare destra aritmogena.
    Sull'eco: moderata espansione del ventricolo destro, ridotta mobilità delle pareti del cuore.
    Qui, la risonanza magnetica è indicativa, che rivela l'assottigliamento locale della parete del cuore, il suo aneurisma - sporgenza, che rimangono invariati nella sistole e nella diastole (più sull'aneurisma del cuore).
    Un elettrocardiogramma mostra il tipo di aritmia: blocco, extrasistole ventricolare, tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare o atriale.
    I raggi X non sono indicativi.

In presenza di cardiomiopatia, il medico può sospettare di esaminare il paziente. Di norma, l'ascolto del cuore consente di rilevare rumori e toni estranei. Per chiarire la diagnosi, al paziente possono essere assegnati studi come radiografia, ECG, ultrasuoni, monitoraggio con il metodo di Holter, risonanza magnetica. Usando questi metodi diagnostici, è possibile rilevare cambiamenti nei dipartimenti del cuore, valutare la contrattilità del miocardio e rilevare ispessimento delle pareti.

La cardiopatia del cuore viene trattata con successo con accesso tempestivo a un aiuto qualificato, conducendo regolari esami del muscolo cardiaco riduce significativamente il rischio di cardiopatia che scorre in uno stadio grave.

Trattamento

La dieta per la cardiomiopatia è raccomandata come segue:

  • pesce e carne magri, al forno, bolliti o al vapore;
  • uova sode (non più di 1 al giorno);
  • latticini a basso contenuto di grassi;
  • pane senza sale e crackers da esso;
  • tè verde o bianco debole;
  • miele;
  • frutti e bacche;
  • olio vegetale;
  • verdure bollite o al forno.

I farmaci per la cardiomiopatia si basano sulla sua forma.

La strategia di trattamento per questa patologia è la seguente:

  1. Ridurre il grado di insufficienza cardiaca e, se possibile, a zero gradi. Per questo, vengono utilizzati farmaci del gruppo "inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina": Enalapril, Lisinopril o altri. In primo luogo, questi farmaci contribuiscono alla conservazione delle forme originali da parte del muscolo cardiaco (cioè, impediscono un'ulteriore espansione e allungamento del miocardio) e, in secondo luogo, riducono l'aumento della pressione compensatoria.
  2. Ridurre la domanda di ossigeno del miocardio con i beta-bloccanti: metoprololo, nebivololo, carvedilolo e altri. La terapia inizia con dosi minime di questi medicinali.
  3. Farmaci diuretici - per ridurre la quantità di acqua nei vasi, il che rappresenta un ulteriore onere per il cuore.
  4. Diluenti del sangue: cardio-magnesio, Aspecard.

Qui è necessario migliorare la contrattilità miocardica e allo stesso tempo ridurre la domanda di ossigeno. Per fare ciò, applicare:

  1. beta-bloccanti;
  2. farmaci antiaritmici, ad esempio disopiramidi o verapamil;
  3. fluidificanti del sangue (cardio-magnesio, aspecard).

Viene anche mostrata l'impostazione di un pacemaker per il controllo del ritmo continuo a due camere. E nei casi più gravi, è possibile eseguire una resezione della porzione ipertrofica del setto interventricolare.

Questo tipo di malattia, se di natura primaria, è la più difficile da trattare. Qui vengono utilizzati solo agenti sintomatici. In precedenza, veniva utilizzato il trapianto di cuore, ma aveva solo un effetto temporaneo, poiché la stessa patologia appariva di nuovo nel cuore trapiantato.

Se la cardiomiopatia restrittiva si è sviluppata a causa di emocromatosi, sarcoidosi o altre patologie, nel trattamento di una malattia causativa (ad esempio, sarcoidosi con corticosteroidi e emocromatosi con salasso) è stata osservata una diminuzione del grado di insufficienza cardiaca.

Le misure per il trattamento della cardiomiopatia nei bambini e negli adulti mirano principalmente a migliorare le condizioni cliniche generali, ridurre le manifestazioni di insufficienza cardiaca, aumentare la resistenza allo stress fisico e migliorare la qualità della vita.

Il protocollo di gestione per i pazienti con DCMP divide i metodi di trattamento in obbligatori e aggiuntivi.

