Angina pectoris progressiva - cause, sintomi, diagnosi e trattamento

L'angina pectoris è una forma di malattia coronarica, caratterizzata da dolore parossistico nel cuore, a causa dell'insufficienza acuta di afflusso di sangue miocardico. Ci sono angina di sforzo che si verifica durante lo stress fisico o emotivo e angina di riposo, che si alza al di fuori dello sforzo fisico, più spesso di notte. Oltre al dolore dietro lo sterno, si manifesta con una sensazione di soffocamento, pallore della pelle, fluttuazioni della frequenza del polso e sensazioni di interruzioni nel lavoro del cuore. Può causare insufficienza cardiaca e infarto del miocardio.

Come manifestazione della malattia ischemica, l'angina pectoris si verifica in quasi il 50% dei pazienti, essendo la forma più comune di malattia coronarica. La prevalenza dell'angina pectoris è più alta tra gli uomini - 5-20% (contro l'1-15% tra le donne), la sua frequenza aumenta bruscamente con l'età. L'angina pectoris, a causa di sintomi specifici, è anche nota come angina pectoris o malattia coronarica.

Lo sviluppo dell'angina pectoris è provocato dall'insufficienza acuta del flusso sanguigno coronarico, a seguito della quale si sviluppa uno squilibrio tra la necessità di cardiomiociti nell'apporto di ossigeno e la sua soddisfazione. La violazione della perfusione del muscolo cardiaco porta alla sua ischemia. Come risultato dell'ischemia, i processi ossidativi nel miocardio sono interrotti: c'è un accumulo eccessivo di metaboliti sotto ossidati (lattico, carbonico, piruvico, fosforico e altri acidi), l'equilibrio ionico è disturbato e la sintesi di ATP è ridotta. In primo luogo, questi processi causano disfunzione miocardica diastolica e quindi sistolica, disturbi elettrofisiologici (cambiamenti nel segmento ST e onda T sull'ECG) e, infine, lo sviluppo di una reazione dolorosa. La sequenza dei cambiamenti che si verificano nel miocardio è chiamata "cascata ischemica", che si basa sulla perfusione compromessa e su un cambiamento nel metabolismo del muscolo cardiaco, e lo stadio finale è lo sviluppo dell'angina pectoris.

La carenza di ossigeno è particolarmente acuta nel miocardio durante lo stress emotivo o fisico: per questo motivo, gli attacchi di angina si verificano più spesso con un aumento della funzione cardiaca (durante l'attività fisica, lo stress). A differenza dell'infarto miocardico acuto, in cui si sviluppano cambiamenti irreversibili nel muscolo cardiaco, con angina pectoris, il disturbo della circolazione coronarica è transitorio. Tuttavia, se l'ipossia miocardica supera la soglia della sua sopravvivenza, l'angina può svilupparsi in infarto miocardico.

Cause dell'angina pectoris

La causa principale degli attacchi di angina è l'aterosclerosi, il meccanismo di sviluppo di cui abbiamo parzialmente esaminato all'inizio dell'articolo. In breve, la causa dell'angina pectoris è la sconfitta dei vasi coronarici con placche aterosclerotiche che riducono o coprono completamente il lume del flusso sanguigno.

  • Spasmi di vasi coronarici o coronarici;
  • Anomalie nello sviluppo di vasi coronarici del muscolo cardiaco;
  • Trombosi e tromboembolia delle arterie coronarie;
  • Malattia coronarica (CHD).
  • Attività fisica rafforzata;
  • Forte esperienza emotiva, stress;
  • Tachicardia;
  • Esci da una stanza calda a tempo freddo, freddo e ventoso;
  • Predisposizione genetica.
  • L'uso di cibi malsani e spazzatura - bevande analcoliche, fast food, alimenti non naturali con un gran numero di sostituti (additivi alimentari - E ***);
  • Cattive abitudini - fumo, alcool;
  • Iperlipidemia (lipidi e lipoproteine ​​nel sangue elevati);
  • Disfunzione endoteliale (parete interna dei vasi sanguigni);
  • Squilibrio ormonale (menopausa, ipotiroidismo, ecc.);
  • Violazione dei processi metabolici nel corpo;
  • Aumento della coagulazione del sangue;
  • Danni ai vasi sanguigni dovuti a infezione: virus dell'herpes, citomegalovirus, clamidia;
  • Abuso di droghe.
  • I maschi;
  • Sovrappeso, obeso;
  • Persone di età avanzata;
  • ipertesi;
  • Dipende dal fumo, dall'alcool, dalle droghe;
  • Amanti del fast food;
  • Le persone con uno stile di vita sedentario;
  • Le persone spesso esposte allo stress;
  • Persone con malattie come diabete mellito, ipertensione arteriosa (ipertensione).

La causa principale dell'angina pectoris, nonché della malattia coronarica, è la costrizione dei vasi coronarici causata dall'aterosclerosi. Gli attacchi di angina si sviluppano con un restringimento del lume delle arterie coronarie del 50-70%. La stenosi aterosclerotica più pronunciata, l'angina pectoris più grave. La gravità dell'angina pectoris dipende anche dall'entità e dalla posizione della stenosi, dal numero di arterie colpite. La patogenesi dell'angina pectoris è spesso mista e, insieme all'ostruzione aterosclerotica, possono verificarsi processi di trombosi e spasmo delle arterie coronarie.

A volte l'angina pectoris si sviluppa solo a causa dell'angiospasmo senza arteriosclerosi delle arterie. In una serie di patologie del tratto gastrointestinale (ernia diaframmatica, malattia del calcoli biliari, ecc.), Nonché di malattie allergiche infettive, sifilitiche e lesioni vascolari reumatoidi (aortite, periarterite, vasculite, endarterite), cardiospasmo riflesso causato da disturbi del il nervo superiore può sviluppare arterie del cuore - la cosiddetta angina pectoris riflessa.

Le cause della malattia coronarica sono note a molti. Molto spesso, la malnutrizione miocardica è associata a aterosclerosi, a volte è attaccata una componente spastica. Allo stesso tempo, la placca aterosclerotica cresce gradualmente e matura. Questo di solito accade quando c'è un alto livello di colesterolo nel sangue, motivo per cui è così importante per i pazienti con malattia coronarica seguire le raccomandazioni mediche relative alla dieta e ai farmaci.

  • Nelle fasi iniziali dell'aterosclerosi, il colesterolo si deposita nelle pareti dei vasi sanguigni sotto forma di bande e macchie di grasso.
  • Man mano che la malattia progredisce, si forma una placca fibrosa, che consiste di celle di schiuma e pneumatico.
  • Inoltre, i detriti iniziano a formarsi al centro della placca, che è il risultato della distruzione delle cellule di schiuma. La superficie che sporge nel lume della nave gradualmente fibrosa.
  • Dopo la distruzione del pneumatico, i detriti interni possono entrare nel lume delle arterie. Questa placca si chiama instabile e con la malattia coronarica possono formarsi dei coaguli di sangue che portano a angina pectoris progressiva o infarto del miocardio.
  • Nell'ultima fase, si formano calcificazioni nell'area della placca, che aumentano la fragilità delle arterie e sono spesso la causa di complicanze nel trattamento chirurgico della malattia coronarica.

Classificazione

Secondo la classificazione internazionale adottata dall'OMS (1979) e dalla All-Union Cardiology Scientific Center (VKNC) dell'Accademia delle scienze mediche dell'URSS (1984), si distinguono i seguenti tipi di angina:

Angina pectoris - si presenta sotto forma di episodi transitori di dolore sternale causati da stress emotivo o fisico che aumenta il fabbisogno metabolico del miocardio (tachicardia, aumento della pressione sanguigna). Di solito il dolore scompare a riposo o viene interrotto assumendo nitroglicerina. L'Angina pectoris include:

La prima angina pectoris in aumento che dura fino a 1 mese. dalla prima manifestazione. Può avere un decorso e una prognosi diversi: regredire, andare nell'angina pectoris stabile o progressiva.

Angina pectoris stabile - che dura più di 1 mese. In base alla capacità del paziente di tollerare l'attività fisica, è suddiviso in classi funzionali:

  • Grado I - buona tolleranza allo sforzo fisico normale; lo sviluppo di attacchi di angina è causato da carichi eccessivi, eseguiti a lungo e intensamente;
  • Grado II - la normale attività fisica è piuttosto limitata; il verificarsi di attacchi di angina è provocato camminando su un terreno pianeggiante per più di 500 m, salendo le scale per più di 1 piano. Lo sviluppo di un attacco di angina pectoris è influenzato dal freddo, dal vento, dall'eccitazione emotiva, le prime ore dopo il sonno.
  • Grado III: l'attività fisica normale è fortemente limitata; gli attacchi di angina sono causati camminando al solito ritmo su un terreno pianeggiante per 100-200 m, salendo le scale al 1 ° piano.
  • Grado IV - L'angina pectoris si sviluppa con uno sforzo fisico minimo, camminando a meno di 100 m, nel mezzo del sonno, a riposo.

Angina pectoris progressiva (instabile): aumento della gravità, della durata e della frequenza delle convulsioni in risposta al normale carico del paziente.

Angina pectoris spontanea (speciale, vasospastica) - causata da un improvviso spasmo delle arterie coronarie. Gli attacchi di angina si sviluppano solo a riposo, di notte o al mattino presto. L'angina pectoris spontanea, accompagnata da un aumento del segmento ST, è chiamata variante o Prinzmetal angina.

Il progressivo, così come alcune varianti dell'angina spontanea e di prima comparsa, si combinano nel concetto di "angina instabile".

In medicina, viene condivisa una forma stabile e instabile della malattia.

Classe funzionale (FC) Angina PectorisCaratterizzazione della classe funzionale dell'angina pectoris
IL'angina pectoris stabile del primo FC si verifica con uno stress fisico o emotivo intenso e prolungato.
IILa seconda FC dell'angina stabile viene diagnosticata se il paziente sviluppa un attacco in caso di camminare a una distanza di almeno 500 metri, camminando a un ritmo accelerato con tempo gelido, salendo le scale di due o più piani.
IIIIl terzo FC viene somministrato a un paziente il cui attacco si verifica dopo cento metri di cammino con un ritmo calmo. Questa classe funzionale di angina pectoris stabile porta a gravi limitazioni nell'attività fisica.
IVIl dolore si verifica anche a riposo o durante il sonno. Qualsiasi attività fisica porta all'angina pectoris.

Una forma instabile della malattia è una diagnosi più complessa. La complessità della diagnosi è che non esiste alcuna relazione tra i carichi e le manifestazioni della malattia. Nella gerarchia medica, la forma instabile occupa un posto intermedio tra la forma stabile e l'infarto miocardico acuto.

La forma instabile richiede un monitoraggio costante da parte di un medico. Il pericolo di una forma instabile di angina pectoris è che le convulsioni si verificano senza ovvi prerequisiti e c'è il rischio di infarto del miocardio o morte improvvisa.

Esistono tre classificazioni di angina pectoris instabile.

Classe d'angina instabileClasse caratteristica di angina instabile
IÈ caratterizzato dalla recente insorgenza dell'angina pectoris in forma grave o progressiva. Una esacerbazione della malattia coronarica è osservata, secondo il paziente, per due o meno mesi.
IIForma subacuta di angina pectoris a riposo e tensione. Il paziente ha una storia di attacchi di angina negli ultimi 30 giorni, ma la sua assenza negli ultimi due giorni.
IIILa forma acuta di angina pectoris. Negli ultimi due giorni, diversi attacchi di dolore anginale a riposo.
Classe d'angina instabileSinonimo di classe per angina instabileClasse caratteristica di angina instabile
АAngina instabile secondariaLo sviluppo di angina pectoris instabile si verifica sullo sfondo di fattori concomitanti: anemia, insufficienza respiratoria, ipotensione, ipertensione non controllata.
ВAngina instabile primariaL'angina instabile si osserva in assenza di fattori che esacerbano il processo di insufficiente afflusso di sangue al cuore.
СAngina instabile precoce post-infartoL'angina pectoris instabile si sviluppa nel periodo di due settimane dopo un infarto miocardico generale.
Classe d'angina instabileClasse caratteristica di angina instabile
1La terapia era assente o era presente al minimo.
2Era presente un'adeguata terapia di protocollo.
3Il trattamento è stato effettuato in tre gruppi di farmaci antianginici, compresa la nitroglicerina endovenosa.

L'angina pectoris è divisa in 2 gruppi principali: angina pectoris stabile e instabile.

L'angina pectoris di solito si sviluppa durante lo sforzo fisico di una persona, forti sentimenti, stress, cioè in quei casi in cui il battito cardiaco diventa più frequente e il muscolo cardiaco ha bisogno di una maggiore quantità di sangue, ossigeno.

Angina pectoris FC 1 (FC I) - caratterizzata da rari attacchi di dolore, principalmente con uno sforzo fisico significativo o eccessivo sul corpo;

Angina pectoris FC 2 (FC II) - caratterizzata da frequenti attacchi di dolore con uno sforzo fisico minore - salendo le scale al 1 ° piano, camminando svelto per circa 300 metri o più. Un attacco può anche iniziare nelle prime ore di veglia di una persona, quando si passa da uno stato di riposo a una modalità normale, il ritmo del cuore aumenta, la circolazione sanguigna aumenta e l'abilità antifibrinolitica (ritmo circadiano dell'angina pectoris) diminuisce.

Angina pectoris FC 3 (FC III) - caratterizzata da frequenti attacchi di dolore con uno sforzo fisico minore - salendo le scale al 1 ° piano nel solito passo lento, camminando svelto per circa 150 metri o più.

Angina pectoris FC 4 (FC IV) - caratterizzata da frequenti attacchi epilettici con attività fisica minima di una persona o stato di riposo (riposo).

2.1. La prima angina pectoris (VVS) - lo sviluppo di un secondo attacco si verifica 30-60 giorni dopo la prima manifestazione della sindrome del dolore.

2.2 Angina pectoris progressiva (PS) - lo sviluppo avviene più spesso sullo sfondo di una forma stabile di angina pectoris, con un aumento della classe funzionale (FC).

2.3. Angina pectoris postoperatoria post-infartuale precoce: lo sviluppo del dolore si verifica nel periodo da 3 a 28 giorni dopo l'infarto del miocardio (secondo la classificazione dei medici domestici) o da 1 a 14 giorni (classificazione NYHA).

2.4. Angina pectoris spontanea (vasospastica, variante, Prinzmetal) - è caratterizzata da improvvisi attacchi di dolore dietro lo sterno senza motivo apparente, il più delle volte - a riposo. Di solito, l'angina vasospastica non è associata a lesioni aterosclerotiche dei vasi coronarici. La sua causa è principalmente spasmi delle navi coronarie.

Fattori di rischio

Lo sviluppo, la progressione e la manifestazione dell'angina pectoris sono influenzati da fattori di rischio modificabili (usa e getta) e non modificabili (non rimovibili).

I fattori di rischio non modificabili per l'angina includono sesso, età ed ereditarietà. È già stato notato che gli uomini sono maggiormente a rischio di angina pectoris. Questa tendenza prevale fino all'età di 50-55 anni, cioè prima dell'inizio dei cambiamenti della menopausa nel corpo femminile, quando diminuisce la produzione di estrogeni, gli ormoni sessuali femminili che "proteggono" il cuore e i vasi coronarici. Dopo 55 anni, l'angina pectoris si presenta in persone di entrambi i sessi con frequenza approssimativamente uguale. Spesso, l'angina pectoris è osservata in parenti diretti di pazienti che soffrono di cardiopatia ischemica o che hanno subito un infarto del miocardio.

Fattori di rischio modificabili per l'angina pectoris una persona ha l'opportunità di influenzarli o escluderli dalla sua vita. Spesso questi fattori sono strettamente correlati e la riduzione dell'impatto negativo dell'uno elimina l'altro. Pertanto, una diminuzione del grasso negli alimenti consumati porta a una diminuzione del colesterolo, del peso corporeo e della pressione sanguigna. I fattori di rischio angina rimovibili includono:

  • Iperlipidemia. Nel 96% dei pazienti con angina pectoris, viene rilevato un aumento del colesterolo e di altre frazioni lipidiche con un effetto aterogenico (trigliceridi, lipoproteine ​​a bassa densità), che porta alla deposizione di colesterolo nelle arterie che alimentano il miocardio. L'aumento dello spettro lipidico, a sua volta, migliora i processi di trombosi nei vasi.
  • L'obesità. Di solito si verifica nelle persone che consumano cibo spazzatura con quantità eccessive di grassi animali, colesterolo e carboidrati. I pazienti con angina pectoris devono limitare il colesterolo nella loro dieta a 300 mg, sale da cucina - fino a 5 g, aumentare l'assunzione di fibre alimentari - più di 30 g.
  • Mancanza di esercizio fisico. Un'attività fisica inadeguata predispone allo sviluppo dell'obesità e al metabolismo lipidico compromesso. L'impatto di più fattori contemporaneamente (ipercolesterolemia, obesità, inattività fisica) svolge un ruolo decisivo nella comparsa dell'angina pectoris e nella sua progressione.
  • Smoking. Il fumo di sigaretta aumenta la concentrazione di carbossiemoglobina nel sangue, una combinazione di monossido di carbonio ed emoglobina, che provoca carenza di ossigeno nelle cellule, principalmente cardiomiociti, spasmo arterioso e aumento della pressione sanguigna. In presenza di aterosclerosi, il fumo contribuisce alla manifestazione precoce dell'angina pectoris e aumenta il rischio di infarto miocardico acuto.
  • Ipertensione arteriosa. Spesso accompagna il decorso della malattia coronarica e contribuisce alla progressione dell'angina pectoris. Con l'ipertensione arteriosa, a causa di un aumento della pressione arteriosa sistolica, aumenta la tensione miocardica e aumenta la necessità di ossigeno.
  • Anemia e intossicazione. Queste condizioni sono accompagnate da una diminuzione del rilascio di ossigeno al muscolo cardiaco e provocano attacchi di angina, sia sullo sfondo dell'aterosclerosi coronarica che in sua assenza.
  • Diabete. In presenza di diabete mellito, il rischio di malattia coronarica e angina pectoris aumenta di 2 volte. I diabetici con esperienza decennale della malattia soffrono di grave aterosclerosi e hanno una prognosi peggiore in caso di angina pectoris e infarto del miocardio.
  • Aumento della viscosità del sangue relativa. Promuove i processi di trombosi nel sito di sviluppo della placca aterosclerotica, aumenta il rischio di trombosi dell'arteria coronarica e lo sviluppo di pericolose complicanze della malattia coronarica e dell'angina pectoris.
  • Stress psico-emotivo. Sotto stress, il cuore funziona in condizioni di aumento dello stress: si sviluppa angiospasmo, aumenta la pressione sanguigna e peggiora l'apporto di miocardio con ossigeno e sostanze nutritive. Pertanto, lo stress è un potente fattore che provoca angina pectoris, infarto del miocardio, morte coronarica improvvisa.

Tra i fattori di rischio per l'angina pectoris vi sono anche reazioni immunitarie, disfunzione endoteliale, aumento della frequenza cardiaca, menopausa precoce e contraccettivi ormonali nelle donne, ecc.

La combinazione di 2 o più fattori, anche moderati, aumenta il rischio totale di sviluppare angina pectoris. La presenza di fattori di rischio deve essere presa in considerazione nel determinare le tattiche di trattamento e la prevenzione secondaria dell'angina pectoris.

Diagnosi di angina pectoris

Nella malattia coronarica, l'angina progressiva può essere diagnosticata raccogliendo con cura un'anamnesi, cioè dopo aver letto la storia medica. Di norma, un paziente con malattia coronarica nota un improvviso aumento degli attacchi di angina o un cambiamento nella loro natura. A volte il dolore diventa molto più pronunciato rispetto all'inizio della storia medica.

  • ECG, su cui al momento dell'attacco è possibile identificare una serie di modifiche;
  • L'ecografia del cuore aiuterà a rilevare le aree del cosiddetto miocardio addormentato, che non svolge la sua funzione, ma non viene modificato strutturalmente;
  • analisi del sangue biochimica;
  • scintigrafia miocardica.

Insieme ai metodi di esame strumentale, è necessario conoscere i risultati della biochimica del sangue. Innanzitutto, l'attenzione è rivolta al livello di proteine ​​cardiospecifiche (CPK-MV, troponina). Con il loro aumento significativo, la necrosi massiccia del muscolo cardiaco di solito non è in dubbio. Nel caso di un leggero aumento, la diagnosi rimane dubbia e i pazienti ricevono un trattamento come in un infarto.

La diagnosi di angina pectoris comprende i seguenti metodi di esame:

  • anamnesi;
  • Analisi del sangue generale;
  • Chimica del sangue;
  • Misurazione della glicemia (determinazione della glicemia);
  • Elettrocardiografia (ECG) a riposo e durante l'esercizio fisico;
  • Monitoraggio quotidiano del cuore con un elettrocardiogramma;
  • Ecocardiografia (EchoECG) a riposo e durante lo sforzo fisico;
  • Scintigrafia durante stress fisico o farmacologico.
  • Coronarografia (in alcuni casi, a discrezione del medico).

La conferma di una diagnosi in ambito clinico è un processo complesso e lungo che richiede diversi test strumentali:

  • elettrocardiogramma a riposo,
  • elettrocardiogramma sotto sforzo fisico,
  • monitoraggio quotidiano dell'elettrocardiografia,
  • ecocardiografia a riposo,
  • scintigrafia sotto carico fisico o farmacologico,
  • ecocardiografia sotto carico fisico o farmacologico.

Parallelamente a questo complesso di studi strumentali, vengono condotti test di laboratorio per identificare patologie che possono provocare malattie coronariche.

Nel riconoscere l'angina pectoris, vengono presi in considerazione i reclami dei pazienti, la natura, la localizzazione, l'irradiazione, la durata del dolore, le condizioni della loro insorgenza e i fattori di sollievo dagli attacchi. La diagnosi di laboratorio comprende uno studio nel sangue di colesterolo totale, AST e ALT, lipoproteine ​​ad alta e bassa densità, trigliceridi, lattato deidrogenasi, creatina chinasi, glucosio, coagulogramma ed elettroliti nel sangue. Di particolare significato diagnostico è la definizione di troponine cardiache I e T - marcatori che indicano danno miocardico. L'identificazione di queste proteine ​​del miocardio indica un microinfarto o un infarto del miocardio e previene lo sviluppo dell'angina pectoris post-infarto.

Un elettrocardiogramma prelevato all'altezza di un attacco di angina pectoris rivela una diminuzione dell'intervallo ST, la presenza di un'onda T negativa nel petto conduce, una conduzione e un ritmo alterati. Il monitoraggio ECG giornaliero consente di registrare i cambiamenti ischemici o la loro assenza con ogni attacco di angina pectoris, frequenza cardiaca, aritmia. L'aumento della frequenza cardiaca prima di un attacco ti consente di pensare all'angina pectoris, alla normale frequenza cardiaca - all'angina pectoris spontanea. L'ecocardiografia con angina rivela cambiamenti ischemici locali e compromissione della contrattilità miocardica.

La velgoergometria (VEM) è un'analisi che mostra quale carico massimo può tollerare un paziente senza il rischio di sviluppare ischemia. Il carico viene impostato mediante una cyclette fino al raggiungimento della frequenza cardiaca submassimale con la registrazione simultanea dell'ECG. Con un test negativo, la frequenza cardiaca sottomassimale viene raggiunta in 10-12 minuti. in assenza di manifestazioni cliniche ed ECG di ischemia. Un campione è considerato positivo, accompagnato al momento del caricamento da un attacco di angina pectoris o da uno spostamento del segmento ST di 1 o più millimetri. Il rilevamento dell'angina pectoris è anche possibile inducendo ischemia miocardica transitoria controllata mediante test di stress funzionale (stimolazione atriale transesofagea) o farmacologico (test isoproterenolo con dipiridamolo).

La scintigrafia miocardica viene eseguita per visualizzare la perfusione del muscolo cardiaco e identificare i cambiamenti focali in esso. Il tallio del farmaco radioattivo viene attivamente assorbito da cardiomiociti vitali e, con l'angina pectoris accompagnata da sclerosi coronarica, vengono rilevate zone focali di perfusione miocardica. La coronarografia diagnostica viene eseguita per valutare la localizzazione, il grado e la prevalenza del danno alle arterie del cuore, che consente di decidere sulla scelta del metodo di trattamento (conservativo o chirurgico).

Trattamento dell'angina

Ha lo scopo di fermare, nonché di prevenire attacchi e complicanze dell'angina pectoris. La nitroglicerina serve come farmaco di pronto soccorso per un attacco di angina pectoris (tenere un pezzo di zucchero in bocca fino a completo riassorbimento). Sollievo dal dolore di solito si verifica dopo 1-2 minuti. Se l'attacco non si è fermato, la nitroglicerina può essere riutilizzata a intervalli di 3 minuti. e non più di 3 volte (a causa del pericolo di un forte calo della pressione sanguigna).

La terapia farmacologica di routine per l'angina pectoris include l'uso di farmaci antianginosi (anti-ischemici) che riducono il fabbisogno di ossigeno del muscolo cardiaco: nitrati di azione prolungata (pentaeritritolo tetranitrato, isosorbide dinitrato, ecc.), Bloccanti b-adrenergici (anaprilin, oxprenolol , ecc.), calcidomin (verapamil, nifedipine), trimetazidina, ecc.

Nel trattamento dell'angina pectoris, è consigliabile utilizzare farmaci antisclerotici (un gruppo di statine - lovastatina, simvastatina), antiossidanti (tocoferolo), agenti antipiastrinici (acido acetilsalicilico). Secondo le indicazioni, vengono eseguite la profilassi e il trattamento della conduzione e dei disturbi del ritmo; con angina pectoris di alta classe funzionale, viene eseguita la rivascolarizzazione miocardica chirurgica: angioplastica con palla, innesto di bypass dell'arteria coronaria.

Nel trattamento dell'angina pectoris con metodi popolari, devono essere seguite due regole:

  • qualsiasi prescrizione di medicina tradizionale deve essere approvata dal medico curante;
  • i metodi popolari aiutano i metodi tradizionali di droghe.

Esistono molti metodi alternativi di trattamento. Si basano sui punti principali del trattamento tradizionale della malattia: una dieta sana e uno stile di vita sano.

Forse vuoi sapere del nuovo farmaco - Cardiol, che normalizza perfettamente la pressione sanguigna. Cardiol le capsule sono uno strumento eccellente per la prevenzione di molte malattie cardiache, poiché contengono componenti unici. Questo farmaco è superiore nelle sue proprietà terapeutiche a tali farmaci: Cardiline, Recardio, Detonic. Se vuoi conoscere informazioni dettagliate su Cardiol, Andare al sito web del produttoreQui troverai le risposte alle domande relative all'uso di questo farmaco, recensioni dei clienti e medici. Puoi anche scoprire il Cardiol capsule nel tuo paese e le condizioni di consegna. Alcune persone riescono a ottenere uno sconto del 50% sull'acquisto di questo farmaco (come farlo e acquistare pillole per il trattamento dell'ipertensione per 39 euro è scritto sul sito ufficiale del produttore.)Cardiol capsule per cuore

Spicchio d'aglio

Uno spicchio d'aglio comune è un'alternativa alla nitroglicerina durante un attacco di angina pectoris. Dopo aver masticato uno spicchio d'aglio, il dolore nell'area del torace passerà dopo 20 minuti. Questa ricetta si trova in molte vecchie raccolte di ricette di medicina tradizionale. In linea di principio, se un attacco si verifica inaspettatamente, una tale ricetta è un buon modo per affrontare il dolore.

La profilassi della stenocardia più popolare è una miscela di aglio, limone e miele. Per prepararlo, devi mettere un litro di miele in un barattolo da tre litri, il succo spremuto da dieci limoni e cinque teste medie di aglio, sbucciate su chiodi di garofano.

Mescolare la miscela risultante non è facile, ma il contenuto deve essere ben miscelato. Quindi chiudere il barattolo con un coperchio e metterlo per una settimana in un luogo buio con una temperatura fresca. L'infuso preparato deve essere assunto in due cucchiai prima di colazione, dissolvendolo in bocca. Il corso di ammissione è fino alla fine dell'intera preparazione preparata.

Infuso di aloe sul miele

Rafforza il cuore e l'infuso di aloe sul miele. Questa prescrizione della medicina tradizionale è particolarmente efficace nelle prime manifestazioni della malattia.

Cinque grandi foglie di aloe e tre grandi limoni vengono fatti passare attraverso un tritacarne. La sospensione risultante viene miscelata con mezzo litro di miele, riscaldata a bagnomaria. Successivamente, la miscela viene messa in frigorifero per diversi giorni e presa su un cucchiaio a stomaco vuoto. Come nella ricetta precedente, il corso di infusione di aloe vera sul miele è fino alla fine dell'infusione.

Succo di verdura

Questa ricetta è adatta per la prevenzione di molti problemi cardiaci. Aiuta sia con l'aritmia che con la malattia coronarica.

Per preparare il succo di verdura, devi mescolare un litro di succo di carota, 600 grammi di succo di sedano, 500 grammi di succo di spinaci e 250 grammi di succo di prezzemolo. Una tale miscela di verdure dovrebbe essere bevuta in due bicchieri al giorno. Non ci sono limiti di tempo sul corso di ammissione. Se possibile, questo succo dovrebbe diventare una parte permanente della tua dieta quotidiana.

Con la malattia coronarica, l'angina progressiva viene di solito trattata in ospedale. Ciò è dovuto al fatto che in una combinazione sfavorevole di circostanze, il paziente può morire per aritmia potenzialmente letale o infarto del miocardio. Pertanto, con un decorso simile della malattia, è desiderabile condurre osservazioni di monitoraggio fino a quando la condizione non migliora.

  • nitrati;
  • disaggreganti;
  • beta-bloccanti;
  • Veroshpiron;
  • antipertensivi;
  • statine.

Talvolta viene prescritta la somministrazione endovenosa di eparina e nitroglicerina. Se la storia medica di un paziente con angina progressiva è accompagnata da un grave cambiamento nel letto coronarico, che viene rivelato dall'angiografia coronarica, la strategia di trattamento ottimale è lo stent o la chirurgia di bypass.

Con una lesione locale di 1-2 vasi, è possibile eseguire un trattamento mini-invasivo ed eseguire lo stent. In via preliminare, viene eseguita la chirurgia plastica a sfera, che è necessaria per espandere il lume delle navi. A volte si verificano complicazioni associate alla formazione di calcificazioni nell'area dell'operazione. Tale placca diventa molto rigida e difficile da schiacciare.

Inoltre, i suoi bordi affilati possono danneggiare l'integrità della parete vascolare, causando sanguinamento. Pertanto, in alcuni casi, la chirurgia a cielo aperto (innesto di bypass dell'arteria coronaria) viene utilizzata per il trattamento dell'angina pectoris progressiva. Questa operazione è accompagnata da arresto circolatorio, pertanto è controindicata in pazienti in gravi condizioni o in presenza di gravi patologie concomitanti.

Come trattare l'angina pectoris? Il trattamento dell'angina pectoris ha lo scopo di fermare la sindrome del dolore, prevenire lo sviluppo di infarto del miocardio, nonché fermare lo sviluppo dell'aterosclerosi e pulire i vasi sanguigni dalle placche aterosclerotiche.

1. Limitazione dell'attività fisica umana; 2. Trattamento farmacologico (farmaci per l'angina pectoris): 2.1. Sollievo dal dolore; 2.2. Terapia di mantenimento; 2.3. Terapia aterosclerotica; 3. Dieta; 4. trattamento chirurgico; 5. Rispetto delle misure preventive.

Come abbiamo ripetutamente menzionato in questo articolo, qualsiasi attività fisica di una persona, comprese le forti esperienze emotive, fa funzionare il cuore più velocemente, il polso aumenta e il cuore inizia a pompare sangue più velocemente per il normale funzionamento e quindi ha bisogno di più sangue.

Per prevenire tali situazioni, il paziente ha bisogno di riposo e maggiore è la classe funzionale (FC) dell'angina pectoris, più è necessario proteggersi dall'attività fisica e dalle situazioni stressanti.

È necessaria l'attività fisica ed è prescritta dal medico curante nella fase di riabilitazione, dopo un ulteriore esame del paziente.

! importante Prima di usare qualsiasi mezzo e farmaco per il trattamento dell'angina pector, assicurati di consultare il tuo medico!

! importante Prima di usare i rimedi popolari per l'angina, assicurati di consultare il tuo medico!

Limone. Seguendo la dieta, di cui abbiamo parlato un po 'più in alto nell'articolo, prima di ogni pasto, usa una buccia di limone accuratamente lavata.

Aglio, Limone e Miele. Metti in un barattolo da 3 litri 1 litro di miele, succo di 10 limoni e 5 teste d'aglio (non chiodi di garofano) spremuti attraverso un tritacarne, mescola tutto accuratamente, copri il barattolo con un coperchio e metti in un luogo buio e fresco per 7 giorni per insistere. Devi prendere il farmaco per 2 cucchiai. cucchiai al mattino, 1 volta al giorno, a stomaco vuoto, assorbendo lentamente il prodotto per un paio di minuti. Il corso del trattamento è fino alla fine del rimedio cotto.

Biancospino. Versare in un thermos 4 cucchiai. cucchiai di biancospino e versarlo con 1 litro di acqua bollente, mettere il prodotto durante la notte per insistere. Bevi l'infuso durante il giorno come tè.

Menta e Valeriana. 4 cucchiai. cucchiai di menta piperita e 1 cucchiaio. aggiungi un cucchiaio di valeriana a un thermos, riempi le piante con 1 litro di acqua bollente e metti da parte per insistere per un paio d'ore. L'infusione deve essere bevuta durante il giorno.

Per aumentare l'efficacia del rimedio, puoi anche aggiungere un paio di cucchiaini di rosa canina qui, che aggiungeranno una porzione di vitamina C alla bevanda, contrastando direttamente la formazione di placche aterosclerotiche.

Olio di abete. Per fermare il dolore al cuore, è necessario strofinare 6-7 gocce di olio di abete in questo posto.

Segni di angina pectoris

L'angina pectoris, indipendentemente dal tipo, è chiaramente visualizzata. Una persona avverte un forte dolore nella zona del torace di natura tagliente o oppressiva. Un segno caratteristico è la pressione di un pugno sul cuore da parte del paziente, che cerca di mostrare al posto della concentrazione del dolore. Un tale gesto è istintivo. Il dolore durante un attacco della malattia non appare puntualmente nel torace.

I seguenti sintomi indicano un attacco:

  • stress fisico o emotivo prima dell'attacco,
  • scottatura
  • mancanza di sensibilità nelle dita,
  • espressione di sofferenza sul viso
  • sudore sulla fronte
  • respiro raro intermittente
  • polso rapido.

Nella maggior parte dei casi, con una forma stabile della malattia, un attacco si verifica immediatamente dopo la cessazione dell'attività fisica.

Prognosi e prevenzione

La prevenzione dell'angina pectoris è importante perché la prognosi del trattamento della malattia è sfavorevole. È impossibile curare la malattia con metodi conservativi. E il rischio che si sviluppi in infarto del miocardio o morte improvvisa è piuttosto alto.

Pertanto, è necessario iniziare a pensare alla salute del cuore quando è sana. Si consiglia di rendere le poche regole di seguito parte del proprio stile di vita. La prevenzione dell'angina pectoris può adattarsi a quattro semplici verità:

  • costante attività fisica
  • mancanza di sovraccarico emotivo,
  • smettere di fumare,
  • monitoraggio sanitario.

Esaminiamo queste verità in modo più dettagliato.

Il cuore umano è un muscolo. Mantenere il suo tono richiede un regolare esercizio fisico.

I carichi possono essere diversi: camminare, correre, lavoro fisico, lezioni di ginnastica. E tutti influenzeranno positivamente lo stato del cuore e lo rafforzeranno.

Se non sei un atleta professionista, non esaurire il corpo con carichi estenuanti. Ma sedersi tutto il giorno su una sedia da ufficio non ne vale la pena. Hai bisogno di una via di mezzo. È sufficiente percorrere qualche chilometro ogni giorno o correre diversi cerchi attorno al tuo isolato di mattina. La cosa principale è la costanza, e quindi il cuore sarà pronto per lo sforzo.

Lo stress è il tuo nemico nella prevenzione dei problemi cardiaci. La seccatura e l'ansia costanti influiscono negativamente sulla risorsa del muscolo cardiaco. Tutti capiscono che non puoi metterti nella credenza e non preoccuparti di nulla. Ma, pensando al tuo corpo, è necessario stabilire correttamente le priorità.

Non spruzzare emozioni su problemi che non lo meritano. È stato a lungo notato che le persone non in conflitto hanno molte meno probabilità di incontrare problemi cardiaci. Questo vale anche per l'angina pectoris.

Pertanto, lo prendiamo di regola: per ridurre il rischio di sviluppare angina pectoris, è necessario ridurre la quantità di stress nella vita.

Smettere di fumare

Il fumo e la prevenzione dell'angina pectoris sono concetti incompatibili. L'ossigeno, che deve essere trasportato nel cuore dai vasi sanguigni, viene sostituito dai composti nocivi del fumo di tabacco quando viene fumato. Automaticamente, otteniamo un aggravamento di uno dei fattori nello sviluppo della malattia: una scarsa fornitura di ossigeno al cuore.

Questo fatto si applica alla lotta contro la malattia e alla sua prevenzione. Con ogni sigaretta, peggioriamo la nutrizione del cuore e avviciniamo il momento in cui si verifica il primo attacco di dolore toracico. L'angina pectoris è molto più vicina a coloro che fumano.

Per quanto riguarda l'alcool, c'è un'opinione interessante: l'alcol rompe perfettamente i composti grassi che ostruiscono i vasi sanguigni e portano all'aterosclerosi. Sulla base di questo fatto, un certo numero di esperti ritiene che l'alcool a dose moderata sia utile come profilassi per l'angina pectoris e altri problemi cardiaci.

Questa affermazione è anche supportata dal fatto che molti vecchietti hanno bevuto regolarmente un bicchiere di vino o un bicchiere di cognac. Ma questo fatto non può essere preso come guida all'azione.

Se una persona conduce uno stile di vita sano, sperimenta uno sforzo fisico regolare, evita lo stress, la soluzione migliore sarebbe un rifiuto completo dell'alcol.

Va tenuto presente che la probabilità di angina pectoris aumenta con malattie concomitanti. Malattie dei polmoni, fegato, diabete mellito, problemi al tratto gastrointestinale sono tutti fattori che aumentano il rischio di sviluppare angina pectoris.

Regolari esami preventivi da parte di un terapeuta ti permetteranno di diagnosticare eventuali problemi di salute nelle prime fasi. La diagnosi precoce è il modo più semplice per eliminare i problemi.

Ricorda che il cuore è il motore del corpo. Ma qualsiasi problema con altri organi aumenta il carico sul cuore e riduce significativamente la sua risorsa.

L'angina pectoris è una malattia cardiaca cronica e invalidante. Con la progressione dell'angina pectoris, esiste un alto rischio di sviluppare infarto del miocardio o morte. Il trattamento sistematico e la prevenzione secondaria aiutano a controllare il decorso dell'angina pectoris, migliorare la prognosi e mantenere la capacità lavorativa limitando lo stress fisico ed emotivo.

La profilassi efficace dell'angina pectoris richiede l'esclusione dei fattori di rischio: riduzione del peso in eccesso, controllo della pressione arteriosa, ottimizzazione della dieta e dello stile di vita, ecc. Come profilassi secondaria con una diagnosi già accertata di angina pectoris, è necessario evitare preoccupazioni e sforzi fisici, assumere profilatticamente la nitroglicerina prima dell'esercizio e la prevenzione dell'aterosclerosi, condurre la terapia delle patologie concomitanti (diabete mellito, malattie del tratto gastrointestinale). Seguendo esattamente le raccomandazioni per il trattamento dell'angina pectoris, l'assunzione di nitrati prolungati e il monitoraggio del dispensario da parte di un cardiologo possono raggiungere uno stato di remissione prolungata.

La prevenzione dell'angina pectoris include il rispetto delle seguenti regole e raccomandazioni:

  • Completa cessazione del fumo e dell'alcool;
  • Ridurre al minimo l'uso di alimenti non salutari e spazzatura, inclusi carni grasse, fritte, speziate, salate, affumicate, nonché cibi che aumentano il livello di colesterolo "cattivo" nel sangue;
  • Mangiare cibi arricchiti con vitamine e macro-microelementi (minerali);
  • Muoviti di più in modo che la circolazione sanguigna “giochi” sempre. Esercizio, se necessario, consultare un medico di terapia fisica in modo che nomina un gruppo di esercizi per rafforzare il sistema cardiovascolare;
  • Guarda il tuo peso, non l'obesità;
  • Evitare situazioni stressanti, se necessario, cambiare lavoro;
  • Non lasciare al caso le sue varie malattie, in particolare il sistema cardiovascolare, in modo che non diventino croniche.

Come trattare l'angina pectoris

Il trattamento dell'angina pectoris non implica una completa eliminazione del problema. L'obiettivo della terapia:

  • ridurre il rischio di convulsioni nell'infarto del miocardio o nella morte improvvisa;
  • ridurre la frequenza dei sintomi;
  • eliminare le manifestazioni della malattia.

Il trattamento può essere diviso in quattro gruppi:

  • sollievo dai sintomi
  • terapia farmacologica per ridurre il rischio di sintomi,
  • cambiamento di stile di vita
  • intervento chirurgico.

I sintomi della malattia possono essere alleviati usando farmaci nitrati a breve durata d'azione. L'effetto terapeutico dei nitrati si basa sull'espansione di:

Ciò migliora la nutrizione delle sezioni ischemiche del miocardio, riduce la resistenza periferica, migliora il flusso sanguigno coronarico. La riduzione del dolore compressivo nell'area del torace si ottiene a causa dello scarico emodinamico del miocardio e di una diminuzione della quantità di stress sul cuore. Quest'ultimo fatto riduce la richiesta di ossigeno del cuore.

Cioè, l'apporto di ossigeno al cuore dopo l'assunzione di nitrati non aumenta. La necessità per loro diminuisce. Tra i nitrati a breve durata d'azione, l'unico farmaco è comune: nitroglicerina. È rilasciato sotto forma di compresse o spray ipoidi e costa in farmacia da 66 rubli.

Per alleviare i sintomi, una compressa di nitroglicerina viene posizionata sotto la lingua e mantenuta lì fino a completo riassorbimento. Per accelerare l'effetto dell'assunzione del medicinale, una compressa di nitroglicerina può essere pre-morsa in diverse parti e anche messa sotto la lingua.

Per ridurre il rischio di angina pectoris, vengono prescritti farmaci di sette gruppi in varie combinazioni. I farmaci antipiastrinici inibiscono l'aggregazione piastrinica. Ciò riduce il rischio di coaguli di sangue.

Tra i farmaci antipiastrinici viene utilizzata l'aspirina, che è efficace sia nell'angina stabile che instabile. Ridurre il rischio di trombosi coronarica riduce il rischio di sviluppare infarto miocardico.

Ipolipidemici - farmaci per prevenire la formazione di lipidi nel sangue, che provocano l'aterosclerosi.

PreparazionePrezzoDescrizione
Simvastatinada 54 rubli.In ogni compressa, a seconda del dosaggio, 10 o 20 mg di simvastatina. Nella confezione da dieci a cento compresse.
Atorvastatinada 52 rubli.Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse. Ciascuno contiene 10, 20 o 40 mg di atorvastatina. Un pacchetto può contenere da dieci a cento compresse.
rosuvastatinada 154 rubli.Compresse con il principio attivo rosuvastatina. In ogni 5, 10, 20 o 40 mg di sostanza attiva. In una confezione da 30 o 60 compresse.

β-bloccanti - un gruppo di farmaci la cui azione è volta a normalizzare la frequenza cardiaca e ridurre la frequenza delle contrazioni del muscolo cardiaco.

PreparazionePrezzoDescrizione
Bisoprololoda 79 rubli.Il farmaco è in forma di compresse, ciascuna delle quali può contenere 2,5, 5 o 10 mg di bisoprololo. Disponibile in confezioni da 30, 50 o 60 compresse.
Nebivololoda 187 rubli.Compresse con cinque milligrammi di nebivololo cloridrato in ciascuna. Nella confezione, a seconda della confezione, da 14 a 60 compresse.
Carvediloloda 69 rubli.Disponibile in forma di tablet. A seconda del dosaggio, ciascuno può contenere 6,25, 12,5 o 25 mg di carvedilolo. In una confezione da 30 compresse.
PreparazionePrezzoDescrizione
Nifedipinada 28 rubli.Disponibile sotto forma di confetti e compresse. Indipendentemente dalla forma di rilascio, un'unità del farmaco contiene 10 mg del principio attivo nifedipina. Nella confezione da 50 compresse o confetti.
Diltiazemda 95 rubli.Compresse contenenti 60 o 90 mg di diltiazem ciascuna, in una confezione da 30 pezzi.
Verapamilda 17 rubli.Disponibile in forma di tablet. Il principio attivo di verapamil cloridrato è contenuto, a seconda del dosaggio, in un volume di 40, 80 o 240 mg per compressa. Disponibile in confezioni da 50 compresse.
PreparazionePrezzoDescrizione
Coraxanda 1100 rubli.Compresse rivestite con film contenenti 5,39 mg di ivabradina cloridrato ciascuna. La confezione contiene 56 compresse.
Bravadinda 392 rubli.Compresse con 5 o 7,5 mg del principio attivo ivabradina. La confezione contiene 28 o 56 compresse.
PreparazionePrezzoDescrizione
Candesartanda 160 rubli.Compresse da 28 pezzi in una confezione, ciascuna contenente 8, 16 o 32 mg di candesartan cilexetil.
Perindoprilda 66 rubli.30 compresse per confezione. Ciascuno, a seconda del dosaggio, contiene 4 o 8 mg di perindopril erbumin.
Ramiprilda 87 rubli.Disponibile sotto forma di compresse da 5 o 10 mg della sostanza attiva, 30 compresse per confezione.
Valsartanda 309 rubli.Valsartan è disponibile in compresse, in confezioni da 28,30 o 84 pezzi. Ogni compressa rivestita con film contiene 80 o 160 mg di valsartan.

Nitrati, che sono già stati menzionati nella sezione sulla terapia sintomatica dell'angina pectoris. I farmaci in questo gruppo variano nel tempo di azione:

  • azione breve (fino a un'ora),
  • moderata azione prolungata (fino a sei ore),
  • significativa azione prolungata (dalle sei alle 24 ore).

