La morte cerebrale come cause sviluppa segni di diagnosi

Con l'età, il cervello umano perde un certo numero di cellule, ma tale perdita è fisiologica e ammissibile. Tuttavia, quando il numero di neuroni persi supera un certo limite e il cervello diminuisce di dimensioni, si verifica una condizione che può essere chiamata atrofia cerebrale.

Il cervello diminuisce gradualmente di dimensione con ogni decennio di vita, tuttavia, fino all'età di 60 anni, il tasso di tale perdita è molto lento e quasi invisibile. Nell'anno dal volume iniziale si perde dallo 0,5 all'1% del tessuto cerebrale.

All'età di 75 anni, il cervello è in media più piccolo del 15% rispetto all'età di 25 anni.

Le aree del cervello responsabili della memoria a breve termine sono generalmente più sensibili ai processi degenerativi, inoltre, negli uomini, la perdita di neuroni si verifica più attivamente rispetto alle donne, il che significa che i processi degenerativi si verificano più intensamente.

Per rilevare anomalie, vengono utilizzate le seguenti manipolazioni diagnostiche:

  • risonanza magnetica;
  • TAC
  • PET (tomografia ad emissione di positroni);
  • SPECT (tomografia computerizzata a emissione di singolo fotone).

L'atrofia cerebrale può essere solo uno dei molti segni che indicano una malattia grave: un tumore al cervello, processi neurodegenerativi, malattia di Parkinson precoce o altri disturbi.

La perdita di neuroni cerebrali è un processo altamente indesiderabile, poiché comporta inevitabilmente un deterioramento cognitivo e comportamentale. Quando il cervello tende a perdere i neuroni, i pazienti sono tenuti a sottoporsi a diagnostica una volta ogni sei mesi, per monitorare i processi e controllare o prevenire i sintomi causati da questa condizione.

La degenerazione cerebrale senile è una condizione che è sinonimo di demenza senile. La demenza senile è una malattia causata dalla degenerazione delle cellule cerebrali. Questa malattia è diversa dalla solita follia che si sviluppa negli anziani. Nel caso della degenerazione senile, l'attività della funzione cerebrale del paziente diminuisce gradualmente, il che porta a una progressiva perdita di memoria e all'inibizione delle capacità mentali, nonché a notevoli cambiamenti della personalità.

Parlando con il paziente e conducendo un esame, il medico rivela segni di demenza senile in lui.

La diagnosi di demenza senile è difficile solo nella fase iniziale della malattia, specialmente nel caso del suo debutto in tenera età. In tali condizioni, è necessaria una diagnosi differenziale con malattie somatiche con sintomi simili. Nella fase delle manifestazioni cliniche sviluppate, la diagnosi di demenza senile non è difficile e, se necessario, può essere confermata dalla TC.

Sfortunatamente, la demenza senile è una malattia incurabile, ma un'adeguata cura e un'adeguata terapia di supporto possono rallentare la progressione dei processi di atrofia e migliorare significativamente la qualità della vita del paziente e dei suoi parenti.

Prima di tutto, voglio dire che è desiderabile effettuare il trattamento nelle normali condizioni per il paziente, cioè a casa e non in ospedale. Il cambiamento di queste condizioni per il congedo per malattia è gravoso per il paziente con stress, nuove esperienze emotive, e quindi le sue condizioni possono peggiorare drasticamente e la malattia progredirà.

Lo stile di vita attivo del paziente è estremamente importante. Una persona non dovrebbe mentire giorno e notte, ma, al contrario, dovrebbe essere impegnata nelle solite faccende domestiche, per quanto le sue condizioni lo consentano: pulire la casa, cucinare, camminare per strada.

Se non vi è alcuna possibilità di assistenza domiciliare permanente o se la demenza è molto grave, il paziente viene ricoverato in un ospedale o in un collegio speciale.

La sua alimentazione dovrebbe essere regolare, razionale ed equilibrata. Letto di un paziente letto - dotato di un tavolo speciale. La durata del sonno è di 7-8 ore al giorno o più, se lo si desidera. Prima di andare a letto - una passeggiata all'aria aperta o semplicemente lungo il corridoio.

Poiché il coordinamento dei movimenti e l'acuità visiva di un paziente con demenza senile sono ridotti, aumenta il rischio di lesioni domestiche. Pertanto, è necessario rimuovere i mobili in eccesso dalla sua stanza, mettere la protezione sugli angoli o circondarli meccanicamente. Il pavimento deve essere asciutto e non scivoloso. I corrimani sono richiesti in bagno. Le pantofole sono sui piedi del paziente, ma non le pantofole.

Dei medicinali nella fase iniziale della malattia, possono essere prescritti nootropi. Questi farmaci aumentano l'adattamento del sistema nervoso allo stress mentale e fisico, migliorano l'attività mentale, stimolano la memoria e riducono il fabbisogno di ossigeno del tessuto cerebrale.

Nei disturbi del sonno sono indicate piccole dosi di tranquillanti.

In caso di umori depressivi gravi, vengono prescritti antidepressivi (anche a piccole dosi).

Un ruolo importante è svolto dalla psicoterapia, quando uno specialista aiuta il paziente a ripristinare o riformulare determinate reazioni comportamentali.

Tutti i suddetti sintomi, sebbene siano caratteristici della morte cerebrale, non sono sufficienti per fare una tale diagnosi, poiché a volte vengono notati con un coma profondo. Al fine di diagnosticare in modo inequivocabile la morte totale dei neuroni cerebrali, ci sono diversi criteri diagnostici che possono essere suddivisi in hardware e clinica (provocatoria).

Esistono diversi test e criteri provocatori per identificare una condizione come la morte cerebrale:

  1. Prova con atropina. Per via endovenosa, viene somministrato 1 ml di una soluzione all'1% di atropina solfato. Se la frequenza cardiaca non aumenta o, al contrario, rallenta, ciò conferma il fatto della morte cerebrale.
  2. Campione con bemegrid. Viene somministrato per via endovenosa 1 ml di una soluzione allo 0,5% di bemegrid. Con un coma scandaloso, non si noterà un aumento della frequenza dei movimenti respiratori, che è anche un fattore di conferma.
  3. Test del freddo (vestibolare). 5-10 ml di acqua ghiacciata vengono iniettati nel meato uditivo esterno mediante una siringa. In presenza di morte cerebrale, ciò non porta alla comparsa di nistagmo e non provoca assolutamente alcun cambiamento nelle espressioni facciali del paziente.
  4. Esiste un'altra variante di un provocatorio test del freddo. Versando 60-100 ml di acqua ghiacciata nell'orecchio sinistro o destro del paziente usando una grande siringa, sciacquano il canale uditivo esterno con esso. Ruotando i bulbi oculari nella direzione del lavaggio si elimina lo stato di morte cerebrale.

Il rapporto medico sulla morte intravitale del cervello nella maggior parte dei paesi è redatto con la partecipazione di un rianimatore, un neurologo, un esperto forense e un rappresentante della gestione dell'istituzione medica. In alcuni paesi in cui funzionano le istituzioni di difesa sviluppate, è obbligatoria anche la presenza dell'avvocato di un paziente.

La morte intravitale del cervello dovrebbe essere differenziata principalmente dal coma grave. La condizione di coma profondo, sebbene accompagnata da ipossia di organi e tessuti, tuttavia, a causa di meccanismi compensativi, in assenza di arresto respiratorio completo, procede a lungo senza morte cerebrale. I criteri diagnostici in base ai quali può essere distinto dalla morte cerebrale sono stati indicati sopra.

È inoltre necessario distinguere la morte cerebrale da uno stato vegetativo cronico in cui la corteccia cerebrale e alcune zone ad essa associate muoiono completamente o parzialmente, ma la regione diencefalica e le strutture staminali continuano a funzionare.

A causa di ciò, nello stato vegetativo cronico, si osserva il fenomeno della perdita di funzioni mentali mentre si conservano quelle autonome: il paziente si sveglia ciclicamente e si addormenta, la respirazione e il sistema cardiovascolare continuano a funzionare, ma non ci sono cognitivi capacità, comprensione, linguaggio e percezione attraverso i sensi. Se uno stato vegetativo è intrinsecamente una decorticazione, la morte cerebrale è una completa decerebrazione.

Criteri diagnostici

La caratteristica sintomatologica dello stato del cervello respiratorio è per molti aspetti simile al quadro clinico di un coma molto profondo, che differisce da esso nella sua completa irreversibilità.

Di conseguenza, questa condizione viene talvolta chiamata "oltre il coma". Vi è una completa perdita delle funzioni del sistema nervoso centrale (coscienza, linguaggio, reazione a stimoli esterni) mantenendo l'attività cardiaca. La pressione sanguigna viene mantenuta o mantenuta dal punto di vista medico.

La funzione respiratoria è assicurata dalla ventilazione meccanica. La perdita completa del tono muscolare scheletrico, l'aflessia totale, l'ipotermia, l'incontinenza urinaria e fecale sono caratteristiche. Un sintomo molto tipico sono gli occhi delle marionette: quando la testa viene girata in qualsiasi direzione (su, giù, ai lati), gli occhi si muovono involontariamente nella direzione opposta.

Prima di tutto, è necessario confutare il malinteso comune secondo cui una persona che si presume sia in uno stato di morte cerebrale è un "vegetale" e può solo respirare.

Ciò significa che quando si spengono i dispositivi che supportano le funzioni vitali, una persona muore. Nel nostro paese, è stata adottata la seguente serie di segni che possono caratterizzare la morte dei neuroni:

  • la presenza di un coma o la completa assenza di qualsiasi coscienza (contatto verbale, movimento degli occhi, capacità cosciente di comunicare senza parole);
  • mancanza di risposta al dolore, nel caso in cui la parte afferente ed efferente dell'arco riflesso passi attraverso le strutture del cervello (punti trigeminali, arco faringeo e corneale);
  • la presenza di una diffusa diminuzione del tono di tutti i muscoli scheletrici e striati;
  • l'assenza di movimenti spontanei dei bulbi oculari, nonché l'espansione delle pupille senza l'uso di midriatici, ad esempio l'atropina.

Questo sintomo è affidabile e indica la morte dello sfintere della pupilla o il suo completo rilassamento. La paralisi dell'arco del riflesso pupillare indica alterazioni mesencefaliche irreversibili, tipiche dello stato vegetativo.

Oltre ai riflessi trigeminali della cornea e del dolore, ne vengono valutati numerosi altri, ad esempio oculovestibolare e oculocefalico. Con la morte del tessuto nervoso, sono tutti assenti.

È importante ricordare ancora una volta che in presenza di una diagnosi di "morte cerebrale" non esiste una respirazione spontanea indipendente. Inoltre, secondo il metodo americano di diagnosi di questa condizione, la respirazione non dovrebbe riprendere dopo aver disconnesso il paziente dal ventilatore.

Cause di atrofia cerebrale e degenerazione cerebrale senile

  • ictus;
  • trauma craniocerebrale;
  • Il morbo di Alzheimer;
  • Malattia di picco;
  • demenza frontotemporale;
  • paralisi cerebrale con compromissione della coordinazione;
  • Malattia di Huntington (Huntington);
  • malattie ereditarie associate a mutazioni genetiche;
  • Malattia di Crabbe e altri disturbi in cui viene distrutta la guaina mielinica che protegge gli assoni;
  • encefalomiopatie mitocondriali, ad esempio la sindrome di Kearns-Sayre;
  • sclerosi multipla, che causa infiammazione e danni alla guaina mielinica, nonché danni al tessuto cerebrale;
  • malattie infettive come encefalite, neurosifilide;
  • AIDS.

La demenza senile è sempre causata dalla malattia di base. Il tessuto cerebrale è danneggiato, il che significa che la capacità funzionale del corpo diminuisce. La causa più comune di demenza è la malattia di Alzheimer, un disturbo neurodegenerativo che causa una compromissione delle funzioni cognitive, in particolare della memoria e del pensiero.

Le principali cause della degenerazione senile sono le seguenti:

  • Il morbo di Alzheimer;
  • demenza vascolare, la seconda causa più comune di demenza, che rappresenta circa il 20% di tutta la demenza;
  • La malattia di Huntington, una malattia degenerativa progressiva;
  • aterosclerosi o indurimento delle arterie;
  • sclerosi multipla;
  • HIV;
  • vari tipi di immunodeficienze;
  • AIDS;
  • Morbo di Parkinson;
  • Malattia di Creutzfeldt-Jakob;
  • Malattia di picco;
  • encefalite virale o batterica;
  • Malattia di Levy;
  • idrocefalo (accumulo di liquido nel cervello);
  • un tumore al cervello;
  • La malattia di Wilson (una malattia rara che provoca l'accumulo di rame nel fegato, nel cervello, nei reni e nella cornea dell'occhio);
  • neurosifilide;
  • paralisi sopranucleare progressiva, nota anche come sindrome di Steel-Richardson-Olszewski (si manifesta dopo i 35 anni);
  • disturbi metabolici.

Tali disturbi o condizioni metabolici possono causare demenza senile:

  • ipotiroidismo;
  • ipertiroidismo;
  • carenza di tiamina;
  • Carenza di vitamina B12;
  • Carenza di vitamina B3;
  • alcolismo cronico;
  • esposizione cronica ai metalli;
  • esposizione a coloranti (ad es. anilina);
  • trattamento farmacologico e suoi effetti collaterali;
  • l'interazione di droghe incompatibili.

In alcuni di questi casi, la demenza può essere prevenuta rimuovendo un agente tossico. Come risultato di tali manipolazioni, lo stato del cervello torna alla normalità.

Criteri sintomatici caratteristici

Molte malattie che causano l'atrofia cerebrale sono accompagnate principalmente dallo sviluppo della demenza.

I sintomi principali sono:

  • demenza
  • convulsioni;
  • disturbi del linguaggio o afasia;
  • compromissione della memoria;
  • capacità intellettuale compromessa;
  • l'impossibilità di una pianificazione accurata (distrazione);
  • disorientamento nello spazio;
  • movimenti ripetitivi;
  • perdita di coscienza;
  • convulsioni.

Sintomi della degenerazione senile

Sintomi della fase iniziale:

  • dimenticanza di eventi recenti;
  • difficoltà nel fare semplici calcoli;
  • scarso orientamento nel tempo, posizione e direzione del movimento;
  • passività;
  • apatia.

Sintomi della fase intermedia:

  • deterioramento cognitivo (apprendimento, informatica, calcolo, logica, pensiero, memoria);
  • instabilità emotiva;
  • eccessiva agitazione o passività;
  • l'impossibilità di svolgere le normali attività quotidiane (i pazienti hanno bisogno di aiuto per le faccende domestiche: pulizia, cucina, andare al negozio, ecc.);
  • violazione dei ritmi del sonno;
  • disorientamento nell'ora del giorno.

Sintomi della fase avanzata:

  • perdita di tutte le capacità cognitive;

La demenza senile è la demenza che si sviluppa in età avanzata come involuzione patologica finale del corpo, derivante da progressiva atrofia diffusa delle strutture cerebrali. Le persone conoscono questa malattia come demenza senile, demenza senile, demenza senile. Questa patologia è un problema urgente della psichiatria, poiché colpisce circa il 3-5% delle persone di età superiore ai 60 anni e il 20% dei pazienti di 80 anni. Parleremo di come si manifesta la demenza senile, quali sono i principi della sua diagnosi e trattamento nel nostro articolo.

Il meccanismo di sviluppo (patogenesi) dei disturbi mentali involutivi è piuttosto complicato. Il collegamento primario è un cambiamento nel lavoro delle strutture dell'ipotalamo, in particolare quelle che regolano le funzioni metaboliche ed endocrine del corpo, in particolare la ghiandola pituitaria. A causa dello squilibrio ormonale, il funzionamento di molti organi del corpo viene interrotto, inoltre, influisce negativamente sulla corteccia e sulle strutture subcorticali, rendendoli vulnerabili a molti fattori esterni che non rappresentano un pericolo per una persona sana. Cioè, una psico-traumatizzazione minima, gli stress domestici portano a una ripartizione della maggiore attività nervosa negli individui predisposti.

A poco a poco, i neuroni responsabili dell'attività mentale, dell'attività mentale e dell'adattamento sociale muoiono: il paziente perde la sua memoria, capacità di apprendimento, non può pensare logicamente, perde interesse per gli altri e la vita, nelle fasi successive anche la capacità di self-service è persa.

Morfologicamente, con demenza senile dovuta ad atrofia, il volume e la massa del cervello diminuiscono. Solchi e ventricoli si espandono, le convoluzioni si acuiscono e la configurazione delle regioni cerebrali e le proporzioni tra loro vengono preservate, cioè l'atrofia è uniforme.

I neuroni sono di dimensioni ridotte, compressi, ma i loro contorni rimangono gli stessi. I processi nervosi muoiono e sono sostituiti dal tessuto connettivo (sclerosi), si attaccano insieme.

Tipici per la demenza senile sono focolai multipli di necrosi rotonda, al centro rappresentati da una massa marrone omogenea, e alla periferia - da fili. Questi sono i cosiddetti focolai di desolazione e drusen senile.

A seconda di quanto gravi siano i sintomi della malattia, nel suo corso ci sono 3 fasi:

  • iniziale (l'intelligenza del paziente è ridotta, tuttavia viene preservata la capacità di autocritica; il paziente è in grado di servirsi autonomamente);
  • moderato (le capacità intellettuali di una persona sono ridotte, le abilità elementari per usare gli elettrodomestici che lo circondano (una stufa, un ferro da stiro, serrature delle porte, ecc.) sono ridotte - un paziente può inavvertitamente danneggiare se stesso e la sua casa, ma non può cucinare da solo; in questa fase, il paziente è molto indesiderabile lasciare incustodito, ma prendersi cura di esso non è ancora molto difficile, poiché la persona è ancora in grado di auto-cura e le capacità di igiene personale sono preservate);
  • demenza grave (il paziente perde la capacità di eseguire azioni di base, non può servire se stesso, non riconosce i parenti; ha bisogno di cure XNUMX ore su XNUMX).

I pazienti affetti da demenza spesso soffrono di insonnia.

Di norma, i primi segni di questa patologia si verificano all'età di 65-78 anni e per 1 uomo malato ci sono 2-3 donne malate. L'insorgenza della malattia è quasi impercettibile, ma sta costantemente progredendo fino alla completa demenza.

In una fase precoce della demenza, c'è un'intensificazione, un inasprimento di alcuni tratti del carattere del paziente: quelli parsimoniosi iniziano a essere avidi, diventano cattivi, quelli persistenti diventano testardi, quelli increduli diventano sospettosi. Nel tempo compaiono nuove caratteristiche che non sono caratteristiche di una persona in particolare: eccessivo egoismo, insensibilità verso gli altri, anche persone vicine, un forte restringimento del circolo degli interessi. Le emozioni si perdono.

Livello malato e gravemente abbassato. Le loro pulsioni istintive, al contrario, sono disinibite: si nota l'ipersessualità, il paziente può esporre affatto i genitali e persino i bambini molesti.

Il sonno è disturbato: spesso i malati hanno sonno durante il giorno e si preoccupano per l'insonnia di notte, mentre vagano per l'appartamento, si affrettano, cercano di cucinare, spostare mobili e altro, che interferiscono notevolmente con le famiglie e i vicini.

Si osserva una graduale disintegrazione dell'attività mentale umana e, prima di tutto, vengono violati livelli complessi, astratti di pensiero, creatività e capacità critiche, abilità acquisite di recente, capacità e conoscenze sciolte di recente, mentre conoscenze, idee semplici, solidali e acquisite a lungo e le abilità si perdono significativamente più tardi.

Nelle fasi successive della malattia, i pazienti spesso si percepiscono come in gioventù, quelli intorno a loro - quelli che erano vicini negli anni passati; perdono il loro orientamento nel tempo e, per così dire, vengono trasferiti allo stadio della vita passata. Nella fase finale, una persona non riconosce gli altri, confonde i bambini con i fratelli, percepisce questi ultimi come genitori e, alla fine, non si riconosce nemmeno allo specchio, perché si considera un bambino e vede nella riflessione un vecchio uomo (viene chiamato straniero o nonna / nonno).

Tipici nelle ultime fasi della demenza senile sono le idee deliranti di rapina, impoverimento e persecuzione. Il paziente accusa i suoi parenti di furto, afferma che tutto gli è stato rubato: soldi, cose, cibo, e ora non ha un posto dove vivere e niente da mangiare, e rimase in strada, da solo, senza mezzi di sostentamento. Dov'è (per strada, nel reparto ospedaliero, a casa) il paziente raccoglie tutta la spazzatura, lo lega in un nodo, lo nasconde nel letto, dimentica dove lo ha nascosto; in uno stato di eccitazione di notte, improvvisamente si riunisce con questo nodo "alla partenza", lo porta con sé per passeggiate e altro ancora.

L'umore dei pazienti varia da scontento, cupo all'inizio della malattia a indifferente, indifferente, fino all'ottusità emotiva nella sua fase avanzata.

Da altri organi e sistemi in pazienti con demenza senile, c'è un polso labile (instabile) e la pressione sanguigna con la tendenza ad aumentarlo. Il turgore dei tessuti è ridotto, la pelle rugosa, i capelli grigi e cadono. I pazienti sembrano più vecchi della loro età. Si notano deplezione, cataratta senile, arco senile sulla cornea, piaghe da decubito e altri disturbi della nutrizione dei tessuti corporei.

I disturbi neurologici non sono così pronunciati come con altre malattie degenerative del sistema nervoso centrale e si manifestano con una certa parità muscolare (per questo motivo, l'espressione facciale del paziente è come se congelata, l'espressione sul viso è letargica, il il tremore delle mani e l'incerta camminata lenta con piccoli passi sono determinati). La risposta della pupilla alla luce è ridotta. I disordini neurologici grossolani sono assenti.

Tali pazienti muoiono, di regola, per malattie intercorrenti (che si verificano contemporaneamente) sullo sfondo di completo esaurimento fisico e follia mentale.

L'attuale fase di sviluppo della medicina non rappresenta alcuna opportunità per curare il paziente dopo la morte cerebrale. In alcuni casi, è possibile uscire da stati simili alla morte cerebrale, ad esempio da un coma profondo o da uno stato vegetativo (in caso di decorticazione incompleta).

Per quanto riguarda la morte diretta del cervello, la stessa terminologia implica l'irreversibilità di questa condizione, quindi fino a poco tempo fa non c'erano studi nel campo delle opzioni terapeutiche.

La possibilità di un trapianto di cervello rimane puramente ipotetica per la medicina moderna - tra gli altri problemi, è quasi impossibile immaginare la disponibilità di un organo donatore per tale operazione.

Solo nel 2016 gli studi nel campo della cura della morte cerebrale mediante le moderne tecnologie biomediche hanno iniziato a essere condotti da diversi gruppi di scienziati americani, ma il successo di tale lavoro anche a lungo termine sembra molto dubbio.

Il meccanismo di sviluppo della demenza senile

Poiché questa condizione si verifica una seconda volta sullo sfondo di altre patologie e malattie, le misure per prevenirla si riducono principalmente alla diagnosi tempestiva e al trattamento adeguato dei disturbi causali.

È importante che il paziente segua le raccomandazioni del medico, sottoponga gli esami necessari in tempo e non violi le regole per l'assunzione dei farmaci prescritti.

In alcuni casi, quando c'è una buona ragione per temere lo sviluppo di condizioni potenzialmente letali, sarà opportuno che il medico curante presti attenzione ai farmaci che attivano l'attività cerebrale (ad esempio i farmaci nootropici).

Naturalmente, questo non eliminerà questa minaccia, ma può ridurla leggermente o aumentare il tempo durante il quale il paziente può essere aiutato.

Cause della demenza senile

La degenerazione cerebrale senile è anche conosciuta come demenza senile o demenza. I primi prerequisiti per lo sviluppo della distrofia cerebrale possono verificarsi in una persona dopo 60 anni, sebbene un indebolimento della memoria nel tempo non sia un fenomeno normale.

Il concetto di degenerazione significa l'indebolimento o la perdita di funzioni speciali del corpo. La demenza (demenza) è un disturbo cronico dell'attività mentale in cui sono possibili disturbi comportamentali e la perdita delle abilità di base di auto-cura.

Pertanto, vi è una violazione delle funzioni corticali superiori. La degenerazione cerebrale senile (senile) viene spesso diagnosticata nelle persone che hanno raggiunto i 65 anni.

Oggi è impossibile dire in modo affidabile il motivo per cui questa malattia si sviluppa. Si ritiene che il tasso di processi involutivi nel cervello dipenda dall'effetto complesso di numerosi fattori su di esso.

Uno di questi fattori è l'ereditarietà. È noto che il rischio di sviluppare demenza senile è aumentato in quegli individui i cui genitori o nonni soffrivano di questa malattia.

Il secondo fattore è una violazione legata all'età delle funzioni del sistema immunitario, a seguito della quale il corpo produce speciali complessi autoimmuni che distruggono le cellule cerebrali.

Indubbiamente, i fattori patogeni esterni svolgono un ruolo:

  • malattie somatiche, in particolare aterosclerosi dei vasi cerebrali, a causa delle quali le cellule mancano dei nutrienti di cui hanno bisogno per il pieno funzionamento e vengono distrutte;
  • infezioni (specialmente neuroinfezione - meningite. encefalite. neurosifilide e altre);
  • malattie oncologiche;
  • intossicazione, in particolare natura alcolica;
  • lesioni alla testa;
  • lesioni mentali.

Indubbiamente, lo stato di morte intravitale del cervello è strettamente connesso con una serie di aspetti morali, etici, legali, religiosi e di altro tipo.

Ci sono due ragioni principali per questo:

  1. Spesso, dopo la morte del cervello, le funzioni vitali di altri organi possono essere mantenute a lungo (a volte mesi e anni). Tuttavia, d'altra parte, questo sembra insignificante, dal momento che una persona come persona è morta. Di conseguenza, prima o poi, sorge inevitabilmente la questione di disconnettersi dalla nutrizione parenterale, dai sistemi di ventilazione meccanica, ecc.
  2. Gli organi umani dopo la morte cerebrale possono essere utilizzati per il trapianto ad altre persone. Le leggi mediche nella maggior parte dei paesi riconoscono la morte cerebrale come l'equivalente della morte biologica umana. In particolare, il Ministero della Salute della Russia ha approvato tale istruzione con il decreto n. 100/30 del 02.04.01 //. Il diritto di acconsentire all'uso degli organi per il trapianto è generalmente concesso ai parenti stretti. Per quanto riguarda l'atteggiamento dei rappresentanti di varie religioni nei confronti di questo problema, non vi è consenso, tuttavia, prevale anche l'opinione che identifica la morte cerebrale con la morte umana.

Tipi e fasi della violazione

Nella pratica medica, ci sono tre gradi di disturbi degenerativi nel cervello:

  1. Grado facile. È caratterizzato dalla perdita di capacità professionali, apatia per ciò che sta accadendo intorno. Il paziente non è interessato ad oggetti che in precedenza erano considerati il ​​suo hobby. In questo grado di malattia, l'orientamento e la coscienza sono preservati.
  2. Medio grado. Il paziente affronta le abilità di igiene personale, ma può dimenticare le regole per l'uso degli elettrodomestici. Queste persone hanno spesso bisogno di aiuto; lasciarli incustoditi è pericoloso.
  3. Laurea severa. I pazienti perdono il loro orientamento nello spazio e non sono in grado di soddisfare i propri bisogni.

Le malattie degenerative del cervello possono essere espresse in forma totale o lacunare.

  1. La forma totale del disturbo è caratterizzata da scarsa emotività e apatia. C'è un degrado della personalità.
  2. La forma lacunare (parziale) è caratterizzata da una violazione della memoria a breve termine. Ma il "nucleo della personalità" viene mantenuto.

Il decorso della malattia si manifesta in più fasi:

  1. La prementia è lo stadio della malattia, che è caratterizzato da una diminuzione della memoria. distrazione e apatia. La capacità di pensare è ridotta in modo astratto. Pertanto, le violazioni incidono su nuovi strati di memoria.
  2. La degenerazione precoce (la seconda fase della malattia) è caratterizzata da disturbi più pronunciati. Una malattia progressiva è espressa in attività motoria compromessa, linguaggio incoerente. Il paziente non può sempre esprimere i suoi pensieri, i suoi movimenti sono assurdi, ma allo stesso tempo i resti di memoria e sanità mentale sono preservati.
  3. La demenza moderata (il terzo stadio) si manifesta nel fatto che una persona inizia a confondere le parole, non riconosce i suoi cari, perde parzialmente le capacità di lettura e scrittura. Possono verificarsi elementi di delirio. Una persona anziana è in grado di uscire di casa e non è possibile tornare per lui a causa della ridotta coscienza. Oltre a questi sintomi, i pazienti non controllano più i bisogni naturali del corpo.
  4. Dopo queste fasi, insorge una grave demenza. Una persona praticamente non parla, non si alza dal letto e perde la capacità di eseguire i movimenti più elementari. In questo caso, si verifica l'esaurimento del corpo. La morte si verifica a causa di polmonite o piaghe da decubito insorte in tali condizioni.

Cause e clinica dei processi distrofici

Le cause dell'indebolimento delle funzioni cerebrali nella vecchiaia possono essere:

  1. Nel caso della demenza vascolare, una storia di ipertensione, aterosclerosi. ictus. Pertanto, la causa di questa patologia è un afflusso di sangue al cervello disturbato. Per questo motivo, si verifica la morte di massa dei neuroni. In questo caso, la patologia è considerata incurabile. Le cellule hanno una bassa capacità di recupero in età avanzata.
  2. Con il tipo atrofico di demenza, si dovrebbe annotare una storia della malattia di Peak. Alzheimer. Parkinson. Qui ha luogo l'insufficienza cerebrovascolare. La malattia di Alzheimer colpisce spesso le donne anziane. I prerequisiti per questo sono predisposizione genetica, alcol e fumo, forte stress, patologia tiroidea o trauma cranico.
  3. Il tipo misto è caratterizzato da una combinazione di patologie vascolari con alterazioni atrofiche.

Tra le cause della malattia si notano anche i tumori cerebrali. alcolismo cronico, gravi infezioni virali.

La demenza vascolare rappresenta il 25% dei casi. Si sviluppa nella carenza cronica di ossigeno delle cellule cerebrali a causa di disturbi vascolari nell'organo. La causa può essere malformazioni vascolari congenite, angiopatia diabetica e ictus.

A rischio sono le persone che conducono uno stile di vita sedentario, con malnutrizione e dipendenza dall'alcool. I pazienti con obesità, diabete mellito, ipertensione arteriosa e aterosclerosi sono soggetti a degenerazione vascolare.

Con questa patologia, il paziente ha un processo di pensiero disturbato, non è in grado di distinguere la connessione logica degli eventi. Un uomo perde le sue cose che sono in vista. L'apparenza perde pulizia. In questo stato, si osservano spesso lacrime, apatia e un cambiamento imprevedibile dell'umore. A causa di una diminuzione dell'attività motoria, una persona dorme molto.

Nonostante il fatto che questo tipo di malattia sia il più comune, è molto difficile distinguere dalla demenza vascolare. Spesso la diagnosi corretta viene determinata dopo la morte del paziente.

A rischio sono le donne dopo i 70 anni, i pazienti con aterosclerosi e malattie del sistema endocrino, le persone con ereditarietà avversa.

All'inizio dello sviluppo della degradazione cerebrale del morbo di Alzheimer, vi è una diminuzione e una parziale perdita della memoria a breve termine e successivamente della memoria a lungo termine.

Uno stato aggressivo può prevalere nei pazienti. Si comportano in modo rude, mancano dell'attenzione dei propri cari.

Una patologia progressiva causa ulteriormente delusioni di persecuzioni, megalomania e altre deviazioni simili.

La tendenza al vagabondaggio si manifesta con frequenti uscite di casa. La vista del paziente è disordinata.

Questa condizione si sviluppa nelle persone con dipendenza da alcol entro 10-20 anni. È caratterizzato da un comportamento aggressivo, violazione delle qualità intellettuali e apatia.

Ma in rari casi, quando si rifiuta la dipendenza dannosa, il processo patologico regredisce.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

senilità

Le persone anziane diventano distratte e rude, intrattabili. L'oblio e i cambiamenti comportamentali si verificano a causa dell'invecchiamento e dell'estinzione delle cellule cerebrali.

I pazienti possono soffrire di insonnia durante la notte, durante il giorno tendono a dormire. Disturbi mentali, permalosità e pianto sono tipici per loro. Si possono osservare apatia e persino allucinazioni.

La causa di questi disturbi può essere salti nella pressione sanguigna e iperglicemia.

Questa è una malattia secondaria con epilessia. Si chiama anche demenza funzionale.

La carenza di ossigeno e le conseguenze della lesione cerebrale traumatica portano a questa condizione. tumori cerebrali. C'è una diminuzione della memoria e una violazione delle capacità mentali, accompagnata da un atteggiamento indifferente a ciò che sta accadendo.

I pazienti diventano scortesi, egoisti e vendicativi. Una caratteristica è l'uso della maggior parte delle parole di un povero vocabolario in una forma ridotta. Con questa forma di malattia, la terapia ha lo scopo di eliminare la causa sottostante.

Stabilire la diagnosi

Viene raccolta una cronologia per una diagnosi accurata. Sulla base di esso, i sintomi sono differenziati con depressione, astenia grave e disturbi mentali iatrogeni (delirio. Simulazione e altri).

Un neurologo che esamina un paziente rivela sintomi focali, disturbi extrapiramidali e disturbi della deambulazione.

La diagnosi finale viene fatta in base ai risultati della risonanza magnetica e ai test di laboratorio del paziente.

Cosa può offrire la medicina moderna?

La degenerazione senile del cervello viene trattata tenendo conto delle malattie concomitanti, che a questa età il paziente può avere molte. Questi includono ipertensione, polmonite, infarti e ictus e molti altri. Trattano i pazienti con preparati a base di erbe e quelli sintetici.

Il primo gruppo di farmaci comprende psicostimolanti. La loro azione è volta ad aumentare la capacità del sistema nervoso di adattarsi allo stress. Il secondo gruppo di farmaci è nootropico. la cui azione è volta a ripristinare la memoria e migliorare le funzioni cognitive. Questo gruppo è in grado di ridurre la domanda di ossigeno nel cervello.

Il trattamento della demenza senile prevede l'uso di farmaci in grado di ripristinare la nutrizione del tessuto nervoso del cervello. Il loro effetto è in qualche modo indebolito dal trattamento combinatorio con farmaci che migliorano l'afflusso di sangue all'organo. Ma i risultati del trattamento hanno ancora una tendenza positiva.

Sensazione di paura senza causa, ansia. l'insonnia è trattata con tranquillanti. I pazienti possono aver bisogno di metodi psicoterapici di esposizione che possano riportare una persona a un comportamento normale.

Caratteristiche di cura

La terapia farmacologica non produrrà l'effetto atteso senza cure adeguate. I parenti del paziente dovrebbero sapere che a casa è quasi impossibile creare le condizioni necessarie.

Ciò è dovuto al fatto che a casa ci sono molti oggetti pericolosi per il paziente (tagli, piercing, elettrici e pericolosi per il fuoco). Inoltre, a causa della possibile aggressività del paziente, è molto difficile mantenere la calma in casa. L'alimentazione dei pazienti dovrebbe essere monotona.

Le loro capacità cognitive sono compromesse e la varietà di piatti può causare confusione imprevedibile. Le persone anziane hanno bisogno di aiuto per usare il bagno. Potrebbe essere necessario utilizzare articoli per l'igiene speciali (pannolini).

Da tutto ciò ne consegue che l'opzione migliore è quella di collocare il paziente in una struttura medica specializzata o di curare un infermiere professionista.

Il paziente deve essere trattato con rispetto. Il suo comportamento è una manifestazione di una malattia grave, non un tratto caratteriale. Con un atteggiamento positivo, una buona cura del paziente, si osserva un miglioramento significativo.

Alcune condizioni possono dare origine all'errata costituzione di questa estremamente importante e all'ultima diagnosi nella vita. Nel caso di disconnessione di una persona vivente dai sistemi di supporto, può essere una questione di omicidio colposo o negligenza, che ha portato alla morte di una persona.

Come puoi vedere, la diagnosi di "morte cerebrale" è molto vicina al concetto di "morte umana" e, di fatto, differisce solo in presenza di attività cardiaca spontanea. Quindi, una pronunciata diminuzione della temperatura corporea, un'intossicazione grave, compresi i farmaci per l'anestesia, possono portare a tali errori. L'assunzione di atropina può causare pupille dilatate.

Morti

In assenza di terapia, circa 7 anni passano dall'esordio delle manifestazioni della malattia allo stadio finale.

Con la forma vascolare in rapida evoluzione della degenerazione cerebrale senile, la morte può verificarsi entro pochi mesi dal rilevamento dei primi sintomi della malattia, a causa del fatto che i pazienti nell'ultimo grave stadio della malattia rifiutano l'attività motoria e il cibo, diventano apatico, che porta al completo esaurimento.

Hanno tremore agli arti. il discorso è presente sotto forma di frammenti di frasi. Ricordano molto poco di se stessi. Per tutto il tempo in cui il paziente si trova in una posizione prona, si verificano di conseguenza piaghe da decubito, sepsi e polmonite. Un corpo indebolito smette di combattere e si verifica un risultato letale. La mortalità per il numero totale di casi è di circa il 5,6%.

L'aspettativa di vita di un paziente inoperabile con un tumore maligno al cervello, in cui la degenerazione senile è considerata secondaria, può essere predetta da un oncologo secondo gli studi di laboratorio e i risultati della RM.

All'età di 70 anni, si osserva una malattia in diverse fasi nel 5-10% delle persone nel mondo. Le donne soffrono 2 volte più spesso degli uomini. Dopo 85 anni, la malattia è caratterizzata da lievi progressi, che aumentano l'aspettativa di vita.

La prevenzione speciale della demenza senile in medicina non esiste ancora. Per evitare danni al cervello, si consiglia alle persone di età superiore ai 40 anni di assumere un complesso di vitamine e minerali.

Esistono additivi biologicamente attivi, la cui azione è volta a migliorare la memoria e le capacità mentali. Un aspetto importante è il rifiuto di cattive abitudini che influenzano negativamente il cervello e il sistema cardiovascolare.

Anche una terapia efficace per la manifestazione di patologie somatiche negli anziani può svolgere il ruolo di prevenzione. È importante che le misure siano prese in modo tempestivo.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Tatyana Jakowenko

Redattore capo del Detonic rivista online, cardiologo Yakovenko-Plahotnaya Tatyana. Autore di oltre 950 articoli scientifici, anche su riviste mediche straniere. Lavora come cardiologo in un ospedale clinico da oltre 12 anni. Possiede moderni metodi di diagnosi e cura delle malattie cardiovascolari e li implementa nelle sue attività professionali. Ad esempio, utilizza metodi di rianimazione del cuore, decodifica dell'ECG, test funzionali, ergometria ciclica e conosce molto bene l'ecocardiografia.

Per 10 anni ha partecipato attivamente a numerosi simposi e seminari medici per medici - famiglie, terapisti e cardiologi. Ha molte pubblicazioni su uno stile di vita sano, diagnosi e cura delle malattie cardiache e vascolari.

Monitora regolarmente nuove pubblicazioni di riviste di cardiologia europee e americane, scrive articoli scientifici, prepara relazioni in conferenze scientifiche e partecipa a congressi europei di cardiologia.

Detonic