  1. Trattamento etiotropico per ILC secondario:
    1. eliminazione chirurgica della causa (ischemica, CMP endocrina);
    2. terapia eziologica di ILC infiammatorio.
  2. Prescrizione di farmaci per la correzione dell'insufficienza cardiaca sistolica:
    1. ACE-inibitori per lungo tempo;
    2. beta-bloccanti;
    3. diuretici;
    4. glicosidi cardiaci;
    5. antagonisti dell'aldosterone.

Aggiuntivo (se disponibile):

  1. Amiodarone con extrasistoli ventricolari;
  2. Dopamina, dobutamina;
  3. nitrati;
  4. Gli anticoagulanti;
  5. Impianto di un defibrillatore cardioverter;
  6. Trapianto di cuore.

Ai pazienti con HCMP sono prescritti:

  1. Di base:
    1. Beta-bloccanti;
    2. Calcio-antagonisti;
    3. Farmaci antiaritmici;
  2. Addebiti aggiuntivi:
    1. ACE-inibitori;
    2. Miomectomia operativa;
    3. impianto di un pacemaker o defibrillatore cardioverter.

Per il trattamento di RKMP, vengono utilizzati glucocorticosteroidi (prednisone), citostatici e immunosoppressori. In caso di fibrosi grave, viene eseguita un'endocardectomia con sostituzione della valvola.

Il trattamento della CMP ventricolare destra aritmogena è finalizzato all'eliminazione e alla prevenzione delle aritmie. Usa cordarone, beta-bloccanti. In caso di inefficienza - impianto di un defibrillatore cardioverter automatico, distruzione della radiofrequenza della zona aritmogenica, installazione di un pacemaker artificiale. Nei casi più gravi, viene eseguita una ventriculotomia.

Criteri di trattamento della qualità:

  1. Diminuzione della gravità dei sintomi di insufficienza cardiaca;
  2. Un aumento del PV ventricolare sinistro;
  3. Eliminazione dei segni di ritenzione di liquidi nel corpo;
  4. Migliorare la qualità della vita;
  5. Estensione degli intervalli tra i ricoveri.

La cardiomiopatia è trattata con farmaci con diversi effetti mirati. Questi includono:

  • beta-bloccanti ("Atenololo", "Bisoprololo");
  • anticoagulanti: significa che normalizzare il ritmo cardiaco;
  • bloccanti dei canali del calcio;
  • diuretici;
  • corticosteroidi.

La scelta delle tattiche di trattamento ottimali dipende dalle caratteristiche individuali del paziente, dalle malattie concomitanti e dalle reazioni di pressione.

Quando il corso di trattamento con medicinali non dà l'effetto previsto, è necessario un intervento chirurgico. Se la cardiomiopatia è combinata con una violazione del ritmo cardiaco, al paziente viene mostrata l'impianto di un pacemaker. Con esso, i battiti cardiaci si verificheranno alla frequenza richiesta.

Quando esiste il rischio di morte rapida, viene impiantato un defibrillatore. Un dispositivo di questo tipo è in grado di coordinare il lavoro del muscolo cardiaco durante la fibrillazione ventricolare.

Una grave forma di patologia che non può essere trattata con metodi chirurgici può essere eliminata solo attraverso il trapianto di cuore.

Una prognosi favorevole può essere tranquillamente detta in presenza di cardiomiopatia ipertrofica. Una persona continua a vivere pienamente, a condizione che vengano utilizzati farmaci di supporto prescritti dal protocollo.

La situazione è peggiore con la prognosi di una forma restrittiva o dilatativa della malattia. Dopo la loro scoperta, al paziente viene assegnata una disabilità. Secondo le statistiche, nel 70% dei casi, i pazienti muoiono entro 5 anni. In genere, tali pazienti richiedono un trapianto di cuore.

La prognosi dipende in gran parte dall'efficacia del trattamento e dal fatto che il paziente segua le raccomandazioni di un cardiologo. Come misura preventiva, dovresti aderire a una corretta alimentazione e uno stile di vita sano.

La cardiopatia è una malattia pericolosa che si manifesta sia negli adulti che nei bambini. Viene acquisito e le cause dell'apparenza non possono ancora essere nominate con precisione. Nel 70% dei casi, la malattia porta a una significativa riduzione della capacità lavorativa e, in assenza di un trattamento tempestivo, può essere fatale.

Specificità della patologia

Che cos'è la cardiopatia? Al centro dell'insorgenza della malattia ci sono disturbi nel sistema del metabolismo dei cardiomiociti, che porta ad un aumento delle dimensioni del cuore e ad un deterioramento della sua contrattilità.

La patologia è caratterizzata da cambiamenti distrofici e sclerotici nel tessuto miocardico.

In questo caso, il tessuto connettivo inizia a sostituire il cuore, a seguito del quale il miocardio diventa più sottile e si formano cicatrici.

Negli adulti, la malattia nella maggior parte dei casi viene acquisita per tutta la vita e nei bambini è congenita e può manifestarsi fin dalla tenera età. Il pericolo è che in una fase iniziale di sviluppo, la malattia possa essere asintomatica o con disturbi standard che sono attribuiti al superlavoro:

  • dispnea;
  • fatica;
  • sudorazione;
  • disturbo del ritmo cardiaco.

Di conseguenza, la malattia progredisce rapidamente e vi è un alto rischio di sviluppare tromboembolia e insufficienza cardiaca maligna. Pertanto, è importante consultare immediatamente uno specialista se si notano i sintomi.

La cardiomiopatia del cuore è un concetto che unisce un gruppo di malattie che compaiono per una ragione sconosciuta e si sviluppano individualmente in ciascun paziente. La malattia non è associata alla formazione di un tumore o a un processo infiammatorio nel miocardio.

Tra i principali fattori per la comparsa della malattia, ci sono:

  • Eredità. La patologia congenita dello sviluppo di una delle proteine ​​coinvolte nel lavoro del miocardio porta alla perdita di funzionalità dell'intero muscolo cardiaco. In questo caso, la causa della malattia è difficile da stabilire, la malattia è congenita.
  • L'effetto di una tossina o virus. Batteri e funghi, entrando nel corpo, interrompono la catena del DNA, cambiano la loro struttura e causano lo sviluppo della malattia del muscolo cardiaco. Non si osservano patologie delle arterie coronarie e della valvola cardiaca.
  • Anomalie autoimmuni. Quando un virus viene infettato, il corpo inizia a produrre anticorpi, che possono portare alla distruzione delle proprie cellule. Se l'attacco si verifica sulle cellule del muscolo cardiaco, è impossibile curare la malattia.
  • Fibrosi idiopatica A causa dello sviluppo della cardiosclerosi, le cellule vengono sostituite dal tessuto connettivo. A causa dell'elasticità, perdono la loro funzionalità e smettono di contrarsi.

Oltre ai suddetti fattori, esistono diverse malattie contro le quali può comparire la cardiomiopatia:

  • Disfunsione dell'arteria coronaria. A causa dell'ostruzione dei depositi di colesterolo, si verifica il restringimento delle arterie coronarie, la circolazione sanguigna è disturbata. Il muscolo cardiaco smette di ricevere abbastanza aria, le cellule iniziano a morire e il loro posto viene preso dal tessuto connettivo.
  • Malattie infettive. Durante lo sviluppo del processo infiammatorio, inizia a verificarsi la miocardite, causando la morte cellulare.
  • Ipertensione arteriosa. L'aumento della pressione arteriosa esercita un onere aggiuntivo sulla funzione di distrazione del cuore, che porta a una perdita di elasticità delle pareti dei vasi.
  • Interruzione delle ghiandole endocrine. Con uno squilibrio degli ormoni nel corpo, si verifica un malfunzionamento, la frequenza cardiaca aumenta e la pressione sanguigna aumenta, a seguito della quale diminuisce la funzionalità miocardica.
  • Intossicazione. I vari componenti che compongono i farmaci possono influenzare il miocardio e modificarne la struttura. Ciò vale anche per l'avvelenamento da alcol o metalli pesanti.

A causa della mancanza di conoscenza della malattia, i medici possono solo far fronte ai sintomi della cardiomiopatia. L'eliminazione dei fattori che lo hanno causato non è possibile.

Tipi di cardiomiopatia

Quando stabilisce una diagnosi, un cardiologo, prestando attenzione ai sintomi e alle cause, determina il tipo di malattia per il trattamento più efficace.

La cardiopatia può essere primaria e secondaria. Nel primo caso, è congenito o appare a causa di cause sconosciute (idiopatiche). La malattia è caratterizzata da una vasta gamma di disturbi e da un gran numero di cambiamenti nella struttura del muscolo cardiaco.

Quello secondario si verifica dopo le complicazioni passate di malattie associate a disturbi metabolici (ad esempio diabete mellito). La prognosi in questo caso dipende dal fatto che i risultati della terapia della malattia di base siano positivi.

Tipi di cardiomiopatia e cause della malattia - chi è a rischio?

La cardiomiopatia adulta comprende qualsiasi malattia che si manifesti con danno miocardico. Pertanto, ci sono molte ragioni per lo sviluppo. Se la funzione cardiaca anormale è causata da un'altra malattia diagnosticata, allora parlano di cardiomiopatia secondaria (non specifica). A volte la causa principale della patologia rimane sconosciuta. In questo caso, si nota la forma primaria della malattia.

Le principali cause della malattia includono:

  • Infezione virale. A seguito di numerosi studi, gli esperti hanno scoperto che le infezioni virali sono la causa del verificarsi di cardiomiopatia. Questo fatto è stato confermato dalla presenza di anticorpi appropriati nei pazienti. La struttura dei cardiomiociti può essere interrotta dall'influenza del virus Coxsackie, del citomegalovirus e dell'epatite C. Non è esclusa la probabilità di danno miocardico da parte di un processo autoimmune. In questa condizione, gli anticorpi prodotti dall'organismo combattono le proprie cellule.
  • Fattore ereditario. Alcune disfunzioni genetiche possono provocare lo sviluppo di cardiomiopatia. Nei cardiomiociti c'è un'enorme quantità di proteine ​​che svolgono un ruolo importante nel processo contrattile. L'anomalia congenita di uno di essi comporta un'interruzione del muscolo cardiaco.
  • Fibrosi miocardica di origine sconosciuta. In questo caso, al posto delle cellule muscolari, cresce il tessuto connettivo. Questo processo è anche chiamato cardiosclerosi. Nel tempo, l'elasticità delle pareti del cuore diminuisce, causando una contrazione muscolare anormale. Ciò porta alla completa disfunzione dell'organo principale responsabile della circolazione sanguigna nel corpo umano.
  • Disturbi autoimmuni Il lancio di questo meccanismo può essere causato non solo dalla presenza di virus nel corpo, ma anche da varie condizioni patologiche. Inoltre, fermare il danno cardiaco provocato da un disturbo autoimmune è molto problematico. In questo caso, la cardiopatia continua a progredire, quindi è difficile parlare di una prognosi favorevole.

I suoi primi segni si possono notare anche all'età di 30 anni. Presumibilmente, infezioni, danni tossici, squilibrio ormonale, disturbi metabolici possono provocare lo sviluppo di questa malattia. Nel 15% dei casi, la cardiomiopatia dilatativa è ereditaria. È accompagnato da una tale clinica:

  • dispnea;
  • attacchi d'asma
  • edema polmonare;
  • cianosi;
  • fegato ingrossato;
  • mal di cuore;
  • cardiopalmus.

In questo caso, il paziente può deformare il torace. Per valutare le condizioni del paziente, viene prescritto un esame sotto forma di elettrocardiografia e radiografia.

Complicanze delle cardiomiopatie

Esistono sei complicanze potenzialmente letali che la cardiomiopatia può comportare.

  • Insufficienza cardiaca Può essere sistolica e diastolica. Nel primo caso, stiamo parlando dell'impossibilità del cuore di contrarsi normalmente, e nel secondo ventricolo, riceve meno sangue arricchito con ossigeno.
  • Infarto miocardico Questa condizione si verifica sullo sfondo della morte di una parte del miocardio, provocata da insufficiente afflusso di sangue.
  • Tromboembolia. I coaguli di sangue compaiono a causa del ristagno di sangue causato da danno miocardico.
  • Aritmie. Quando la sequenza della contrazione del miocardio viene interrotta, i tessuti soffrono di carenza di ossigeno. L'aritmia si verifica a causa di un malfunzionamento del sistema conduttivo, che provoca il battito cardiaco irregolare, lento o irregolare.
  • Edema polmonare Se la parte sinistra del cuore soffre di congestione, nei vasi sanguigni rimane un eccesso di sangue che porta ai polmoni. A poco a poco, i vasi sanguigni si allargano e il plasma sanguigno penetra nel tessuto polmonare.
  • Morte cardiaca istantanea.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic