Ruolo e funzione dei macrofagi dei monociti nella norma nell'analisi delle cause dei cambiamenti

La situazione in cui i monociti sono elevati nel sangue è abbastanza comune. Sono un importante livello di protezione del corpo dagli agenti stranieri. Il loro aumento può indicare il verificarsi di un processo patologico di natura molto diversa.

Per trattare un aumento dei monociti nel sangue dovrebbe essere attraverso il trattamento della malattia di base, che ha causato lo sviluppo di tale deviazione.

Queste cellule sono gli elementi a forma più grande nei vasi; appartengono alla frazione dei leucociti, un sottogruppo di agranulociti. L'attività principale dei monociti non viene svolta nel letto vascolare, ma nei tessuti. Dove migrano pochi giorni dopo aver lasciato il loro posto di formazione del midollo osseo.

Nei tessuti, i monociti degenerano in macrofagi. Ma fino a questo punto, sono in grado di svolgere parte delle loro funzioni. Il principale è la fagocitosi. È caratterizzato dalla capacità di catturare antigeni, cellule morenti e prodotti di decomposizione. La conoscenza dell'importanza dei monociti è la chiave per comprendere quale sia il loro aumento del sangue negli adulti.

Ulteriori funzioni di monociti e macrofagi includono:

  • la presentazione di un agente straniero ai linfociti, che in futuro saranno in grado di riconoscere e distruggere più efficacemente l'intruso;
  • partecipazione alla vita e riproduzione delle strutture cellulari circostanti, processi di guarigione;
  • combattere le cellule tumorali;
  • attività nelle reazioni allergiche e infiammatorie;
  • effetto pirogeno - agendo sul centro della termoregolazione, prendono parte al meccanismo di aumento della temperatura corporea.

Questo tipo di globuli bianchi è coinvolto in risposte immunitarie complesse. Il superamento del normale livello di monociti in un sangue adulto è chiamato monocitosi nella letteratura medica.

In valori assoluti, in condizioni normali, il livello di monociti nel sangue rimane nell'intervallo di 240-700 cellule per microlitro (cellule / μl). Quando si utilizza un esame del sangue generale standard, viene calcolato un indicatore diverso: la loro percentuale nella formula dei leucociti.

Se la concentrazione di monociti per 100 leucociti non rientra nell'intervallo di 3-11 cellule, si osserva il loro livello ridotto o aumentato nel sangue.

Una deviazione simile è spesso osservata a causa di una diminuzione della concentrazione di altri elementi formati nel sangue. Allo stesso tempo, la percentuale di monociti nella formula dei leucociti viene aumentata, ma quando si calcolano i numeri assoluti, rimane all'interno dell'intervallo normale.

Un aumento del livello di agranulociti in un adulto è un evento abbastanza comune - per capire di cosa sta parlando, è necessario sapere in quali malattie si osserva un simile esame del sangue.

La monocitosi è un indicatore di una delle seguenti condizioni:

  • processo infiammatorio nel corpo;
  • penetrazione di infezione (virus, batteri, funghi) o parassiti;
  • sviluppo della patologia del sistema sanguigno.
  • malattie reumatiche - periarterite nodosa, reumatismi, artrite reumatoide;
  • patologie con un corso specifico: sifilide, sarcoidosi, tubercolosi;
  • aumento della funzione della corteccia surrenale - sindrome di Cushing;
  • malattie dell'apparato digerente - colite ulcerosa, morbo di Crohn;
  • anemia falciforme, leucemia acuta, policitemia, mieloma.

Un livello elevato di monociti nel sangue si trova sia nelle donne che negli uomini: il medico ti dirà esattamente cosa significa in un caso particolare dopo aver condotto la quantità necessaria di esami.

Una deviazione simile nelle analisi può essere osservata durante il periodo di recupero dopo un intervento chirurgico o una malattia grave.

L'avvelenamento da fosforo o tetracloroetano provoca anche un aumento dei livelli di monociti al di sopra del normale.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Donna

Nelle donne, un esame del sangue ha le sue caratteristiche, a causa delle periodiche fluttuazioni del background ormonale: ciò significa che un livello elevato di monociti può dipendere dal sistema endocrino. Sono stati condotti studi in cui c'era una connessione tra il ciclo mestruale e la concentrazione di queste cellule. Ma tali fluttuazioni non vanno oltre i valori normali.

In determinate condizioni, quando i monociti sono al di sopra del normale, si può osservare una diminuzione della funzione riproduttiva - questo significa che un'eccessiva attività degli agranulociti è associata alla capacità di concepire.

Questo fatto continua ad essere attivamente studiato. La monocitosi si osserva dopo l'interruzione artificiale della gravidanza.

Le ragioni dell'aumento dei monociti nel sangue nelle donne sono ancora oggetto di studi approfonditi.

In gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo di una donna è particolarmente sensibile. La penetrazione anche dell'infezione più innocua può provocare un aumento del contenuto di monociti nel sangue.

Nelle fasi iniziali, la monocitosi in una donna incinta è un'opzione normale. Nasce dall'adattamento dell'immunità a un nuovo stato fisiologico.

Se i monociti sono leggermente elevati, ma la donna non avverte segni di malessere, non preoccuparti. In caso di reclami, è necessario informare il medico.

I motivi per cui i monociti possono essere elevati in un bambino dovrebbero essere indicati separatamente. Nei bambini, le cause di questa deviazione sono le stesse degli adulti, ma ci sono un certo numero di patologie inerenti principalmente all'infanzia. Tra questi, la monocitosi è più spesso presente nelle seguenti malattie:

Un aumento del numero di monociti nel sangue è associato all'età. Ad esempio, durante i periodi in cui si osservano dentizione e cambio dei denti. I monociti sono spesso sopravvalutati dopo la rimozione di adenoidi o tonsille palatine. Qual è il normale numero di globuli bianchi per i bambini?

Con la varicella in un bambino, i monociti possono essere aumentati

Dopo aver capito cosa significa, dovresti scoprire cosa fare della monocitosi in un adulto. La tattica dipende dalle circostanze della patologia.

Se un aumento dei monociti nel sangue in un uomo o una donna è stato rilevato per caso, con screening profilattico, è consigliabile ripetere l'analisi. Per confronto, è meglio scegliere un altro laboratorio.

Se ci sono molti monociti nel sangue, ciò significa che è necessario seguire il processo in dinamica.

Se il risultato è confermato, diventa necessario condurre un esame più approfondito per stabilire la causa esatta della deviazione.

I seguenti specialisti sono coinvolti nel trattamento delle malattie che causano la monocitosi:

  • specialista in malattie infettive;
  • reumatologo;
  • Specialista della tubercolosi;
  • gastroenterologo;
  • dermatologo.

Nella loro pratica, un tale problema è affrontato da un pneumologo nel trattamento della polmonite grave e da un allergologo. I più direttamente correlati al problema di un alto livello di monociti in un adulto sono specialisti come un immunologo e un ematologo.

Sembra una cellula monocita (al centro) al microscopio

Le cellule monocitarie non sono altro che grandi globuli bianchi. Prima di tutto, dovresti capire quali sono le celle di questo tipo responsabili. Le loro funzioni principali sono di proteggere il corpo umano da cellule estranee, purificando il sangue dagli agenti fisici. I monociti hanno la capacità di assorbire non solo parti di microrganismi estranei, ma anche la loro interezza.

Queste cellule si trovano anche nei linfonodi e nei tessuti, non solo nel sangue.

! importante I monociti purificano il corpo. La funzione principale di queste cellule è quella di creare determinate condizioni in cui i processi di rigenerazione iniziano nei tessuti. Tale funzione viene attivata se i tessuti sono stati danneggiati da organismi estranei, a seguito di processi infiammatori e lesioni trasferiti, a causa dello sviluppo di tumori.

Abbiamo esaminato quali sono i monociti in un esame del sangue, ora è il momento di capire quale sia il loro tasso è la norma. Poiché queste cellule sono uno dei tipi di globuli bianchi, la loro misurazione comporta la determinazione della percentuale di monociti nel numero di globuli bianchi.

! importante Questo indicatore è assolutamente indipendente dalle differenze di genere o di età, e quindi la norma dei monociti nelle donne e negli uomini è allo stesso livello. Ci sono solo piccole differenze di età e in determinati periodi nelle donne in gravidanza.

Il normale contenuto di queste celle è il seguente:

  • L'età inferiore ai 10 anni va dal 2 al 12%.
  • Al raggiungimento dell'età di 12 - 3-10%.

Tabella del contenuto di tutte le forme di globuli bianchi nel sangue

Nel caso della misurazione dei monociti, il loro contenuto assoluto nel sangue gioca un ruolo molto importante, e non solo la percentuale. Il fatto è che un esame del sangue generale determina il loro numero solo relativamente. Pertanto, è stata sviluppata una tecnica speciale per determinare il contenuto assoluto di monociti nelle cellule di un litro di sangue.

Questo indicatore è registrato come "monociti abs". O Mon #. "Abs". In questo caso significa "assoluto".

La norma assoluta dei monociti negli adulti è 0-0,08 × 109 / L. Nei bambini di età inferiore ai 12 anni, questo indicatore varia da 0,05-1,1 × 109 / l.

Se i monociti sono elevati, questa malattia si chiama monocitosi. Quando i monociti nel sangue sono elevati, ciò indica la presenza di agenti estranei nel sangue, che possono indicare lo sviluppo di neoplasie e infezioni.

Consideriamo più in dettaglio cosa significhi: aumento dei monociti nel sangue. Questo fenomeno può svilupparsi sullo sfondo di una serie di malattie, poiché tali segni non possono in alcun modo essere ignorati:

  • Ciò può indicare lo sviluppo della tubercolosi.

Molto spesso, un aumento dei monociti indica lo sviluppo della tubercolosi

  • Linfoma o leucemia sono possibili.
  • Un aumento del livello di monociti in un adulto può indicare la presenza di malattie di natura infettiva in forma acuta nella fase di recupero. Può essere morbillo, rosolia, mononucleosi, difterite, ecc.
  • Lupus eritematoso, reumatismi, ecc.

! importante Un livello anormale di monociti nel sangue si osserva con la mononucleosi. Questa malattia infettiva del sangue colpisce molto spesso i bambini.

Se i monociti vengono abbassati, alla malattia viene diagnosticata la monocitopenia, sullo sfondo del quale può svilupparsi l'anemia e il livello di altri elementi del sangue diminuisce drasticamente.

L'anemia da carenza di acido folico e l'anemia aplastica sono due delle cause più comuni di calo dei livelli di monociti. Inoltre, la monocitopenia è uno dei sintomi più comuni del trattamento con farmaci di tipo glucocorticoide.

convalescenza

I monociti si formano nel midollo osseo rosso ed entrano nel flusso sanguigno. Lì iniziano a funzionare attivamente, ma questo non dura a lungo, solo per 2-3 giorni. Quindi, usando la loro capacità di muoversi, vanno oltre i vasi attraverso speciali piccoli pori tra le cellule e si muovono nel tessuto.

Diagnostica Ultrasuoni

La conta dei monociti viene misurata durante la conta dei globuli bianchi in un esame del sangue clinico. Il rilevamento della monocitosi richiede la consultazione di uno specialista medico, preferibilmente un terapista. Il medico deve condurre un'indagine sui reclami dei pazienti, raccogliere dati anamnestici, eseguire un esame generale per i segni di una malattia. I dati ottenuti aiutano a nominare un ulteriore esame per scoprire le cause della monocitosi:

  • Esami del sangue. In un esame del sangue generale, viene calcolata la quantità totale, la percentuale di tutte le forme di leucociti (formula dei leucociti), viene determinato l'ESR. La presenza di cellule mononucleari atipiche viene controllata in uno striscio di sangue. Viene studiato il livello di autoanticorpi (DNA, cellule muscolari, topoisomerasi), anticorpi antigranulociti, CRP. Viene eseguita un'analisi immunoistochimica e l'immunofenotipizzazione delle cellule per rilevare marcatori CD specifici per superficie o tumorali.
  • Studi microbiologici Per identificare l'agente infettivo, vengono eseguite la coltura batteriologica e la microscopia espettorata. Gli anticorpi contro virus, batteri, il loro DNA sono determinati dal dosaggio di immunosorbenti enzimatici e dalla reazione a catena della polimerasi. Vengono eseguiti test sierologici (reazioni di emoagglutinazione indiretta, microprecipitazione).
  • Radiologia. Con la tubercolosi e la sarcoidosi, viene rilevato un aumento dei linfonodi radicali e mediastinici ai raggi X del polmone e con istiocitosi, piccolo oscuramento focale bilaterale. Inoltre, l'istiocitosi è caratterizzata da aree di osteolisi e distruzione su radiografie di ossa piatte del cranio, lunghe ossa tubolari.
  • Ecografia Durante l'ecografia addominale nei pazienti con mononucleosi infettiva, brucellosi e malattie ematologiche, si nota la splenomegalia, meno spesso l'epatomegalia. Sull'ecocardiografia in pazienti con collagenosi, a volte è possibile rilevare ispessimento delle foglie del pericardio, versamento nella sacca pericardica.
  • Studi istologici. Nelle malattie del sangue maligne, un gran numero di cellule di scoppio si trovano in uno striscio di midollo osseo ottenuto mediante puntura sternale o trepanobiopsia. L'esame microscopico del liquido broncoalveolare in pazienti con istiocitosi mostra cellule giganti di Langerhans con citoplasma eosinofilo. Nella biopsia dei linfonodi con linfomi, vengono rilevate la proliferazione delle cellule linfoidi, le cellule di Berezovsky-Sternberg.

Il "comportamento" di queste cellule nel sangue è abbastanza prevedibile, poiché i monociti sono leucociti capaci di fagocitosi. Avendo scoperto la presenza nel corpo di un batterio, un virus o altre particelle estranee, iniziano a muoversi attivamente verso di loro. Ciò si verifica attraverso la chemiotassi.

Un oggetto dannoso secerne alcune sostanze chimiche, la cui presenza è "rilevata" dai monociti. Catturando queste sostanze, le cellule si spostano in quelle aree in cui la loro concentrazione è maggiore, cioè dove si trova la loro fonte. In questo sono aiutati da altre cellule del sistema immunitario, che avvertono anche la presenza del "nemico", si muovono verso di esso e "indicano la direzione" ai loro alleati.

Monocita in una macchia di sangue (al centro)

A differenza dei linfociti, i monociti distruggono l'aggressore non toccando o secernendo gli anticorpi. Hanno un effetto distruttivo diretto su particelle estranee. Cambiando forma, i monociti avvolgono l'oggetto, lo assorbono completamente e quindi distruggono gli enzimi dei loro lisosomi.

Molti altri fagociti del nostro corpo, come neutrofili o macrofagi, muoiono dopo l'incontro con l'aggressore. Al contrario, i monociti hanno un effetto "riutilizzabile", sono in grado di neutralizzare un gran numero di particelle nocive e di mantenere la vitalità successivamente. Ecco perché, nonostante la sua piccola quantità, i monociti proteggono efficacemente il nostro sangue dagli agenti stranieri.

Una volta che i monociti neutralizzano la minaccia, continuano la loro missione. Si spostano su altre cellule del sistema immunitario, sui linfociti e danno loro informazioni sul tipo di oggetto che hanno appena distrutto. Inoltre, i linfociti ricevono da loro "istruzioni" su come in futuro devono comportarsi quando incontrano un aggressore simile. Questo ti consente di creare un ricordo di immunità e aumentare l'efficienza del suo lavoro.