I nitrati a breve durata d'azione Nitrogliticerina, Isacardina, Nitrosorbide vengono assunti immediatamente prima dell'esercizio per prevenire un attacco di angina pectoris. La mancanza di effetto è un'occasione per riflettere sulla diagnosi corretta.

Classe di funzioniGruppo di nitratiPrincipali drogheFunzioni di ricezione
I
IINitrati prolungati corti e moderatiCardiket 20, Monosan, CorvatonL'applicazione è simile al primo FC con la differenza che il rivestimento temporaneo con nitrati è più lungo, a seconda dei carichi previsti.
IIINitrati significativi a lunga durata d'azionePectrol, Olicard Retard, Forte di NitrongL'angina pectoris della terza classe funzionale è fermata da farmaci di significativa azione prolungata. Allo stesso tempo, è indispensabile mantenere un certo periodo privo di nitrati per evitare lo sviluppo di resistenza ai nitrati.
IVNitrati significativi a lunga durata d'azionePectrol, Olicard Retard, Forte di NitrongIl programma di assunzione di nitrati è progettato in modo tale che la loro azione sia costantemente coperta.

Il ruolo principale nell'arresto delle manifestazioni della malattia appartiene allo stile di vita del paziente. Cominciamo con l'attività fisica.

Anche con l'angina pectoris della quarta classe funzionale, quando una persona è praticamente inabile, è necessaria l'attività fisica. Il principale nemico del paziente è l'inattività. Per coloro che trascorrono la maggior parte del loro tempo in poltrona o a letto, è più difficile fermare la malattia. Gli esercizi fisici per il paziente sono selezionati dal medico. Anche se sono solo un paio di passaggi ogni poche ore, sono importanti.

Allo stesso tempo, è vietata l'attività amatoriale sotto forma di un aumento indipendente dei carichi con un immaginario miglioramento delle condizioni. È quasi impossibile prevedere un attacco. Pertanto, eventuali aggiustamenti nel sistema di attività fisica sono possibili solo con il permesso del medico.

Altro sul fumo. Questa cattiva abitudine è un forte fattore di rischio per l'angina pectoris. La connessione tra le sigarette e la malattia in questione è diretta: il fumo si restringe e danneggia i vasi sanguigni, causando il deterioramento del flusso sanguigno. Pertanto, con l'angina pectoris, è obbligatorio smettere di fumare. Non ci sono alternative per l'angina pectoris. Smetti di fumare

Ora riguardo alla nutrizione. Non ci sono alternative in questa materia. Solo una dieta abbastanza rigorosa, che tuttavia si adatta al concetto di una dieta sana. Il paziente non ha bisogno di mangiare solo verdure e bere acqua. Il cibo può essere variato.

Il divieto principale è costituito dagli alimenti contenenti colesterolo. Stiamo parlando di grassi animali. Dalla carne è meglio scegliere pollame e pesce. Altrimenti, la dieta per l'angina pectoris è semplice: più grano non trasformato in qualsiasi forma, più frutta e verdura.

E le emozioni! Lo stress è il nemico nella lotta contro l'angina pectoris. Le emozioni negative devono essere evitate. Esercizi respiratori e pratiche orientali aiutano a far fronte a questo compito: yoga, meditazione. Il compito del paziente è di adattare la sua vita in modo che le situazioni spiacevoli siano meno comuni. È difficile ma necessario.

L'intervento chirurgico per l'angina pectoris è prescritto quando la terapia farmacologica non ha dato il risultato desiderato. I metodi di trattamento chirurgico della malattia sono abbastanza efficaci e portano a un risultato in cui gli attacchi si fermano completamente. Con l'angina pectoris, viene utilizzato uno dei due tipi di intervento chirurgico:

  • innesto di bypass dell'arteria coronaria,
  • angioplastica con palla.

L'innesto di bypass dell'arteria coronaria è la posa di un'area di bypass tra l'aorta e l'arteria coronaria. Le arterie o le vene prelevate direttamente dal paziente vengono utilizzate come derivazione di bypass.

Per un tale trapianto, viene presa una parte dell'arteria mammaria interna, se non ci sono controindicazioni a questo. Bypassare il flusso sanguigno con un lume ristretto elimina la mancanza di ossigeno sotto stress e previene lo sviluppo di ischemia e infarto.

L'angioplastica con palloncino è una soluzione chirurgica meno traumatica al problema. Sulla base della coronarografia, viene rivelato il sito del più grande restringimento del vaso sanguigno. Durante l'operazione, una palla viene inserita in questo posto. Viene pompato nella nave, espandendo il lume. Il cilindro quindi scende e viene rimosso. In precedenza su questa palla l'angioplastica era stata completata. Ma ora questa procedura nella sua forma pura non è abbastanza efficace.

Angioplastica con palloncino combinata con stent. Uno stent metallico viene inserito al posto della palla, che rimane lì per sempre. Mantiene il lume del vaso sanguigno al livello richiesto.

L'angioplastica con palloncino seguita dallo stent è l'opzione più efficace per il trattamento chirurgico dell'angina pectoris.

Detonic - una medicina unica che aiuta a combattere l'ipertensione in tutte le fasi del suo sviluppo.

Detonic per la normalizzazione della pressione

Il complesso effetto dei componenti vegetali del farmaco Detonic sulle pareti dei vasi sanguigni e il sistema nervoso autonomo contribuiscono a un rapido calo della pressione sanguigna. Inoltre, questo farmaco previene lo sviluppo dell'aterosclerosi, grazie ai componenti unici che sono coinvolti nella sintesi della lecitina, un aminoacido che regola il metabolismo del colesterolo e previene la formazione di placche aterosclerotiche.

Detonic non provoca dipendenza e sindrome da astinenza, poiché tutti i componenti del prodotto sono naturali.

Informazioni dettagliate su Detonic si trova sulla pagina del produttore www.detonicnd.com.

Svetlana Borszavich

Medico generico, cardiologo, con lavoro attivo in terapia, gastroenterologia, cardiologia, reumatologia, immunologia con allergologia.
Ottima conoscenza dei metodi clinici generali per la diagnosi e il trattamento delle malattie cardiache, nonché elettrocardiografia, ecocardiografia, monitoraggio del colera su un elettrocardiogramma e monitoraggio giornaliero della pressione sanguigna.
Il complesso terapeutico sviluppato dall'autore aiuta in modo significativo con lesioni cerebrovascolari e disturbi metabolici nel cervello e malattie vascolari: ipertensione e complicanze causate dal diabete.
L'autore è membro della European Society of Therapists, partecipa regolarmente a conferenze e congressi scientifici nel campo della cardiologia e della medicina generale. Ha partecipato più volte a un programma di ricerca presso un'università privata in Giappone nel campo della medicina ricostruttiva.

Detonic