Correzione

È impossibile portare direttamente il livello di monociti a valori normali. Per fare questo, è necessario affrontare la causa, ovvero trattare la patologia principale, sullo sfondo del quale si è sviluppata la monocitosi. Se la monocitosi si trova nel sangue di una persona che ha recentemente avuto una malattia infettiva acuta, il trattamento non è necessario. Questo è un fenomeno assolutamente normale, la concentrazione di monociti si normalizza indipendentemente dopo pochi giorni. In caso di monocitosi prolungata e, soprattutto, elevata, è necessario un intervento medico:

  • Trattamento anti-infettivo. Per il trattamento della maggior parte delle infezioni virali, solo riposo a letto, abbondante consumo di bevande calde, uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (paracetamolo, ibuprofene) e terapia sintomatica (risciacquo o irrigazione della gola con soluzioni antisettiche, analgesiche, spray, gocce di vasocostrittore nel naso) sono sufficienti per trattare la maggior parte delle infezioni virali. Con le infezioni batteriche, vengono prescritti antibiotici, con la tubercolosi - una combinazione di farmaci anti-TB.
  • Trattamento antinfiammatorio Come trattamento patogenetico di malattie granulomatose croniche, vengono utilizzate collagenosi, farmaci che sopprimono l'infiammazione - glucocorticosteroidi (prednisone, metilprednisolone). Per un più efficace effetto antinfiammatorio, gli immunosoppressori sono efficaci: metotrexato, ciclofosfamide.
  • Chemioterapia Per il trattamento di malattie ematiche maligne, istiocitosi, è necessario condurre corsi di trattamento chemioterapico. A volte devi ricorrere alla somministrazione intratecale di farmaci (introduzione al liquido cerebrospinale).

Esiste un metodo chirurgico per il trattamento delle malattie ematologiche e di alcuni tipi di neutropenia congenita, che consente di ottenere la piena guarigione dalla malattia - un trapianto di cellule staminali ematopoietiche del donatore. Per eseguire questa operazione, è necessario eseguire la tipizzazione HLA (un test genetico che determina gli antigeni dell'istocompatibilità) al fine di selezionare un donatore adatto.

I monociti sono una componente indispensabile del sistema immunitario, che nel suo significato supera persino gli altri elementi in qualcosa. Quindi, è noto che i monociti possono assorbire particelle dannose di dimensioni molto grandi - quelle che eosinofili e neutrofili non sono in grado di "mangiare". Inoltre, i monociti distruggono i patogeni in condizioni in cui neutrofili più numerosi non possono far fronte a questo compito (ad esempio, in un ambiente acido).

Infine, queste cellule non sono senza ragione chiamate "bidelli". Al centro dell'infiammazione, in cui si verifica la lotta contro un oggetto dannoso, non solo divorano microbi e altre particelle dannose, ma si liberano anche dei resti di altre cellule immunitarie che sono morte a causa della fagocitosi. Quindi, c'è una "pulizia del territorio" da tutto ciò che è superfluo, in modo che in seguito i tessuti possano guarire meglio.

Il contenuto e la qualità ottimali del lavoro dei monociti è ciò che determina in gran parte lo stato della nostra salute. È molto importante che queste cellule funzionino bene. Sfortunatamente, molte malattie portano a un cambiamento nel sistema dei monociti-macrofagi, che si riflette nel benessere di una persona e nel numero delle sue diagnosi.

Per mantenere lo stato ideale del sistema immunitario, nonché per curare malattie già insorte, è possibile utilizzare il farmaco Transfer Factor. Contiene molecole informative che "insegnano" ai linfociti a funzionare correttamente e trasmettere informazioni sui possibili aggressori che il corpo umano può incontrare durante la vita. Tutto ciò "scarica" ​​i monociti e li aiuta a lavorare meglio per il loro benessere.

Previsione

La monocitosi in sé non è un indicatore della prognosi. Il risultato è direttamente determinato dalla causa della monocitosi. Ad esempio, la monocitosi fisiologica nei bambini non influisce sull'aspettativa di vita. Alcune malattie granulomatose croniche, in particolare la sarcoidosi, a volte anche senza alcun trattamento terminano in remissione indipendente. Le patologie oncoematologiche e la neutropenia ereditaria nei bambini, al contrario, sono caratterizzate da una prognosi sfavorevole e un'alta probabilità di morte.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic